Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto
 

Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto

Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


"Bologna non è più la stessa, la gente non sorride più." È da qualche tempo, precisamente dall'anno del terremoto in Emilia, che Sarti Antonio, sergente, va ripetendo con tristezza questa frase. A dargli ragione ancora una volta arrivano i fatti. Si sta occupando della scomparsa di Nanni Rolandina, una bella ragazza di anni diciannove e occhi turchini, quando viene chiamato d'urgenza dal cantiere del nuovo stadio del Bologna che sorgerà nella località archeologica di Villanova, dove Rosas ha fatto una scoperta interessante. Dagli scavi - per la gioia del capocantiere e dell'impresa costruttrice che dovranno sospendere i lavori - sono emerse, una dopo l'altra, tredici mummie di epoca etrusca, perfettamente conservate. Alcuni particolari risultano subito inquietanti. Intanto i corpi superano i due metri di altezza, hanno il cranio enorme e dodici di loro hanno i femori spezzati come se fossero stati sottoposti a un antico rito funebre. Ai piedi di una delle mummie c'è un omphalos, una pietra con l'incisione di un demone che impugna una mazza. Il mattino dopo Sarti Antonio è convocato di nuovo al cantiere per una macabra novità: nella notte i cadaveri sono diventati quattordici. Accanto alle mummie c'è il corpo dell'architetto Bonanno, progettista dello stadio e direttore dei lavori. Anche lui ha i femori spezzati. E anche ai suoi piedi c'è una pietra ricoperta di segni enigmatici. Chi odiava così tanto l'architetto da inscenare una cerimonia ancestrale? E Rolandina, la ragazza che ha fatto perdere le sue tracce, ha qualcosa a che fare con il mistero? In soccorso di Sarti giungono il talpone Rosas e le sue conoscenze archeologiche. I due avranno modo di rifletterci, come al solito, davanti a un buon caffè sotto i portici, ma per l'occasione proseguiranno le ricerche anche di fronte a un bel cestino di tigelle e crescentine sull'Appennino. È qui, attorno all'antico centro oracolare di Montovolo, che affondano le radici il mistero del demone etrusco e quello, ancora più intricato, di una portantina che viene da un passato di stragi e delitti.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto 2017-07-09 15:31:44 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    09 Luglio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un caffè "ancestrale" intriso di mistero

Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo di sotto di Loriano Macchiavelli è il romanzo che vede il ritorno sulla scena letteraria di Sarti Antonio, il personaggio più longevo e più amato dello scrittore, ora alle prese con un nuovo caso, che è allo stesso tempo antichissimo. Loriano Macchiavelli vanta al suo attivo opere come: Sarti Antonio un diavolo per cappello; Sarti Antonio, caccia tragica; Sarti Antonio, un poliziotto, una città; I sotterranei di Bologna, Delitti di gente qualunque e L’ironia della scimmia.
“Bologna non è più la stessa, la gente non sorride più. Una Bologna tanto lercia non l’avevo mai vista”.
E’ dall’anno del terremoto in Emilia che Sarti Antonio, sergente, va dicendo con grande tristezza questa frase. A conferma avvengono alcuni fatti. Si sta occupando della scomparsa di una ragazza: Nanni Rolandina, una bella ragazza di diciannove anni, con occhi celesti e capelli chiari, quando viene chiamato con urgenza dal cantiere in costruzione del nuovo stadio di Bologna, che sorgerà nella località archeologica di Villanova, dove il suo vecchio amico Rosas ha fatto una scoperta sconvolgente. Dagli scavi sono emerse, una dopo l’altra, tredici mummie di epoca etrusca perfettamente conservate. Rosas per conto della Sovraintendenza dei Beni Culturali blocca subito i lavori, scontrandosi in malo modo con il capocantiere dell’impresa costruttrice. Alcuni particolari inquietano non poco: i corpi delle mummie superano i due metri di altezza, hanno un cranio enorme, e dodici di loro hanno i femori spezzati, a testimonianza di un antico rito funebre. Ai piedi delle mummie c’è un omphalos, una pietra con l’incisione di un demone che impugna una mazza.
Il mattino dopo Sarti Antonio è convocato nuovamente al cantiere per un’altra macabra scoperta: i cadaveri sono diventati quattordici. Infatti accanto alle mummie c’è il cadavere dell’architetto Bonanno, direttore dei lavori e progettista dello stadio. Anche lui è nudo, coi femori spezzati. E anche ai suoi piedi c’è una pietra ricoperta da segni strani. Chi lo odiava così tanto, da inscenare una antica cerimonia ancestrale? E Rolandina, la ragazza, quanto ha a che fare con il mistero? In soccorso di Sarti Antonio giunge il “talpone Rosas” e le sue conoscenze archeologiche. I due ci riflettono assieme, davanti ad un ottimo caffè sorseggiato sotto i portici di Bologna, e successivamente gustando un bel cestino di tigelle e crescentine sull’Appennino. E qui, attorno all’antico centro oracolare di Montovolo, che affondano le radici del mistero del demone etrusco e quello, ancora più complicato, di una portantina che viene da un passato di stragi e delitti.
Come al solito, e anche qui, nelle storie di Loriano Macchiavelli la città di Bologna è sempre un personaggio comprimario, il territorio dove si svolgono i fatti che non è mai solo uno sfondo. In questo caso la quasi forzata collaborazione tra Sarti Antonio e il suo aiutante Rosas, resa vivacce dalla dialettica sociale e politica che è sottesa al loro rapporto, fa una completa luce sulle vicende di una umanità dolente e sconfitta. Una lettura scorrevole, intrigante ed appassionante. Perfetta nel caldo torrido di questa estate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto i precedenti libri con proagonista Sarti Antonio, quali: Sarti Antonio, un diavolo per cappello; Sarti Antonio, caccia tragica; Sarti Antonio, un poliziotto, una città.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri