Narrativa italiana Romanzi Cose che nessuno sa
 

Cose che nessuno sa Cose che nessuno sa

Cose che nessuno sa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Margherita ha quattordici anni e sta per iniziare il liceo. Ma un giorno, tornata a casa, ascolta un messaggio nella segreteria telefonica: è di suo padre, che non tornerà più a casa. Accanto a lei ci sono la madre, il fratellino vivace e sensibile e l'irriverente nonna Teresa. E poi Marta, la compagna di banco sempre sorridente, e Giulio, il ragazzo più cupo e affascinante della scuola. Ma sarà un professore, un giovane uomo alla ricerca di sé, a indicare a Margherita il coraggio di Telemaco nell'Odissea: così che il viaggio sulle tracce del padre possa cambiare il suo destino.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 30

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.2  (30)
Contenuto 
 
4.1  (30)
Piacevolezza 
 
4.0  (30)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cose che nessuno sa 2014-08-05 21:52:18 alxeimon
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
alxeimon Opinione inserita da alxeimon    05 Agosto, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Genuino come il suo scrittore

Semplice e senza impegno, “Cose che nessuno sa” è il secondo romanzo di Alessandro D’Avenia, docente palermitano di lettere in un liceo classico di Milano.

Per chi conosce anche solo nelle linee generali la vita del giovane scrittore, risulta facile ritenere il romanzo come una vera e propria raccolta delle esperienze passate e presenti del professore, che le proietta abilmente in tutti i personaggi della sua storia, dalla stessa protagonista Margherita fino al ribelle e testardo professore di latino: è sorprendente, infatti, come ogni personaggio sembri effettivamente possedere un piccolo lato dello scrittore - l’aspetto sognatore, quello presuntuoso o quello misterioso, come anche quello saggio.

Il pilastro principale della storia, però, sembra essere proprio quell’unico elemento che non possiede proprio nulla - caratterialmente parlando - del suo creatore, tranne che per le sue origini prettamente siciliane, che conferiscono al romanzo quella sfaccettatura semplice e pura, riconducibile nel ruolo fondamentale di nonna Teresa, che ha sempre una buona parola per tutti - anche per chi non sembra in apparenza meritarne - e che ogni tanto rilascia qualche sentenza su qualsiasi campo, attraverso l’essenziale presenza di proverbi e paragoni culinari, ricchi di quella dolcezza caratteristica delle sole nonne.

“Cose che nessuno sa” è un libro da prendere per quel che è: una storia semplice, ma ricca di piccoli colpi di scena, attraverso cui lo scrittore ha voluto liberarsi - o forse annotare - ciò ha imparato e affrontato nella sua stessa vita, mettendoci dentro la propria passione per la Sicilia, per il suo lavoro, per i suoi alunni, per i libri, per la musica e per l’amore, che spesso risulta essere un argomento così lontano dal contesto scolastico ma che, con sorpresa, ci si ritroverà a scorgere in quasi ogni pagina.

Con il suo secondo libro, Alessandro D’Avenia ha dimostrato ciò per cui, purtroppo, non è stato completamente apprezzato da chi non ha saputo andar oltre il suo primo romanzo: l’utilizzo della terza persona - in alternativa alla prima utilizzata in “Bianca come il latte, rossa come il sangue”- rende giustizia al professore e mette in evidenza la sua capacità di scrivere e raccontare una storia piena comunque delle sue tristezze, esattamente come quella precedente.

Il consiglio, dunque, che ci si sente di dare a chi non ha apprezzato il primo romanzo, è quello di leggere ugualmente il secondo (anche senza aspettative troppo alte) in quanto una rivalutazione di D'Avenia, se pur in parte, è d’obbligo perché ci si rende conto di quanto in realtà la sua idea sul mondo sia così bella al punto che lui stesso spinge, quasi, i suoi lettori ad amare di più la vita e ad avere, forse, un po’ più di comprensione nei confronti di sé stessi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... "Bianca come il latte, rossa come il sangue", e non l'ha apprezzato.
Consigliato a chi è capitato di seguire o di leggere D'Avenia nel ruolo di opinionista sui social network, sui giornali o sul suo blog.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2014-05-09 21:21:30 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    09 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Margherita e il suo mondo

Spaccato notevole, a mio avviso, del mondo adolescenziale e disamina particolareggiata di tutte le contraddizioni che quell'età importantissima nella vita di tutti noi ha.
La protagonista di questo romanzo è la quattordicenne Margherita, di cui è ben tratteggiato il taglio psicologico: apparentemente fragile, ma allo stesso tempo molto determinata nel perseguire i suoi obiettivi. Quello che caratterizza Margherita, e poi tutto il prosieguo del libro, è la ricerca del padre che l'ha abbandonata proprio il primo giorno in cui la protagonista inizia le superiori. Infatti è proprio "L'Odissea" il filo conduttore di tutto il testo, ma stavolta la storia è al contrario, non è il fuggitivo che vuol tornare a casa, ma la figlia che vuole riportare a casa il genitore. In questa estenuante e affaticante ricerca del genitore perduto , Margherita intanto sviluppa autocoscienza, più convinzione dei propri mezzi sia psicologici che fisici e cresce sotto ogni punto di vista. Importanti e determinanti i personaggi,anche questi descritti alla perfezione, con cui Margherita avrà a che fare: dalla poetica nonna Teresa e i suoi splendidi detti siciliani (Dio a chi voli beni manna cruci e peni) al prof di latino, alla sensibile compagna di banco Marta e a Giulio il ragazzo più misterioso della scuola.
Per quanto mi riguarda ben scritto e molto poetico, voglio concludere estrapolando uno spaccato che mi ha colpito, tratto da un dialogo tra Margherita e Giulio sul tema..dell'amore
...il cuore non è altro che una fila di stanze, sempre più piccole, una immette in un'altra attraverso una porta chiusa e scale che scendono. Sono in tutto sette stanze. "Il cuore del cuore" è la settima , la più difficile da raggiungere, ma la più luminosa perché le pareti sono di cristallo. Gioia e dolore vengono da quella stanza e sono la chiave per entrarci. Gioia e dolore piangono le stesse lacrime , sono la madreperla della vita , e quel che conta nella vita è mantenere intatto quel pezzetto di cuore , così difficile da raggiungere, così difficile da ascoltare, così difficile da donare, perché lì tutto o è vero...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2014-02-12 11:06:54 marika_pasqualini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
marika_pasqualini Opinione inserita da marika_pasqualini    12 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Semplice...

semplice nella scrittura, semplice negli argomenti, semplice un pò in tutto a dir la verità... però al tempo stesso è talmente semplice questa lettura che ti fa andare in fondo a te stesso a porti delle domande, a vedere quanto buio e quanta luce sei capace di dare, ricevere e riconoscere soprattutto. in certi passaggi mi sono chiesta se sono adatta a questa lettura, ovvero se è un libro per adolescenti e basta. però mi sono identificata con i genitori in questo caso... perciò si, è adatto a chiunque voglia vedere un pò di vita propria dentro un libro!! leggere e vivere, contemporaneamente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi...
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-09-10 08:49:48 Marco05
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Marco05 Opinione inserita da Marco05    10 Settembre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Brutto

Considerando che questa è la mia opinione. Scommetto che ad altre piace questo libro ma non è il libro che fa per me. Costretto a leggerlo dalla scuola. Monotono, un pò d'azione c'era che animava il tutto ma a rilento. Le pagine sembravano non finire più. La cosa più bella di tutto il libro è stata la battuta di quel ragazzo su Gattuso e gli altri eroi che giocano il altre squadre. Poi basta.. non era il mio tipo di libro. peccato perche D'avenia mi era piaciuta con "Bianca come il latte, rossa come il sangue" perchè metteva anche un pò di senso d'umorismo. Non rispondo se è lettura consigliata, perchè dipende da chi lo legge...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-08-02 10:08:13 maryna
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da maryna    02 Agosto, 2013

deludente

Ritmo troppo lento e pesante, causato dalla fiacchezza con la quale si descrivono i luoghi della Sicilia, i flash back, che trascurano la narrazione degli avvenimenti presenti. Accurata la descrizione dei personaggi, come nel libro d'esordio "bianca come il latte rossa come il sangue", anche il lessico e il suo innovativo e moderno modo di scrivere .Ho provato difficoltà nel concludere la lettura sopratutto nell'epilogo, che non mi farà ricordare questo libro in modo particolare... premetto di avere diciasette anni e non aver letto molti libri ma questo mi sembrava un pò banale. Sembrava quasi che d' Avenia dopo aver scritto la storia, volesse riempirla con frasi e spiegazioni apocalittiche ma secondo il mio parere era meglio dimezzare il volume del libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-07-20 08:00:39 Marco Caggese
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Marco Caggese Opinione inserita da Marco Caggese    20 Luglio, 2013
Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delusione...

Premetto che sto esprimendo solo un mio modesto giudizio, ma ho faticato enormemente per arrivare alla fine di questo libro. E' vero che contiene dei buoni spunti ed il professor D'Avenia scrive oggettivamente bene. Ho incontrato vari passi degni di nota ("Le lacrime sono un lusso che possono permettersi solo i deboli"), ma ho trovato il percorso narrativo improbabile e molto forzato. Ma su questo sarei riuscito a passare sopra se il libro non fosse divenuto melenso fino al parossismo. L'ultima parte è densa di cuore-amore, piena di immagini "poetiche", di sentimenti che esplodono ed in fondo è tutto talmente politicamente corretto da divenire, per me, assolutamente insopportabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-05-30 17:48:17 Nanà_
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nanà_ Opinione inserita da Nanà_    30 Mag, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bacia sugli occhi.

Sì, perché così puoi baciare i sogni di una persona, perché gli occhi guardano nella direzione dei sogni e dei desideri. Ed è esattamente questo che fa D'Avenia con "Cose che nessuno fa".
La "perla" dell'intera storia, Margherita: possiede "la bellezza delle cose fragili", l'ingenua maturità dell'adolescenza, emotiva e, aggiungo, irresponsabile. D'altronde è questa l'adolescenza: irrequieto momento di passaggio in cui si forma la personalità di ognuno; per questo motivo definirei inoltre questo libro una sorta di romanzo di formazione.
Mi ha colpito particolarmente il modo in cui l'autore ha reso l'interiorità di ciascuno dei suoi personaggi, da Giulio, ragazzo dal passato travagliato, al professore che "sapeva solo sognare, non amare".
Lo stile è scorrevole e impeccabile in alcune parti, dispersivo e banale in altre. Lo stesso vale per numerose citazioni, a volte adatte e profonde, a volte troppo numerose e inserite con poca coesione.
Si tratta di pagine colme di riflessioni profonde o meglio: di Sentimenti ed Emozioni.
Lo consiglio a chi vuole intendere l'adolescenza in alcuni dei suoi aspetti peculiari e non solo agli adolescenti come me, ma anche ai genitori, i quali frequentemente perdono di vista il vero senso dell'amore e della vita, correndo dietro a futili mondanità, tralasciando la famiglia e ciò che realmente possiede importanza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Bianca come il latte, rossa come il sangue"
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-04-26 16:37:00 Giuff
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Giuff Opinione inserita da Giuff    26 Aprile, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

QUALCOSA DI INCREDIBILE

Sono un'adolescente e ne sono rimasta davvero colpita.
L'autore ha spiegate cose sull'adolescenza ma anche sulla vita, sull'amore e sulla morte che sono rimasta senza parole.
Ho sottolineato tantissime frasi, per piacevolezza ma anche per ricordarmi su come devo guardare il mondo.
Il libro lo può leggere chiunque visto che non parla solo di una ragazza di quattordici anni ma dentro ci puoi trovare tanti tipi di relazioni: un amore tra una nonna e una nipote, l'amicizia tra due ragazze, l'amore tra ragazzo e ragazza, l'amore tra marito e moglie..
C'è veramente tutto in questo fantastico libro.
E' di sicuro un libro che ti lascia qualcosa, alle ragazze come me soprattutto.
Mi sento come capita da qualcuno finalmente.
Non ho altre parole per descriverlo.
Bellissimo, senza fiato, incredibile.
Da prendere assolutamente. Adatto soprattutto a noi adolescenti, che se sappiamo entrare e ad essere attenti ad ogni frase di questo libro, il nostro modo di vedere il mondo cambierà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-03-10 20:34:48 Roma
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Roma Opinione inserita da Roma    10 Marzo, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un libro a metà

Libro troppo didascalico, farcito di riferimenti letterari ed epici, probabilmente interessanti per un pubblico adolescenziale ma letto da un'adulta sembra di ritrovarsi in classe con un insegnante che vuole rendere interessante la lezione.
Splendida la prima parte, chapeaux, ma il libro nella seconda parte non esiste. Mentre leggevo avevo impressione che l'autore non fosse più interessato a raccontare la storia ma volesse concludere e la conclusione è approssimativa e banale in una sorta di deus ex machina che tutto risolve.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-01-15 18:17:46 piero70
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
piero70 Opinione inserita da piero70    15 Gennaio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io sono Margherita

Caro D'Avenia, lei questo libro lo doveva scrivere una trentina di anni fa.
Quando cioè io, all'età di Margherita, ho iniziato il liceo accompagnato dagli stessi dubbi, dalla stessa situazione famigliare completamente e inaspettatamente buttata in aria, per motivi e in modo differente, ma la mia percezione della cosa era uguale a quella della protagonista del libro.
Avrei iniziato con più consapevolezza, avrei agito in modo diverso.
Non avrei pensato, sbagliando, di essere l'unico in tutto il mondo a cui capitava quello che stava capitando.
Forse alla fine è vero che quando sei in particolari situazioni emozionali ti sembra che ogni libro parli di te, e devo ammettere che sto scrivendo e ho votato sull'onda emotiva di una freschissima lettura, ma da parecchio, tanto tempo non mi capitava di immedesimarmi così in un personaggio.
Nella dolce, goffa, imbranata, sognatrice, decisa e pasticciona Margherita.
Sono stato lei per tutto il libro. Ero lei a tredici anni quando iniziai il liceo in un momento in cui non sapevo neanche da che parte fossi girato, privato all'improvviso di quel guscio in cui ero cresciuto e vissuto fino a quel momento.
Probabilmente, sicuramente ad altri non farà lo stesso effetto questo libro, a me ha rivoltato come un guanto.
Finora ho esposto i contenuti, ma anche la forma mi è piaciuta. Questo intrecciarsi di punti di vista diversi, che fatalmente convergono, è reso molto bene e non stanca la lettura, così come i paragrafi brevi rendono veloce la trama.
Per me una scoperta. Piacevole.
Leggetelo, sicuramente non vi farà lo stesso lo effetto, ma è una lettura piacevole.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
320
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-01-14 13:24:32 Sara moncalieri
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sara moncalieri Opinione inserita da Sara moncalieri    14 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Vita è una perla

Se l’adolescenza è quel periodo che molti ricorderanno per sempre come bruttissimo e bellissimo insieme, per Margherita, la protagonista del romanzo, può valere la stessa cosa.
Una vita fatta di serenità e gioia che improvvisamente viene spazzata via a causa di due forti e differenti punti di rottura: l’inizio delle superiori e la scomparsa del padre; evento ordinario il primo, imprevedibile e lacerante il secondo.
Fatti che, accadendo contemporaneamente, apriranno il cuore della ragazzina alla porta del dolore e della scoperta, orientandola verso una serie di domande laceranti sulla vera essenza della vita adulta e sulla scoperta dell’autoconsapevolezza.

Romanzo che ho apprezzato moltissimo per lo stile narrativo, che fluttua come le onde del mare e come quelle porta con se’ il sapore deciso e salato delle lacrime, insieme alle quali presenta gli imprevedibili cambi di maree, passando dalla quiete, alla tempesta, e nuovamente alla quiete con improvvisa fluidità.

Complimenti a questa bellissima penna, che si fa leggere con grazia e desiderio crescente: scrittura decisa, sensibile, violenta e delicata, in grado di farci scorrere davanti le paure, le emozioni e lo stupore che una giovane donna inizia a elaborare nei confronti della vita, che alla vita si affaccia improvvisamente, e che nella vita trova, inaspettatamente, grandi brutture e altrettante grandi bellezze.

Un romanzo che varrebbe la pena di leggere già solo per lo stile impeccabile, e che invece si fa leggere tutto d’un fiato anche per la trama, bella e realistica, e per gli altrettanti realistici ed esaustivi protagonisti. Complimenti allo scrittore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2013-01-04 11:00:35 roberto R
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da roberto R    04 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 2013

un'ottima seconda opera

ho letto il primo libro di D'avenia e aspettavo con curiosità la sua seconda fatica, devo dire... non mi ha deluso. la qualità secondo me è pure salita, ha fatto un altro scalino nel mio personale gradimento. la storia che gira intorno a Margherita e ai suoi familiari ci ricorda la difficoltà e la semplicità del vivere, di scegliere, di sbagliare ma di cercare rimedio, di lottare per aver quello che si vuole o almeno provarci. il tema della complessità della vita viene trattato senza pretendere di dar facili risposte. il libro scorre piacevolmente, non diventa mai pesante nonostante gli argomenti trattati. lo consiglio vivamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
bianca come il latte, rossa come il sangue
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-10-16 13:50:34 Laila
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Laila Opinione inserita da Laila    16 Ottobre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La realtà non può far paura.

Stupendo. Non riesco a trovare altri modi per descrivere questo capolavoro di Alessandro d'Avenia...
La lettura molto scorrevole e piacevole.

Trovo sia veramente geniale l'aver parlato di una perla descrivendone la cruda realtà della sua origine: mi ha insegnato che è importante guardare le cose così come stanno, senza avere paura della verità.

UNICO.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Bianca come il latte, rossa come il sangue
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-09-27 07:14:57 farma70
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
farma70 Opinione inserita da farma70    27 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Struggente piacevolezza......

Libro veramente molto bello che non ha tradito le mie aspettative dopo l'esordio di "Bianca come il latte rossa come il sangue"; scrittura piacevole e molto scorrevole, alcune frasi devo essere sincera le ho rilette più volte da quanto erano belle....Personaggi molto reali, nei quali mi sono immedesimata soprattutto come madre e moglie, la figura del padre è a mio avviso un po' cinica, il ritorno alla famiglia solo dopo l'incidente della figlia è un po' scontato, nella realtà forse le cose avrebbero preso una piega differente.....l'amore coniugale può terminare ma quello verso i propri figli no, andarsene senza neanche il ben che minimo scrupolo è alquanto riprovevole. Nel complesso però la storia è molto bella e a tratti commovente, struggente la figura di Andrea e di nonna Teresa, cosa avrei pagato per avere una nonna così, io che i miei nonni non li ho mai conosciuti e che ora capisco quanto mi sono mancati.......Libro sicuramente da leggere e sul quale riflettere sulle mille sfacettature che l'amore può avere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-07-09 22:30:29 Luca
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Luca    10 Luglio, 2012

UN VIAGGIO DENTRO AL CUORE

Questo lbro ti legge dentro. Mentre leggi il libro fai un viaggio dentro al tuo cuore riscoprendo nostalgie e gioie di quando eri bambino. Ci sono delle frasi bellissime da scriversi su un foglio ed imparare a memoria per poi saperle utilizzare nel cammino della vita. I personaggi sono collegati tra loro da una fitta rete di pensieri, Nonna Teresa è la nonna che tutti vorrebbero avere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
IL PICCOLO PRINCIPE
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-07-08 21:40:44 chiara corti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da chiara corti    08 Luglio, 2012

Nostalgia.

Dunque, si parla di nostalgia nel libro, io ho 17 anni e fino ad ora non avevo mai provato quest'emozione. Mi spiego meglio: a pagina 53 (non so perché) avevo capito che era appena diventato il mio libro preferito, e volevo che quella storia non finisse più. All'ultima pagina, all'ultima riga, quando stai per chiudere la copertina e sai che è tutto finito, mi è venuta nostalgia; non saprò come andrà a finire veramente, perché la fine non esiste. E' tutto intrecciato. Non vedo l'ora che esca un'altro libro di Alessandro D'Avenia. Tutto qui.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-06-23 18:54:23 Antonio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Antonio    23 Giugno, 2012
Ultimo aggiornamento: 24 Giugno, 2012

Interessante

Le idee mi sono piaciute molto, l'unico difetto è che in certi punti è troppo complicato per essere capito da qualcuno che magari è a uno dei primi libri. Io stesso ammetto che ho faticato a comprendere il soggetto della frase, soprattutto nei cambi di personaggio, le frasi usate, l'abilità nel descrivere luoghi e personaggi sono perfette. Forse un po' troppo cinematografico, unico difetto del libro.
Lo consiglio comunque a tutti, perchè si tratta comunque a mio avviso di uno dei migliori libri publicati negli ultimi 5 anni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-06-21 21:16:53 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    21 Giugno, 2012
Ultimo aggiornamento: 22 Giugno, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come il mollusco nell’ostrica

Lo ammetto, non avevo mai preso in considerazione questo libro, il titolo non mi attirava molto, poi un giorno mi è stata regalata una copia e ho deciso di intraprendere la lettura.

Era il primo libro che leggevo di questo scrittore e devo dire che mi è piaciuto moltissimo.

È un libro molto scorrevole e la scrittura è fresca e semplice.
Le descrizioni dei luoghi sono ben costruite. Quella che mi ha colpito maggiormente è stata quella di Genova.
Di come si presenta.
Mi sembrava di essere lì, di poter toccare i colori delle case, di sentire l’odore di salsedine, di passeggiare sul molo e di vedere l’Acquario.

Ho trovato geniale l’idea dello scrittore di utilizzare l’Odissea come metafora di questo racconto, ma non vi svelo il perché altrimenti vi rovinerei la storia.

I protagonisti di questo romanzo da una parte sembrano molto diversi fra loro mentre dall’altra scopriremo che alla fine le loro vicende si intrecceranno come i fili di una pregiata stoffa per poi farci scoprire un magnifico disegno.

Il personaggio che mi è entrato di più nel cuore è stata nonna Teresa, forse anche perché io una nonna non l’ho mai avuta.
Nonna Teresa è siciliana ed attraverso il calore dei suoi gesti riesce a spiegare anche le cose più difficili con semplicità e spesso utilizzando detti siculi.

Passiamo alla trama.

Margherita è la protagonista principale del libro. Lei è una ragazzina quattordicenne che tra poco inizierà il liceo. Come tutti a quell’età si ritrova piena di paure, di insicurezze e di voglia di amare.
Presto la sua vita cambierà, avrà nuove amicizie e soffrirà.
Sentirà i cambiamenti, Margherita sta per diventare donna troppo presto, le sue certezze sono crollate nel giro di pochi minuti.

Un libro molto valido, utile a capire il significato della vita, dolce e commovente ed anche simpaticissimo per alcuni aspetti.

Un romanzo che tratta il trema dell’adolescenza in modo serio che si basa sul senso dell’amore, dell’istruzione e della famiglia.

Lo voglio consigliare a tutti. Perché tutti siamo stati adolescenti e tutti abbiamo bisogno di trovare la nostra Itaca.

“L'amore si nutre di distanza, più che di vicinanza, anzi la troppa prossimità lo offusca e lo spegne. Solo chi può desiderare ancora resta innamorato. Chi possiede, presto finisce col desiderare qualcos'altro... Più felice un amore sognato, che spazzolini confusi nello stesso bicchiere.“

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-06-05 22:04:30 Mery
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Mery    06 Giugno, 2012

S T U P E N D O

E' un libro favoloso, si può dire che è il mio preferito! Ti fa capire il dolore per l'allontanamento di un padre, ti rallegra la saggezza della nonna che con ogni frase ti insegna qualcosa, poi è così bella la storia d'amore tra Margherita e Giulio, è stupenda la sincerità dei bambini, in questo caso Andrea, e del loro animo pulito, e infine è bello che il professore riesca a crescere e a capire ke è importante costruire un futuro con la donna che si ama. Ne consiglio pienamente la lettura. (:

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-05-26 18:03:55 Sara
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Sara    26 Mag, 2012

La perla...

Questo libro mi è stato suggerito da mia mamma e ha dettto che è rimasta molto interessata anche lei dalla trama e infatti è cosi. La trama, appena lo letta, mi ha colpito subito e appena ho iniziato ha leggere il libro non sono più riuscita a smettere. E' un libro molto bello, bellissimo e per questo lo consiglio a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-04-12 07:33:56 Nicoletta
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Nicoletta    12 Aprile, 2012

Mmmmm...

Rimasta affascinata dal suo primo libro.."bianca come il latte rossa come il sangue" ho letto questo libro...forse mi aspettavo che fosse un libro superiper bello ...e invece sono rimasta delusa dalle aspettative che avevo.. Libro piacevole ma niente di chè..
Non lo consiglierei sinceramente..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
13
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-03-19 10:07:48 Elisabetta
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Elisabetta    19 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 2012

Amareggiata.

Sono una ragazzina di 16 anni, non mi piace tanto leggere, ma ero rimasta colpita dal primo libro, dal modo in cui lo scrittore ci spiega la vicenda, lo stile, il lessico, il contenuto.
Purtroppo mi sono un po' persa, molte volte non capivo bene chi parlasse e chi no e ho trovato molte difficoltà alla fine del libro: da quando lei è andata in cerca di suo padre.
Mi sono persa, non capisco bene come finisca, diciamo che sono rimasta un po' delusa.
Io preferivo nettamente il primo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Bianca come il latte, rossa come il sangue
Trovi utile questa opinione? 
16
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-02-26 09:03:13 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    26 Febbraio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Madreperla della vita

Non conoscevo questo scrittore e, già dalle prime pagine di questo libro, il suo stile mi ha conquistato: ricco, pieno, colorato, gonfio di immagini e di emozioni. Storia molto bella, ricca di particolari, di personaggi e di insegnamenti sulla vita, che è uno strano equilibrio tra ciò che ti viene tolto e ciò che ti viene dato. Per vivere occorre attraversare tutti gli stati della paura, per non averne più, e proprio là dove il dolore si nasconde, cresce la madreperla della vita. Questa storia arriva al cuore, grazie alla spendida caratterizzazione anche dei personaggi minori: il professore divoratore di libri, l'amica Marta piena di gioia di vivere, la nonna Teresa, un concentrato siciliano di saggezza. E poi c'è lei, Margherita, che vive il vuoto onnivoro dell'abbandono del padre, vuoto che ne divora la luce. E' un libro pieno di verità sulle persone, perchè le persone sono fatte di luci e ombre e finchè non conosci le ombra non sai nulla di quelle persone. E' un libro pieno di amore, perchè insegna che ci vogliono 4 abbracci al giorno per sopravvivere, 8 per vivere e 12 per crescere. E' un libro sui segnali del corpo e degli occhi, che insegna che quando le pupille si allargano vuol dire che glo occhi hanno fame. E' un libro sul dolore perchè fa capire che ci conosce il dolore ne riproduce l'eco per tutta la vita, come le conchiglie fanno con il mare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
171
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-02-24 12:05:00 Elizabeth
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Elizabeth Opinione inserita da Elizabeth    24 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il linguaggio del cuore

A mio parere molto bello! Ho letto anche il primo libro dell'autore e non sono assolutamente rimasta delusa da questo. Credo che D'Avenia abbia una dote innata, quella di entrare nel cuore del lettore. Sono tante le parti del libro che mi hanno commosso, tra cui il finale inaspettato. Ma ancora di più voglio sottolineare quanto il giovane autore sia stato bravo a mettere in luce l'importanza della lettura e i modi in cui la stessa deve essere interpretata. Questo ce lo fa capire attraverso la storia di Margherita e del prof che si intrecciano tra loro. Un libro che non solo mi ha trasmesso tanto, ma anche mi ha insegnato tanto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Bianca come il latte, rossa come il sangue
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-02-15 21:28:34 marta
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da marta    15 Febbraio, 2012

che delusione!

Il libro d'esordio mi era piaciuto molto ma questo proprio no! L'ho trovato decisamente poco realistico molto fantasioso e parecchio noioso...peccato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
313
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-01-29 07:18:48 adele berrettoni
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da adele berrettoni    29 Gennaio, 2012

alessandro d'avenia: un filosofo dei nostri tempi

un libro veramente fantastico. bravissimo l'autore, che credo possa essere paragonato a un filosofo dei nostri giorni. è un libro semplicemente bellissimo, che racchiude tutti i perchè dell'amore, che dimostra come tutte le cose più belle nascano solo dal dolore, proprio come la madreperla....
complimenti. un capolavoro. un'opera che deve essere aggiunta ai libri che non verranno dimenticati mai.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
bianca come il latte, rossa come il sangue
Trovi utile questa opinione? 
93
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2012-01-03 15:44:00 Titti9
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Titti9 Opinione inserita da Titti9    03 Gennaio, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Commovente

Ho iniziato la lettura di questo romanzo con i mille pregiudizi che porta uno scrittore come D'avenia, definito "adolescienziale" in modo alquanto dispregiativo. E mi sono ricreduta, perchè "cose che nessuno sa" è un ritratto profondo e commovente non dell'adolescenza, ma di tre differenti età all'insegna dell'amore quello puro e vero che può esserci tra 2 ragazzi, tra 2 adulti, tra una madre e una figlia, tra 2 fratelli e cosi via... è un racconto si che tratta di adolescenti, ma non stereotipandoli in maniera a tratti ridicola come ormai è di consuetudine fare parlando di un argomento cosi delicato. "Cose che nessuno sa" è semplicemente un racconto di vita, vero e ricco di citazioni che provengono sia dal mondo giovanile che da puramente letterario, e l'autore dimostra una gran cultura. Un applauso ad Alessandro D'avenia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Può piacere a chiunque
Trovi utile questa opinione? 
143
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2011-12-10 09:08:25 Lorenzo Roberto Quaglia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lorenzo Roberto Quaglia Opinione inserita da Lorenzo Roberto Quaglia    10 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cose che nessuno sa

Siamo onesti: le aspettative sul secondo romanzo del Professor D’Avenia erano alte, dopo il successo straordinario e inaspettato del suo romanzo d’esordio. Ebbene, non siamo stati delusi. Il secondo lavoro, Cose che nessuno sa , è un romanzo di ampio respiro, dove le storie dei protagonisti si intrecciano con le storie personali del lettore e la storia della nostra letteratura, cioè della nostra vita, si diverte con esse. Cose che nessuno sa è un grande romanzo d’amore e quindi di vita e di morte. Amore presente, amore assente, amore perduto, amore mai conosciuto, amore filiale, amore coniugale, amore per la letteratura, amore ideale, amore carnale.
Ognuno dei protagonisti principali compie all’interno della storia il proprio cammino per ritrovarsi alla fine cambiato, migliorato. Margherita, la figlia adolescente, elabora il dolore dell’abbandono del padre grazie all’aiuto inconsapevole del suo Professore di Italiano e Latino, il Professore di Italiano e Latino elabora il suo amore per Stella grazie al dolore di Margherita che gli trasmette, inconsapevole, il coraggio di Telemaco che parte alla ricerca del padre. E poi c’è Giulio, un adolescente in crisi come Margherita: insieme i due compiranno il cammino che porta alla maturità. E poi c’è la madre di Margherita che elabora i motivi della crisi del suo matrimonio e con l’aiuto della nonna Teresa e grazie al sacrificio di Margherita, trova il perdono. E infine c’è nonna Teresa, punto di riferimento per Margherita. Il colpo di scena finale rende la sua figura ancora più speciale, cerniera tra il passato e la vita nuova che attende Margherita.
A differenza di Bianca come il latte e rossa come il sangue, questo secondo romanzo è rivolto più ad un pubblico adulto, i temi trattati sono impegnativi e richiedono per essere elaborati, forse, più esperienza di vita di quella che possiede un adolescente. Stilisticamente, l’uso della lingua siciliana che nonna Teresa porta nel romanzo è qualcosa di veramente bello e ci riporta con la musicalità delle parole ad un tempo che fu, all’arché manifesto.
Chiudo con le ultime parole di D’Avenia, nei ringraziamenti: “Proprio te ringrazio, lettore, che hai accostato l’orecchio a questa storia, come si fa con una conchiglia. E spero che tu abbia provato nel leggerla ciò che ho sentito io nello scriverla: un po’ più di amore per la vita e un po’ più di misericordia per l’uomo”.
Il resto sono cose che nessuno sa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
275
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2011-11-30 14:01:50 dama
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
dama Opinione inserita da dama    30 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incantata

La vita è una cosa meravigliosa.....D'Avenia ha saputo descrivere con eleganza e maestria personaggi e situazioni corrispondenti alla realtá, a partire dalla fragile adolescente Margherita afflitta dal dolore a causa della decisione del padre di lasciare la sua famiglia proprio nel momento in cui ha bisogno di chiedere e sapere le "cose che nessuno sa", fino alla nonna di Margherita una donna forte ancorata alle sue origini, capace di distribuire amore e consigli in ogni momento.....! D' Avenia ha una spiccata familiaritá con il mondo giovanile e quando scrive lo fa con il cuore....bravo bravo bravo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
146
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cose che nessuno sa 2011-11-28 17:11:22 Ally79
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    28 Novembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

D'Avenia "abbondante"

Margherita è una adolescente, problematica, piena di incertezze, sensibile come tante 14enni al mondo.E' la vigilia del suo ingresso al liceo,attimo di forte cambiamento, quando suo padre in silenzio e all'improvviso lascia la famiglia.Si apre un dolore nella ragazzina tanto più forte quanto inspiegabile:il dolore dell'abbandono.Intorni a lei tanti personaggi:una madre fragile, un fratellino che esprime la sua incomprensione verso ciò che accade tramite il disegno,una nonna solida,"provinciale" e piena di una saggezza semplice che solo l'aver vissuto concede,l'amica Marta oroscopo-dipendente e contornata dalla famiglia perfetta e un pò stramba, il professore di latino che ama e teme l'amore,che comunica con la sua donna attraverso i libri,Giulio il ragazzo empatico, difficile, che legge in Margherita un dolore, una paura che lo attrae.
D'Avenia è innegabilmente talentuoso nel tratteggiare i suoi personaggi, nel dargli una dignità assolutamente reale.Leggi e li vedi tutti li' con le loro espressioni, i loro abiti,le loro case, assorti nei loro pensieri.Nello stesso tempo questa bravura appare lesa dalla vanità:si avverte in lui una voglia di dimostrare la sua cultura classica,la sua capacità di non essere scontato.Eccede nei "pensieri di vita"(a volte anche poetici)che però tolgono alla narrazione, tolgono alla semplicità di una storia che non è certo fuori dal comune.D'Avenia abbonda.Sembra un pò di vederlo con il dito alzato in classe perchè ha sempre la risposta pronta alle domande del professore.Ma è bravo a mio parere e lo sarà ancor di più quando smetterà di alzare il dito e sarà soddisfatto di avere per se la sua risposta e di non doverla concedere a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
244
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La colonna di fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri