Raggi di luna Raggi di luna

Raggi di luna

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Sposi per un anno. Questo è il patto che Nick e Susy Lansing hanno stipulato: rimanere uniti nella buona sorte fino a quando il denaro dei regali di nozze e l'ospitalità degli amici consentirà loro di continuare la luna di miele. Fin dall'inizio, la macchina perfetta del matrimonio concordato si inceppa, incalzata da un elemento imprevisto: l'amore. Capriccioso, incoerente, poco incline a compromessi e a sfumature, esso si insinua nella mente ordinata e onesta di Nick, e in quella di Susy, incapace di rinunciare ai suoi sogni di grandezza. E allora, di nuovo soli,"liberi", come amavano dire prima di sposarsi. Ma l'amore che paradossalmente li ha separati, si è talmente insinuato nel loro cuore da ricongiungerli.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Raggi di luna 2017-01-10 10:40:52 lapis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    10 Gennaio, 2017
Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Matrimonio con scadenza

Pur essendo lontani dalla bellezza di “L'età dell'innocenza”, questo breve romanzo racchiude la stessa lucida e impietosa rappresentazione della ricca società americana di inizio Novecento. Edith Wharton dimostra ancora una volta la propria maestria nell'osservare e mettere a nudo le convenzioni, le frivolezze e le ipocrisie caratterizzanti il patinato ambiente in cui è nata e cresciuta.

E’ una cornice di lusso e splendore quella che fa da sfondo alla romantica luna di miele di Susy e Nick Lansing: una bellissima villa sulle sponde del lago di Como al chiaro di luna, un antico palazzo veneziano, un panfilo elegante attraverso cui solcare i mari. Eppure c’è qualcosa che non va. Perché Nick e Susy non sono giovani rampolli di qualche benestante famiglia americana e non avrebbero alcun titolo a godere di questo scenario dorato. Fanno semplicemente parte di quell’entourage di parassiti che gravita intorno alla cosiddetta aristocrazia del denaro facendo dell’arte di arrangiarsi la propria legge. Giovani dalla bella presenza, presunti intellettuali da salotto o sedicenti artisti che passano le giornate tra inviti, omaggi e pettegolezzi, in cambio di piccoli favori e obblighi sottaciuti.

Nick e Susy sanno bene di non potersi amare perché la loro unica opportunità per garantirsi un posto in quel mondo sarebbe un buon matrimonio. Ma perché non siglare un accordo con scadenza? Un anno. Il tempo per godere degli assegni ricevuti come dono di nozze e dell’ospitalità nelle belle case offerte per la luna di miele; per poi cercare una sistemazione sentimentale più conveniente. Invece entra in scena l’amore. E all’improvviso quei compromessi morali, accettate e inevitabili conseguenze della propria vita parassitaria, diventano imperdonabili se a commetterli è la persona che si ama. All’improvviso quel pragmatismo nei rapporti, così comune tra i propri benefattori, appare inaccettabile.

E allora lasciarsi o affrancarsi? Ma può esistere libertà morale e sentimentale quando non si ha libertà materiale ed economica? E’ un interrogativo estremamente attuale ancora oggi, in una società come la nostra in cui il rispetto di sé sembra essere assicurato da ricchezza e posizione sociale e regolato dai meccanismi dell’apparire. Ecco perché non posso che consigliare i romanzi di quest’autrice, così abile nell’indagare la psiche umana in relazione alle convenzioni sociali che ne regolano i comportamenti. E nel mettere in luce le nostre stesse ipocrisie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri romanzi di quest’autrice
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nel guscio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il cuore degli uomini
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendicatrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tante piccole sedie rosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le nostre anime di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
La mia vita non proprio perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A cantare fu il cane
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Commedia nera n.1
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eroi della frontiera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Magari domani resto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'arminuta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri