Narrativa italiana Romanzi Manca sempre una piccola cosa
 

Manca sempre una piccola cosa Manca sempre una piccola cosa

Manca sempre una piccola cosa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Il talento avvelenato di Giorgio sta tutto nello sguardo, in quell'occhio radiografico capace di vedere pure quello che non vorrebbe: alterazioni infinitesimali della materia, incrinature più sottili del capello di un angelo. Le crepe che non vogliono dire niente e quelle che annunciano catastrofi. I difetti delle cose, e forse delle persone. Che sia l'ala di un aereo o la paratia di una nave, che sia un buco dell'anima o la minuscola perdita di un condotto petrolifero nei ghiacci dell'Alaska, l'esercizio è sempre lo stesso: scoprire, dentro quello che c'è, quello che manca. Ma tutto traballa quando a essere testate con minuzia da entomologo, senza davvero vederle mai, sono le donne e la vita. Che a un certo punto può riacciuffarti con la sua fragilità irreparabile, con il delicato mistero di un amore, di un dolore, di una sorpresa assoluta.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Manca sempre una piccola cosa 2017-06-17 17:06:26 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    17 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'invisibile imperfezione delle cose

Alessandro Defilippi in Manca sempre una piccola cosa ha un protagonista assoluto: Giorgio Aguirre, che si laurea in medicina, ma non intende seguire la professione di entrambe i genitori. Decide di trasferire la sua speciale inclinazione dall’uomo alle macchine, per cui diventa radiologo industriale:
“non fratture, ma rotture”,
è il suo programma. C’entra nella scelta la ripugnanza provata alle esercitazioni di anatomia, rafforzata forse dalla notizia di un atroce fatto di sangue, il ritrovamento del cadavere di Aldo Moro, assassinato dalle Brigate rosse. Giorgio è una persona assolutamente originale, dotato di una vista acutissima, quasi di preveggenza, che gli permette di scoprire nelle lastre lattiginose le minime, inafferrabili imperfezioni dei materiali. Così, fin dal suo primo lavoro in una fabbrica di elicotteri, riesce ad evitare disastri, suscitando nei colleghi, insieme all’ammirazione e all’invidia, un vago senso di paura. Si sente, invece, spronato dal Rospo,
“un tecnico magro e lunare”,
una sorta di gnomo affettuoso e filosofeggiante, che pretende una dedizione assoluta al Mestiere, inteso come una ricerca delle Ombre, attraverso le quali occorre passare
“per non restare bestie, per andare oltre”.
Giorgio, inquieto, lascia Torino e si trasferisce prima in Belgio, poi in Alaska, a cercare falle nelle fiancate di aerei e nei condotti petroliferi. Soltanto materne figure di donna sembrano scuotere, nell’accensione dei sensi, il suo oscuro desiderio di libertà. Con la sua vista sempre portata ad individuare anche le magagne fisiche e morali degli uomini. Così si spiega il suo andare ramingo, la sua sorda chiusura agli affetti, l’egoismo che risulta con ogni evidenza auto protettivo:
“come se delle cose, delle persone, lui non vedesse che i difetti, la mortalità. E non gli importasse che questo.”
Vedere dappertutto la rovina e la morte è il peccato che gli rimprovera il Rospo. Ma questa disposizione “viziosa” è dovuta ad una latente malattia degli occhi che ha acuito paradossalmente la sua vista. Giorgio rientrerà a Torino, accudirà la madre, mediterà sulla lezione del Rospo, che lo esorta ad un universale sentimento di pietà e alla serena accettazione dell’”infinito oscillare delle cose e delle vite”, a una conclusione che è anche un inizio, mentre sul passare degli evi e delle generazioni
“scivolerà l’ombra di Dio.”
Un bel romanzo ricco di riferimenti letterali e culturali, che riesce tuttavia ad essere affidabile e coinvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Alessandro Defilippi, La paziente n° 9, là dove iniziano le avventure del colonnello Anglesio, terminate quest'anno con Donne dal rossetto nero. Passate anche da Viene la morte che non rispetta.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri