Narrativa italiana Romanzi Né qui né altrove
 

Né qui né altrove Né qui né altrove

Né qui né altrove

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Un romanzo di formazione: nelle sue pagine, un gruppo di giovani che vorrebbero scappare via, ma che non lo fanno. Attraverso le loro esperienze una città ancora poco conosciuta si rivela, al di là dei facili stereotipi, e ci racconta un tempo e una generazione. Siamo a Bari, quella degli anni '70 e poi di oggi. Un ragazzo esplora la sua città. Con il gruppo dei suoi amici attraversa un reticolo di piazze e di strade, percorre il lungomare, si ferma nei luoghi preferiti. E appena può va al cinema, a vedere film che rimangono nella memoria di quegli anni.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 12

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.7  (12)
Contenuto 
 
3.3  (12)
Piacevolezza 
 
3.4  (12)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Né qui né altrove 2014-08-04 20:35:32 Amedeo Altieri
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amedeo Altieri Opinione inserita da Amedeo Altieri    04 Agosto, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla fine di una giornata pesante

Il sole estivo spande gli ultimi bagliori scomparendo lentamente dietro l’orizzonte delle colline toscane. Sto tornando a casa. E’ stata una giornata pesante. Ho ricevuto tre telefonate di gente arrabbiata che ha pensato bene di usarmi come valvola di sfogo, nonostante non centrassi nulla. Ho passato il giorno intero a cercare di dissuadere i miei clienti dalla scelta di non comprare. A volte ci sono riuscito, altre no. Ma che fatica! Il crepuscolo e la stanchezza mi fanno cedere alla malinconia. Le mie radici, la mia terra, la mia città, Bari, dalla quale sono ormai lontano da anni. So già che stasera, sul mio comodino prenderà posto un libro, che me la farà respirare: Né qui ne altrove una notte a Bari, di Carofiglio. L’autore ha più o meno la mia stessa età, e ha frequentato i luoghi della mia adolescenza. Quando riprendo in mano quel libro, mi sembra di ripiombare in quegli anni. La fotografia, a volte nitida, altre sfocata della città è sorprendentemente veritiera. Dico sorprendentemente, perché nessuno che non abbia vissuto nella città, avrebbe mai creduto che fosse così bella. Persino il quartiere Libertà, dove ho vissuto per dieci anni, appare nitido, nelle sue meravigliose sfaccettature e contraddizioni. Sullo sfondo della città, si consumano le emozioni dei tre protagonisti. Si, le emozioni, perché il romanzo è un crogiolo di emozioni del passato che si fanno presente, e accompagneranno i personaggi anche nel futuro. Esilaranti ricordi di esperienze adolescenziali, si alternano a nostalgiche considerazioni del tempo della giovinezza, quando tutto è possibile, e ci si sente padroni del mondo. Poi ci pensa la vita a metterti al tuo posto. E non è detto che sia un brutto posto, solo che potrebbe non essere quello che si voleva. Ma soprattutto “Né qui né altrove una notte a Bari” è un romanzo sulle radici. Quelle solide radici che ti hanno intriso della linfa che dà sapore alla tua personalità. Le radici che sono l’odore e il sapore della focaccia, insospettabile protagonista dell’epilogo del romanzo. Quelle radici che si sono allungate e piantate nella propria terra, quando ragazzino, si nutrivano dei tuoi sogni e delle tue speranze di salvare il mondo. Quelle radici che scopri di avere quando la lontananza le scopre nude all’aria, disorientate di non trovare più nutrimento. Scusate, è stata una giornata pesante.
Grazie Carofiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2013-11-08 18:07:12 mariaangela
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    08 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNO SCARTO IMPROVVISO DEL TEMPO.

Ammetto che con alcuni autori sono di parte. Ammetto la mia debolezza: amo leggere i loro racconti, le loro storie, amo sentirli narrare.
In questa lunga notte di dicembre 2007, dopo circa vent'anni di silenzi e assenze, tre vecchi amici di studi e non solo, si rincontrano e si raccontano, e si scoprono, forse solo ora veramente.
Nei suoi romanzi Carofiglio tiene sempre a sottolineare le bellezze della sua Bari, con i punti di incontro e svago, ma ci fa anche riflettere su ciò che viene abbandonato all'incuria, come ad esempio il Gran Cinema Margherita, chiuso e fasciato con impalcature, cartelloni e promesse solenni di restauro e pronta riapertura.
Il nostro scrittore, è anche magistrato e politico italiano, nei suoi libri presta sempre particolare attenzione alla realtà che lo circonda e alla prima occasione ce ne rende partecipi e ci da lo spunto per la riflessione. Anche in un romanzo come questo, all’apparenza leggero e divertente, gli spunti di osservazione, dialogo, rabbia, sono davvero tanti.
Il libro è a tratti molto molto divertente, come spesso capita leggendo i suoi romanzi, ti strappa sonore risate, è ugualmente spesso anche molto triste, sarà perché riesci a ritrovare qualcosa di te e della tua infanzia nei suoi ricordi, e allora le sue passeggiate diventano anche le tue, e i suoi sapori, odori, colori, mi fanno ritornare alla mente sapori, odori, colori che pensavo dimenticati per sempre. E anche abitudini che un tempo esistevano, come quelle dei “circoli privati” dove potevano entrare solo i soci o gli ospiti dei soci; una volta arrivati, alla porta immancabilmente chiusa, si bussava e alla domanda “siete soci” le risposte erano sempre le più inverosimili, ma comunque azzeccate, perché alla fine si entrava sempre. Beh a me è tornato in mente questo mio vissuto ed altro ancora.

Lo stile come al solito leggero e scorrevole facilita la lettura del romanzo in un pomeriggio.

“L'odore della focaccia. Davvero l'olfatto è il senso della memoria. Io ho l'impressione che, se sentissi di nuovo quell'odore, potrei ricordarmi cose che sono seppellite nella memoria e che probabilmente sono perdute per sempre.”

Buoni ricordi a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2013-05-22 19:00:56 Sydbar
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    22 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Né qui né altrove

Gianrico Carofiglio quanto ami la tua Bari??? Gianrico quanto sei legato al tuo passato? Quanta mlinconia hai dei tempi e dei luoghi vissuti?
Il sottotitolo dell'opera è "una notte a Bari", trattasi di un' odissea notturna dei tre protagonisti, tre vecchi amici che non si incontrano da anni e che all'arrivo dagli Usa di uno di loro decidono di concedersi una cena accompagnata da una notte vissuta tra ricordi lontani, strade piazze e quartieri di una Bari smagliante che funge da cornice ad un'opera che potrebbe essere apprezzata maggiormente da chi quei luoghi li conosce o da chi, leggendo il libro, si lascerà trasportare da un invito a godersi una delle città più belle, affascinanti e misteriose d'Italia.
Durante la lettura ci si lascia travolgere da sporadiche citazioni dialettali, da prelibatezze tipiche della terra pugliese e da quella che pochi conoscono e riconoscono come la baresità, inutile descriverla quest'ultima perchè o la si vive o non la si può capire.
Un racconto che lascia molta malinconia ma che purtroppo lascia un po' di amaro in bocca...chi si aspetta un legal thriller, genere per cui l'autore è famoso, rimarrà deluso. Sicuramente lettura consigliata a chi conosce ed apprezza Carofiglio ed il suo stile narrativo.

Dedico una citazione estratta da pagina 144 del libro: " Chi diceva di non leggere mai un libro che doveva recensire, per non avere pregiudizi?"

Buona lettura a tutti.
Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...romanzi autobiografici e itinerari turistici...ihihih
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2013-01-17 22:46:39 cinzia
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da cinzia    18 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 2013

banale

Senza pretese o come avrebbe detto il buon dante: Sanza infamia e sanza lode. Ho trovato particolarmente irritante la figura del protagonista, un borghese snob che si permette di giudicare gli altri...
Un po' noiosa la descrizione di Bari, vabbe' che si tratta di una rimpatriata tra amici che ripercorrono le strade della loro giovinezza, pero' l'autore poteva limitare la minuziosa descrizione dei luoghi e soffermarsi piuttosto a tratteggiare meglio i protagonisti che invece rimangono solo abbozzati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2012-12-30 17:50:41 Pelizzari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    30 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rimpatriata

Tre amici si ritrovano nella loro città dopo vent'anni, due non se ne sono mai allontanati, uno è andato invece a fare l'americano, ma si ritrovano, con un'incongrua naturalezza. Sono come tre sconosciuti rimessi vicini l'uno all'altro da uno scarto improvviso del tempo. Il piccolo libro si articola, in un'atmosfera di grande nostalgia, fra tanti gorghi nel fiume della memoria, dove i tre uomini si tuffano, perdendo anche l'equilibrio tra i loro pensieri. Protagonisti, oltre a loro tre, sono il tempo e soprattutto la città di Bari, con la sua trama di strade squadrate e regolari. Molto bello, come sempre nei libri di questo autore, lo stile, semplice, scorrevole, piacevole, ironico, intimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2010-12-06 14:17:08 Cristina V
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cristina V Opinione inserita da Cristina V    06 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Denso di...atmosfera.

Prima di commentare il romanzo vorrei fare una premessa.
Quando l'ho letto , ero dubbiosa su due fronti. Il primo: se ti abitui a leggere le storie con un personaggio come protagonista, ( vedi Montalbano, Guerrieri...), spesso rimani delusa del romanzo di tutt'altro genere....
Secondo: ero reduce da una delusione del genere, COCENTE,con il romanzo breve di Camilleri, "Un sabato, con gli amici" - secondo me, la peggiore produzione del mio scrittore preferito!

Potete dunque immaginare con quale predisposizione d'animo io l'abbia affrontato.
Mi sono dovuta ricredere, pagina dopo pagina.

Emozionante questa serata fuori programma dei tre amici , ex compagni di scuola...e di ciò che ne scaturisce...

Protagonisti: la voce narrante ( potrebbe essere l'autore ..o qualcuno di molto simile?), l'amico Paolo, docente universitario , ormai cittadino americano, e Gianpiero, ricco notaio, figlio di notaio. La classica persona arrivata, piena di "status symbol".
Da una serata insieme, con cena, parte una serie di "amarcord", su persone, luoghi, momenti....E poi amori, esperienze, incontri..

Intorno ai tre amici , in questa serata quasi fuori dal tempo, c'è Bari. Bari di notte, animata; le vie, i suoni, i rumori....
Una Bari così affascinante, che mi è venuta voglia di conoscerla meglio!

Poi , lentamente, l'atmosfera cambia , si fa più intima, ed emergono confidenze e situazioni dolorose: la vita di Gianpiero, con risvolti che forse non avrebbe voluto esternare...e una miriade di nostalgie, rimpianti, turbamenti.

Sembra che Carofiglio stesso, in questo lungo racconto, scopra cose di sè e della sua città, che forse non aveva ancora messo a fuoco; che questo processo gli sia servito per "guardarsi dentro".

Un racconto di una notte, scritto con lo stile come sempre impeccabile di Carofiglio; una notte e dei pensieri che potrebbero essere di ognuno di noi, in un'altra città, con altre persone, sotto un altro cielo.
Da leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2010-07-09 23:20:44 pinucciobello
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
pinucciobello Opinione inserita da pinucciobello    10 Luglio, 2010
Ultimo aggiornamento: 11 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore per la propria città

Bel titolo, come al solito, e bel gesto di amore di Carofiglio verso la sua città, Bari. Per caso si ritrovano alcuni compagni di liceo per una cena e da lì partono ricordi, sensazioni, confessioni. Il libro ha qualche parte un po' lenta, direi volutamente lenta, che tutto sommato non appesantisce.
La considerazione finale è che spesso sono le storie d'amore giovanili a condizionare il corso della nostra vita futura, nel bene o nel male, così come può accadere che i sentimenti di amicizia o di odio dell'adolescenza restano scolpiti dentro di noi per tutta la vita.
Da leggere

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
ad un pubblico over '40, meglio se nostalgico dei tempi della giovinezza
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2009-11-29 22:56:52 Moby
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Moby    30 Novembre, 2009

Nè qui nè altrove

Una chiara "speculazione" di un autore che ha avuto successo e che vuol sfruttarne l'onda.

Racconta l'adolescenza di un ragazzo borgese (Carofiglio), che vive in un quartiere borghese (Murat), ed è "costretto" a confrontarsi, a volte fisicamente, con ragazzi meno fortunati di lui, che vivono in una zona periferica a ridosso del murattiano.

Questi, stando al racconto, sfogavano la propria rabbia di emarginati cercando continui scontri con coetanei della ricca borghesia barese come Carofiglio.

Da questo scontro, ovviamente, Carofiglio ne esce vincente, non solo nell'età adulta quando da affermato magitrato incontra uno di loro nei corridoi del tribunale in un "ruolo" chiaramente differente dal suo, ma anche da ragazzo quando coraggiosamente stende a terra uno di loro.

Carofiglio ha perso una buona occasione per sottolineare i disagi di una generazione costretta a vivere ai margini della società, sempre etichettati da rampolli come lui come "cozzali" e delinquenti.

Chi scrive, ovviamente, era dall'altra parte della barricata...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2009-03-03 19:23:53 Giuseppe Palazzolo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Giuseppe Palazzolo    03 Marzo, 2009

Per i lettori più attenti...

La notte può essere molto diversa dal giorno, perché di notte possono accadere molte cose, non visibili alla luce del sole, fatti che ci riportano indietro, azioni che ci fanno rivivere il passato, un passato che forse non vorremmo più che ritornasse da noi. E’ proprio questo quello che accade in “Né qui né altrove – Una notte a Bari” romanzo scritto da Gianrico Carofiglio edito da Laterza, 2008. Non ci troviamo nella Bari splendente e luminosa che siamo abituati a conoscere, bensì in una Bari diversa, dove il tempo sembra essersi fermato ai tempi dell’adolescenza di tre ragazzi, ormai uomini che ritornano nel luogo dove sono racchiusi i loro pensieri da bambini. Tensione, Disagio, ma anche affetto e nostalgia sono le emozioni principali in una notte dove l’amicizia è la protagonista indiscussa. Un’amicizia che sembra essere cancellata per sempre dal passare del tempo, ma che in realtà è sempre stata conservata gelosamente e che questa notte vuole tornare alla ribalta a Bari, come un’attrice che dopo una lunga pausa riprende la sua gloriosa carriera acclamata dai fan in delirio. Contraddistinto da un lieve tratto ironico, il romanzo di Carofiglio descrive minuziosamente i luoghi di una Bari riscoperta, rispolvera le sensazioni e fa rinascere qualcosa che non è mai morto. Carofiglio mostra la crescita di tre bambini ormai diventati adulti... Ma cosa vuol dire l’essere adulti? Quando si diventa adulti? Leggendo il romanzo si capisce che non esiste un’età biologica in cui si diventa adulti, ma si capisce che per Carofiglio l’essere adulti non indica solo guidare una macchina sfrontata, ma bensì prendersi cura e amare una figlia autistica. Caratterizzato da una lettura scorrevole, alla fine del romanzo si ci ritrova con un forte senso di nostalgia, una nostalgia che ci riporta alla nostra adolescenza, la stessa nostalgia che diffonde in noi il desiderio di poter rivivere almeno per un’ultima volta i momenti più entusiasmanti della nostra giovinezza. Il romanzo di Gianrico Carofiglio, battezzato con un titolo che ci porta direttamente alla misteriosa notte di Bari, esprime forti emozioni che solo il lettore più attento può cogliere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2009-02-01 21:37:40 erbavoglio_70
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da erbavoglio_70    01 Febbraio, 2009

Ad occhi chiusi

Carofiglio? Sì, bravo, sì bravo, dicono da ogni dove. Bene, allora ho comprato il suo ultimo libro. Su Bari. (Poi, per consolarmi, anche due borse.) Lo ammetto: il fatto di aver letto la Duras la sera prima non ha giovato alla valutazione, ma, di certo non basta inanellare sequenze di parole in italiano corretto per suscitare emozioni. Queste, ma è solo una mia opinione, devono innanzitutto turbare colui che si accinge a condividerle con un foglio bianco. Uscivamo dal Maltese o dal Pellicano (quello di via Monte Grappa in particolare) scossi, profondamente scossi. Eravamo più di tre, eravamo in tanti, anche se poi ci sparpagliavamo in sottogruppi per le vie, le case, i vicoli di Bari. Non c'è quiete nella vita di un adolescente, né distacco, né saggezza, anche se può esservi malcelata solitudine. Non eravamo bravi ragazzi, di notte, perché quei locali fumosi ci donavano un'aria scapigliata così intensa da apparire autentica, e la vita diurna costituiva un mero contenitore di argomenti da cui evadere, fuggire. Amare Bari, anche se scorre sangue misto nelle vene, è facile. Lo hanno fatto in tanti, prima di noi. Alcuni, Carofiglio lo ha scordato, sono illustri figli della città e i loro nomi giacciono in bella mostra su lapidi bianche. Altri hanno recentemente dipinto Bari, quella sotterranea, quella che fa paura, ma sa far ghignare, al cinema. Molti si allontanano, per poco, poi tornano. Nel libro c'è tutto, troppo: la cucina, le librerie, il Petruzzelli, Punta Perotti... Grandi assenti: le emozioni di pancia. Non bastano frasi ad effetto, sporadici incontri con le canne (canne, non spinelli o droga, non siamo mica in questura), qualche striminzito ricordo adolescenziale, per apparire solidi ai propri lettori. Se il tema è la consapevolezza, non ci si può fermare all'attenzione. Il titolo, lo ammetto, è bello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2008-11-28 11:26:12 Piero Lupo
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Piero Lupo    28 Novembre, 2008

Davvero noioso

Ho letto tutti i libri di Carofiglio, sono arrivato a tre quarti e non ne posso più, storia di tre amici che si ritrovano svogliatamente a Bari dopo tanti anni, il libro è di una noia mortale e non so neanche se ho voglia di finirlo, si descrive la città com'è e com'era, i cinema locali, un capitolo per com'era il cane del protagonista, un capitolo per cosa hanno mangiato a cena. Che delusione...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Né qui né altrove 2008-11-21 08:49:52 Alessandro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Alessandro    21 Novembre, 2008

Ottimo me l 'hanno passato ma ...

Sono molto più giovane rispetto ai ragazzi della generazione descritta da Carofiglio ma il modo in cui viene descritta bari è davvero eccezionale. Io sono della città e quasi quasi la odio ma leggendo questo libro ho scoperto tante di quelle cose di cui non ero a conoscenza e ne ho rivalutate tante di quelle che consideravo in modo superficiale. Mi riconosco molto anch'io nei pensieri dei ragazzi , perchè anch'io ho tanta voglia di scappare...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Volevo tacere
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Allontanarsi. La saga dei Cazalet
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Il caso Malaussène
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prendiluna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per te morirei e altri racconti perduti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra loro
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il porcospino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dentro l'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Guardiani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri