L'isola L'isola

L'isola

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Se il professor Victor Henrik Askenasi, proveniente da Parigi e diretto in Grecia, ha deciso di fermarsi a Dubrovnik, è forse perché è lì che ha un appuntamento con il destino. Perché lì, forse, troverà la risposta alla domanda che da sempre lo tormenta - quella che lo ha spinto a lasciare sua moglie, i suoi studi e la sua cattedra, e ad andare a vivere con una ballerina russa. Situazione banale, in apparenza, sebbene altamente «sconveniente». E invece no: alla turbinosa Eliz, come a tutte le donne che ha incontrato, Askenasi non ha fatto altro che chiedere quella risposta. Ma nemmeno lei, nella sua generosa impudicizia, ha saputo dargliela. Adesso, allorché decide di andare a bussare alla porta di una sconosciuta, Askenasi sente che la risposta è vicina, che è infine arrivato il momento di oltrepassare quel limite al di là del quale forse c'è l'oscurità della follia - o forse la verità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'isola 2017-07-28 12:28:17 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    28 Luglio, 2017
Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le ambiguità dell'amore

Questo romanzo potrebbe essere considerato il negativo della sorella. Mentre nella sorella il protagonista preferisce all'amore il Sacrificio, una scelta quasi mistica, in questo romanzo il protagonista si orienta invece verso l'amore (fisico) perseguendo la sua scelta fino alle conseguenze più estreme in una modalità difficile da comprendere per il lettore. il professor Victor Henrik Askenasi ci racconta di come abbia lasciato per amore la bellissima moglie e la figlia per le quali non provava più nè affetto nè interesse. E in questa totale mancanza di interesse troviamo uno dei sintomi della malattia dell'anima che lo colpisce. Gli amici lo accusano di non essersi preso un'amante come fan tutti ma di voler per un suo idealismo, portare la relazione fino alle estreme conseguenze: abbandono della famiglia e nuovo matrimonio. La reazione di scandalo è molto borghese e benpensante. Nessun si preoccupa di altro che della forma e non delle persone coinvolte. Quello che emerge è che nella nuova relazione non c'è traccia d'amore ma solo la ricerca del piacere fisico portata fino all'estremo. Quasi all'estremo anzi, vedendo il seguito. In realtà il professore non esita a lasciare anche la nuova amante quando è stato traghettato fino al punto in cui poteva arrivare, dopo aver esplorato i limiti di questo nuovo rapporto e del piacere sensuale che poteva procurargli. La ricerca del piacere porta il professore oltre il limite (vedi la bestia umana) ad esplorare le radici dell'amore che sono radici perverse e di morte. A fine libro ci troviamo in una situazione simile alla sorella, il bivio, le due strade, quella esplorata e l'altra di cui si vede solo un breve tratto, e di cui si indovina una maggiore serenità. La via della materia porta alla morte e non all'amore, il professore forse solo meno facile da accontentare del lettore, ma non diverso da lui, è stato ingannato. Si sente ingannato. Il finale è di redenzione almeno in parte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La bestia umana di Zola, la sorella.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'isola 2016-09-29 15:17:01 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    29 Settembre, 2016
Ultimo aggiornamento: 30 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inquietudine di colpa vestita.

Il flusso di una vita può sorprendere o trascinarsi tra domande e misteri irrisolti, un attimo di follia può indirizzare un' esistenza e rovinarla per sempre.
Il professor Askenasi, linguista di fama, sulla soglia dei 50 anni, ha abbandonato la moglie e la propria radicata quotidianità per un capriccio improvviso inviso ai più.
Si è invaghito di Elik, misteriosa ed affascinante ballerina russa conosciuta in metro, con cui vive una intensa quanto breve avventura, spentasi sul nascere con la fine del desiderio ed il ripetersi di una noiosa routine.
È stato un colpo di fulmine, o semplicemente la ricerca di altro, quella passione e quell' idea dell'amore che, in fuga da un matrimonio ormai esangue, neppure la propria professione consolidata, la ragione, i libri e lo studio gli avevano dato.
Ed allora intraprende un viaggio verso la Grecia rincorrendo una risposta alle proprie inquietudini ed un nuovo senso di se'.
Farà tappa a Dubrovnik, ed all' interno di quell' Hotel Argentina ormai decaduto, evanescente, che conserva il ricordo della propria grandezza, tra volti sconosciuti e figure bizzarre, in una lentezza esasperante come il torrido caldo primaverile si consumerà un'altra storia.
C' è una donna dai movimenti flessuosi, una scala, uno sguardo solo accennato,gesti ripetuti, una idea nella testa.
Askenasi si ritroverà solo su una minuscola isola deserta, immerso in una natura selvaggia e nei propri pensieri, braccato dall' ombra di un destino segnato, nudo e tremante, e, a detta dei più, con un sorriso " beffardo e feroce " dipinto sul volto.
Ma che cosa realmente insegue, quale domanda o risposta non data, dopo anni in cui quella maschera di se' riconosciuta ed approvata dagli altri lo ha d' improvviso abbandonato e che cosa gli manca, o semplicemente desidererebbe, e lo spingersi oltre potrebbe rivelarsi un gesto di pura follia?
In un finale tumultuoso ed inquietante Askenasi mette a nudo la propria anima, dialoga con il Creatore, mentre i personaggi di contorno continuano ad essere evanescenti, oggetti tra tanti, e freddamente rappresentati, i dialoghi scarni, quasi assenti, la narrazione lenta, spoglia, il tempo scandito dalla memoria e dai flashback, in un pensiero psicanalitico ed autodefinente.
In " L' isola " la scrittura ed i temi di Marai sono ben riconoscibili, indagine psicologica, amore e tradimento, relazioni, solitudine, ricerca di se', incomprensione ed indifferenza.
Ragione e sentimento non scorrono paralleli, il vuoto è nella testa del protagonista, che insegue se stesso, una profondità negatagli dal proprio vissuto, dalle convenzioni sociali, ma che non trovera' nell' eccesso sentimentale, nella passione, effimera e mutevole, ingrigita dal tempo, ne' nella follia, anticamera della propria rovina e punto di non ritorno.
Spoglio di tutto, levatosi gli abiti che conservano oggetti, ricordi, ripetizione, forma, in perfetta solitudine di fronte alla natura incontaminata, infinita, analizza il senso della propria esistenza, le piccole cose ed i grandi sentimenti, sa di non essere riuscito a vivere pienamente ne' con le parole ne' con i fatti, ustionato da un fuoco lento che ha bruciato le sue carni e da quello stillicidio che ha continuato, quotidianamente, ad erodere la sua esistenza.
Si sente sconfitto dalla indifferenza, dalle piccolezze, ingannato, abbandonato da Dio, travolto dalla propria insipienza e rovinato per sempre.
Amore e morte si sono riuniti in un gesto estremo, forse la vita andava solamente vissuta, ogni risposta al profondo non è attuabile, la pace interiore si raggiunge nell' armonia di passato e presente ed in un ricongiungimento, in primis con il proprio io sofferente.
La confessione finale è redenzione, lo sguardo sorridente all' isola selvaggia pacificazione con l' eterno, tutto il resto, ahimè, espiazione di una colpa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
l' autore, Musil.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimenticare
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il maestro
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri