Narrativa italiana Romanzi L'uroboro di corallo
 

L'uroboro di corallo L'uroboro di corallo

L'uroboro di corallo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Può un'eredità imprevista cambiarti la vita, anche se non sei più giovanissima e non ti aspetti più nulla dal mondo? Sì, se l'eredità è una spilla di corallo a forma di uroboro. Di un suo supposto potere magico è convinta Anastasia, una donna 'all'antica', insicura e piena di remore, che vive l'abbandono del marito come una colpa e ha congelato la propria esistenza nell'attesa di un suo improbabile ritorno. L'eredità dell'amante del nonno, un palazzetto in una zona malfamata di Catania e una scatola piena di cianfrusaglie tra cui l'uroboro, è l'occasione per cambiare tutto. Intorno ad Anastasia un mondo di personaggi vivi e reali: le tre cugine "continentali', la figlia Nuvola con i capelli viola e il suo bizzarro mestiere, l'altra figlia Doriana, che scopre le gioie e i dolori dell'adulterio, e poi ancora il notaio-cuoco Matteo e l'inquietante cavalier Santospirito con le sue rocambolesche manovre per impossessarsi del magico uroboro. Ma specialmente Igor, il primo amore di Anastasia, che potrebbe tornare dalla Guadalupa e rimettere tutto in discussione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uroboro di corallo 2017-03-15 14:59:21 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    15 Marzo, 2017
Ultimo aggiornamento: 16 Marzo, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La rinascita dell'uroboro

Rosalba Perrotta ha insegnato Sociologia alla Facoltà di Scienze Politiche di Catania, ha pubblicato tre romanzi, tra cui All’ombra dei fiori di Jacarandà, nel 2013, e una raccolta di racconti. Ora torna in libreria con la casa editrice Salani che le pubblica L’uroboro di corallo.
Già il titolo, un enigma. Che cosa è l’uroboro? E’ un simbolo antico, un serpente che si morde la coda, formando un cerchio senza inizio e senza fine. Esso è icona dell’eterno movimento dell’universo e della natura ciclica delle cose. E’ il simbolo della rinascita per eccellenza. Infatti così sarà per la protagonista della nostra storia, Anastasia. Lei è una donna di 71 anni, con due figlie, Doriana e Nuvola. Il marito l’ha lasciata per fuggire con una sua giovane assistente, lei è una donna molto all’antica che ancora sente su di sé i rimproveri di una madre pregiudizievole. Ha dedicato la sua vita alla famiglia, ora si occupa del nipotino Antonio, che le scrive buffe e.mail: “Cara nonna, (…) mi raccomando, stai attenta a non uscire a Capodanno ke è pericolosissimo, xkè sparano botti e assicutafemmine. E certi pazzi pure proiettili con la pistola!”. Anastasia eredita, insieme alle tre cugine, “figlie della strafallariona” (amante del nonno), un palazzetto nel quartiere più malfamato di Catania e una spilla a forma di uroboro. La sua vita ne rimane totalmente sconvolta, e allora: “Partire! Anche solo in senso metaforico:esplorare nuove cose. Cambiare. Rinascere, come l’uroboro.” Tutto le appare bello, e forse questa spilla ha davvero strani poteri magici, per cui: “ La libreria la chiameremo Uroboro, un simbolo di rinascita. Sarà un punto di incontro per chi vuole uscire dalla routine e dare un significato alle sue giornate.”
La lettura trasmette allegria e simpatia. La Sicilia qui ritratta non è da cartolina, come da abitudine, siamo in inverno e non in estate, ma è calda ed odorosa. Pare quasi di sentire il profumo flagrante, lieve ed ammaliante, dei limoni in fiore. Un romanzo psicologico, colorato qua e là da aspetti umoristici, puntellato da mistero e sociologia. Costantemente in bilico tra modernità e retaggi esoterici, tradizioni e simbolismo di un mondo che non c’è più. Infatti simbolico è l’uso che l’autrice fa del dialetto siciliano, disseminato , senza mai diventare troppo. Particolarissimo è il dizionario siciliano-italiano che l’autrice inserisce al fondo del testo, che è di certo aiuto per chi non è abituato a tale terminologia.
Un romanzo di donne, sulle donne, con le loro sfaccettature, i loro dubbi, la loro voglia di cambiamento e di rinnovamento, di arricchimento e di nuova consapevolezza. Un romanzo aperto, caldo, ironico e rocambolesco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Simonetta Agnello Hornby, Caffè amaro.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri