Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Pane per i Bastardi di Pizzofalcone
 

Pane per i Bastardi di Pizzofalcone Pane per i Bastardi di Pizzofalcone

Pane per i Bastardi di Pizzofalcone

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


I Bastardi di Pizzofalcone non hanno nemmeno il tempo di gioire per i propri successi che subito si trovano a dover affrontare un nuovo caso di omicidio. La vittima, un panettiere, è stata trovata morta di prima mattina fuori del suo forno. Qualcuno gli ha sparato. Tempo addietro l’uomo aveva testimoniato, salvo poi ritrattare, contro la criminalità organizzata, così le indagini, condotte da Lojacono, si concentrano su quell’episodio. Intanto, Aragona e Di Nardo si ritrovano per le mani una denuncia che appare piuttosto bizzarra: uno studente universitario accusa di stalking una ragazza con cui in passato ha avuto una relazione, ma che ha lasciato. A rendere incredulo Aragona è il fatto che, mentre la giovane è bellissima, lo studente è a dir poco brutto. A tutto questo si aggiungono i problemi personali di ciascun membro della squadra, in particolare quelli di Romano e Pisanelli, il primo deciso a adottare una bambina, il secondo sempre a caccia di un misterioso killer alla cui esistenza nessuno crede.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Pane per i Bastardi di Pizzofalcone 2017-03-27 13:30:48 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    27 Marzo, 2017
Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un amore al di sopra di ogni giudizio


Pane per i Bastardi di Pizzofalcone è l’ultimo libro edito da Maurizio De Giovanni, con protagonisti i Bastardi di Pizzofalcone. Chi sono i Bastardi? Sono uomini e donne capaci, abili, intelligenti, poliziotti “segnati”, ovvero hanno tutti commesso errori o sono stati coinvolti in situazioni che li hanno pesantemente contraddistinti. E per punizione sono stati mandati dai superiori in un commissariato difficile, in odore di chiusura. Certi di poterli definitivamente sconfiggere. Ma ciò non accade: “i Bastardi” scoprono un perfetto gioco di squadra, frutto di abilità e di certe conoscenze in campo investigativo, e con lo stupore di tutti risolvono gli enigmi.
In questo caso la vittima è un panettiere, trovato morto di prima mattina fuori dal suo forno. Gli hanno sparato. Siccome qualche anno prima era stato testimone di giustizia in un processo di mafia, per poi ritrattare, immediatamente si tenta di rubricarlo come omicidio, frutto di una vendetta mafiosa. Interviene l’Antimafia; ma l’ispettore Lojacono si accorge subito di alcune incongruenze con le caratteristiche tipiche di questi tipi di uccisione. E allora: “Buona caccia, Bastardi! Aragona si illuminò. Buona caccia, Bastardi. Madò! Quanto mi piace!”. Parallelamente si apre un’altra inchiesta: una denuncia per stalking sottoscritta da uno studente universitario nei confronti della sua ex fidanzata. Ma anche qui qualcosa non torna perchè quest’ultima è bellissima, mentre lui ……..
Sullo sfondo le meraviglie della città partenopea.
Chi legge per la prima volta questa serie, iniziata nel 2013, nota che ogni storia è conclusiva, con alcuni fili narrativi che percorrono l’intera sequela. Esiste sempre un prologo favolistico, un corpo centrale, e uno finale. Qui il primo è la storia del Principe dell’Alba che il panettiere racconta al nipote Totò, a cui è assegnato l’onore di tenere vivo il lievito madre. Il cuore è una sorta di epifania: una carrellata di chi non ha il pane; e il finale svela che i napoletani confessano i propri crimini la domenica, e non confesso oltre. “La domenica è senza pane. La domenica i forni rimangono chiusi, e se volete pane fresco dovete procurarvelo da un’altra parte, ma non sarà lo stesso. Non succede mai niente di domenica; ma se qualcosa succede, è in modo imprevisto”.
Al di sopra di tutto ciò, l’amore, in tutte le sue sfaccettature e dimensioni. L’amore è una costante mascherata di tutto il romanzo, lo percorre interamente, in lungo e in largo. L’amore malato dello stalking, l’amore al di là dei pregiudizi e delle convenzioni. L’amore frutto di continui turbamenti e conflitti negli animi dei protagonisti. L’amore per la persona amata, perseguito fino all’ultimo istante, cercato e trovato in ogni modo e momento, che non si cura di nulla e di nessuno.
Una lettura pregnante, intrigante, molto commovente a tratti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Maurizio De Giovanni, Serenata senza nome.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Pane per i Bastardi di Pizzofalcone 2017-03-04 18:19:12 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    04 Marzo, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il profumo del buon tempo antico

“Pane per i Bastardi di Pizzofalcone” è l’ultimo romanzo di Maurizio De Giovanni, la cui popolarità come autore, e quella dei protagonisti seriali di alcuni suoi libri, poliziotti del commissariato di zona di un quartiere popolare di Napoli, ha di recente raggiunto un crescendo a diffusione nazionale, grazie alla fortunata trasposizione televisiva delle sue storie e dei suoi personaggi.
Questi “Bastardi” sono funzionari di pubblica sicurezza di vari livelli gerarchici, dal commissario titolare all’ispettore più alto in grado, dai sovrintendenti agli agenti fino al piantone, più precisamente rappresentano nelle intenzioni gli “scarti” della polizia di stato, sono agenti che, a vario titolo, ma sempre a rigoroso scopo punitivo, sono stati trasferiti dagli altri commissariati sparsi per la città e destinati a Pizzofalcone, un quartiere centrale e popolare insieme, proprio perché questo gode di una pessima fama. La scarsa considerazione, sia dai vertici della polizia sia dagli abitanti del quartiere, di cui gode questa sede, e dai cui l'epiteto "bastardi", risale a storie precedenti di corruzione e malversazione dei poliziotti primi titolari del commissariato, con conseguente perdita di attendibilità delle persone e delle istituzioni che questi rappresentano. Il commissariato ha un che quindi di transitorio, è a rischio immediato di chiusura, sennonché i bastardi sostituti, messe da parte le pecche individuali e unitosi diciamo così in un sol uomo, fanno squadra, creano un gruppo efficace e hanno occasione di mostrare più volte di che pasta sono fatti, si comportano con serietà, onestà, acume investigativo, senso dello stato, dedizione e appartenenza al territorio restituendo gradualmente onore e affidabilità alla divisa e a tutto quanto di positivo essa rappresenta per la cittadinanza e per le gerarchie superiori.
In “Pane” i bastardi, ciascuno a suo modo, ma agendo con perfetto spirito di squadra, e diretti dal loro uomo più rappresentativo, l’ispettore Giuseppe Lojacono, indagano sull’omicidio di una figura popolare e singolare insieme, il fornaio Pasqualino, il panettiere del quartiere, colui che tramandando l’antica arte di “fare il buon pane come una volta”, così come il padre ed il nonno prima di lui, è una figura carismatica di Pizzofalcone, amato e ben conosciuto da tutti. Un uomo serio, probo, onesto, gran lavoratore, che malgrado ormai affermato piccolo imprenditore dei prodotti da forno, tuttavia si sveglia ancora nottetempo per recarsi al lavoro, tant’è che è definito “il Principe dell’alba”.
Si tratta di un uomo umile, semplice, benvoluto da chiunque, privo di vizi o di misteri, senza alcuna doppia vita, dedito esclusivamente alla famiglia e al prediletto nipotino.
Dotato anche di una precisa coscienza civica, tempo addietro, infatti, in virtù della sua profonda conoscenza di fatti e persone del quartiere, non aveva esitato a deporre come testimone oculare in un episodio d’intimidazione camorristica, anche se in seguito avevo ritrattato la propria deposizione. Questo particolare induce quindi a ritenere l’episodio come una tardiva ma esemplare spedizione punitiva da parte della cosca camorristica interessata, al punto che l’inchiesta è rilevata dalla locale direzione distrettuale antimafia. Non esistono cioè movente alternativo o alcuno che potesse volercela altrimenti con l’onesto panettiere, letteralmente uomo buono come il pane.
Dello stesso parere non è però Lojacono e i suoi uomini, i quali divergono dall’apparente evidenza dei fatti, e in competizione con gli altri ordini investigativi, dopo una serie di accurate indagini, pervengono al reale andamento dei fatti e all’arresto dell’assassino, con ciò conferendo nuova onorabilità al tanto vituperato commissariato e ai suoi funzionari.
Quello che rende originale e gradevole la scrittura di De Giovanni, e di converso la lettura dei romanzi di questa serie, è stata la sua intuizione di puntare non tanto su un singolo eroe in grado di dipanare misteri ed assicurare i rei alla giustizia, come d’uso nei classici polizieschi, ma inquadrare come protagonista unica l’intera squadra investigativa. Ne consegue che, sullo sfondo dell’indagine principale, che assorbe ovviamente l’attenzione di tutti gli effettivi, come fossero un sol uomo, ciascuno degli elementi della squadra segue, da solo o in coppia con un compagno, tutti gli altri fatti, delinquenziali o meno, di cui deve, esattamente come nella realtà, occuparsi un presidio territoriale di pubblica sicurezza. Con quest’artifizio De Giovanni ci racconta non una ma diverse storie, approfondisce non uno ma vari tipi caratteriali, ciascuno a sé stante, compie una ampia e articolata carrellata tra vizi e virtù dell’animo umano, contrappone tutto ed il contrario di tutto.
Maurizio de Giovanni con un solo libro come questo suo “Pane” letteralmente sazia l’appetito dei suoi fan, riempie l’immaginario del lettore di più storie, affabula e incanta proprio perché, data la varietà dell’offerta, ognuno trova quanto maggiormente gli aggrada, l’azione, l’amore, il dramma, il sorriso, la malinconia per il tempo passato, il disagio per i crepuscolari tempi correnti.
Soprattutto De Giovanni fa quello che gli riesce meglio, descrive i sentimenti dei suoi personaggi.
Scava a fondo nel cuore degli uomini, ne tratteggia in sintesi il meglio e il peggio.
De Giovanni non è un giallista sui generis, nei suoi libri l’azione delittuosa è un pretesto, un alibi, non di misteri o di gialli egli intende parlare, ma di ben altro, più adatto alla sua sensibilità artistica, più nelle sue corde. Lo scrittore non si dilunga su guardie e ladri, ma ci incanta soffermandosi, con delicatezza, oserei dire con gentilezza e indulgenza, sulle persone, e di converso ci affascina descrivendo sapientemente, e cesellandoli con la scrittura, sentimenti, emozioni, passioni, amori, impulsi del cuore in positivo e in negativo. Parla quindi di noi, e a noi tutti.
E con pari affetto filiale descrive lo scontroso ispettore siciliano diviso tra due amori con contorno di figlia adolescente, la poliziotta figlia di un padre militare integerrimo a cui non sa rivelare la propria omosessualità, il duro poliziotto manesco dal cuore d’oro che trepida per una piccola infante, e via via tutta la svariata umanità che dipana i propri modi esistenziali, il proprio sentire, sullo sfondo della città sentimentale per eccellenza, Napoli, in cui le apprensioni, le trepidazioni, i turbamenti del quotidiano si restringono nei vicoli della città ampliandosi poi nelle sue piazze, quasi un respiro sincrono tra la metropoli e i suoi abitanti.
De Giovanni descrive con sapienza il cuore, sia della città sia dei suoi concittadini, perché lo ascolta, con dolcezza e tenera malinconia insieme, così come farebbe chiunque, ciascuno di noi, perdendosi dietro il ricordo di attimi felici della propria vita, rosolandosi al calore che sempre suscita il profumo delle gioie trascorse, nel buon tempo antico. Tradire quei ricordi, venir meno a certi valori, a certe tradizioni ferree, salde, universali, antiche e sempre nuove, questo è il vero delitto.
Per questo piace Maurizio De Giovanni, non può non piacere a tanti, a molti, così come a tanti, ai più, piace il buon pane.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Maurizio de Giovanni, ed in particolare la saga dei Bastardi di Pizzofalcone.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri