Narrativa italiana Romanzi Alcuni avranno il mio perdono
 

Alcuni avranno il mio perdono Alcuni avranno il mio perdono

Alcuni avranno il mio perdono

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nella Napoli di oggi, straziata da una guerra tra fazioni che dura ormai da otto anni, il sangue camorrista si è confuso col sangue degli innocenti. Mariasole Simonetti è a capo della federazione di clan "Acqua Storta" dalla notte in cui uccise il boss reggente davanti agli occhi della madre, la potente Angela Lieto. In quella stessa notte Aldo Musso, fratello del capoclan dell'omonima famiglia, pagò con la vita i dubbi sollevati sulla reggenza di Mariasole. Mentre prosegue il gioco di sangue fra i potenti, il tiglio sedicenne di Mariasole, Antonio, scalpita per diventare il capo di un gruppo di piccoli criminali, ma c'è di mezzo il suo amore per Rosa Musso, figlia del nemico giurato di sua madre. La guerra tra le due fazioni continua, ma l'amore tra i due ragazzi mescolerà le carte in modo imprevedibile. Ogni delitto avrà la sua confessione, ogni male verrà scontato, ma solo alcuni verranno perdonati.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Alcuni avranno il mio perdono 2017-06-18 13:06:58 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    18 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Shakespeare a Napoli tra camorra e....

GLuigi Romolo Carrino, classe 1968, ha all’attivo due romanzi selezionati per il Premio Strega: Pozzoromolo (2009), Esercizi sulla madre (2012). Ora, a due anni di distanza dal precedente volume La buona legge di Mariasole, esce Alcuni avranno il mio perdono.
Mariasole, protagonista indiscussa del libro, è il boss della Federazione di clan Acqua Storta di Napoli, ed è, ora, alle prese con la difficile gestione di suo figlio Antonio, un sedicenne irrequieto, che si è già messo nei guai innumerevoli volte. Il giovane innamorato di Rosa, che però è la nipote del camorrista Aldo Musso, ucciso proprio da sua madre. Una relazione, quindi, che assolutamente non ha da essere. Se tutto ciò non fosse sufficiente, Antonio vuole scalare la catena del comando, e sulle strade questo ha un solo ed unico significato. Questi protagonisti vivono di contraddizioni: nella vita privata sono uguali a qualsiasi coppia madre-adolescente, a iniziare dalla perenne incomunicabilità tra i due. La donna, un po’ ingenuamente, crede ancora che lui possa essere esente dal marciume nel quale lei fa parte. Inoltre lei deve anche conservare l’ordine in città, protetta da Imma ed Anna che sono due leonesse, la sua guardia imperiale. Inoltre, si registrano strani movimenti intorno alle slot machine e alle sale scommesse che i clan usano per ripulire il denaro, bisogna avere mille attenzioni, per cui:
“Puoi far ammazzare dieci killer, puoi uccidere tu stessa cento, puoi condannare mille maschi, (…) ma una madre avrà sempre tutti i timori e i dubbi che una madre sa di avere.”
Nonostante l’apprensione, non perde mai la lucidità e l’assenza di pietà, necessaria a chi detiene il comando. La stessa famiglia nemica le riconosce l’autorevolezza. Lei, una donna, è
“l’uomo più potente della città.”
Da parte sua Antonio sente il peso di una madre ingombrante: tutti lo considerano solo come “il figlio di…”, in più sente di tradire le aspettative di chi lo circonda, perché:
“non serve più niente perché la faccia di suo figlio dice ogni cosa, il suo corpo è impostato per diventare un boss o un morto. Che alla fine, poi, è la stessa cosa.”.
Si arriva, così, alla guerra. Mariasole subisce gli attacchi dei Musso ed ora deve dimostrare ai suoi sottoposti che è in grado di reagire. Più potere hai, più alto è il rischio di perderlo.
Con un montaggio avvincente e degno di una opera teatrale, l’autore mette in scena la sua tragedia napoletano che vorrebbe rifarsi a William Shakespeare. L’uso del flash-back per una scrittura colta che ben riesce a coagulare “napoletanità” e voluta semplicità delle parole e delle frasi, mentre nei rapporti tra personaggi si accentua la contorta ritualità del simbolismo che riporta alla più esasperata metafisica camorrista e che potrebbe apparire quasi ridicola a menti e orecchie estranee, è molto importante. Tutto in questo libro ha un peso specifico. Anche l’anima. Come il vento. Come Maria Sole. Come Antonio e Rosa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri