Narrativa straniera Classici Washington Square
 

Washington Square Washington Square

Washington Square

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


"Washington Square", pubblicato in Inghilterra nel 1880, venne ritenuto dalla critica opera non solo minore ma insignificante. Il libro è invece un bellissimo romanzo che precede di alcuni anni i più celebri racconti di Anton Cechov. In "Washington Square" predomina, soprattutto nelle memorabili pagine retrospettive, quelle dei "bilanci" e degli addii, un tono crepuscolare, quasi di mestizia, e comunque di acuto, lancinante raccoglimento. La storia è quella di un brillante medico newyorkese, il dottor Austin Sloper, che rimane vedovo con un'unica figlia, l'ubbidiente e poco vivace Catherine. Un bellimbusto egoista e nullafacente, Morris Townsend, cerca di circuire la ragazza, abbagliato dalla ricca dote. Il giovane Townsend, infastidito dalle continue dilazioni di Catherine e dall'ostilità del potenziale suocero, che vede in lui la rovina della figlia, abbandona il campo, per ricomparire molti anni dopo. Catherine saprà respingerlo, amareggiata e disillusa, dopo esserne stata per lungo tempo innamorata.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Washington Square 2017-07-25 13:05:36 siti
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    25 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Banalmente affascinante

Romanzo appartenente alla prima fase della narrativa jamesiana, pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1880, se si sono già letti i suoi romanzi brevi più belli “Giro di vite” (1898), “La bestia nella giungla” (1903) o il romanzo lungo “Le ali della colomba”(1902) o ancora il più noto “Ritratto di signora - coevo a Washington Square - si rimarrà inizialmente sorpresi dalla narrazione fluida, dalla trama spicciola, da un romanzo che apparentemente sembra abbastanza sempliciotto. Eppure non nego che mi è piaciuto e come al solito sono stata in balia dei capricci jamesiani. Si legge, il lieve romanzo, ancora una volta sulla scia di una lunga prospettiva chiedendosi che cosa accadrà mai, quale sarà il punto di volta, dove lo si troverà inaspettatamente, e ancora quali sviluppi conosceranno i personaggi, quali evoluzioni, perché sì un punto di volta ci dovrà pur essere. Ed eccoci di nuovo caduti nell’inganno! Nessuna evoluzione, nessun importante smottamento, nessuna rivoluzione, nessuna!! Eppure si arriva alla fine piacevolmente intrattenuti da una banalità che ha il fascino di suscitare quei grandi interrogativi che portano ad andare un po’ sopra le righe per chiedersi semplicemente: come viviamo, che significato attribuiamo agli eventi che ci capitano, come reputiamo di essere in grado di essere noi medesimi gli artefici del nostro destino, e ancora come viviamo il nostro temperamento personale, ne abbiamo uno effettivamente marcato e marcante?
Il romanzo è ambientato in America, New York, in una abitazione borghese sita in Washington Square, il fulcro di tutti gli eventi, la metafora dell’immobilismo più assoluto della povera protagonista Catherine. È la figlia poco apprezzata del Dottor Sloper, noto negli ambienti per rigore, onestà e fine intelletto, quello che lamenta mancare alla figlia, l’unica rimastogli dopo la morte prematura di un figlio e della moglie, emblematico il fatto che lui così capace non sia riuscito a strapparli dalla morte. Salvo due brevi digressioni, funzionali all’impianto narrativo e caratteristiche della prosa jamesiana, ambientante in Europa, la scena è fissa su Catherine e sulla dimora dove tutto accade, anche quando lei non è presente perché momentaneamente in viaggio col padre. La casa è luogo di incontro con un suo pretendente il quale si rivela fin da subito per i suoi intenti meschini anelanti al miraggio del soldo facile, quello che il matrimonio con quella giovane bruttina e insignificante potrebbe garantirgli. L’accorto Dottor Sloper fiuta immediatamente il pericolo e intralcia le possibili nozze. La dimora è inoltre il luogo dove l’antagonista Morris si troverà a casa proprio in assenza del padrone grazie alla benevolenza della sorella, si appropria degli ambienti a lui più cari, tenta la sostituzione, attende il rientro e cerca di convincere la giovane Catherine del suo amore... Insomma tutta la narrazione è un tira e molla fra padre e figlia e pretendente, mai uno scontro aperto, mai una parola di più, tutto è giocato sul filo della psicologia più fine con una ragazza che riuscirà a giocare la sua partita senza perdere un colpo seppur perdendola.
Consigliato perché piacevole, interessante, suscitatore di interrogativi e insolitamente jamesiano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Washington Square 2017-01-03 19:46:48 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    03 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Candore: terapia d'urto

La storia di una ragazza ingenua, candida, trasparente, onesta, buona che deve fare i conti con un corteggiatore attirato dai suoi soldi, una zia cretina e un padre intelligente ma cinico. Il tutto raccontato in modo intelligente e ironico, con un'ironia anch'essa spietata nello sviscerare la durezza di cuore di tutto il parentado nei confronti del quale la ragazza cercherà di difendersi con il suo riserbo, e un contegno in apparenza freddo e distaccato. Il romanzo è molto piacevole, certo il padre è quasi spietato, forse troppo. La mancanza di cuore di quasi tutti i protagonisti è esagerata dall'apparente mancanza di reazioni della ragazza che non esprime il dolore e non denuda mai l'anima di fronte a quel pubblico avido di lacrime e sangue e di ferite esposte. E' come se tutti si fossero messi d'accordo per spezzare la ragazza cui rimproverano una libertà interiore così poco femminile, così inadatta al ruolo di debole femmina cui si addicono pettegolezzi, lacrime e sospiri. La ragazza è un bellissimo personaggio. Anche il narratore sembra unirsi al coro con il suo modo di raccontare a tratti quasi cinico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri