Il predicatore Il predicatore

Il predicatore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Da più di vent’anni una dolorosa faida lacera la famiglia Hult: Ephraim, il predicatore che infiammava le folle promettendo guarigione e salvezza, ha lasciato ai suoi discendenti un’eredità molto controversa. Il peso del sospetto continua a gravare su un ramo del clan, coinvolto suo malgrado nella sparizione di due ragazze risalente a molti anni prima. Una vicenda che nel delizioso paesino di Fjallbäcka torna a essere sulla bocca di tutti dopo l’omicidio di una giovane donna, quando in una splendida gola naturale, sotto quel corpo martoriato, la polizia scopre anche i resti di due scheletri.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 11

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.3  (11)
Contenuto 
 
3.3  (11)
Piacevolezza 
 
3.5  (11)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il predicatore 2017-03-15 17:56:37 Vita93
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    15 Marzo, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Parenti serpenti

“ Si troverà ad indagare su ladri, avari, prepotenti; la più detestabile collezione di individui che lei abbia mai conosciuto: la mia famiglia “.
La famosa citazione è tratta da “ Uomini che odiano le donne “ di Stieg Larsson. Più precisamente è l’ affermazione con cui l’ industriale Henrik Vanger affida al giornalista Mikael Blomqvist il compito di indagare all’ interno della propria famiglia alla ricerca del colpevole della scomparsa della nipote.
Il paragone tra il primo capitolo della trilogia Millennium pubblicato nel 2005 ed il secondo della celebre serie di Camilla Lackberg è tanto inevitabile quanto ingiusto. Anche “ Il Predicatore “ affida le sue fortune editoriali e commerciali al collaudato enigma a camera chiusa in stile Agatha Christie con al centro dell’ attenzione una famiglia celebre in un piccolo contesto ambientale. Verrebbe naturale dire che è una parzialmente riuscita scopiazzatura del capolavoro di Larsson. In realtà il confronto regge fino ad un certo punto; l’ opera del compianto scrittore è non solo dotata di un respiro ed un’ ambizione maggiori ma soprattutto è temporalmente successiva a quella della Lackberg, datata 2004.

L’ accoppiata sentimentale scrittrice-poliziotto tra Erica Falck e Patrick Hedstrom procede a gonfie vele, se si escludono le inevitabili fatiche vissute dalla protagonista giunta all’ ottavo mese di gravidanza. Nel bel mezzo delle ferie il dovere chiama, e Patrick è costretto a tornare in servizio per risolvere un caso insolito. Sotto al corpo di una giovane donna trovata senza vita vengono scoperti i resti di due ragazze scomparse ventiquattro anni prima nell’ estate del 1979. Il caso non era stato risolto ma aveva sconvolto l’ opinione pubblica. Gabriel Hult aveva dichiarato di aver visto il fratello Johannes in compagnia delle ragazze. Il successivo suicidio di Johannes era sembrata una tacita ammissione di colpevolezza. A complicare la faccenda il contesto familiare dei due fratelli, figli del discusso ed eccentrico pastore nonconformista Ephraim Hult che dopo la sua morte aveva lasciato tutto in eredità ad un solo ramo della famiglia trascurando l’ altro e creando non pochi dissidi.

Camilla Lackberg prosegue con un genere particolare di poliziesco che affianca l’ indagine alla vita quotidiana dei protagonisti donando alla lettura una sfumatura rosa in grado di allargare il bacino di lettori e lettrici affezionati. Rispetto al precedente “ La principessa di ghiaccio “ la riuscita è opposta. Il caso da risolvere è più affascinante e la qualità della trama migliore. La vicenda della famiglia Hult appassiona ed ho apprezzato il lento, razionale e realistico proseguire dell’ indagine affidato non solo alle intuizioni di Patrick e colleghi ma soprattutto alla parte scientifica e di laboratorio con l’ analisi delle prove acquisite, spesso trascurata nel genere. Lodevole anche il contrasto tra la spensierata tranquillità dell’ ambientazione marittima, l’ incantevole Fjallbacka, e l’ atmosfera cupa e opprimente che si respira nelle tenute padronali degli Hult.
Funziona meno invece l’ altro lato della medaglia. Nel primo romanzo la reciproca scoperta tra Patrick ed Erica e la storia della sorella di quest’ ultima, Anna, alle prese con un marito violento rappresentavano piacevoli diversivi. Stavolta il compito è affidato a ripetitive, evitabili e marginali comparse di parenti e amici desiderosi di approfittare dell’ ospitalità dei protagonisti per godersi le bellezze di Fjallbacka e piuttosto insolenti e improbabili nel pretendere di essere serviti e riveriti da una donna in avanzato stato interessante.

“ Il Predicatore “ resta un giallo intrigante, di facile e piacevole lettura che nonostante qualche riserva mi ha convinto a proseguire la serie di questa autrice di successo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2016-09-16 09:18:31 Vincenzo1972
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Vincenzo1972 Opinione inserita da Vincenzo1972    16 Settembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi predica bene, razzola male...

E' proprio il caso di dire: 'chi predica bene, razzola male'.

Siamo a Fjällbacka, una ridente e coloratissima cittadina sulla costa ovest della Svezia animata da centinaia di turisti che la prediligono come meta per le vacanze estive.

E sembra sia consuetudine degli svedesi quella di approfittare della cortesia e gentilezza di parenti ed amici che abitano a Fjällbacka per intrufolarsi nelle loro case evitando così il soggiorno negli hotel sicuramente più costosi.

Ed è proprio quello che accade ad Erica e Patrik Hedström che improvvisamente si ritrovano il loro piccolo appartamento invaso prima da cugini di Erica, con terribili pargoli al seguito, e poi da amici di Patrick affetti da logorrea acuta; insomma, non certo piacevoli e gradite sorprese per i due padroni di casa, tanto più che Erica è incinta ormai da 8 mesi e prossima al parto mentre Patrick è a capo delle indagini per l'omicidio di una giovane ragazza tedesca, trovata morta e completamente nuda nei pressi di Fjällbacka in compagnia di due scheletri.

Un particolare interessante è che il cadavere della ragazza presenta numerose fratture ossee, analoghe a quelle riscontrate sugli scheletri che le analisi hanno dimostrato appartenere a due ragazze scomparse circa vent'anni prima.

Un caso alquanto complicato per Patrick su cui pesa anche il fattore tempo e la tensione dovuta alla scomparsa recente di un'altra ragazza che potrebbe subire la stessa tragica sorte se l'identità del killer non fosse individuata subito con certezza.

L'unica informazione nelle mani di Patrick è Johannes Hult, il nome di colui che vent'anni prima era stato sospettato del rapimento delle due ragazze e trovato morto poco dopo nella fattoria di famiglia, probabilmente suicidatosi per il peso della vergogna ed incoraggiando con tale gesto il sospetto sulla sua colpevolezza.

Per questo motivo le indagini proseguono nell'unica direzione possibile, quella cioè che parte da Johannes Hult e coinvolge poco alla volta tutti i componenti della famiglia Hult viventi e defunti, sino al capostipite Ephraim Hult, noto come il 'predicatore' per la sua straordinaria facondia e capacità dialettica, tale da infiammare gli animi di molti suoi concittadini divenuti poi seguaci in una comunità non conformista.

Inutile dire, come ben potrete immaginare, che diversi segreti e misfatti emergeranno scavando nella storia di questa famiglia.

E per chi, come me, ha amato la trilogia Millennium di Larsson il confronto è inevitabile: molte sono le somiglianze tra la famiglia Hult e la famiglia Vanger in "Uomini che odiano le donne".

Famiglie rispettabili, in apparenza, ricche e potenti: ma non è sempre oro ciò che luccica.

Larsson, però, mette a nudo le debolezze ed i peccati della famiglia Vanger calandoli in una trama fitta di vicende e ricca di personaggi magistralmente costruita tanto da mantenere sempre viva l'attenzione e la curiosità di chi legge: basti pensare all'ineccepibile colpo di scena finale o al personaggio di Lisbeth la cui 'tragedia personale' diventa quasi un romanzo nel romanzo, appassionando tanto quanto gli intrighi della famiglia Vanger.

Camilla Lackberg ci prova allo stesso modo con risultati apprezzabili ma, a mio parere, non comparabili con quelli raggiunti da Larsson.

In questo romanzo, l'autrice mostra sicuramente maggiore attenzione e cura nella costruzione della trama poliziesca, calibrando adeguatamente i tempi con cui si evolvono le indagini evitando così di lasciar trapelare con eccessivo anticipo il finale; e la parte poliziesca è sicuramente quella meglio riuscita, soprattutto se paragonata al primo romanzo della Lackberg “La principessa di ghiaccio” che ho portato a termine con grande difficoltà, per quanto scialbo e noioso.

E' il resto che fa la differenza con Larsson: decine di pagine in cui vengono descritte le sopra citate 'invasioni' estive di parenti e amici, completamente inutili ai fini della storia e difficilmente giustificabili se non dettate dall'esigenza di aumentare il volume del libro; oppure il personaggio di Anna, sorella di Erika, che compare improvvisamente nel romanzo ed altrettanto improvvisamente scompare lasciando insoluti e sospesi i suoi problemi sentimentali.

Insomma, non credo di sbagliarmi molto definendo "Il predicatore" come la brutta copia di "Uomini che odiano le donne".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Meglio Uomini che odiano le donne
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2012-11-29 13:57:15 blackdahlia1972
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
blackdahlia1972 Opinione inserita da blackdahlia1972    29 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

DAVVERO AVVINCENTE...

a me è piaciuto molto, anche più della "principessa di ghiaccio, molto piu' noir e intrigante secondo me, ed è vero, è stato piacevole come tornare a "casa" immaginarsi la cittadina di Fjallbacka in estate dopo la prima avventura in inverno... la storia è molto ben scritta e nonostante abbia avuto un pò di difficoltà a capire l'albero genealogico dei protagonisti poi è andato tutto al posto giusto... insomma un libro consigliatissimo, Camilla Lackberg si è rivelata una piacevolissima sorpresa.
Sto leggendo il terzo della serie e poi passerò all'ultimo (tradotto) sperando che i traduttori cerchino di fare in fretta con gli altri :)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama il giallo e le storie che ti catturano fin dalla prima pagina....
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2012-08-11 00:07:17 anto918
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
anto918 Opinione inserita da anto918    11 Agosto, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa si nasconde dietro al predicatore

Non capisco davvero i commenti negativi in riferimento alla lunghezza e al contenuto. Quattrocento pagine io le ho divorate in tre giorni, trovando il libro piacevole e personalmente anche migliore della Principessa di Ghiaccio.
Il fatto che Erica, indiscussa protagonista del precedente episodio della serie, non venga coinvolta nelle indagini relative alle donne scomparse viene compensato dall'intrigo a cui i poliziotti di Tamumshede dovranno lavorare. Un vero rompicapo che appassiona e tiene col fiato sospeso rivelando ai lettori una storia familiare fatta di imbrogli e segreti, agli occhi di una società svedese che spazia dagli anni settanta ad oggi.
Valgono da soli le poche righe rigorosamente in carattere corsivo sparse per il libro, i flash-back che la Lackberg mette in evidenza mettendo ogni parola al punto giusto, come è solita fare da maestra del noir. Evidente il contrasto nella descrizione della natura rispetto al primo romanzo, quest'ultimo ambientato in estate ci mostra un lato inedito di Fjallbacka e della Svezia intera. Il ruolo della società: anche qui evidente un cambio di rotta, la storia si concentra quasi esclusivamente sulla comunità religiosa e sulla famiglia Hult. Insomma, è un libro diverso da La Principessa di Ghiaccio, chi si aspettava una replica del precedente rimarrà deluso, personalmente credo che la Lackberg si sia migliorata e abbia raccontato una storia nuova, inserendo al punto giusto le storie dei personaggi già protagonisti del primo romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Noir, Thriller
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2012-06-29 13:26:23 cuspide84
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    29 Giugno, 2012
Ultimo aggiornamento: 05 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LE FALSE VERITÀ DEL PREDICATORE

“Le sembrava quasi che fossero passati mesi, ma sapeva che non poteva essere così. Eppure ogni ora trascorsa laggiù al buio era come una vita intera.
Troppo tempo per pensare. Troppo tempo per sentire il dolore che tormentava ogni nervo. Troppo tempo per riflettere su tutto ciò che aveva perso. O che avrebbe perso.
Ora sapeva che non sarebbe mai uscita da lì”.

Nell'estate del 1979 una ragazza diciannovenne, Siv Lantin, scompare il giorno della festa di mezz'estate senza lasciare tracce di sé... qualche settimana dopo anche Mona Thernblad è vittima dello stesso destino.
Siamo ai giorni nostri quando un bambino ritrova un cadavere di una giovane donna, distesa su una coperta che nasconde sotto di sé altri due scheletri umani di origine ed epoca incerta, ma senz'altro non dipartiti di recente.
Dell'indagine viene incaricato Patrick Hedstrom, che si dovrà destreggiare tra visite inaspettate di parenti e amici, una compagna, Erica, vittima degli ormoni (essendo all'ottavo mese di gravidanza), cene e barbecue da preparare, interrogatori e ricerche varie, ma che riuscirà ad occuparsi di tutto più che egregiamente. Fin da subito verrà coinvolto nella faida familiare che vede coinvolti Gabriel Hult e la cognata Solveig, ex reginetta del 1° maggio 1967 (e ora un'obesa morbosamente legata all'album di fotografie che racchiude e conserva i ricordi della sua giovinezza), entrati in contrasto quando il primo, in occasione della scomparsa della prima ragazza, dichiarò di aver visto il fratello Johannes in compagnia di quest'ultima; a seguito di questa “soffiata” Johannes verrà da tutti additato come il responsabile della sparizione delle ragazze e non potendo apparentemente sopportare queste dicerie, si toglierà la vita impiccandosi.
Come se non bastasse, a rendere il caso ancora più complesso, si aggiunge la sparizione di un'altra ragazza, che porterà la polizia a sospettare di una finta morte di Johannes e a riesumare la salma per poterne accertare il decesso.... da qui la svolta delle indagini! Verranno infatti a galla alcune verità che cambieranno drasticamente la vita di alcuni personaggi; già perchè la realtà dei fatti è ben diversa da quella che appare e alla fine, in un intreccio degno della migliore scrittrice di gialli, il finale lascerà alquanto sorpresi, grazie ai numerosi colpi di scena e al susseguirsi di verità celate per anni e poi svelate al momento giusto.

Un bel giallo, forse troppo lungo e a volte apparentemente lento, essendoci un intreccio tra indagini e vita privata dei numerosi personaggi coinvolti nella storia, che se a tratti rende più piacevole la lettura, cercando di “alleviare” la gravità del reato commesso, a tratti risulta forse un po' banale, ma nel complesso è comunque un bel romanzo che si legge volentieri, che apre una finestra sulla vita nella società svedese e che rimanda l'appuntamento alla prossima puntata, eh si, perchè dal finale e da altri riferimenti nel corso del libro si intuisce che non ci libereremo presto di Patrick e di Erica!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2012-02-13 17:49:04 lella gritti
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
lella gritti Opinione inserita da lella gritti    13 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un po' deludente...

Questo libro l'ho trovato in casa, perchè l'aveva acquistato mio marito. Dopo la lettura de "La principiessa di ghiaccio" non avrei acquistato un altro romanzi della Lackberg, ma tant'è, era in casa e ho pensato di darle un'altra possibilità.
Purtroppo anche questa lettura mi ha abbastanza deluso. Il ritmo è molto lento. E gli avvenimenti mi sono parsi abbastanza scontati. Ci sono momenti in cui sembra che il romanzo finisca e invece poi l'autrice inserisce una divagazione e il racconto riprende. Però a me ha dato la sensazione che tirasse un po' a prolungare il numero delle pagine.
Ho trovato interessante: la trattazione della perversione a cui può portare il fanatismo ideologico, la descrizione non-truculenta dei delitti (... da un po' di tempo a questa parte mi pare ci sia una gara fra scrittori a chi è più truculento...), la descrizione della società scandinava.
Insomma, un libro che non consiglierei, ma non è nemmeno da scartare in toto... se si ha un po' di pazienza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
romanzi scandinavi
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2011-10-25 11:31:18 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    25 Ottobre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Caleidoscopio di personaggi

Thriller avvincente, stile scorrevole, personaggi caratteristici. Sono questi gli elementi fondamentali di questa storia che racconta forme di crudeltà assolutamente realistiche, visto la cronaca dei giorni nostri. Mi ha colpito molto il modo così diverso di vivere il dolore nella famiglia di Mona e nella famiglia di Siv: è inevitabile il confronto. Bello è l'intreccio delle coincidenze; originale è l'alternarsi di capitoli di cronaca del presente con brevi capitoli che raccontano, nel passato prima, e nel presente poi, il punto di vista delle vittime nei giorni della loro prigionia. Spicca la caratterizzazione dei personaggi della famiglia Hult, risalta il modo di vivere il dolore: c'è chi lo dimentica velocemente, c'è chi lo porta nel cuore, c'è chi lo supera perchè il tempo aiuta a smussarlo, c'è chi lo rielabora. Ma è il dolore l'indiscusso protagonista, in ogni pagina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La principessa di ghiaccio
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2011-09-10 08:40:44 DanySanny
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    10 Settembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo capitolo delle indagini di ERIKA FALCK ?

Fiducioso in un miglioramento della scrittrice dopo "La principessa di ghiaccio", mi sono addentrato nella lettura de "Il predicatore". Ne sono rimasto deluso. Le prime 200 pagine sono indigeste, noiose, senza colpi di scena o suspense. L'autrice dissemina indizi che rivelano chiaramente il colpevole, ma poi cerca di depistare il Lettore con prove fasulle, talvolta al limite dell'impossibile, e vicende familiari intrise di disprezzo reciproco e rapporti interrotti. Intanto Erika è incinta e preoccupata per la sconsideratezza della sorella (che sembra non aver imparato dai suoi errori). Ma in questo libro il suo personaggio è come marginale, non interviene nel caso, non indaga, ma invece litiga con i familiari. E tra avvenimenti alquanto prolissi, si giunge nella parte finale del libro che si legge più velocemente, e si arriva all'identificazione dell'assassino e al chiarimento del suo oscuro movente, il quale, se pur relativo ad una mente malata come quella del colpevole, sembra quasi inverosimile. Per essere un'indagine di Erika Falck la protagonista appare molto poco, e i personaggi approfonditi (i poliziotti della stazione) non colpiscono, bensì lasciano indifferenti. Patrik lavora con il suo solito zelo, ma per reggere il peso di un intero romanzo è un personaggio, a mio parere, troppo scontato. (Vanno apprezzate le parti in cui una delle donne uccise dall'assassino, descrive la sua prigionia). Non lo consiglio né a chi vuole leggere la Lackberg per la prima volta, né a chi vuole leggere il secondo capitolo delle indagini di Erika Falck (?). Il 14 settembre uscirà il terzo libro della scrittrice: "Lo scalpellino", ma non so se lo comprerò (o perlomeno se riuscirò a terminarlo).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2011-08-04 09:27:05 mixo
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
mixo Opinione inserita da mixo    04 Agosto, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'incantevole villaggio di Fj?llbacka

Dopo la delusione derivata dalla lettura de "La principessa di ghiaccio" mi ero riproposto di non acquistare più altri libri della Lackberg. Non ho mantenuto fede alla promessa ed ho letto questa sua seconda fatica che a mio avviso è decisamente migliore. I personaggi principali sono gli stessi, cambia ovviamente il loro ruolo nella storia che peraltro non è mal strutturata, certo è che, se non si è letto il primo libro, non si comprendono fino in fondo i ruoli di tutti i personaggi. Sicuramente lo stile non è avvincente, la lettura è lenta e senza colpi di scena, ma l’ambientazione è a dir poco fiabesca. L’incantevole villaggio di Fj?llbacka località turistica a 500 km da Stoccolma, nota anche per essere stata il rifugio dell’attrice Ingrid Bergman. Il romanzo sembra scritto al contrario, invece di fornire indizi per portare al colpevole, la Lackberg ti offre tutti gli indizi per capire chi sia e poi lavora per depistarti. Il lettore esce soddisfatto della propria capacità investigativa ma sotto sotto si rende conto che i dettagli, i personaggi che entrano ed escono dalla storia, i fatti personali dei protagonisti altro non servono se non a creare confusione.
La storia ha inizio nel bel mezzo di una splendida estate, con il ritrovamento di un cadavere sotto al quale la polizia ne rinviene altri due. Mentre il primo è di una giovane ragazza tedesca giunta a Fj?llbacka per una vacanza, gli altri due si scoprono appartenere a giovani donne scomparse vent’anni prima. La polizia locale guidata per l’occasione da Patrik Hedström non abituata ad avere a che fare con questo genere di crimini, sembra incapace di dipanare la matassa ma lentamente gli indizi porteranno tutti nella stessa direzione, la famiglia Hult. Il patriarca Ephraim, pastore molto conosciuto per le sue prediche infiammate, i due figli, Gabriel e Johannes, con le loro capacità taumaturgiche perse durante la crescita, le mogli di questi ed i rispettivi nipoti. Le rivalità, gli odi ed i rancori delle loro vite si incrociano sempre più con lo sviluppo delle indagini che, quando scompare una nuova ragazza diventano sempre più serrate fino alla scoperta del colpevole e di tutto l’orrore che solo una mente malata può aver generato. Rimarrà il dolore dei vivi ed il ricordo di giovani vite spezzate nel nome della follia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2011-07-05 21:16:27 Tanu
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    05 Luglio, 2011
Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lento e prevedibile

Rischio il linciaggio dei fans della Lackberg che hanno giudicato "inutile" il mio commento alla prima fatica della svedese solo perchè negativo.... Ho comunque letto anche questo secondo libro che poco ha smosso le mie opinioni. Innanzitutto lo stile: forse per colpa del traduttore che ha usato un "ghost", ma la prima parte del libro sembra scritta da una liceale. Purtroppo sempre più traduttori si affidano a terzi che spesso sono ragazzini e il primo centinaio di pagine sembra davvero scritta da un'adolescente.
La storia poi è costellata di eventi impossibili più che scioccanti: comunque tutti gli indizi puntano assolutamente sull'assassino, quindi nessuna sorpresa alla fine, nemmeno i depistaggi della Lackberg fanno dubitare sull'esito finale.
Il ritmo poi è lentissimo, le prime 200 pagine sono più indigeste di un .. dolce svedese con troppo zucchero e cannella.
Anche i poliziotti goffi tipo Ernst e Gosta non ispirano la simpatia di un Catarella.
Insomma: mi sembra che la Lackberg sia un ottimo prodotto di marketing, ma la sostanza dei suoi libri la trovo deludente. Tra gli scandinavi ci sono ben altri giallisti di qualità che meriterebbero maggior rilievo. Ora massacratemi ma non comprerò il terzo libro della Lackberg ...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il predicatore 2011-04-02 16:45:52 sabrinat2601
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    02 Aprile, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il gene del male.

La prima parola che mi viene in mente adesso che ho appena concluso questo agghiacciante thriller è "follia".
Durante i primi capitoli può sembrare che sia il solito romanzo giallo, verso la metà mi sembrava perfino di aver capito chi fosse l'assassino...ma più procedevo con la lettura più i dubbi aumentavano..ho divorato un capitolo dopo l'altro, suspence e adrenalina si erano ormai fuse insieme.
Era da tempo che non provavo certe sensazioni leggendo un thriller.

Un corpo viene ritrovato in un paesino svedese durante una torrida estate. La vittima, una ragazza, giace sugli scheletri di altre due donne uccise con lo stesso modus operandi. Tutto fa pensare ad un serial killer, ma l'unico indiziato per gli omicidi avvenuti vent'anni prima è morto suicida ormai da tempo. La polizia sembra brancolare nel buio. Un'altra giovane donna scompare e inizia così una caccia che vi lascierà senza fiato.

Consigliatissimo!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La principessa di ghiaccio, uomini che odiano le donne & co.
Trovi utile questa opinione? 
112
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri