Narrativa italiana Romanzi Mio fratello rincorre i dinosauri
 

Mio fratello rincorre i dinosauri Mio fratello rincorre i dinosauri

Mio fratello rincorre i dinosauri

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire "supereroe". Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sì, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l'adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era così sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico. Giacomo Mazzariol ha scritto un romanzo di formazione in cui non ha avuto bisogno di inventare nulla. Un libro che stupisce, commuove, diverte e fa riflettere.

Recensione della Redazione QLibri

 
Mio fratello rincorre i dinosauri 2016-05-10 16:18:28 Belmi
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    10 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un fratello speciale

Giacomo Mazzariol ha diciannove anni e il 21 marzo del 2015 carica un corto su YouTube, un video che fino ad oggi ha avuto quasi 150.000 visualizzazioni. Quando pensiamo a internet, video e giovani, solitamente il mix ci fa pensare a niente di buono, invece questa volta il risultato è stato strepitoso.

Giacomo ha pubblicato un video intitolato “The Simple Interview” che dopo la lettura del libro ho visto e che mi è arrivato dritto al cuore. Il corto parla del suo fratellino Giovanni, un bambino speciale, con un cromosoma in più e di come le differenze e le distanze le creiamo noi con i nostri pregiudizi. Da qui l’idea di realizzarne un libro su “Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più”.

Giacomo si racconta dall’età di cinque anni fino ai giorni nostri; il tutto parte, quando i genitori gli annunciano, a lui e alle sue due sorelle, che presto avrebbero pareggiato i conti, 3 maschi a 3 femmine e che il fratellino in arrivo sarebbe stato speciale. Giacomo pensa subito a un supereroe.

Da qui parte il viaggio di Giacomo e la difficoltà, con il crescere, di farsi accettare con un fratello “speciale”. Il giovane scrittore affronta tutte quelle tappe che noi possiamo immaginare, che includono la paura di essere deriso, allontanato e che ti fa arrivare fino al punto, non di omettere ma di mentire. Racconta anche del suo difficile rapporto con un fratello con cui credeva di correre in bicicletta e che invece non potrà condividere con lui molte cose. Ma Giacomo cresce e Giovanni ha un ruolo in questo.

Mazzariol ci presenta la vera famiglia del “Mulino Bianco”, quella che non si ferma davanti alle difficoltà, che fa del sorriso la sua carta vincente e che nel diverso non vede differenze. Con il suo stile semplice e diretto, ci fa conoscere il suo mondo, che è anche quello di milioni di persone. Con delicatezza e genuinità ci racconta uno spaccato di se, non così facile da condividere con gli altri e per questo lo ringrazio di cuore.

Bravo Giacomo e soprattutto grande Giovanni, mi hai fatto sorridere con gli occhi e con il cuore.

“Giovanni che va a prendere il gelato.
-Cono o coppetta?
-Cono!
-Ma se il cono non lo mangi.
-E allora? Neanche la coppetta la mangio!”

Lo consiglio.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Non volare via
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
3.4  (7)
Contenuto 
 
4.0  (7)
Piacevolezza 
 
4.4  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mio fratello rincorre i dinosauri 2017-06-08 09:14:17 Elena72
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Elena72 Opinione inserita da Elena72    08 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento: 08 Giugno, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un bambino che crea mondi

Un titolo curioso, un disegno in copertina emblematico - un bimbo che si protende per prendere una mela appesa ad un filo, ma non riesce ad afferrarla- poche pagine scritte da un giovanissimo autore, un grande successo editoriale. La storia è autobiografica: Giacomo, con leggerezza e a tratti con ironia, racconta l'annuncio e l'attesa di Giovanni, un bimbo definito dai genitori “speciale” che Giacomo scoprirà essere affetto dalla sindrome di Down. Giacomo a cinque anni non vede l'ora di poter giocare con suo fratello come con un super-eroe, ma poi, crescendo, si rende conto che le caratteristiche di Giovanni sono ben lontane dai super-poteri che aveva immaginato.
In questo libro l'autore ci fa entrare nella vita di Gio, simpatico e un po' dispettoso, ci rende partecipi dell'atmosfera allegra e giocosa della sua famiglia, ma soprattutto ci racconta la sua adolescenza fatta di emozioni, aspirazioni, dubbi e paure. Con parole sincere confessa di essersi vergognato di suo fratello, di aver cercato di nasconderlo per proteggerlo e per salvaguardare se stesso dal giudizio degli altri. La svolta si ha quando Giacomo, nel suo percorso di maturazione, inizia a vedere il mondo e le persone attraverso gli occhi di Giovanni e con questo sguardo impara ad avere un nuovo rapporto con la realtà, più libero e più sereno.

“Gio, tra i molti problemi, aveva un talento particolare: sapeva creare una storia diversa con ognuno. Si sarebbe potuto scrivere un libro sul rapporto tra Gio e ogni singola persona che gli gravitava attorno, e sarebbe stata una saga più lunga del Signore degli Anelli. Gio creava mondi. Ognuno di noi camminava con lui lungo una strada personale. E la cosa pazzesca era che riusciva a essere diverso con tutti, ma sempre se stesso.” (p. 123)

Essere sempre se stessi e nello stesso tempo entrare in una relazione profonda con gli altri, fare un pezzo di strada con qualcuno costruendo “storie”, creando “mondi”, cercando di dare un senso a tutto ciò che ci circonda. Trovare, forse, insieme, un modo per raggiungere quella mela appesa ad un filo troppo in alto perché un bimbo, da solo, la possa afferrare.

Il libro di Mazzariol senza alcuna retorica fa riflettere sul rapporto che abbiamo con la diversità, su come scegliamo di affrontare i problemi della vita, su quanto ci facciamo condizionare dalle opinioni degli altri. Il punto di vista di Giacomo è quello di un ragazzo positivo e fiducioso che riesce a trasmettere, attraverso la sua scrittura, un messaggio di speranza e di amore.

“Nella vita ci sono cose che si possono governare, altre che bisogna prendere come vengono. È talmente più grande di noi, la vita. È complessa, ed è misteriosa. [...] – L’unica cosa che si può sempre scegliere è amare – disse. – Amare senza condizioni. (p. 50)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mio fratello rincorre i dinosauri 2016-11-18 15:26:19 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    18 Novembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amare senza condizioni

Questa è la storia di un bambino speciale, Giovanni, ed è la storia di un fratello ancora più speciale, Giacomo. Il libro è scritto da Giacomo ed è spontaneo, vero, vivo, gioioso. In primo piano c’è il rapporto tra i due fratelli e ne viene analizzata ogni sfaccettatura, con la prospettiva di un adolescente. Il modo in cui è scritto trasuda amore da ogni pagina. Perché Giovanni è una danza ed è bello entrare in sintonia con la sua musica. Giovanni è un piccolo supereroe, libero di essere se stesso, c’è magia in tutto ciò che fa, e suo fratello passa la vita a catturarlo. Ma la cosa in assoluto più stupefacente è ciò che nel libro si vede meno, ma che fa da sfondo a ogni loro giorno insieme: la grandezza dei loro genitori, che, con il loro esempio e con il loro amore, hanno portato tutta la loro famiglia a vivere ogni giorno nella massima serenità e con la massima naturalezza. Sono stati e sono, ogni giorno, straordinari.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mio fratello rincorre i dinosauri 2016-10-28 14:34:34 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    28 Ottobre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rana la rana.

Finalmente il giorno del pareggio era arrivato, il giorno cioè in cui non sarebbe mai più stato in minoranza, in cui avrebbe potuto avere un sostegno morale in una casa fatta di troppe donne (quel maledetto 3-2 proprio non gli andava giù), in cui avrebbe avuto un compagno di avventure, scherzi e baruffe, il giorno in cui semplicemente il suo mitico fratello sarebbe arrivato da non si sa dove per ristabilire l’ordine naturale precostituito per legge, per rendere giustizia a quei poveri membri maschili in minoranza in una famiglia prevalentemente ed inaccettabilmente in mano al gentil sesso. E non sarebbe stato un fratello normale, ma un superfratello con poteri sovrannaturali e talenti inimmaginabili!
Questo era almeno ciò che il settenne Giacomo si aspettava a seguito delle chiacchierate con i genitori e quel pizzico di fantasia che mai manca nelle menti più ingegnose. Non stupisce quindi che, quando quel 7 dicembre, Giovanni, detto Gio, venne alla luce ed iniziò a far parte della vita dei Mazzariol (cognome che in Veneto significa “folletto”), le aspettative del maggiore furono quasi subito disilluse: a dimostrazione di ciò vi era un aspetto simil “cinese” con occhi a mandorla e naso schiacciato, una lentezza di apprendimento che non combaciava con quella che i genitori gli avevano prospettato, e dunque, come non chiedersi “ma quali super poteri ha questo qui”!?
Eppure quella di Giovanni e dei suoi cari non è una storia come tante. Perché Gio è affetto dalla sindrome di Down, una patologia che ha condizionato non solo la sua vita ma anche quella dei suoi cari. E’ una storia di crescita, in cui, tramite le parole di un ragazzo di appena diciannove anni, riusciamo a focalizzare limiti e qualità che ognuno di questi ragazzi ha. Perché tra una pagina e l’altra Jack ci insegna che non è l’avere un cromosoma in meno che ci fornisce quel quid pluris tale da poterci considerare migliori di chi invece ne ha uno in più. Ma “MIO FRATELLO RINCORRE I DINOSAURI” non è soltanto questo. Con detto elaborato l’autore ci descrive con un linguaggio semplice e lineare le abitudini, l’innocenza, la visione del mondo di chi non è colpito da invidia, competizione, e quant’altro. Perché Gio è una scoperta continua, è come un pacchetto di caramelle tutte diverse che devi assaggiare, una dopo l’altra sino a finirle, e soltanto allora, forse, sarai in grado di dire qual è la più buona. E’ un ragazzo che crea con ogni singola persona che gli gravita attorno personalissime storie e mondi diversi. Egli non è matematica, ovvero una formula in cui una volta trovato il procedimento, il risultato è sempre il medesimo, no, lui è “basket”, uno sport in cui una volta che hai fatto canestro non è detto che tu riesca nuovamente a compierne un altro semplicemente replicando i movimenti. Giovanni ha il suo mondo, ha le sue passioni, il suo carattere, i suoi pupazzi preferiti (vedi Rana la rana) e i suoi amati Dinosauri, giocattoli che sono capaci di creare un universo in cui il piccolo si perde, e vive, ed esplora.
Tante sono le parti di questo romanzo che sono capaci di suscitare riflessioni nel lettore. Una delle tante su cui mi sono soffermata è quella relativa a Giacomo e all’evolvere del suo rapporto con Joe. Se infatti durante la fase delle scuole elementari per il bambino avere un fratello Down in casa non è un problema, anzi, è una cosa normale che fa parte di una quotidianità e che anzi lo fornisce di un amico speciale che gli altri coetanei non hanno, durante le scuole medie subentra la paura, il timore di non essere accettato o di essere deriso per questo così atipico membro della casa. E a questa paura si contrappone il senso di colpa. L’adolescenza lo rende insofferente, titubante, insicuro e soltanto lo scontrarsi con il mondo esterno gli permetteranno di maturare e di capire che una persona affetta da sindrome di Down non è motivo di vergogna o scherno.
Semplice, genuino, riflessivo.

«Giacomo… [..] nella vita ci sono cose che si possono governare, altre che bisogna prendere come vengono. E’ talmente più grande di noi, la vita. E’ complessa, misteriosa.. [..] L’unica cosa che si può sempre scegliere è amare, amare senza condizioni»
«Questo perché la sua vita è come un’istantanea. Gio scatta una foto, ci entra dentro e la vive, la tocca, la sporca, magari la straccia, poi ne fa subito un’altra. Tutto si esaurisce nel presente. IN quel momento la cosa più importante era il nuovo regalo, punto»

«Ma niente, più cercavo di insegnargli, più imponevo la mia visione, più lui sbagliava. Era come insegnare a un diplodoco a ballare in punta di piedi. E l’unica cosa che pensavo era che io avevo ragione e lui no. Io sapevo fare le cose e lui no. Io miglioravo e imparavo e lui no. Io provavo a fargli fare i compiti, lui giocava con la matita, rideva e io mi innervosivo, e a quel punto di innervosiva pure lui e finiva tutto in un vaffanculo generale. Giovanni era una danza. Giovanni è una danza. Il problema è sentire la sua stessa musica.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mio fratello rincorre i dinosauri 2016-09-27 17:41:58 Kryssa
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Kryssa Opinione inserita da Kryssa    27 Settembre, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Crescere insieme.

Lo consiglio a tutti, lettura leggera e divertente ma che allo stesso tempo dà molto da riflettere su un tema importante come la disabilità, in particolare la sindrome di Down. Il narratore racconta la sua vita di fratello dal momento un cui ha scoperto della futura nascita in famiglia di un bimbo con delle particolarità. Giacomo ha scoperto infatti che il fratellino "speciale" non è assolutamente il tipo del supereroe che si era immaginato. Infatti il giovane protagonista crescendo attraverserà diverse fasi nel suo rapportarsi con il fratello e con gli altri. Dall'entusiasmo iniziale, quando scopre dell'arrivo di Giovanni, passa ad un sentimento sottile di "vergogna" che fa nascondere la presenza del fratellino a tutti i compagni delle medie. Con l'adolescenza tornerà ad essere entusiasta del fratellino, che ogni giorno regala qualcosa di imprevedibile.
Questa lettura mi ha fatto pensare a quanto poco viene trattato il punto dei vista dei fratelli delle persone con disabilità. Ci si concentra sugli aspetti "tecnici" o sul rapporto genitori-figli ma il rapporto tra pari spesso viene trascurato. I bambini non devono "crescere" chi è disabile e quindi si pensa abbiano meno difficoltà. E invece Giacomo ci ha mostrato cosa vuol dire crescere CON e GRAZIE A chi come il suo fratellino ha la sindrome di Down.
Quindi un mio ringraziamento va a questo ragazzo per aver condiviso la sua preziosissima esperienza e le proprie riflessioni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mio fratello rincorre i dinosauri 2016-09-07 13:48:31 MCF
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
MCF Opinione inserita da MCF    07 Settembre, 2016
Ultimo aggiornamento: 07 Settembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di un supereroe

Mi è piaciuto moltissimo questo libro, centrato sul rapporto del giovane protagonista con il fratello down. L'ho incominciato preparandomi a provare una grande tristezza e invece mi sono ritrovata a sorridere spesso e volentieri perché è pervaso da un affetto e una simpatia assolutamente trascinanti; ma soprattutto non è un triste resoconto delle mancanze di Giovanni come ci si aspetterebbe, ma la descrizione delle sue prodezze in un mondo popolato da gente diversa da lui. E anticipa il suo pensiero citando una frase di Einstein: “Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità ad arrampicarsi sugli alberi, lui passerà la sua vita a credersi uno stupido”. Ecco un brano che mi ha colpito:
“Pensai che Gio, tra i molti problemi, aveva un talento particolare: sapeva creare una storia diversa con ognuno. Si sarebbe potuto scrivere un libro sul rapporto tra Gio e ogni singola persona che gli gravitava intorno, e sarebbe stata una saga più lunga de “Il Signore degli anelli”. Gio creava mondi. Ognuno di noi camminava con lui lungo una strada personale. E la cosa pazzesca era che riusciva a essere diverso con tutti, ma sempre se stesso. Non era matematica, Gio, che una volta trovata la soluzione è sufficiente replicare i passaggi per ottenere lo stesso risultato. No, lui era più basket dove, se una volta hai fatto canestro, poi non basta che replichi il movimento per riuscirci di nuovo. Mi convinsi che dovevo trovare il mio modo personalissimo di fare canestro. E che dovevo riuscirci da solo”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mio fratello rincorre i dinosauri 2016-06-15 12:24:30 Phoenix25
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Phoenix25 Opinione inserita da Phoenix25    15 Giugno, 2016
Ultimo aggiornamento: 15 Giugno, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Siamo tutti diversi

Ho visto il video prima di leggere questo libro, e il caso ha voluto mi sia stato consigliato da una persona molto cara che il video non l'aveva visto.

Ho a che fare con persone down per un'attività di volontariato che svolgo settimanalmente, e come racconta in maniera limpida e lineare nel libro, è un mondo nuovo. Da scoprire ogni giorno. Senza pietismo nè tristezza, Giacomo racconta l'evolversi del suo rapporto con Giovanni, di come le sue emozioni seguano il corso degli anni e le varie fasi della vita. Non tutti hanno la fortuna di avere una famiglia come la sua, nè una società pronta a qualcosa di fuori dall'ordinario.

Il termine diverso non mi piace, perchè fondamentalmente tutti siamo diversi l'uno dall'altra, preferisco fuori dall'ordinario, straordinario.
Non credo questo libro sia nato con l'intento di diventare un romanzo di formazione o chissà quale pietra miliare della letteratura. A volte si deve scrivere per lasciare memoria, per condividere spaccati di esistenza. Sono felice che Giacomo abbia voluto condividere.

Molto carino il titolo, molto piacevole la lettura, semplice, facile immedesimarsi, ancora più facile commuoversi.

"Giovanni che sa essere estenuante, logorante, che ogni giorno va in giardino e porta un fiore alle sorelle. E se è inverno e non lo trova, porta loro foglie secche"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Se ti abbraccio non aver paura
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mio fratello rincorre i dinosauri 2016-06-03 14:11:36 MirunaB
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
MirunaB Opinione inserita da MirunaB    03 Giugno, 2016
Ultimo aggiornamento: 04 Giugno, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non è detto che le storie debbano sempre finire

Seppure certi passaggi fossero molto profondi, non ritengo che questo libro abbia qualcosa di davvero innovativo. Certo, è una bella storia che a differenza di tante altre non vuole strappare le lacrime, anzi. Nonostante ciò è un libro che racconta lo sviluppo del rapporto fraterno e che commuove. È narrato il viaggio che Giacomo deve intraprendere per comprendere suo fratello Giovanni. Questa comprensione non sarà immediata però, sarà frutto di tante domande alle quali solo lui può rispondere.
"Mi resi conto, quel giorno, che da troppo tempo che avevo smesso di farmi domande. E che avevo smesso di farmi domande per paura delle risposte. Il mio equilibrio si basava sul non chiedere e sul non sapere."
Giacomo ha paura di essere giudicato, delle opinioni della gente, dei suoi compagni. Secondo lui, Giovanni non è che un'altra cosa da nascondere al mondo. Deve adattarsi.
Capirà però, col passare del tempo che "Giovanni è una danza. Il problema è sentire la sua musica". Quindi da fratello maggiore, Giacomo dovrà cambiare nuovamente, questa volta per imparare a vedere davvero Giovanni. Per non vergognarsi più del suo fratello. Per imparare ad accettare che non tutte le persone apprezzeranno e capiranno le qualità di suo fratello.
"Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita a credersi uno stupido."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri