Narrativa straniera Avventura Il segno della croce
 

Il segno della croce Il segno della croce

Il segno della croce

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Intorno a loro, si apre l’infinito deserto di ghiaccio e vento dell’Antartide. Dopo ore di faticoso cammino, il gruppo di uomini raggiunge il punto segnato sulla mappa. E lo individuano: l’ingresso di una caverna scavata decenni prima da chi li ha preceduti in quel continente disabitato. Quando entrano, in religioso silenzio, si trovano davanti un museo ideato per conservare reperti che il mondo crede perduti per sempre. Ma quegli uomini sono arrivati lì per due oggetti soltanto. E adesso li stringono tra le mani. Ne manca ancora uno, poi l’alba di una nuova era sorgerà sul mondo. In un piccolo paese dell’Abruzzo, un giovane sacerdote si alza dal letto. Il dolore è lancinante. La fasciatura intorno ai polsi è intrisa di sangue. Con cautela, il prete scioglie le bende. Le sue suppliche non sono state esaudite, le piaghe sono ancora aperte. Il sacerdote chiude gli occhi e inizia a pregare. Prega che gli sia risparmiata quella sofferenza. Che gli sia data la forza di superare quella prova. E che nessuno venga mai a conoscenza del suo segreto. Una ricerca iniziata quasi 2000 anni fa e giunta solo oggi a compimento. Un’ossessione sopravvissuta alla guerra che segnerà il destino di tutti noi. Una storia la cui parola «fine» sarà scritta col sangue...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.6
Stile 
 
2.3  (3)
Contenuto 
 
2.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il segno della croce 2017-05-15 05:57:54 cosimociraci
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    15 Mag, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi vivrà vedrà

Nonostante il mio scetticismo sono molto attratto dal tema religioso poiché lo ritengo sempre molto stimolante soprattutto dal punto di vista storico. Dopo quello che ho ritenuto un flop, la trilogia dei Dannati, Glenn Cooper ci propone un romanzo molto interessante e dal tema delicato. Cooper mi spinge a cercare una convergenza tra fede spirituale e credenze scientifiche e mi conforta il fatto che l'autore ricorda quanto scetticismo c'è stato da parte della Chiesa nei confronti di Padre Pio per le Sue stigmate.
La trama è ben sviluppata e sovrappone diversi piani temporali facendo sì che il passato si intersechi con il presente nell’arco dell’intero romanzo. Il ritmo non è proprio incalzante come speravo.

Adoro il fatto che sia ambientata in Italia e che l'ispirazione di Cooper sia nata proprio da una vicenda raccontatagli da un arcivescovo di Lecce.

Ottimo il finale a sorpresa. Non voglio sbilanciarmi troppo su Cal Donovan poiché è un personaggio ancora da scoprire. Infatti, nonostante questo sia un romanzo autoconclusivo, Cooper ha promesso una nuova serie con Cal Donovan come protagonista (almeno 5 libri ha dichiarato in un intervista).

Se le premesse sono queste, c'è da sperare bene.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il segno della croce 2017-02-19 07:47:07 saurafumi
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
saurafumi Opinione inserita da saurafumi    19 Febbraio, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La solita sbobba di Glenn Cooper

Questo libro è la solita accozzaglia di svastiche, croci, salti temporali, ricerca del potere eccetera a cui ci ha ormai abituato Glenn Cooper.
Uno scrittore sopravvalutato, forse il più sopravvalutato di tutti, il cui stile (se di stile stiamo parlando) è talmente scarso ed elementare da riuscire solo ad imbastire dialoghi ridicoli e banali, senza un minimo di ricercatezza sia nelle descrizioni dei fatti che delle persone, senza un minimo di accortezza nella ricerca lessicale, con le stesse parole che si ripetono in tutte le pagine, senza un minimo di accuratezza.
Le sue storie sono sempre banali, il solito pastrocchio dal cui esito dipende la fine o la continuazione del mondo, e l'eroe di turno è sempre la solita figura che si muove all'interno delle pagine in modo sconclusionato, senza un minimo di narrativa nelle sue azioni, senza una logica: ad esempio, per descrivere un pestaggio, parte col primo pugno e la riga dopo è già finito tutto.
Glenn Cooper è uno scrittore che non sa scrivere, un bambino di 10 anni saprebbe essere meno scontato di lui. Ha avuto fortuna con i suoi primi due libri della serie della Biblioteca, poi sarebbe stato meglio che avesse smesso.
Lettura inutile, non perdeteci il vostro tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il segno della croce 2016-11-19 06:28:46 Vania Russo
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vania Russo Opinione inserita da Vania Russo    19 Novembre, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il segno dello scrittore

Il romanzo di Cooper non delude le aspettative, è avvolgente, prima ancora che coinvolgente e questa è la sua caratteristica più incentivante.
In un mondo in cui tutti scrivono, ci sono ancora scrittori, Cooper è uno di questi. I personaggi, tutti quanti: Cal Donovan, Lambret, Giovanni, perfino Himmler (che Cooper osa rievocare narrativamente) sono convincenti, ben tratteggiati e accattivanti, nel bene e nel male.
La trama, che ogni tanto suggestiona con le atmosfere anni trenta e poi viaggia in diverse epoche in flashback ottimamente costruiti, per tornare sempre all'oggi protagonista spazio temporale della storia, è costruita con lo scalpello di uno scultore.
Niente è lasciato al caso, tutti i nodi tornano al pettine e la soddisfazione leggendo è proprio quella di ritrovare riannodati tutti i fili.
Il ritmo un po' lento nella fondazione, si slancia nello sviluppo e schizza nello scioglimento, diventando adrenalinico.
È un romanzo scritto da manuale. Perfino i cliché, come l'investigatore americano affascinante e donnaiolo o il neonazista torturatore e cattivone, risultano accattivanti e avvincenti, perché lo scrittore, consapevolmente, li utilizza certo di suscitare sentimenti ed emozioni già note.
Non ci sono le solite scene di erotismo esplicito, anche in questo Cooper rischia, rispetto alla narrativa oggi in piazza, e lo fa con stile eccellente, lasciando sentimenti, desideri, passioni in sospeso, alimentando così la tensione emotiva della lettura e dimostrando che si può "vendere" anche senza svendere il mestiere di scrittore.
Nonostante questo, ci sono delle fragilità:
- i dialoghi, sebbene realistici, sono macchiati dal ripetersi di espressioni reiterate e fastidiose come i continui "be'" gli "un po'" e le forme tipiche del colloquiale americano, perfette per il protagonista Cal Donovan, un po' meno se a pronunciarle sono Himmler o i cardinali italiani;
- le relative spuntano come funghi, (forse un problema legato alla traduzione) ma ci sono passaggi in cui si contano anche cinque "che" di fila e questo rende la prosa saltellante e poco fluida;
- il co-protagonista Cal Donovan, esperto di miti e religioni, ne sa perfino più degli italiani su certe faccende di storia e religione, come per esempio quando fa una lezione di storia a una giovane docente italiana sull'eresia catara. Perdonabile, ma poco credibile;
Al di là di queste piccolezze di stile, la pecca più grande, secondo me, è il finale segnato da troppi colpi di scena. Cooper da' ritmo e sa farlo molto bene, ma infila 4/5 colpi di scena in poche pagine. Alla fine chi legge rischia di non capire nemmeno cosa stia succedendo, soffocato dagli accadimenti e questo è un peccato.
Un ultimo pensiero va al "papa nascosto" mi riferisco a papa Francesco, celato dietro il nome di Celestino. Cooper lo fa per rispetto o per timore? Dettaglio curioso in un libro tutto da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri