La fine dei Greene La fine dei Greene

La fine dei Greene

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La famiglia Greene è una delle più importanti della città di New York. Vive in una sontuosa dimora che, in base alle disposizioni testamentarie del vecchio Tobias, i membri della famiglia non possono lasciare per almeno 25 anni pena la perdita della cospicua eredità. Nel palazzo vivono, quindi, la vedova, costretta a letto da una paralisi, ed i cinque figli: Julia, Chester, Sybile, Rex e la giovane figlia adottiva Ada. Il procuratore di New York, Markham, ed il fido amico Philo Vance sono chiamati ad indagare quando, in una nevosa notte d'inverno, Julia viene uccisa, e Ada ferita. Sembra un furto, ma, giacché i preziosi sono custoditi al piano terreno, quale ladro si comporterebbe in modo così inetto da penetrare nelle camere da letto al primo piano, accendere le luci, farsi vedere dalle donne e sparare due colpi di pistola con il rischio di attirare su di sé l’attenzione degli altri occupanti? Sarà necessario tutto l’acume dell’investigatore dandy per giungere a capo della vicenda.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La fine dei Greene 2017-09-12 14:09:17 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    12 Settembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 12 Settembre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Philo Vance fatica a ritrovare il suo fiuto

Terza indagine per l’aristocratico investigatore Philo Vance.
La facoltosa famiglia Greene è vittima di un oscuro e spietato assassino che, uno dopo l’altro, uccide quasi tutti i suoi componenti. La polizia, il Procuratore distrettuale John F.X. Markham e lo stesso Vance sembrano brancolare nel buio per l’incomprensibilità dei vari delitti. Solo la tenacia e la sagacia di quest’ultimo riusciranno ad individuare il colpevole di questa inquietante serie di delitti.
Molti critici hanno classificato questo romanzo tra i migliori di Van Dine ed uno dei capolavori del genere poliziesco. Per parte mia, però, debbo dire che il romanzo non mi ha esaltato, né convinto totalmente.
La trama vorrebbe essere ingarbugliata ed intrigante, ma, come per i precedenti romanzi, allo smaliziato lettore moderno tutto appare piuttosto chiaro sin dall'inizio. Al solito il meno sospettabile dei protagonisti della storia risulterà essere l’autore dei delitti. Partendo da questa chiave di lettura i vari tentativi di depistaggio appaiono facilmente smascherabili e, proprio per ciò, l’evolversi della storia risulta scontato. Alla fine ci si riduce ad attendere che i protagonisti riescano a trovare il bandolo della matassa che allo spettatore esterno appare già in bella vista.
A questo terzo volume, poi, manca quel quid in più che aveva reso intriganti i precedenti. A differenza degli altri, infatti,i la figura di Vance è meno caratterizzata, meno spigolosa e irridente, più amichevole e bonaria. Senza quel gusto acre che veniva dai salaci dialoghi fatti a suon di dotte citazioni e frecciatine snob, i confronti tra i personaggi appaiono più smussati ed edulcorati. Ciò va a detrimento della narrazione che diviene meno piacevole e stimolante. Perso il gusto irridente, anche l’acume investigativo del ricco gentiluomo sembra appannato, spaesato nella soluzione di un caso ritenuto diabolico e incomprensibile, quando, invece, allontanando il punto di osservazione dai singoli particolari, diviene lineare e preciso, soprattutto seguendo il criterio di indagine marchio di fabbrica di Vance: lo studio psicologico dei delitti.
Insomma un volumetto non sgradevole, ma sicuramente inferiore allo standard a cui Van Dine aveva abituato.
Due annotazioni conclusive. Purtroppo l’edizione elettronica che ho avuto l’opportunità di leggere è martoriata da refusi ed errori di conversione del testo, che rendono faticosa la lettura, e da una traduzione non certo impeccabile, al punto che, inspiegabilmente, una delle protagoniste muta nome. L’Ada Greene del testo originale diviene, senza alcuna ragione apparente, Licia Greene. Mi è sorto il dubbio che, nella traduzione originaria del 1930, quell'Ada sia stato espunto dalla censura per qualche insondabile riferimento a personaggi dell'epoca che non volevano o non potevano diventare protagonisti di storie gialle. Mistero!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri Van Dine, se non altro per avere una continuità dell'evoluzione del personaggio.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La colonna di fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri