Narrativa italiana Romanzi La bottiglia magica
 

La bottiglia magica La bottiglia magica

La bottiglia magica

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Pin è figlio di un pescatore di nome Jep e spera di diventare ricco emigrando nel Diladalmar. Alina è rinchiusa nel collegio high-tech di Villa Hapatia, il suo sogno è fare la scrittrice. Lui ha un bel nasone e un topo per amico; lei si accompagna a un gatto (wifi) con un largo sorriso. Vi ricordano qualcuno? I loro destini si mescolano grazie alla bottiglia magica che Alina ha affidato all’acqua. È Pin a trovarla e così comincia per entrambi un viaggio di terrore e meraviglia, fatto di incontri rocamboleschi, fughe a perdifiato, prodigiosi capovolgimenti. Qualcuno vuole cancellare ogni forma di diversità e fantasia. Riusciranno i nostri eroi a incontrarsi e rovesciare un futuro già scritto? La bottiglia magica è una storia esplosiva d’avventura e d’amicizia, ma è anche una spietata satira del nostro mondo. Un libro dal ritmo sfrenato, che ci mostra come l’immaginazione sia una formidabile arma contro l’infelicità.

Recensione della Redazione QLibri

 
La bottiglia magica 2016-10-14 09:35:30 siti
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    14 Ottobre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una boccata d'ossigeno

L’ultimo lavoro di Stefano Benni è una conferma dello spessore intellettuale di questo narratore comico dotato di potente immaginazione e votato alla filosofia. È la conferma di quanto l’immaginazione possa essere una risorsa alla quale attingere per sopravvivere nel quotidiano. È lo sguardo attento di un uomo verso le mostruosità dilaganti della e nella nostra epoca. Uno sguardo ironico, divertito, divertente.

Due ragazzi, Pin e Alina, due mondi contrapposti che entrano in contatto attraverso una bottiglia magica, mescolandosi, confondendosi, sintetizzando sogno e realtà. Lui ha un babbo “Jep” e vive nel Diquadanoy; lei soggiorna, rapita , nel college di rieducazione “Hapatia”, nel mitico mondo Diladalmar. Il suo compagno è il gatto Wifi, la sua specialità è entrare in altri mondi (non per niente ambisce a diventare scrittrice). Riconosciuti? Moderni Pinocchio e Alice nel paese delle meraviglie.
L’input narrativo è una richiesta d’aiuto attraverso il classico messaggio nella bottiglia. Il resto non lo posso raccontare. Preparatevi ad un viaggio, ad un’avventura, ad un continuo rispecchiamento delle aberrazioni del mondo contemporaneo. Gusterete la fine e intelligente parodia di un mondo ipercinetico, supertecnologico, aperto alla musica di Justin Biberon (sic), teso a distruggere i sogni e la fantasia. Rimescolate le vostre letture, preparativi a ritrovare Jules Verne e i suoi mondi immaginari, Pinocchio e Alice, Raperonzolo, Edgar Alla Poe, Zanna Bianca, Moby Dick e tanti altri. Vi sono anche la cucina crudelista e il Monster Chef e pure la biblioteca borgesiana!
Non mi resta che augurarvi un buon viaggio nel regno della fantasia impreziosito dalle illustrazioni di Luca Ralli e Tambe , un bel corredo. Ho goduto di una lettura bella, fresca, divertente e dal linguaggio arguto.

Consigliato a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bottiglia magica 2016-11-20 13:57:12 Mane
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mane Opinione inserita da Mane    20 Novembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dimensione speculare

“La bottiglia magica” può esser ben definita come una moderna fiaba, in cui senza troppa difficoltà si possono cogliere molti degli ingredienti classici di questo genere: narrazione e scrittura piuttosto semplici, ricchezza di discorsi diretti, un colorato dedalo di personaggi e luoghi fantastici, una buona dose di magia, una salda dicotomia morale tra buoni e cattivi, nonché, immancabile, un lieto fine conclusivo.
Molte delle vicende e dei personaggi sono delle allegorie che richiamano fatti e persone che popolano la nostra realtà, in questo senso si ha l’impressione di star davanti ad uno specchio distorcente che rimanda immagini grottesche ed inquietanti.
Purtroppo l’estrema semplicità e linearità del racconto sviliscono un po’ il libro che di per sé si porrebbe il laudabile proposito di celebrare la fantasia e l’immaginazione, magnifiche ali della libertà individuale contro le grevi catene del conformismo basato su modelli preconfezionati. Si conserva qualche attimo di sorprendente lirismo che sfortunatamente si spegne entro i primi capitoli, da cui traggo questa luminosa gemma:
“Tutti coloro che ami sono altro da te. Conoscerai solo una piccola parte dei loro pensieri, e loro non conosceranno i tuoi. […] La loro storia è piena di ore che ti resteranno nascoste. E’ meraviglioso averli vicino, ma la loro vita non ti appartiene. […] Per ciò che manca al vostro amore, amali di più.”
Forse viziato dallo splendido ricordo delle divertentissime pagine incontrate in altre opere di Benni (da “Bar Sport” a “Margherita Dolcevita”, da “La Compagnia dei Celestini” a “Pane e Tempesta”), non posso esimermi dall’esprimere un po’ di delusione per questo libro, orfano della folgorante sagacia e della incontenibile comicità dei suoi predecessori.
Piacevole, curatissima ed estremamente accattivante è invece la copertina. Così come ottime sono le scelte relative all’impaginazione (un ricco connubio tra illustrazioni, variazioni calligrafiche e scrittura), che sono tutt’altro che espedienti adatti solo alla stampa di libri per bambini, mentre possono benissimo vivacizzare le pagine destinate a qualsiasi lettore, offrendo uno strumento utile per esprimere l’atmosfera di un determinato contesto. Per quanto riguarda i disegni di Ralli e Tambe però, in qualche caso appaiono forse ridondanti, nel senso che hanno voluto raffigurare troppo delle scene raccontate dalle parole dello scrittore, finendo per abbozzarne eccessivamente la rappresentazione, quando avrebbero potuto invece impreziosirle cogliendo pochi piccoli dettagli evocativi.

Sconsiglio di iniziare a leggere Benni con questo libro, non rende giustizia alle sue doti.

Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il porcospino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I Guardiani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Anime scalze
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bruciare tutto
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Io sono Dot
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Leggenda privata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore che mi resta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quasi niente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da dove la vita è perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Gli eredi
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La musa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre piani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri