Viaggio al centro della Terra Viaggio al centro della Terra

Viaggio al centro della Terra

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Viaggio al centro della Terra, romanzo di Jules Verne edito da Einaudi. Si parte da un cratere spento fra i ghiacci d'Islanda e, seguendo il crittogramma di un viaggiatore e alchimista del Seicento, si arriva all'isola di Stromboli. Ma non è un viaggio per mare, bensí attraverso il centro della Terra, dove ci sono oceani vastissimi, animali preistorici, pericoli e avventure a ogni passo. Fino a quando un'esplosione e un'altissima colonna d'acqua non catapultano all'aria aperta il terzetto di protagonisti. Il genio dell'immaginazione mescola sogni ed echi di fantascienza in un vortice di avvenimenti che germinano in continuo.

Di Jules Verne (Nantes 1828-Amiens 1905), Einaudi ha pubblicato Viaggio al centro della Terra, nella traduzione di Carlo Fruttero e Franco Lucentini, Il giro del mondo in ottanta giorni, Ventimila leghe sotto i mari, I figli del capitano Grant e L'isola misteriosa.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate (quindi non scrivere solo 'e' un bel libro');
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms ne' errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire piu' di 3 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Viaggio al centro della Terra 2014-08-18 07:54:49 Valerio91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    18 Agosto, 2014
Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Viaggio sbrigativo al centro della terra

Seppur fino a prima della lettura di questo libro non avessi ancora letto nulla di Jules Verne, è un autore che mi ha sempre affascinato. Alcune delle sue opere sono decisamente delle pietre miliari, che leggerò sicuramente a breve dopo questo “Viaggio al centro della terra”.
La scrittura di Verne è semplice, scorrevole e coinvolgente. La storia che ci va a raccontare immagino fosse, per gli standard dell’epoca, decisamente originale, ed una volta giunti alle viscere della terra(non proprio al centro, attenzione), le ambientazioni si fanno a loro volta suggestive e ben descritte dall’autore, che permette al lettore di farsi un immagine se non ottimale, quantomeno ben chiara dei luoghi descritti.
Quello che lascia un po' con l’amaro in bocca è la velocità vertiginosa con la quale si svolgono gli eventi, dalla scoperta della possibilità di arrivare al centro della Terra da parte del geologo Lidenbrock e del nipote, che decifrano del codice runico in tempi degni di Husain Bolt, fino all’ uscita dalle profondità della Terra. Si ha la sensazione che molte situazioni si potessero sviluppare di più e meglio. Un esempio? Ma come, un geologo così affamato di scoperte e di avventure, alla vista, da lontano, di un abitante delle viscere della Terra, seppur di grandi proporzioni, scappa immediatamente a gambe levate? Ma d’altronde dovevo aspettarmelo che, dopo aver incontrato libri lunghi decisamente più del dovuto, ne avrei incontrati altri più brevi di quanto avrebbero dovuto essere.
Nonostante ciò il libro scorre piacevolmente, e veniamo accompagnati nelle viscere della terra dai nostri coraggiosi protagonisti, che ci mostreranno però, che talvolta nemmeno il coraggio più incrollabile, la fame di successo, gloria e scoperte, permettono di superare i limiti insormontabili che la natura ci impone. Ci sono cose che non sono decisamente per gli esseri umani, e mai lo saranno.
Questa recensione è decisamente breve e sbrigativa, ed è una cosa voluta, così da rendere onore al libro e renderne l’idea.

“Ma finchè il cuore batte, finchè i polmoni respirano, io non permetto che uomini dotati di volontà si abbandonino alla disperazione!”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Viaggio al centro della Terra 2012-06-28 08:42:17 Yoshi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    28 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un bel viaggio da fare

Tutto comincia da un vecchio libro che ha il Professor Lidenbrock che contiene un messaggio cifrato composto da rune e questo, accompagnato da suo nipote Axel, sarà l'inizio del loro meraviglioso viaggio.
I personaggi li ho trovati molto belli e si impara ad amarli nel corso della storia.
Il professore così pignolo, quadrato e iroso, quasi insofferente alla presenza del nipote, troverà il suo opposto nel momento del bisogno.
Axel, giovane e titubante nipote, parte all'avventura diffidando della veridicità di ciò che suo zio decide di affrontare.
All'inizio così distanti e così diversi tra loro, troveranno un punto d'incontro e di forza quando le difficoltà arriveranno a sfidarli.
Non sono però gli unici protagonisti.
Verranno aiutati da una guida che con la sua conoscenza di scalate, corde e picchetti, li aiuterà ad affrontare punti difficili e tortuosi.
Partiranno da Amburgo per arrivare fino al vulcano in Islanda che sarà l'accesso al loro viaggio verso il centro della terra per poi tornare verso casa per vie ben più comuni del viaggio che li attende, arricchiti però della conoscenza.
E' una bella avventura e piena di colpi di scena e grazie alla sapiente cultura del professore, che con i suoi aiutanti, ripercorrerà i vari strati che compongono la crostra terrestre, trovando fossili di animali estinti ormai da secoli che, ovviamente creerà l'eccitazione dei personaggi a continuare il loro cammino.
Non sarà una passeggiata facile e liscia come l'olio perchè dovranno fare i conti con il calore elevato, l'assenza di acqua che li porterà a deliri, scalate e discese che metterebbero alla prova anche il più esperto alpinista, troveranno dinosauri, mostri marini e piante dalle dimensioni incredibili e molti contrattempi.
Un lungo viaggio che vi porterà a sentire la fatica nei vostri muscoli per l'intensità e la maestria con cui è stato scritto questo meraviglioso libro.
L'unica nota dolente che non mi ha permesso di dare a questo libro ottimi voti, è la continua presenza di termini geologici e scientifici complessi che si possono vivere in due modi: 1) consultare costantemente la ricerca in internet per capire di cosa sta parlando; 2) leggere senza fare troppo caso alle parole e goderndoti il viaggio.
Io ho provato entrambi i modi.
Il primo però, rischiava di farmi uscire pazza rendendomi il libro oltremodo pesante.
Utilizzando il secondo metodo invece, mi ha fatto perdere parte di quella sorpresa che provano i personaggi durante il cammino facendomi sentire esclusa dall'avventura.
Come quando sei con persone che parlano animatamente e saporitamente di qualcosa che non sai.
Ad ogni modo, queste difficoltà descrittive non ha fatto si che ricevesse da me il massimo dei voti ma per il resto è da leggere senza mai fermarsi.
Se avete visto il film, dimenticatevelo completamente perchè sembra surreale e quasi una "favoletta" di cui ridere.
Nel libro Verne descrive severamente tutto ciò che accade rendendo reale e appassionante dall'inizio alla fine il viaggio attraverso la terra.
Da leggere perchè è una bellissima avventura da assaporare e rileggere nel corso del tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore