La bambina che amava Tom Gordon La bambina che amava Tom Gordon

La bambina che amava Tom Gordon

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di La bambina che amava Tom Gordon, romanzo di Stephen King edito da Sperling & Kupfer. È stata un'imprudenza ma se n'è accorta troppo tardi... È che suo fratello Pete e la mamma non smettevano di litigare e lei voleva, per un attimo, scordarsi di loro, di papà, del divorzio. Così Trisha McFarland, nove anni, appassionata di baseball, dei Red Sox e innamorata del mitico numero 36, Tom Gordon, si è allontanata un po' dal sentiero, poi un altro po', finché si è ritrovata sola e dispersa nel cuore della foresta sui monti Appalachi: miglia di subdolo verde che ogni anno si spalancano su bambini come lei e ne fanno un sol boccone. Benché abbia indosso amuleti contro ogni male - la maglietta della sua squadra e il berretto con l'autografo di lui -, e possieda sufficienti nozioni per non soccombere subito al terrore e allo stress, Trisha è in una situazione che di solito non lascia via di scampo. All'inizio l'aiutano l'istinto, l'incoscienza e la forza dell'infanzia: vaga tra la vegetazione affamata e sofferente, eppure convinta di farcela, aggrappata alle partite dei Red Sox trasmesse dal suo walkman; ma poi la sua fiduciosa innocenza viene messa alla prova: sta perdendo il lume della ragione, o c'è davvero qualcosa tra gli alberi che la insegue e la spia?

Stephen King, visionario e acclamato genio della letteratura internazionale, vive e lavora nel Maine con la moglie Tabitha, a sua volta scrittrice. Le sue storie da incubo sono clamorosi bestseller che hanno venduto 350 milioni di copie in tutto il mondo e hanno ispirato registi famosi come Stanley Kubrick, Brian De Palma, Rob Reiner e Frank Darabont. Nel 2003 gli è stata assegnata la National Book Foundation Medal per il contributo alla letteratura americana e nel 2007 l'associazione Mystery Writers of America gli ha conferito il Grand Master Award. Le sue opere sono tutte pubblicate in Italia da Sperling & Kupfer.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (6)
Contenuto 
 
3.5  (6)
Piacevolezza 
 
3.5  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate (quindi non scrivere solo 'e' un bel libro');
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms ne' errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire piu' di 3 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bambina che amava Tom Gordon 2014-06-21 10:50:41 Illary
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Illary Opinione inserita da Illary    21 Giugno, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA BAMBINA CHE AMAVA TOM GORDON

***ATTENZIONE IL TESTO CONTIENE SPOILER***

Trisha è una bambina di nove anni che, stanca di sentire la madre ed il fratello discutere continuamente a causa del recente divorzio dei genitori, si avventura da sola nel bosco nel quale si trova per un'escursione, allontanandosi dalla strada principale.
Pensando di raggiungere subito la madre ed il fratello prendendo una scorciatoia, si perde nella sterminata foresta dei monti Appalachi.
Inizia la sua disavventura fra assenza di cibo e acqua, febbre, vespe e cadute rovinose. In più, al limitare del bosco, qualcuno o qualcosa la spia, la segue, la controlla. Inizialmente Trisha pensa si tratti di fantasie, ma con lo scorrere del tempo il dubbio diventa certezza. C'è qualcosa di terribile nel bosco... quel qualcosa vuole proprio lei.

Stephen King è sempre un grande scrittore. Il libro è ricco di suspance e sicuramente regala momenti di brivido e tensione. Però, come già visto accadere in altri suoi racconti, King inzia molto bene creando una situazione che sarebbe già di per sè angosciante e poi scade nel paranormale...
A mio avviso sarebbe stato molto più terrificante se, a perseguitare la bambina, fosse stato un maniaco in carne ed ossa piuttosto che un "mostro" da manuale per libri horror.
Isomma, bella l'idea della trama, romanzo scritto bene come solo un maestro come lui sa fare, peccato per il finale scontato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
...agli amanti di King...
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bambina che amava Tom Gordon 2013-07-16 18:15:41 Christy Unbuonlibro
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Christy Unbuonlibro Opinione inserita da Christy Unbuonlibro    16 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Persa nella foresta

La bambina che amava Tom Gordon è la protagonista di questo fantastico libro. Si chiama Trisha McFarland, ha solo nove anni, ma sopporta da quasi un anno ormai, i continui litigi tra il fratello Pete e la mamma iniziati dopo il divorzio dei genitori. Trisha è stanca di questi litigi e anche se piccola, sa come non far pesare la cosa, ma è tanto stanca, vorrebbe tappare le bocche del fratello e della madre almeno per un istante.


Durante una delle tante gite che i tre fanno insieme, Trisha vuole per un attimo allontanarsi da quelle voci.. ha bisogno di andare in bagno, ma è solo una scusa per non sentirli più discutere, ma nessuno l'ascolta, perché sono troppo presi dalla lite. Trisha non vuole saperne di andare avanti e così si inoltra tra gli alberi per non essere vista, ma la sua è l'imprudenza di una bambina, entrati in un bosco è difficile uscirne se non hai i mezzi necessari.
Così inizia l'avventura di questa piccola creatura, che da sola deve farsi coraggio per poter uscire da questo incubo, ma a nove anni è difficile orientarsi e ogni giorno che passa non fa altro che infiltrarsi sempre di più nel bosco, credendo di cercare l'uscita. Il tempo scorre inesorabile e le risorse scarseggiano, come se non bastasse inizia ad esserci qualcosa o forse qualcuno che insegue Trisha, lei ha paura ma deve essere forte e andare avanti. L'unico suo contatto con la realtà è Tom Gordon, ogni sera prima di dormire ascolta la partita dei Red Sox, con il suo walkman, per sapere come gioca il suo eroe,
l'unico uomo in grado di aiutarla.
Noi lettori non sappiamo cosa o chi sia l'inseguitore della bambina fino all'ultimo e questo aumenta l'angoscia, la paura di chi legge.


Stephen King è riuscito, come sempre, a scrivere un libro pieno di suspance, che tiene i lettori con il fiato sospeso. Chi legge è spinto dalla paura ad andare continuamente avanti, vorrebbe gridare consigli alla piccola Trisha, vorrebbe aiutarla, ma lei non può sentirci. Come la protagonista anche noi “sentiamo” la presenza di qualcosa, ma non la vediamo. L'autore ci trasmette tutte le ansie e gli stati d'animo della protagonista, facendoci sentire partecipi, una cosa che apprezzo moltissimo nei libri, perché li rende speciali, in grado di catturarci.

Un libro che ho amato e che, a mio parere, merita il massimo dei voti, sebbene non sia uno dei migliori libri del grande King. Un libro che consiglio a tutti! Soprattutto agli amanti dei thriller, non potete perdervi questa storia. Una lettura molto facile e scorrevole, ho trovato un po' di difficoltà solo a metà, durante la descrizione del paesaggio, sembra più un elenco, rendendo la lettura un po' noiosa, ma tutto sommato è una storia FANTASTICA!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bambina che amava Tom Gordon 2013-05-04 13:57:09 McLennon
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
McLennon Opinione inserita da McLennon    04 Mag, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Istinto di sopravvivenza

Un buon romanzo del "Re" che fa rivivere l'orrore e il panico di una bambina di 9 anni (quasi 10) che, una volta perdutasi nel bosco durante una gita con i suoi familiari, si trova costretta a lottare con le insidie della natura, con i suoi pericoli e con l'onnipresente entità "esterna", tipica dei romanzi di King.

La trama è molto realistica e potrebbe essere piuttosto credibile tuttavia la bimba a mio parere, per l'età dichiarata nel libro, appare troppo "adulta" nei ragionamenti, nella parsimonia e nelle azioni di sopravvivenza,; questo l'unico appunto che mi sento di fare.

Non manca la suspance e alcuni piccoli colpi di scena, in un'avvicendarsi di situazioni abbastanza prevedibili ma lo stile dell'autore è come sempre di primo livello nel mantenere alta la tensione.

Non uno dei migliori del "Re", ma un buon romanzo, piacevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bambina che amava Tom Gordon 2011-12-05 18:15:47 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    05 Dicembre, 2011
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una bimba d'acciaio e dolcissima

Trisha è una bambina di 9 anni che si perde in un bosco, durante una gita con la famiglia. Emerge fin da subito il suo istinto di sopravvivenza e la sua maturità, pur essendo bimba. Si impedisce di piangere, concentra tutta se stessa sul senso dell'udito per cercare di trovare una via d'uscita, alterna l'ascolto alle grida e le grida all'ascolto, pensa da adulta a come rispondere agli istinti base della fame e della sete e scopre dentro di sè riserve di energia inaspettate. In queste condizioni estreme cambia la percezione del senso del tempo e l'ascoltare al walkman le partite della sua squadra del cuore le permette di mantenere il contatto con la realtà e di non arrendersi. La creatura che la spia nel bosco non fa così tanta paura, forse perchè, mentre lei, piccola e indifesa, tifa per Tom Gordon, il lettore tifa per lei, affinchè ritrovi la strada amica. "Il mondo ha i denti e in qualsiasi momento ti può morsicare". Trisha reagisce, sfida il buio, il freddo, la fame e la sete, e sopravvive.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bambina che amava Tom Gordon 2011-09-07 01:12:00 Nika
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nika Opinione inserita da Nika    07 Settembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

King è il King

Che dire....King è the best...libro piacevole, scorrevolissimo e terrificante. Incredibile come l'autore riesca a terrorizzare semplicemente attraverso l'oscurità nella nostra psiche. Non che la povera Trisha non sia obbiettivamente in una brutta situazione; ma davvero i fantasmi che nascono dalla sua fantasia di bambina sono più reali e spaventosi di qualsiasi orso in carne ed ossa...proprio un bel libro

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bambina che amava Tom Gordon 2011-08-03 13:15:07 Lady Libro
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    03 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Torna a casa, Trisha!

Patricia McFarland, detta Trisha, è una bambina di nove anni (ma grande per la sua età) appassionatissima di baseball e della squadra dei Red Sox, in particolare del numero 36 Tom Gordon di cui è profondamente innamorata. Dopo il divorzio dei suoi genitori, Trisha vive con la madre Quilla e il fratello maggiore Pete, che non perdono mai l'occasione di litigare per questioni familiari. Quilla ha l'abitudine di portare sempre i figli, durante ogni weekend, in gita in posti diversi. Per l'ennesima gita Quilla sceglie la foresta dei monti Appalachi, una piccola camminata nei sentieri del bosco. Ma è proprio qui che avviene il guaio: mentre i tre percorrono un sentiero e Pete e la mamma incominciano di nuovo a litigare, la piccola Trisha si allontana. Pensava di fermarsi soltanto un attimo per orinare, ma più che altro per non sentire più le urla di sua madre e suo fratello, ma non pensava minimamente che questa scelta le sarebbe costata cara... Trisha si allontana troppo dal sentiero e, non riuscendo più a ritrovarlo, si perde. Cercando di mantenere la calma, Trisha comincia a vagare per la foresta alla ricerca di un qualcosa, qualsiasi cosa che riconduca alla civiltà, all'uomo. Ma i giorni diventano settimane, le scorte di cibo finiscono, le ferite, le punture di vespe e zanzare e i mali in tutto il corpo costringono la bambina a vivere un'esistenza infernale e selvaggia: Trisha si nutre di felci, bacche, pesce crudo, dorme sotto il cielo stellato e cammina tra aghi di pini e abeti, sassi, fiumi e paludi, tutta sporca, ferita con i vestiti strappati ed ormai esausta e priva di speranza. Continua a camminare, ma l'unica cosa che vede sono gli alberi e il solo modo per sentirsi "bene" e vicina al mondo (il suo mondo) è ascoltare le partite dei Red Sox con il suo walkman, ascoltare le gesta del suo amato Tom Gordon. Qunado ormai la stanchezza e la paura si sono impossessate di lei, Trisha comincia ad avere delle visioni: voci gelide che prevedono la sua brutta fine, la sua amica del cuore Pepsi Robichaud e i suoi parenti che la incoraggiano e Tom Gordon che l'accompagna per quasi tutto il suo viaggio, come unico compagno e amico fedele.
Ma ciò che spaventa davvero Trisha è quello che sente (ma non riesce a vedere) in mezzo alla foresta: una strana e indefinibile creatura che continua ad osservarla e a spiare ogni sua mossa, un essere che squarta cervi e volpi che s'imbattono nel cammino della bambina, una cosa chiamata Dio dei Perduti.... Il suo Dio, che aspetta che Trisha sia completamente impaurita e priva di forze per....

Secondo libro che leggo di Stephen King, e non è affatto male. L'inizio che trasporta all'interno di questa tetra vicenda e che descrive la situazione familiare della famiglia di Trisha e di come si allontana dal sentiero è coinvolgente ed entusiasmante, sebbene durante tutta la parte centrale la storia diventi particolarmente noiosa, poichè si limita a descrivere i luoghi del bosco per cui Trisha vaga e le sue trovate per sopravvivere. In questo punto, che ho faticato un po'a leggere, sembra di leggere un elenco e basta. La parte finale è piuttosto bella, anche se me l'aspettavo leggermente diversa e un po'più fantasy (sebbene io non sia un'appassionata del genere). In compenso King è bravissimo a descrivere i sentimenti e le sensazioni dell'animo umano e la paura e la suspense non mancano praticamente mai. I suoi personaggi non sono assolutamente parole su carta: hanno una propria personalità, sono più reali della realtà stessa.
Purtroppo, siccome non so quasi nulla di baseball, non ho capito praticamente nulla durante le descirizioni delle partite dei Red Sox ascoltate da Trisha nel suo walkman!
Inoltre questo libro ha un altro bruttissimo difetto: la traduzione. Ho visto moltissimi indicativi al posto dei congiuntivi! Ma ormai è risaputo: il congiuntivo è più estinto dei dinosauri sia quando si parla sia quando si scrive.
A parte ciò, non sarà uno dei migliori libri di Stephen King, ma "La bambina che amava Tom Gordon" mi è piaciuto molto, in particolare ho adorato il personaggio di Trisha: nonostante abbia nove anni, si è dimostrata molto più grande della sua età, molto più matura di chiunque altro, adattandosi all'ambiente della foresta, vincendo le sue paure e sopportando dolori atroci e pesanti malattie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore