Narrativa italiana Romanzi Un cappello pieno di ciliegie
 

Un cappello pieno di ciliegie Un cappello pieno di ciliegie

Un cappello pieno di ciliegie

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Vede finalmente la luce il romanzo che Oriana Fallaci chiamava "il mio bambino". "La vigilia della catastrofe [l'11 settembre 2001] pensavo a ben altro: lavoravo al romanzo che chiamo il-mio-bambino. [...] Un bambino molto difficile, molto esigente, la cui gravidanza è durata gran parte della mia vita d'adulta, il cui parto è incominciato grazie alla malattia che mi ucciderà, e il cui primo vagito si udrà non so quando. Forse quando sarò morta."— Oriana Fallaci, La Rabbia e l'Orgoglio. L'ultimo romanzo di Oriana Fallaci è la straordinaria epopea dei vari rami della sua famiglia, una saga che attraversa regioni d'Italia, nazioni e secoli.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 12

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (12)
Contenuto 
 
4.3  (12)
Piacevolezza 
 
4.6  (12)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un cappello pieno di ciliegie 2014-09-13 08:07:55 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    13 Settembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricordi taglienti, nostalgia mordente

Anche in questo romanzo, pubblicato postumo, Oriana Fallaci non smentisce la sua eccellente bravura e l’arguto spessore dialettico nel raccontare, con dovizia di particolari, accadimenti, fatti storici e saga familiare che hanno luogo nell’arco di quasi un secolo e mezzo; la scrittrice, infatti, è in cerca dei suoi “cromosomi” che riesce a trovare sin dalla prima metà del settecento attraverso le vicissitudini di quattro rami familiari che si intrecciano tra loro insieme all’inevitabile cronaca storica che vede protagonisti, insieme ai suoi arcavoli, personaggi illustri da Napoleone a Lincoln, da Cavour a papa Pio IX, da Mazzini al generale Lamarmora, che hanno tracciato la storia d’Italia e non solo. La lettura è scorrevole e affascinante la cui trama appare simile a un prezioso tappeto di seta dove trama e ordito possono considerarsi, rispettivamente, come la realtà storica e la cronaca dei quattro rami familiari che alla fine si incontrano, per volere del destino, in situazioni, a volte rocambolesche, che danno risposta al “perché” e al “percome” della nascita dell’autrice stessa. Romanzo che si legge in maniera veloce e permette di ripassare, nel contempo, la storia di quell’epoca riferita a battaglie, potere e allo sbocciare di nuovi sentimenti nazionali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2011-12-02 14:16:12 Bulalas
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bulalas Opinione inserita da Bulalas    02 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno scrigno di ricordi

E' con prudenza ed un pizzico di timore che mi accingo a parlare di quest'opera , di quest'autrice la cui memoria non poteva essere custodita in modo migliore. - “Il mio bambino”- queste le parole da lei usate per descrivere questo scrigno di ricordi , di paure, di amori, di trasgressioni.
Ottocentoquarantasette pagine di emozione e non solo quella, in questo caso mia in quanto lettrice, ma anche della stessa scrittrice e degli stessi protagonisti che pur vissuti secoli fa ci sfilano davanti, con le loro storie e le loro personalità, in modo lucido.
Poche parole, poche righe bastano per catapultarti in un mondo lontano, nel mondo di Oriana... nel mondo della coraggiosa e intraprendente Caterina, nel mondo del contadino Carlo, nel mondo avventuriero del marinaio Francesco, nel mondo rivoluzionario di Giobatta e Mariarosa, nel mondo di un misterioso uomo di potere di cui Oriana non vuole e non può citarne il nome, nel mondo stravagante di una donna di cui il mondo non ne conosce l'esistenza.... da un mondo all'altro, da una famiglia all'altra, da un storia d'Amore all'altra.
Oriana non lascia nulla al caso: rivisita ogni posto in cui parti di lei hanno vissuto in passato , lasciando trasparire la delusione quando edifici o strade per lei importanti non sono più lì. Descrive ogni posto, ogni città in un modo così dettagliato che non puoi fare a mano di sentirti parte integrante della storia raccontata.
Chi starà leggendo questa recensione si starà sicuramente chiedendo come sia possibile che sino ad ora nemmeno un difetto abbia disturbato la perfezione di queste pagine.... che dirvi?
Se anche ci si trova davanti a quello che soggettivamente può sembrare un difetto (come ad esempio i troppi approfondimenti storici nel mio caso ritenuti un po' noiosi) grazie al suo linguaggio scorrevole ma ricercato, si riesce tranquillamente ad andare oltre , incapaci di ritrarsi a quel vortice di vite ed intrighi di coraggiosi uomini e donne che hanno dato vita ad una delle scrittrici che più stimo. Una scrittrice che è riuscita a creare qualcosa di veramente innovativo in un periodo in cui l'innovazione e l'originalità sembrano ormai un optional.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2011-10-24 21:33:21 anna_k
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
anna_k Opinione inserita da anna_k    24 Ottobre, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un capolavoro!!!

Questo libro è un capolavoro! Una descrizione e ricostruzione delle origini della famiglia Fallaci attraverso la storia dei suoi antenati a partire dal Settecento, inquadrati nella cornice storica che a tratti sembra essere la vera protagonista. La giornalista riesce a trasmettere la simpatia personale nei confronti di alcuni di questi personaggi nei quali si possono ritrovare anche tratti caratteriali tipici dei Fallaci di oggi.. la forza e la sfrontatezza di Caterina Zani e il coraggio e la drammaticità di Anastasìa Ferrier. Molto significativo il tema dell'alfabetizzazione che si ritrova in ogni generazione come chiave di riscatto sociale. Suggestiva inoltre la figura dell'Innominato, il bisnonno aristocraticissimo e talmente importante da non potere e volere (per una promessa fatta a sua nonna) svelarne l'identità. Gli indizi lasciati nel corso del romanzo lasciano supporre che si tratti del re Vittorio Emanuele II...
Forte si rivela il senso della famiglia, simboleggiato dalla cassapanca appartenuta all'ava Caterina e contenente i cimeli familiari, passata di generazione in generazione fino alla scrittrice.
Un romanzo come pochi, ultimo regalo dell'inconfondibile penna di una grande giornalista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2011-05-15 16:36:53 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    15 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Grazie Oriana

Quest'ultimo romanzo della Fallaci, nasce dal bisogno dell'autrice di andare indietro nel tempo alla ricerca delle proprie origini, “dei cromosomi” come dice lei stessa più volte nel corso della narrazione, dando vita ad un'opera strepitosa, che definisco connubio perfetto tra saga familiare e romanzo storico.
Vengono narrate le vicissitudini di quattro nuclei familiari coprendo temporalmente un periodo che va dalla fine del Settecento al Risorgimento. Personaggi vivi e genuini sembrano prendere vita da queste pagine, ritratti con un realismo sconvolgente, grazie ad uno studio sopraffino degli usi e costumi dell'epoca, delle condizioni di vita sia del mondo agricolo sia di quello urbano.
Uomini e donne colti nelle mille sfaccettature della vita; gli amori, le gioie, i sacrifici, le avversità, le fortune e le disgrazie. Impossibile non amarli, non commuoversi, non divenire partecipi delle storie che li vedono protagonisti.
Straordinarie le figure femminili, donne caratterizzate a tutto tondo, psicologicamente studiate nei particolari, dipinte con una forte intensità nei momenti difficili della vita, pronte ad affrontare qualsivoglia problema con coraggio e spirito di sacrificio, fino ad apparire come vere e proprie eroine.
Magistrale anche la ricostruzione storica che fa da sfondo al racconto, in quanto regala al lettore una fotografia nitida dell'Italia, offrendogli la possibilità di rivivere avvenimenti salienti come le guerre d'Indipendenza, la presenza di Napoleone sul suolo italico,il dominio austriaco, il regno dei Savoia.
Gli eventi politici che hanno portato alla nascita della nostra nazione accompagnano l'intero racconto, ma grazie ad una amalgama sapiente e ben dosata col filone narrativo, risultano gradevoli e di notevole interesse.
Le ottocento pagine del romanzo scorrono ad una velocità incredibile,animate da uno stile brioso e frizzante,e supportate dalla penna inconfondibile della Fallaci, maestra nel trasmettere l'anima, scavare nei sentimenti, tanto da incatenare il lettore.
Leggendo questo romanzo non ho rilevato alcun intento auto celebrativo da parte dell'autrice, come si legge in qualche critica; tutt'altro. E' un libro di grande contenuto, elaborato al termine di un lungo lavoro di ricerca per consolidare le notizie già in possesso della famiglia, sviluppandole poi in un flusso narrativo che unisce realtà e immaginazione; insomma l'epopea degli avi costituisce solo lo spunto per lasciare un ultimo grande lavoro al pubblico.

Ottima lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2011-03-04 11:55:42 Jan
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Jan Opinione inserita da Jan    04 Marzo, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sonno della ragione...

Povera Oriana Fallaci...come è distante questo stile autocelebrativo ed autoincensante dalla dinamicitè e dalla freschezza di "Un uomo"...
Spero che il nipote, titolare dei diritti, ne tragga giovamento, ma questo libro, davvero, dagli "Arcavoli" alla "Giacoma" di turno...è una delusione continua.
Un passato fossile, uno stile vagamente pseudostorico,un'evidente manipolazione della realtà sono,chiaramente, gli ingredienti di questo malloppone completamente inutile.
Un parere personale: era meglio non editarlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
15
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2009-04-03 10:15:45 Grazia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Grazia    03 Aprile, 2009

mille emozioni

Bello, avvincente, storico, vero, fantastico, emozionante, malinconico, struggente...mille altre cose si potrebbero dire di un romanzo con tutti gli ingredienti per essere un capolavoro, senza però la leziosità e la pesantezza dei libri cosiddetti "seri". Le figure di Caterina e Anastasia sono tra le più affascinanti, intense e compelte che io abbia letto. E poi sono quasi sempre d'accordo con le idee che traspaiono dalle narrazioni. Peccato sia postumo e non abbia goduto questo enorme successo. Così è bello imparare la storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2008-09-02 06:11:49 Rosanna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Rosanna    02 Settembre, 2008

Un Cappello pieno di ciliege

Incredibile Oriana. E commovente , molto commovente nella quarta parte. Non solo perchè la figura di Anastasia è particolarmente bella commovente e interessante , ma perchè non credi proprio che con la sua morte il racconto finisca .Non credi che la grande falciatrice non le abbia lasciato il tempo di raccontare i nonni e i genitori. E li lasci con l'amaro in bocca i poveri Antonio e Giacoma , uniti da un legame quasi incomprensibile per chi non sa fino a che punto le generazioni dei nonni si "educavano" ad amarsi . Lo sfondo storico non stanca mai , semmai accende il desiderio di reimparare , di ricordare i molti eventi risorgimentali spesso dimenticati o confusi .Lo stile è eccelso ma questo me lo aspettavo , Oriana è maestra di stile e contenuto .Grazie Oriana

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri a sfondo storico
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2008-09-01 04:14:37 rosario
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da rosario    01 Settembre, 2008

storia d'italia

al di la della tanto discussa figura di oriana, questo libro è un capolavoro alla pari dei precedenti all'11 settembre, sia per stile, che per la cura della metrica e dei tempi di narrazzione tipici di Oriana. ammetto solo che odio il bilinguismo che usa in tutto il parlato. si, ti dà la senzazione vera di quello che si è detto, ti entra nel figurativo della mente, ma alla lunga stanca e se il francese non lo sai salti... mi hanno fatto sorridere le bucoliche avventure di caterina e commosso quelle di monserrat, ma la cosa che lo rende un vero capolavoro è che con i racconti tramandati dai suoi genitori lei è riuscita a raccontare un pezzo di storia d'italia. il risorgimento! visto con gli occhi dei contadini, dei marinai, dei nobili e dei politicanti. è entrata nello specifico di note bataglie e sull'effetto che hanno avuto su città e persone che a scuola non ti insegnano. ci ha raccontato di noi. questo libro parla di noi italiani. se penso che lo leggerranno anche a l'estero, che conosceranno la nostra gloriosa storia anche a l'estero... Grazie Oriana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri storici, biografici.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2008-09-01 03:22:18 Gianfranco Menghini
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Gianfranco Menghini    01 Settembre, 2008

Un cappello pieno di ciliegie

Più che la saga della famiglia Fallaci-Laurano-Cantini, quest’opera di grande respiro, è un romanzo di avventure. Laddove la giornalista finalmente usa la fantasia e il suo accentuato intuito femminile per l’empatia che dimostra nel descrivere le figure di Carolina, Montserrat e Anastasìe. Molti, forse troppi i riferimenti storici che tuttavia ci raccontano una storia di un’Italia minore, ma non per questo meno importante di quella che ci hanno ammannito nelle scuole degli anni del dopoguerra.

I personaggi principali sono così ben delineati anzi, in certi casi, così rabbiosamente tratteggiati, che bucano letteralmente le pagine.

Nella quarta parte, magnifica e amara la storia di Anastasìe con la quale l’autrice s’identifica. Romantica fine di una grande donna che intravedeva la Falciatrice venirle incontro a passi risoluti.

Grande affresco di vita italiana e romanzo-capolavoro che sarà di riferimento per le generazioni future.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le opere di Montanelli
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2008-08-27 22:44:13 Anna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Anna    28 Agosto, 2008

un libro buono come le ciliegie...

...una pagina tira l'altra...e vorresti quasi che quelli fossero i tuoi di avi, vorresti avere anche tu una cassapanca da cui estarre preziosi cimeli, vorresti aver conosciuto Caterina, vorresti aver visto l'aspide di Anastasia, vorresti aver salvato i fratelli Launaro e vorresti fare una carezza al volto sfigurato di Giobatta...e intorno a loro la storia dell'Italia, la nostra storia, quella che quasi ci eravamo dimenticati, che sembrava rilegata alle pagine dei libri delle superiori e che riaffiora, parola dopo parola, più chiara e coinvolgente di quanto non lo fosse mai stata...peccato per il senso di rammarico che ti lascia quando il libro finisce, non ci sono più pagine da sfogliare,ciliegie da gustare, avresti voluto che la voce narrante ti accompagnasse ancora e ancora, attraverso le vicissitudini dei suoi personaggi nella prima guerra mondiale, poi nella seconda, avresti voluto sapere della resistenza e di quando era saltata in aria la casssapanca nel 1944.. il nostro tempo con Oriana si è fatto corto, ma è stato prezioso!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2008-08-08 01:19:45 federica
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da federica    08 Agosto, 2008

rivivere il passato

Un libro si piacevole, ma non adatto a chi si aspetta un romanzo romantico. Pieno di eventi storiografici che tendono a dilungarsi e diventare talvolta prolissi ma comunque inevitabili per poter cogliere il senso più profondo e vero della trama e dei suoi personaggi, un romanzo che coinvolge e che necessita di una lettura attenta e paziente e che inevitabilmente di rimane dentro e ti suscita la voglia di conoscere i tuoi arcavoli con la speranza che anch'essi abbiano avuto una vita avventurosa come quella dei Fallaci, dei Launaro, dei Cantini o della grande avventuriera Anatasìa! Ben scritto, coinvolgente e impegnativo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
tutti i suoi libri e chi adora la storia ed i suoi segreti ed ombre
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un cappello pieno di ciliegie 2008-08-05 03:21:29 paolo federici
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da paolo federici    05 Agosto, 2008

l'innominato di Oriana

l'innominato di Oriana



(ATTENZIONE: QUI VIENE ANTICIPATA PARTE DELLA TRAMA)



nel suo libro "un cappello pieno di ciliege", la Fallaci ci racconta la storia dei suoi nonni, bisnonni ed arcavoli (come li chiama lei).

Con un "innominato" del quale non può fare il nome avendolo giurato, sul letto di morte, alla sua nonna Giacoma, che glielo ha rivelato.

Però, in tutto il libro, traspare la voglia di farcelo sapere ...

Ci dice, infatti, che si trattava di un "celeberrimo e ultraristocratico" personaggio (sic!) che nel 1864 mise incinta la sua bisnonna Anastasia.

Dandoci due date 1816-1878 (inserite nell'albero genealogico che appare nella seconda di copertina), Oriana intende darci due indizi che però non possono, non devono, non vogliono essere determinanti.

Sarebbe troppo facile inserire le due date su google e trovare il nome di un "famoso" personaggio.

Se le due date fossero veritiere.

Allora facciamo una ricerca "a rovescio": prendiamo il più famoso personaggio (celeberrimo e ultraristocratico) dell'epoca e vediamo come potrebbero quadrare proprio quelle date.

E' lui: Vittorio Emanuele II, re d'Italia.

Che (nel 1864) avrebbe certo potuto incontrare "Anastasia" in uno chalet fuori Torino.

Che - come ci racconta Oriana a pagina 592 - aveva una moglie gelosa ed una prole numerosa (nel 1864, anno nel quale sono vissuti i sei mesi del grande amore di Anastasia, il re aveva già sette figli!)

Che la differenza d'età fosse di più che vent'anni (Anastasia era nata nel 1846, il re nel 1820).

E allora facciamole quadrare quelle due date: 1816 e 1878.

Sul 1878, anno della morte, non c'è niente da scoprire: Vittorio Emanuele II muore il 9 gennaio 1878.

Quindi questo dato è esatto.

Sul 1816, anno della nascita ... invece c'è il trucco: non potendo indicare l'anno esatto (1820) che, altrimenti, avrebbe reso la ricerca fin troppo facile, Oriana ha preso l'anno in cui Vittorio Emanuele II è diventato Re d'Italia, che era il 1861 ... ed ha semplicemente inverito le ultime due cifre (1816) per rendere attendibile la data di nascita riportata nell'albero genealogico.

Insomma, l'enigma è risolto ed oggi possiamo affermare che il sangue dei Savoia scorreva anche nelle vene di Oriana Fallaci!

Paolo Federici

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I Guardiani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Anime scalze
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bruciare tutto
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Io sono Dot
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leggenda privata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore che mi resta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quasi niente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da dove la vita è perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La musa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre piani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri