Narrativa italiana Romanzi Una parola negli occhi
 

Una parola negli occhi Una parola negli occhi

Una parola negli occhi

Letteratura italiana

Editore



La trama e le recensioni di Una parola negli occhi, romanzo di Marco Forni pubblicato da Edizioni Forme Libere. In un ambiente alpino, coronato dalle guglie dolomitiche, si muovono personaggi molto particolari: un raccoglitore di rifiuti, un becchino, un ragazzo che scrive con gli stuzzicadenti, gli adepti di una setta misteriosa che rapiscono i bimbi appena nati… Ma la vera protagonista è la lingua, in tutte le sue variabili. Lingua scritta, parlata, dialetti, lingue antiche, infantili, libri, manoscritti, disturbi linguistici. Alla fine il ricco puzzle, narrato con stile originalissimo, ricompone le sue tessere e svela la soluzione del mistero.

Marco Forni (1961) vive a Selva Gardena tra le Dolomiti. Di mestiere si occupa di parole: dette, raccontate, scritte e ascoltate; parole dimenticate o entrate nell’uso. Ha scritto saggi di carattere sociolinguistico, storico-etnografico e lessicografico. È autore del Wörterbuch Deutsch – Grödner-Ladinisch. Vocabuler Tudësch – Ladin de Gherdëina e del Dizionario italiano-ladino gardenese. Ladino gardenese-italiano, in corso di stampa. È stato cofondatore e redattore della rivista plurilingue di letteratura e arte Tras – forum culturel.

Recensione della Redazione QLibri

 
Una parola negli occhi 2013-06-11 06:22:00 Ginseng666
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    11 Giugno, 2013
Ultimo aggiornamento: 14 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La parola come forma e mezzo di comunicazione...

Un libro dallo stile innovativo, dal linguaggio schietto e originale, unico nel suo genere...
Difficile associare questo libro a un'altra opera, perchè davvero, io che sono una appassionata lettrice, non ne ho mai visionato uno così..
L'autore ci propone una storia insolita, con uno stile che si diversivica dagli altri, per la sua unicità...
L'ambiente montano all'apparenza puro e incontaminato...nel quale si muovono dei personaggi bizzarri, particolari: un becchino, un operatore ecologico, un ragazzino che scrive con gli stuzzicadenti, una setta che rapisce i bambini per utilizzarli in strani ed oscuri rituali...
In realtà, in questo libro si parla di linguaggio, di parole e delle modalità per farne uso...
Infatti che cos'è in fondo un romanzo? Un mosaico azzeccato di parole, il cui insieme lo rende affascinante, divertente o noioso...
Le diverse forme della lingua che ci vengono presentate fanno parte in fondo del nostro bagaglio culturale, la comunicazione è il clu della nostra esistenza e ricopre ogni nostro approccio con il prossimo: il dialetto, le lingue antiche, lingue infantili, i difetti linguistici, i manoscritti...tutto ciò è parte integrante del libro e costituisce in realtà il vero soggetto della storia, in cui si muovono, i personaggi di questa insolita vicenda...
Vi è un mistero che l'accomuna e mentre si legge, la trama diviene più complicata, segnata da squarci di buio...corruttore di questi paesaggi incantati...E mi son chiesta a un certo punto: dove volesse arrivare l'autore...Dio confuse la lingua agli abitanti di Babilonia, perchè avevano peccato di superbia...
Io sono rimasta confusa fino alla conclusione della storia, quando come un'improvvisa illuminazione, si è presentato il finale del libro con la sua precaria soluzione..
Egli mantiene sempre un tono leggero anche quando parla di vicende tragiche in modo lieve, senza calcare la mano ....ma la vita è fatta anche di questo....tragedie, drammi, traumi che non si possono superare e che restano come scogli invalicabili nella vetta faticosa della nostra vita..
La comunicazione poi non ha senso se la si può ricondurre solo alle parole; infatti uno sguardo può essere un mezzo assai più efficace della lingua...
E la parola a volte non riesce a prendere voce nella nostra bocca, ma rimane sospesa come un muto messaggio sulle nostre labbra...
Non tutte le parole si possono pronunciare, anche per ovvie ragioni di convivenza civile, ma con gli occhi si può sempre agevolmente comunicare il proprio mondo interiore...
Non per nulla, affermava qualcuno, gli occhi sono lo specchio dell'anima.
"La mimica rende più vive le nostre parole e conferisce loro più forza. Essa è più delle parole, che possono essere falsate, rivela i pensieri e le intenzioni altrui. La libera espressione di un'emozione per mezzo di segni esteriori, la rende più intensa. D'altro canto, la repressione di ogni segno esteriore, nella misura in cui è possibile, sfuma le nostre emozioni." Charles Darwin
Consiglio questo libro a tutti, anche per la sua originalità.
Non si può dire che si tratti di un capolavoro, ma sicuramente è carino e interessante.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
.
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il labirinto degli spiriti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'arte di essere fragili
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'informatore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La paranza dei bambini
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le cure domestiche
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Crocevia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Viva più che mai
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Orfani bianchi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Il segno della croce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Scherzetto
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Paradise sky
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)