Narrativa italiana Romanzi La locanda dell'Ultima Solitudine
 

La locanda dell'Ultima Solitudine La locanda dell'Ultima Solitudine

La locanda dell'Ultima Solitudine

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio. Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che lì e solo lì, in quella locanda arroccata sul mare costruita col legno di una nave mancata, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Da anni scrive lettere al padre, che lui non legge perché tempo prima, senza che nessuno ne conosca la ragione, è scomparso, lasciandola sola con la madre a Bisogno, il loro paese. Ed è a Bisogno, dove i fiori si scordano e da generazioni le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano il compito di accordarli, che lei comincia a sentire il peso di quell'assenza e la voglia di un nuovo orizzonte. Con ironia leggera, tra giochi linguistici, pennellate surreali e grande tenerezza, Alessandro Barbaglia ci racconta una splendida storia d'amore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La locanda dell'Ultima Solitudine 2017-07-02 03:59:32 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    02 Luglio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho prenotato in quella Locanda

La Locanda dell’Ultima Solitudine di Alessandro Barbaglia è una storia tracciata ai confini del nonsense. Vediamo se riesco a disegnarne una sinossi ragionevole.

Alla misteriosa e taumaturgica Locanda (“Ho prenotato in quella Locanda di cui ho trovato il biglietto nel suo baule”) confluiscono i percorsi esistenziali di due giovani: Libero e Viola.
Lui ha sposato la figlia del sindaco della Città Grande.
Lei abita in un paesino chiamato Bisogno e discende da una stirpe ove le donne hanno nomi di fiori (“Una volta Margherita accordava i fiori”) e sono per lo più dedite ad attività a dir poco voluttuarie: “Il mercoledì avrebbe organizzato anche un corso per imparare a piangere. Il primo livello era facile, si usavano le cipolle, ma poi bisognava fare tutto senza aiuto.” Viola ha inoltre patito un grande dolore: suo padre si è allontanato (e come non capirlo, vien da chiedersi, anche noi forse saremmo fuggiti a gambe levate da lì!).

La locanda è stata forse fondata da un ragazzino fuggito – anche lui! - ai tempi dei partigiani (“I dodici partigiani dell’Ossola l’avevano preso con loro perché era figlio di falegname… sapeva pelare patate…”) ed è gestita da un misterioso uomo con i baffi.

Poi i luoghi astratti – la Città Grande e Bisogno - si definiscono: così compare la stazione di Orta e la Locanda si materializza in zona Camogli (“Aveva ancora la forma dell’Ultima Solitudine, la forma dell’uomo che non accetta la vita per paura di morire. E abbandona tutti, per morire solo. O solo per morire”).

Tra ontologia prêt à porter e umorismo che grida vendetta (“Ma i cani non spariscono, scappano!... Forse la pipì scappa, ribatte Libero con aria stizzita”), ho stentato a sintonizzarmi con il tono di questa storia (finalista al premio Bancarella 2017).

Giudizio finale: stralunato, naïf, grottesco.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La locanda dell'Ultima Solitudine 2017-04-18 17:07:52 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    18 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due sentite solitudini alla Locanda

Benvenuti alla Locanda dell'Ultima Solitudine. Ma prima scrutiamo due vite, due solitudini. La prima è quella di Libero, che vive nella Città Grande in una casa vuota con le pareti dipinte di blu. L'unico a fargli compagnia è il suo cane, "Vieniqui". Quando la sua vicina di casa trasloca gli lascia un baule, nel cui fondo trova un bigliettino della Locanda dell'Ultima Solitudine, e lui telefona prenotando un tavolo, ma ..... per dieci anni dopo! E' certo che lì e solo lì, in quella locanda arroccata sul mare, costruita col legno di una nave mancata, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare.
Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Da anni scrive lettere al padre, scomparso anni prima, lasciandola sola con la madre a Bisogno. Ed è lì, dove i fiori si scordano e da generazioni le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano il compito di accordarli, che sente il peso di un'assenza e la voglia di rinnovamento.
Ecco che appare la Locanda: "E' tutta il legno, la Locanda, alterna le pareti scure alle finestre piene di luce da cui entra sempre un po' di vento. (...) se sai arrivarci, facendo tutto quel sentiero al buio che ci vuol poco a perdersi, quello è il posto più bello del mondo!". Due storie così semplici, raccontate in modo originale e sorprendente. Una locanda come luogo di passaggio, dove transitano coloro che hanno bisogno di far pace con il passato, prima di incamminarsi verso il futuro.
Il libro è un racconto onirico, intenso ed appagante, capace di fluttuare attraverso mondi fantasiosi e realtà vicine al lettore, costruendo con lui una forte empatia ed inevitabile connessione con i suoi protagonisti e le sue umane emozioni. Catturati da un paesaggio incantevole ed artistico, vivo come una tela appena dipinta. Lo stile linguistico dell'autore non tradisce, conferendo alla lettura la forza di un dialogo intenso, sincero e diretto con il lettore, legato a doppio filo ad una storia che parla di persone sconosciute e luoghi mai visitati, ma che narra anche un po' di sè attraverso una prosa che è capace di incantare ed ammaliare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Chiara Gamberale, Qualcosa.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La locanda dell'Ultima Solitudine 2017-04-09 06:32:24 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    09 Aprile, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lettere al padre

E’ strana la prosa di questo libro. Sembra una poesia. E’ fatta di associazioni di immagini, di frasi brevi, ritmate. E’ impalpabile. Come una poesia. E la sua lettura non è facile, all’inizio ti affascina, dopo un po’ ti stanca, perché ti sembra di perdere il filo, poi quando ritorni a capire ed a collegare, ti riaccende, per poi sfilacciarsi di nuovo. Ti rimane addosso un senso di vuoto. L’impronta del silenzio. Bellissima la favola del cane Nero, in cui trovi tutta la magia di una bambina. Le sue lettere al padre sono una delle parti che più mi ha colpito, perché in tanti punti emerge prepotente il rapporto bimba-papà. Questo papà che le accarezza l’anima, arrivando al centro piccolo e prezioso di quel suo essere bimba. Sono state per me le parti più emozionanti, che hanno messo decisamente in secondo piano la locanda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La colonna di fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri