La ragazza nel parco La ragazza nel parco

La ragazza nel parco

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Quando Olivia Randall, avvocato newyorchese, viene svegliata da una telefonata, non ha idea di chi sia la ragazzina che la implora di aiutarla. Ma basta un nome a farle capire. Jack Harris. Il famoso scrittore, padre della ragazzina, accusato di omicidio e ora in cella, in attesa di processo. Jack Harris è un nome che dice troppe cose a Olivia: perché Jack e Olivia hanno un passato. Un vecchio amore finito male vent'anni prima. Un amore di cui lei porta ancora dentro i segni. Di fronte alla richiesta della figlia di Jack, Olivia sa che non ha altra scelta. Aiuterà Jack. A costo di lasciare che lui dia sfogo a una vendetta tenuta a bada per tutti questi anni. Jack non ha un alibi, non ha testimoni, e non ha un motivo plausibile per essere dov'era quando qualcuno ha fatto fuoco nel parco, ammazzando tre persone. E ben presto Olivia sarà costretta a chiedersi se Jack sia davvero innocente, e non la stia manipolando?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.8  (5)
Contenuto 
 
4.8  (5)
Piacevolezza 
 
5.0  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La ragazza nel parco 2016-11-01 19:09:35 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    01 Novembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il tutto e il contrario di tutto

Thriller psicologico, molto ben congegnato, molto ben costruito, dal ritmo serrato. Ingarbugliato quanto basta da tenere viva l’attenzione ad ogni pagina e con uno splendido, inaspettato, finale. Durante lo sviluppo della storia affronti il tutto ed il contrario di tutto ed ogni elemento di prova scopri che ha due facce e le osservi, alternativamente, entrambe. Anche tu, leggendo, sei su un’altalena: Jack è colpevole o innocente? Ad un certo punto sei convinto di una cosa, poi del suo contrario, poi ricambi ancora idea. Ma non ne sei del tutto sicuro. Cosa chiedere di più ad un thriller? Una buona caratterizzazione dei personaggi? C’è, sia per i protagonisti, sia per i personaggi minori. E forse è ancora migliore della trama. Un messaggio di fondo che vada oltre la storia? C’è. E’ un libro che ti fa riflettere, a lungo, sui rapporti umani, sia su quelli interpersonali sia su quelli familiari. Thriller promosso, su tutti i fronti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La ragazza nel parco 2016-10-27 06:20:05 violetta89
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    27 Ottobre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

assassino o bugiardo?

Olivia Randall è un ottimo avvocato di New York, che pensa di avere tutto sotto controllo, fino a quando una mattina non riceve una chiamata da una ragazzina che la implora di aiutare suo padre, accusato di omicidio. Si scopre che il padre è l'ex di Olivia, ma non un ex qualunque, ma proprio l'Ex a cui Olivia ha rovinato la vita, cosa per la quale lei nutre ancora dei forti sensi di colpa, unico motivo per cui accetta di aiutarlo.
Viene subito fuori che tutte le prove sono contro quest'uomo e la storia che lui racconta è troppo incredibile per essere vera, eppure Olivia è convinta che sia innocente. Oppure esiste un lato oscuro di Jack che lei non conosce? Piano piano dei dubbi si fanno sempre più strada nella sua mente e lei non riesce a essere più obiettiva... Jack è un assassino o soltanto un bugiardo seriale?
Era tanto che non mi capitava di leggere un giallo così ben strutturato, anche se avevo intuito qualcosa sull'assassino, l'ho letto con piacere, anche perché una pagina tira l'altra. Non ci sono sentimentalismi, né lieti fini, i personaggi sono credibili e ben descritti.
Leggetevelo, ne vale la pena!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La ragazza nel parco 2016-10-17 13:01:02 Bice
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bice Opinione inserita da Bice    17 Ottobre, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'uomo più sfigato del pianeta

*Attenzione Spoiler*

Per una volta posso dire di apprezzare maggiormente il titolo italiano rispetto a quello originale "The ex"
L’ex, l’incubo di ogni donna. Avrei pensato alla classica storiella d’amore mai sopito, con finale alla vissero felici e contenti.
Grazie al cielo no. No.
Olivia Randall è una donna con gli attributi. Avvocato eccezionale, poco più che quarantenne, vestiti impeccabili e baby boy gnocco.
La sua vita scorre tra una stoccata giudiziaria e l’altra fino a che riceve una telefonata. E’ la figlia di Jack, il ragazzo che stava per sposare ai tempi dell’università, aka l’uomo più sfigato del pianeta.
Jack è il classico secchione della porta accanto che ama la sua migliore amica ma lei è troppo, ehm diciamo emancipata, per degnarlo anche solo di uno sguardo.
Poi un giorno, dopo anni di pomeriggi passati a canticchiare orribili canzoncine al campus universitario, lui si mette con una e allora Olivia non ci sta e se lo prende lei.
Ma si sa, la regola dell’amico non sbaglia mai.
Jack è destinato ad essere cervo a primavera forever.
Olivia lo tradisce con il fratello di Jack che poi la stessa sera muore in un incidente automobilistico.
Quindi il nostro Jack, che già era orfano di madre e di padre, rimane solo al mondo. Senza famiglia e senza fidanzata. A si perché di li a poche settimane i due si dovevano anche sposare.
Si deprime, come è ovvio, e finisce in una clinica psichiatrica.
Esce si sposa e mette su famiglia.
Un giorno la moglie viene brutalmente assassinata da un ragazzino squilibrato.
Dulcis in fundo, un bel giorno Jack viene accusato di aver ucciso tre persone in un parco.
Poi basta?
Devo fermarmi per non svelare tutto il resto ma poi vorrei riparlarne, magari nei commenti.
Io non posso dire che il libro in se non mi sia piaciuto, perché è scritto in maniera ineccepibile, davvero avvincente e l’ho spolpato in neanche due giorni, ma il fatto è che la iella di Jack toglie patos alla vicenda.
Olivia catalizza tutta l’attenzione come è giusto che sia ma non lascia spazio per altri perché gli altri al passo non ci sanno stare.
I personaggi di contorno sono a dir poco ridicoli.
La migliore amica lesbica multimilionaria acida e iperprotettiva fa acqua da tutte le parti.
La figlia è odiosa e inquietante al tempo stesso.
Il boy toy, baby boy, toy boy o come lo si voglia chiamare non c’entra assolutamente niente di niente e non attribuisce spessore ad Olivia, anzi stona alla grandissima.
Ma la cosa frustrante è che già a pag. 10 avevo capito chi era l’assassino.
Eppure io lo consiglierei, è una bella lettura, vale la pena e probabilmente leggero altro made in Alafair Burke
Però a me Jack fa pena.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La ragazza nel parco 2016-08-29 18:24:50 noemi.musica
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
noemi.musica Opinione inserita da noemi.musica    29 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Thriller per eccellenza

Ho letto questo libro in lingua originale (titolo The Ex) in modo da apprenderne tutte le sfumature al meglio. Si tratta di un libro scritto con precisione, senza sbavature e che ti tiene con il fiato sospeso fino alla fine, dove il finale arriva quasi aspettato ma con piacere.
La protagonista (Olivia Randall) è una stimata avvocatessa Newyorkese che viene chiamata all'improvviso dalla figlia sedicenne del suo ex, che è stato accusato di pluriomicidio la mattina stessa. La ragazzina le chiede aiuto e lei, consumata dai sensi di colpa per come ha lasciato 20 anni prima suo padre in malo modo, si offre di aiutare. La protagonista è descritta nei minimi particolari e la fa diventare tangibile. Tutti i personaggi vengono analizzati appieno e il lettore viene trasportato dalla storia e dai pensieri di essa. Stupendo, un capolavoro dal punto di vista dell'autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La ragazza nel parco 2016-08-25 08:51:55 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    25 Agosto, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sei tu la ragazza nel parco?

Troppo spesso si accostano, con troppa facilità, romanzi che sono totalmente diversi. È il caso di due successi editoriali, due romanzi che hanno ottenuto fama planetaria. Ognuno dei due ha avuto il suo momento clou durante l'estate. Sto parlando di LA RAGAZZA DEL TRENO, estate 2015, e di LA RAGAZZA NEL PARCO, estate 2016, di autrici diverse. Li ho letti entrambi e posso garantirvi che sono fantastici, due letture interessanti, coinvolgenti ed avvincenti ma, a parte la somiglianza del titolo, non vi è nient'altro. Il primo è un thriller psicologico, mentre il secondo è un perfetto legal thriller. Non ne leggevo uno scritto in maniera così coinvolgente dai primi tempi di Grisham: i suoi primi romanzi legal thriller erano da divorare. LA RAGAZZA NEL PARCO mi ha tenuta con il fiato sospeso dalla prima all'ultima pagina. Il dubbio è rimasto costantemente nella mia mente, come era disseminato tra le righe, altalenando da un capitolo al successivo.
La protagonista Olivia Randall, stimata avvocatessa newyorchese, ha di fronte una scelta importante, una mattina, quando viene contattata da una ragazzina che le chiede di difendere suo padre, accusato di una strage nel parco. È accusato di aver ucciso tre persone, ma si dichiara innocente.
Ad Olivia basta venire a conoscenza del nome del sospettato per ritrovarsi catapultata nel passato, avviluppata nei suoi sensi di colpa per una storia d'amore finita nel peggiore dei modi. La ragazzina, infatti, è la figlia del suo grande amore, quello che non ha dimenticato. Oggi, lui è diventato un affermato scrittore di bestseller. La loro storia era stata davvero molto complicata, soprattutto per colpa di Olivia.
"L'unico motivo per cui non aveva funzionato tra noi due era che io lo conoscevo meglio di quanto lui conoscesse se stesso. Lui credeva che io lo avrei reso felice per il resto della sua vita. Io, invece, sapevo che avrei continuato a deluderlo."
I sensi di colpa, che prova verso di lui, le impongono di fare del suo meglio per scagionarlo. Olivia Randall assume la difesa del suo ex, Jack Harris. Lui è il segno che il passato torna sempre a bussare alla tua porta, quando meno te lo aspetti, quando non hai chiuso completamente con ciò che è stato. Lui non è soltanto un vecchio amore finito male vent'anni prima. Ma è un uomo che, forse, ha superato il passato ed è andato avanti, formando una nuova famiglia, felice, però ostacolata ed inquinata dal male della società. Purtroppo la gioia che Jack Harris ha provato deve fare i conti con la morte, col dolore, come troppo spesso è accaduto in passato. Olivia sa che non ha altra scelta. Aiuterà Jack.
Lui non ha un alibi, non ha testimoni e non ha un motivo plausibile per essere dov'era, quando qualcuno ha fatto fuoco nel parco, ammazzando tre persone. Olivia lo conosce, si ostina a credere in lui, ma deve anche chiedersi se Jack sia davvero innocente o se la stia manipolando per qualche oscuro motivo.
Lui ha raccontato una storia strana. "Surreale" come l'ha definita lui. Ha incontrato, per caso, una donna bellissima, sensuale e misteriosa, con un libro. Il suo preferito. L'ha cercata e ritrovata online e lei gli ha dato appuntamento nel parco, proprio all'ora della sparatoria. È una strana coincidenza anche questa? O è una trappola?
L'indagine della difesa e dell'accusa procedono parallelamente e si scontrano su più fronti: l'una per scagionare, l'altra per assicurare il colpevole alla giustizia. "Stai dicendo che non può essere colpevole perché sembra troppo colpevole?" Anche il lettore resta ossessionato da questo dubbio, mentre la trama tiene intrappolata l'attenzione in un groviglio di personaggi, i cui percorsi sono destinati ad intrecciarsi.
Ottimo bestseller, ottimo legal thriller che cattura, anche dal punto di vista psicologico, mentre si è alla ricerca della verità, come per dipanare l'eterno contrasto tra l'essere o non essere della vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri