La vita perfetta La vita perfetta

La vita perfetta

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Catherine Ravenscroft non sa cosa sia il sonno. Da quando in casa sua è comparso quel libro, l'edizione scalcagnata di un romanzo intitolato "Un perfetto sconosciuto", non riesce più a fare sonni tranquilli, né a vivere la vita di ogni giorno, la sua vita di film-maker di successo, con la sua bella famiglia composta da un marito innamorato e un figlio ormai grande. Non ci riesce perché quel libro - anche se Catherine non sa chi l'abbia scritto, o come possa essere finito nella nuova casa dove lei e il marito hanno appena traslocato - racconta qualcosa che la riguarda molto da vicino. Qualcosa che soltanto lei sa, e che ha nascosto a tutti, anche a suo marito. Chi è l'autore di quel libro, e come fa a conoscere Catherine e a sapere cosa ha fatto un giorno di tanti anni fa, durante una vacanza in Spagna? E che cosa vuole adesso da lei? Catherine dovrà fare i conti con la paura e con la verità.

Recensione della Redazione QLibri

 
La vita perfetta 2016-05-06 21:36:16 Vincenzo1972
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Vincenzo1972 Opinione inserita da Vincenzo1972    06 Mag, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi è perfetto.. scagli la prima pietra!

Catherine è una donna di successo; carriera promettente, una nuova casa, un marito premuroso, un figlio poco più che ventenne che sembra aver finalmente superato un momento di crisi adolescenziale tanto da esser riuscito anche a trovare un impiego fisso; certo non il lavoro che lei e suo marito Robert avrebbero desiderato per il proprio figlio, ma non importa.
Catherine ha tutte le carte in regola per essere una donna felice, soddisfatta della sua vita, una vita perfetta. O almeno così sembrerebbe, questo è quello che gli altri vedono, l'immagine della vita di Catherine riflessa negli occhi di chi crede di conoscerla.
Ma non è un'immagine reale, è come se ci fosse uno specchio tra Catherine e gli altri che produce un'immagine distorta, una perfezione apparente.
E quel libro misterioso che capita tra le sue mani, finito chissà come tra i pacchi ammucchiati in casa dopo il trasloco, è come un sasso che colpisce in pieno centro lo specchio magico di Catherine, creando un crepa che progressivamente si allarga sgretolandolo in frantumi e mostrando la vera immagine di Catherine, e della sua vita mascherata di perfezione.
Quel libro non può essere una semplice coincidenza, il titolo 'Un perfetto sconosciuto', la storia, la protagonista seppure con un altro nome, tutto lascia supporre che l'autore conosca il suo segreto, un segreto che sino ad allora lei credeva relegato nella sua memoria, mai condiviso con nessuno, nemmeno con Robert, suo marito, impeccabile ed amorevole compagno.
Chi può volerle così male mostrando il chiaro intento di ferirla ed umiliarla agli occhi di tutti, agli occhi di chi l'ha sempre considerata una donna perfetta.
Ma nessuno è perfetto, nessuno ha una coscienza perfettamente linda, nemmeno chi si arroga il diritto di accusare e giudicare.

Siamo lontani dalla perfezione ma certamente non annoia e non risulta sgradevole la lettura di questo romanzo di esordio di Renee Knight: autrice inglese, segue la scia già tracciata da diversi altri autori che recentemente tentano la fortuna intraprendendo la strada incerta e tortuosa del thriller psicologico; genere fin troppo abusato, in cui non è facile emergere sia perchè è alto il rischio di imbattersi in trame già tessute che inevitabilmente suscitano un senso di deja vu nel lettore sia perchè, quand'anche la storia spicchi per originalità, manca talvolta di spessore la caratterizzazione dei personaggi e la costruzione dei dialoghi, elementi fondamentali in un romanzo che fa dell'introspezione psicologica il suo punto di forza.
Ma se entrambi questi elementi vengono curati ed adeguatamente sviluppati nel romanzo, il successo editoriale è praticamente certo; e non solo editoriale direi, visto che romanzi di questo tipo diventano spesso soggetti ottimali per essere trasposti su celluloide.
A mio parere, quindi, La vita perfetta non è un inganno, e questo è già tanto: quante volte, infatti, ci imbattiamo in romanzi osannati come capolavori sulle fascette editoriali o in quarta di copertina da scrittori o giornalisti vip e che si rivelano poi per quello che sono realmente: spazzatura con velleità letteraria.
Ecco, non è il caso di questo libro e, tanto per riportarne una, la citazione del New York Journal of Books in quarta di copertina "Un libro che vi farà girare le pagine vorticosamente, lo divorete" questa volta è veritiera: questa volta non mi sono sentito in obbligo, come per altri romanzi che promettevano la stessa sensazione, di correggere il termine 'pagine' con un attributo anatomico maschile facilmente intuibile.
E ritengo sia stata molto brava l'autrice a districarsi su un terreno minato, perchè il tema dell'apparente perfezione, del male che si nasconde dietro una parvenza di perbenismo, è stato affrontato già da diversi autori; anche l'idea del 'libro nel libro', del romanzo maledetto, mi ha portato alla mente il recente romanzo di Dicker 'La verità sul caso Harry Quebert'.
Ma 'La vita perfetta' mi è parso molto più avvincente, con uno stile narrativo che non perde colpi sino all'epilogo finale e con una trama che coinvolge il lettore per la sua drammaticità e per l'intensa rappresentazione dei personaggi, con cui è facile entrare in empatia... perchè ognuno di noi, uno più uno meno, ha uno scheletro nell'armadio.
"Ci vuole coraggio, non vi pare? A calare la maschera e a vederci per ciò che siamo realmente."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vita perfetta 2017-02-23 07:36:41 Nonsense Lover
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nonsense Lover Opinione inserita da Nonsense Lover    23 Febbraio, 2017
Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

DISCLAIMER

Il titolo originale di questo libro, "Disclaimer", secondo me è molto più azzeccato rispetto alla traduzione italiana: il disclaimer è la dichiarazione di non responsabilità ed è la formula "Tutti i personaggi di questo libro sono frutto della fantasia dell'autore e qualsiasi riferimento a persone reali è da considerarsi puramente casuale..." che si trova all'inizio di un romanzo. Proprio un disclaimer barrato di rosso è la chiave che dà il via agli eventi contenuti in questo libro, in cui la protagonista trova in casa un romanzo che sembra avere la pretesa di raccontare un episodio sconvolgente del suo passato che ha preferito celare a tutti, anche alle persone più care. L'autore del libro vuole metterla di fronte alle sue responsabilità e farla soffrire il più possibile, innescando una spirale di inquietudine e bugie che la porterà ad affrontare la verità che ha tenuto nascosta così a lungo.

Dopo una partenza un po' fiacca e poco coinvolgente (le prime 50-70 pagine a mio avviso si leggono a fatica), il romanzo ingrana la quarta e rende difficile staccare gli occhi dalle pagine: i capitoli brevi e incalzanti (che, come ho già letto in altre recensioni, in effetti ricordano la struttura di "La ragazza del treno") raccontati dal punto di vista dei diversi personaggi e caratterizzati da continui flashback, invitano il lettore a cercare di scoprire la verità, per quanto sgradevole e inquietante possa essere. L'autrice ce la mette tutta per ingannare il lettore spingendolo a credere a una certa versione dei fatti e non nego che, sebbene abituata a leggere thriller in cui la verità non è mai quella che sembra, ci sono cascata con tutte le scarpe.

Unico punto debole del romanzo, la conclusione, in cui i colpi di scena si susseguono ma a cui viene dedicato forse troppo poco spazio, lasciando la sensazione di un finale sbrigativo in cui la Knight vuole sorprendere a tutti i costi il lettore senza però dare il giusto spazio alle vicende conclusive.

In generale l'ho trovato un ottimo romanzo di esordio, grazie anche a uno stile di scrittura fluido e coinvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"La ragazza del treno" di Paula Hawkins
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vita perfetta 2016-05-20 22:03:10 fede.book21
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
fede.book21 Opinione inserita da fede.book21    21 Mag, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mai dire mai

Non vedevo l'ora di scrivere questa recensione ! Questo libro si fa divorare , mettici che cambia trama continuamente, che non ci sono descrizioni ma solo piccoli capitoli e che sul piú bello ti lasciano in sospeso e cambiano il personaggio narrante. Ogni volta che ti affezioni al personaggio e alla sua storia finisce il capitolo e si cambia rotta. É una danza , piacevole e movimentata che non puó annoiare. Ogni volta che si inizia a capire, cambia tutto e si ricomincia.
Non voglio svelarvi nulla sulla trama perché non voglio rischiare di dare dettagli che svelino troppo pero se volete una lettura poco impegnativa ma che vi catturi siete davanti al libro giusto!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri