Brisingr Brisingr

Brisingr

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La terribile battaglia delle Pianure Ardenti nelle ultime pagine di "Eldest" ha mostrato non solo le reali forze dell'esercito dell'Impero ma anche la debolezza dei Ribelli. Purtroppo Eragon e Saphira non possono tornare subito nella terra degli elfi a completare il toro addestramento: prima di tutto bisogna strappare Katriua dalle mani di Galbatorix. Christopher Paolini ci conduce di nuovo nella terra dove i draghi esistono, dove la magia è l'unica speranza di umani, elfi e nani contro tiranni e creature demoniache, costruendo un altro episodio della saga che ha conquistato legioni di lettori in tutto il mondo ed è diventata un film di successo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 21

Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.1  (21)
Contenuto 
 
2.9  (21)
Piacevolezza 
 
3.4  (21)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Brisingr 2017-07-03 16:05:50 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    03 Luglio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Eragon? Sì, ma tutto il resto è noia…

Questo terzo volume del ciclo dell’Eredità, dedicato al giovane Cavaliere di draghi Eragon ed alla sua lotta, assieme alla dragonessa Saphira, contro il perfido imperatore Galbatorix, doveva essere quello conclusivo della saga. In esso tutti i conflitti sarebbero dovuti giungere al loro epilogo. l’A., invece, ha ritenuto di farne un libro interlocutorio, in cui ben poco accade ed anche quel poco risulta oltremodo diluito ed annacquato. In pratica con materiale appena sufficiente a riempire adeguatamente una decina di capitoli brevi, s’è voluto disperatamente imbastire un romanzo di centinaia e centinaia di pagine.
Così - se escludiamo l’iniziale confronto tra Eragon, il cugino Roran e Saphira con i bestiali Ra’zac, qualche battaglia contro le forze dell’Impero e poco altro - il libro è, più che altro, infarcito di chiacchiere, battibecchi, conciliaboli, inutili e tedianti descrizioni del nulla, una minutaglia di piccoli episodi collaterali che niente aggiungono alla trama e neppure alla caratterizzazione dei personaggi o all'arricchimento della narrazione. Anche i capitoli dedicati alle origini di Eragon, risultano piuttosto fiacchi e per nulla sorprendenti. Insomma ci sono tante parole che fanno unicamente “volume”, massa, senza aggiungere sostanza. Sembra quasi che l’A. sia stato pagato a numero di battute scritte e, per sue necessità economiche, ne abbia infilate il maggior numero possibile nel testo.
Il giovane Paolini, che, ormai non è neppure più tanto giovane, dovrebbe capire che non è indispensabile esporre ogni minimo gesto compiuto dai suoi personaggi; che un romanzo non è un diario di una dodicenne che mette su carta ogni suo insignificante pensiero; che i lettori riuscirebbero a rassegnarsi al fatto di non sapere se l’eroe di turno, quando s’è destato la mattina, s’è lavato, ha fatto una abbondante colazione ed è riuscito a trovare il tempo per lucidare l’armatura sporca di sangue. Nessuno sente il bisogno di conoscere quali vesti indossano i personaggi in ogni fase della giornata o qual è la (lunghissima) formula per celebrare un matrimonio nel mondo di Alagaësia. Tolkien, è vero, talvolta infilava una ballata nei suoi scritti, ma lui era un finissimo linguista e il carattere di epopea tragica del suo ciclo di romanzi consigliava queste inserzioni. Una poesiola in “antica lingua” che solo Paolini conosce è defatigante ed inutile.
Io sono un amante della letteratura fantasy e, nel contempo, riconosco che i capolavori in questo genere letterario sono abbastanza rari. Tuttavia è la prima volta che mi capita di saltare interi paragrafi cercando di giungere il più in fretta possibile alla fine di alcuni lunghissimi e noiosissimi capitoli, pieni di nulla.
Per gran parte del libro l’aspetto più intrigante che ho trovato è stato quello di cercare di indovinare da quale altro romanzo, racconto, film o serial televisivo era stato scopiazzato quel determinato episodio, quella frase o quel concetto. Poi, anche questo gioco m’è venuto a noia, troppi e troppo ovvi i debiti da scovare; così ho solo sperato di giungere in fondo senza sbadigliare troppo.
Giunto alle ultime pagine la mia unica consolazione è stata di aver letto il libro in una edizione elettronica che contiene anche gli altri tre romanzi del ciclo: quindi, economicamente parlando, è stato un limitato spreco di denaro.
Il mio timore, ora, però, è che sia di ugual tenore anche il quarto episodio che, nonostante tutto, mi toccherà leggere per non rimanere con la storia sospesa a metà.
In definitiva si tratta di una lettura ampiamente evitabile. Da quanto posso immaginare, infatti, anche saltando direttamente all'ultimo romanzo il lettore non perderebbe nulla né resterebbe spaesato a causa degli avvenimenti negletti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2015-08-22 23:10:13 Erox Curry
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Erox Curry Opinione inserita da Erox Curry    23 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il coraggio di muoversi

E finalmente la vendetta di Eragon si compie.
I Ra'zac vengono sconfitti dal cavaliere accompagnato da Roran e Katrina (con l'immancabile Saphira): così l'obiettivo per il quale Eragon e Brom erano partiti nel primo libro della saga si è compiuto.
Ma ormai Eragon si è immischiato in lotte di potere più grandi di lui, come suo cugino Roran e l'intero villaggio di Carvahall.
E per riuscire a detronizzare Galbatorix, cosa che ormai tutti si aspettano, dovrà completare la sua istruzione: scoprirà così dell'esistenza degli Eldunarì e la vera identità di suo padre, non Morzan ma Brom.
Ma i tempi sono ormai maturi e dopo aver messo in fuga per la prima volta Murtagh e Castigo e aver ottenuto finalmente una propria spada, Eragon e Roran dovranno guidare i Varden verso l'attacco decisivo. E qui ci vuole il coraggio di Nasuada: il coraggio di fare le cose subito, nel momento più adatto senza far passare il tempo per la paura, e ritrovarsi poi in tempi e situazioni peggiori. Anche Oromis e Glaedr partono ma cadranno a Gil-ead (dopo aver donato a Eragon l'eldunarì di Glaedr).
E così finisce il terzo fantastico libro: i piccoli Varden attaccano il grande Impero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2013-07-27 21:39:26 Sam93
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sam93 Opinione inserita da Sam93    27 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Noia

Questo libro è troppo lungo. Ci sono pagine e pagine di descrizioni per ogni cosa succeda o luogo in cui ci si trovi. Inoltre, mi duole dirlo, ma qui lo stile di Paolini non migliora: se potevo ritenere lo stile dei primi due libri acerbo, perchè l'autore era nuovo alla scrittura di un romanzo e perchè ancora molto giovane, ora non posso più farlo. Con due libri alle spalle e una saga in via di scrittura, non posso ritenere Paolini ancora giustificabile per il fatto di non aver migliorato neanche un po' il modo in cui scrive. è ampolloso, ripetitivo, troppo descrittivo e a volte talmente pesante da risultare noioso.

Per quanto riguarda la storia, non fa altro che aggiungere questioni e problemi, che ci si chiede come potranno essere risolti in modo accettabile in un solo libro (fino all'ultimo non ho voluto credere nei deus ex machina). C'è poi un particolare della storia che mi ha ricordato Harry Potter in modo fortissimo: non dico che sia sbagliato prendere spunto, ma qui stiamo esagerando! Quello che succede qui è trasporre una magia particolare di Harry Potter in un mondo con dei draghi. Questo lo definirei quasi plagio.

Questo libro non mi è piaciuto granchè, la saga si è rovinata a mio parere. Metà del libro si poteva condensare in poche pagine: Paolini l'avrebbe reso più dinamico e avvincente, combattendo cosi la noia, che in alcuni passi diventa davvero un ostacolo. Non posso dire che sia marketing puro, perchè la trama prosegue, seppure a rilento, ma di certo ha voluto ricavare dalla vendita di un quarto libro, che poteva tranquillamente essere un terzo e ultimo.
Un consiglio: leggetelo solo se volete veramente sapere come la saga va avanti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Eragon ed Eldest ed è curioso di sapere come prosegue la saga
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2011-11-06 19:41:40 Davi1990
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Davi1990 Opinione inserita da Davi1990    06 Novembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il capitolo "on the road" della saga

Terzo libro di questa saga -che inizialmente doveva essere una trilogia- targata Christopher Paolini.

Brisingr lo trovo un capitolo di pausa che sospende, in qualche modo, la storia principale, congelandola per dedicarsi ad altro.
Lo definisco come il capitolo più "on the road" per il semplice motivo che si baserà tutto sul viaggio personale di Eragon. Si sa, prima o poi l'eroe deve trovarsi completamente solo intraprendendo un viaggio personale (o il cammino di perfezione) per maturare ancor di più, temprarsi e crescere nello spirito. Infatti, il nostro Cavaliere si troverà senza la fida Saphira e dovrà tirarsi fuori dai pericoli da solo. Capiremo così come, senza la sua fida compagna, sia vulnerabile e debole dando così più importanza al personaggio della dragonessa facendoci comprendere che un Cavaliere dei Draghi dipende molto dal suo drago. In pratica, si avverte un vuoto senza Saphira, poiché lei era come una amica fedele, la compagna saggia e consigliera della situazione.

Ora, per arrivare al nocciolo della questione, questo libro è inutile? Secondo me, no. Sicuramente allunga il brodo e apre una finestra economica-commerciale in più allo scrittore e all'editore, però Paolini sfrutta questo libro per aggiungere tanti dettagli e tasselli al suo mondo immaginario, volendoci rivelare cose che prima non è riuscito a fare. E' il suo libro di approfondimento, ma ripeto: non tanto nei confronti della trama, ma più verso il mondo da lui creato. L'autore mi fa comprendere che vuole essere sicuro di far capire al lettore ogni cosa del suo magico universo forse fin troppo nel dettaglio, in modo troppo enciclopedico rischiando di appesantire ed annoiare chi legge il libro.
Ma a parte tutto questo, ci mostra anche un'approfondimento del rapporto tra Eragon e Arya oltre che rivelare alcune novità (sopratutto su Galbatorix) giungendo ad un finale abbastanza movimentato.

Non c'è dubbio, Eldest lo trovo superiore a questo terzo capitolo della saga che non offre molta azione e sicuramente Paolini ha un po esagerato con il numero delle pagine (oltre 900), però non mi ha deluso alla fine della lettura.

Tutto è pronto per il gran finale!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Eragon - Eldest - sconsiglio d'iniziare la lettura di questa saga da questo volume - non è un fantasy che può piacere a tutti
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2011-08-15 11:56:04 DeanG
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
DeanG Opinione inserita da DeanG    15 Agosto, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che dire, fine della magia...

Che dire... Eragon era tutta un'altra cosa. è stato il mio primo libro fantasy, mi ha affascinato e trascinato con i suoi intrighi, la vena di mistero e magia, i suoi personaggi, Saphira... Lo lessi tutto d'un fiato!
Eldest, bè, qualche pecca iniziavo già a notarla... Avevo come il presentimento che l'aver inserito le vicende di Roran in una trama già di per se completa e carica di contenuti fosse un segno di perdita di idee, ma nel complesso il libro usciva con la testa alta!
Con quante aspettative ho iniziato a leggere Brisingr!
Per scoprire poi che cosa?
Che essenzialmente l'80 per cento della storia poteva essere scritta in meno di un centinaio, forse più di pagine...
Diciamocelo, che bisogno c'era di descrivere in modo tanto minuzioso e quindi noioso ogni porta, ferita, spada, drago, albero, intrigo di palazzo o emozione vista o provata o posseduta dai personaggi??
Un tentativo di allungare il brodo in una storia che poteva concludersi degnamente in solo 3 libri!
Paolini, i soldi cambiano, eh?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Eragon e Eldest... ma forse meglio di no...
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2011-01-23 04:42:48 RobertoCampopiano
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
RobertoCampopiano Opinione inserita da RobertoCampopiano    23 Gennaio, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mio nome è Eragorn

Paolini ha conservato in questo testo gli occhi di adolescente che ha creato un mondo di elfi e draghi. Lui stesso dice "Se non avete letto Terry Brooks non avete letto il fantasy". Io invece vi suggerisco che se non mirate alla vena creativa che possiede quest'autore, accontentatevi di altri libri..
Aspetto l'uscita del quarto libro del ciclo dell'eredità!
Bella l'idea dell'edizione in copertina cartonata a tiratura limitata nel giorno dell'Epifania.
Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Necessaria la lettura di Eragorn e Eldest. Io non lo sceglierei come primo libro del genere fantasy!
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2010-08-26 13:19:57 rondinella
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    26 Agosto, 2010
Ultimo aggiornamento: 05 Giugno, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il libro di passaggio

Ahi, ahi, ahi... dopo avere nel repertorio due libri del calibro di Eragon ed Eldest, che hanno ricevuto entrambi parecchi consensi, scrivere ancora con lo stesso stile o cercare di correggere i propri errori?

Mi domando se Paolini si sia posto questa domanda e se si renda conto degli "sbagli", se così li vogliamo definire.

Personalmente ho apprezzato Eragon ed Eldest, sono stai i miei primi fantasy, li ho trovati coinvolgenti, ben fatti sulla maggior parte dei punti di vista. Brisingr non è brutto, per carità, ma è peggio dei precedenti.... sembra che per ogni sasso, fiume, magia ci voglia una descrizione di due o tre pagine per esprimerla al meglio. Ma dai, Christopher, è necessario descrivere ogni piccolo pelo dell'uovo? A lasciarci un pò d'immaginazione? Lasciar vagare la mente per Alagaesia potrebbe far bene!
Insomma, una bella storia (per quanti similari abbia) scritta abbastanza male... ripeto ciò che ho detto per Eragon, consiglaito a chi ha tanta pazienza!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Eragon, Eldest
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2010-08-24 14:02:53 Glorfindel
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Glorfindel Opinione inserita da Glorfindel    24 Agosto, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un autore in continua crescita.

Questo romanzo del Ciclo dell'eredità rappresenta secondo me un forte segnale di crescita stilistica e contenutistica del buon Paolini, che nonostante le accuse di plagio di altri autori, in questo episodio dell'epopea di Alagaesia riesce a conferire un forte senso di originalità alle vicende trattate.
Quindi senz'altro non un volume fondamentale ma sicuramente degno di nota.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Eragon, Eldest
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2010-07-18 09:49:34 Meri
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Meri Opinione inserita da Meri    18 Luglio, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Brisingr, libro di pausa.

Premetto con il dire che mi è piaciuto molto. di certo non si può rinnegare un autore solamente perché uno dei suoi ultimi libri non è stato un gran che. Christopher Paolini ha usato Brisingr come libro di mezzo, infatti, se alcuni di voi se lo ricordano, la saga doveva essere composta solo da tre libri, ( La trilogia dell'eredità dei cavalieri dei Draghi), ma dopo che ha visto che questo suo libro usciva troppo lungo ha deciso di fare un altro libro. Molti delle altre recensioni hanno scritto CONSIGLIATO SOLO PER CHI HA LETTO I PRECEDENTI, e certo! mica si può partire a incominciare a leggere una saga dal terzo libro! comunque per me i libri di Christopher Paolini hanno un valore immenso, infatti grazie ad Eragon ho iniziato a leggere e a scoprire il mondo Fantasy. alcuni di voi inoltre hanno tirato in ballo il film. Scusate, il film si sa che è stato un flop, ma non si può dare la colpa a Christopher Paolini se il regista ha tagliato scene e pezzi del libro, travolgendone la storia!
Per me Brisingr è uno dei libri che ho letto più volentieri negli anni passati, e che resterà per sempre nella mia classifica dei 10 libri più belli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
*solamente a chi ha letto i precedenti due libri del ciclo.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2010-07-13 15:15:37 chatnoir
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
chatnoir Opinione inserita da chatnoir    13 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si No Boh

Brisingr non è un brutto libro, questo va detto, diamo a Cesare quel che è di Cesare. Paolini sicuramente sa scrivere, questo nessuno lo mette in dubbio. Però appare sicuramente un romanzo troppo commerciale,infatti alcune parti sono decisamente tirate per le lunghe. Paolini come suo solito riprende spunti da varie fonti, tra cui altre saghe fantasy e Star Wars (" Sono io tuo padre Luke"). Questi sono solo gli aspetti più negativi, ma il romanzo rimane nel suo complesso piuttosto piacevole, e gli spazi da riempire fanno si che l'autore approfondisca la cultura ed il folklore delle varie etnie che popolano il mondo di Eragon. Insomma in conclusione poteva essere meglio, ma poteva anche andare molto ma molto peggio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Eragon e Eldest naturalmente.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2009-10-06 16:29:02 Arya
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Arya    06 Ottobre, 2009

Brisingr

il libro è molto piacevole.

Concordo sul fatto che sia molto più descrittivo eispetto agli altri due, ma ciò non lo rende meno bello... Anzi lo esalta!!

il fatto che Paolini si sia dilungato sulle descrizioni sia fisiche che caratteriali fa pensare che ciò possa esserci utile, magari nel libro successivo...

è molto più evoluto rispetto agli altri due, ma anche leggermente più noioso, e molto dilungato in certi punti.

mi spiace molto che sia stato diviso in due parti in modo da rimandare la fine della serie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Eragon, Eldest, Il siggnore degli anelli e la serie del Mondo Emerso
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2009-07-16 22:15:42 Jo
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Jo    17 Luglio, 2009
Ultimo aggiornamento: 01 Luglio, 2013

la mia versione

CONTIENE SPOILER

brisingr è nato dalla giovane penna di Paolini che ha dimostrato una maturazione dello stile e dei temi rispetto a eragon e a eldest.
Ho apprezzato la trama di tutti i 3 libri anche se è evidente che lo scrittore si è ispirato a numerosi celebri fantasy per arricchire la sua saga.
Per quanto riguarda Brisngr in particolare mi è piaciuta molto la maturazione psicologica di Eragon, e il nuovo rapporto con Aria, anche Nusuanda è un personaggio interessante, ma in compenso molti altri personaggi hanno perso la loro forma come Murthag che appare e scompare come uno spetto e di lui non si capisce più nulla, e Elva che ha parti a se stanti dedicate a lei.
La storia si sviluppa attraverso i colpi di scena ,che ci sono, ma ha anche dei punti morti, non sto parlando della descrizione di luoghi e personaggi che a me piace molto,e devo dire che in questo apprezzo lo stile paoliniano, ma della mancanza di suspance elemento caratteristico dei primi due libri. nel complesso però è un libro piacevole e fondamentale per il completamento del ciclo dell'eredità. Il finale E'crudele per il lettore, la morte di Oromis e Glaedr mette una nota di oscurità sul prossimo libro, che non aspetto altro di leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i primi due libri e ank il signore degli anelli
Trovi utile questa opinione? 
04
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2009-04-07 13:45:01 Yukiko Moon
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Yukiko Moon    07 Aprile, 2009

Brisingr

Ho trovato questo libro interessante, anche se, a parer mio, alcuni capitoli si potevano anche tranquillamente saltare o riassumere.

All'inizio parte bene, prendendo un risvolto abbastanza psicologico [spoiler](vedi il ritrovamento del padre di Katrina e la punizione inferta a lui da Eragon)[/spoiler]. La parte centrale invece mi ha annoiato un po', con tutte le descrizioni delle battaglie di Roran, e devo ammettere di aver ripreso a leggere il libro solo per il fatto di aver visto il film alla tv xD

Dopo le 700 pagine circa, quando Eragon va da Oromis a Ellesmera e scopre la verità sui suoi genitori il libro riprende vita. E poi? Sul più bello finisce il libro. Un buon motivo per comprare il seguito ;)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
eragon e eldest
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2009-03-10 21:52:05 Marco Palvarini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Marco Palvarini    10 Marzo, 2009
Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 2014

Opinione

Lo stile che ormai si può definire "paoliniano" si è evoluto nel corso dei 3 libri, stabilizzandosi; nonostante tutto con brisingr ha fatto un notevole buco nell'acqua, aggravato dal precedente libro (eldest) che raggiungeva contenuti ben più che discreti.
Non concordo sull'opinione della commercializzazione del libro dividendolo in 4 parti, perchè è probabile che in brisingr siano contenuti elementi essenziali allo svolgimento della trama che si concluderà nel quarto libro (o almeno spero).
Brisingr, come libro a se stante, non dice assolutamente nulla, è piacevole, ma nulla di più: manca della suspense necessaria per renderlo accettabile evitando di addormentasi con il naso spiaccicato sul libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri 2 della saga
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2009-03-03 20:16:13 fabio
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da fabio    03 Marzo, 2009
Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 2014

il business

ho comprato il primo libro della saga (ERAGON) per caso e ne sono rimasto assolutamente affascinato. Tanto che appena uscito il secondo, fortunatamente solo un paio di mesi di attesa, l'ho preso subito e ne sono rimasto affascinato ancora di più. Due storie belle, forti, possenti che infondono voglia di leggere e di immedesimarsi nei personaggi, raccontate egregiamente e direi molto emozionanti.
L'attesa per brisingr è durata due anni, due anni in cui ho riletto 3 volte eldest perchè è stupendo, per poi scoprire che brisingr non sarà neanche l'ultimo libro e quindi bisognerà aspettare altri tot anni per conoscere la fime della storia! MA STIAMO SCHERZANDO? concordo con tutte le recensioni in cui si dice che brisingr è privo di contenuti e metà libro si può anche fare a meno di leggere tanto la trama si capisce lo stesso... Paolini la tira lunga apposta per fare anche il quarto libro. Mi spiace che il business abbia corrotto la mente di uno scrittore giovane dopo due opere di buono spessore. Spero di avere ancora voglia di leggere fantasy quando uscirà il quarto e ultimo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
eragon, eldest, fantasy in genere
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2008-12-29 11:41:29 Elia Rinaldi
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Elia Rinaldi    29 Dicembre, 2008

Delusione assoluta

Il nostro Christopher Paolini è caduto veramente in basso. Già Eldest non è stato un granchè, ma Brisingr è veramente brutto. I personaggi sono troppi, quindi si fa molta confusione, la storia è un miscuglio di molti celebri libri fantasy e lo stile è ormai noioso e scadente. Consiglio a Paolini di cambiare genere di libri, perchè i capolavori come IL SIGNORE DEGLI ANELLI sono ancora largamente superiori

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
I primi due di Paolini
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2008-12-29 01:02:07 Federica
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Federica    29 Dicembre, 2008
Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 2014

Promosso

Un libro veramente bello... forse un po' meno appassionante dei primi due ma pur sempre bello...ho letto quasi tutti i commenti postati in precedenza, io penso che tutti i capitoli siano stati importanti, la storia non può avere come unico riferimento Eragon, gli altri personaggi dove finiscono? che cosa fanno? è importante lasciare spazio anche agli altri personaggi come Roran e Nasuada.
Quando ho finito di leggere questo libro ho subito pensato che forse nel quarto Murtagh torna dalla parte dei buoni...speriamo e il personaggio a cui mi sono più affezionata.
Forse l'unica cosa che mi ha un pochino delusa è il fatto che non si è schiuso l'ultimo uovo, la curiosità è salita alle stelle... non vedo l'ora che esca il 4° libro

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
eragon e eldest
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2008-12-25 20:46:18 giovanni
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da giovanni    25 Dicembre, 2008

poteva andare meglio

Il libro non mi è dispiaciuto ma ammetto che per uno che ha poco tempo per leggere sia un po pesantuccio....la sensazione rimastami alla fine è che la meta del libro poteva essere tagliata per aggiungere piu scorrevolezza alla trama..... le domande rimaste insolute in eldest non vengono risolte neanche in brisingr (tranne i ra zac e la spadina nuova nuova).In definitiva un buon libro per gli appassionati ma rimane la sensazione di occasione sprecata

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i primi due libri e si è appassionato
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2008-12-15 11:05:06 Mia
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Mia    15 Dicembre, 2008
Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 2014

Noia

noia. la parola che mi viene in mente se penso a questo libro è solo noia. i primi due libri mi avevano appassionato, in questo mi sono ritrovata a saltare pagine su pagine (soprattutto quelle dedicate a roran, davvero di una noia mortale). in 850 pagine la storia non è andata avanti, gli unici capitoli importanti sono gli ultimi 2 tutto il resto è superfluo, inutile e poco interessante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
i primi due
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2008-11-27 18:28:09 sabrina
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da sabrina    27 Novembre, 2008
Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 2014

Paolini presuntuoso

non credo che un libro per essere "bello" debba essere avvincente e scorrevole in ogni pagina, ma trovo che questo libro sia solo un esercizio di stile, e per lo più noioso in molte parti.
poteva essere sfrondato per metà ed essere l'ultimo della trilogia. ma anche in Eldest avevo già notato questa tendenza a dilungarsi...
la vicenda di Roran e tutta la descrizione delle ferite di guerra assolutamente INUTILE, personaggi interessanti conosciuti nei precedenti due libri messi da parte senza motivo.queste lungaggini te le puoi permettere se hai delle fondamenta solide di scrittura( mi viene in mente "le luci di atlantide", non spedito ma bello!)...e poi non è detto.
troppo cerebrale e poco sentimento.
per me Paolini deve fare un passo indietro, pecca di presunzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Brisingr 2008-11-18 21:15:00 Kersal
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Kersal    18 Novembre, 2008
Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 2014

Commento

In questo terzo libro tutto lo stile e la passione di Paolini si perdono in una scrittura frammentaria e poco incisiva. Tornano alla ribalta ferocemente i clichè delle serie Fantasy di serie B e tutta la struttura narrativa si perde. Noia pura. Capitoli interi per raccontare il nulla. Dopo il pessimo film ora un pessimo libro. Credo proprio che non leggerò la fine di quella che poteva essere davvero una bella serie.
Peccato perchè Eldest era stato davvero un capolavoro (nel suo genere).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri