Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Le acque torbide di Javel
 

Le acque torbide di Javel Le acque torbide di Javel

Le acque torbide di Javel

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice


Dicembre è insolitamente mite a Parigi, ma Hortense Demessy non riesce ad assaporarne la dolcezza: Paul, il suo compagno, ex senzatetto e ora operaio metalmeccanico, è scomparso all'improvviso dall'appartamento in rue de la Saïda lasciandola incinta e senza un soldo. Disperata, la donna chiede a Nestor Burma, investigatore privato e noto tombeur de femmes, di ritrovarlo, in nome dell'amicizia che li ha legati in passato. Per Burma la scomparsa di Demessy diventa subito una questione di principio, che lo porterà a vagare per l'intero quartiere, tra lo stabilimento Citroën, il Bal Nègre di rue Blumet, il café di rue Payen e il pont Mirabeau finché non troverà la chiave di questa intricata vicenda in uno squallido bar-pensione gestito da arabi con pochi scrupoli e molte cose da nascondere. Attorno alla misteriosa scomparsa di Paul ruotano tre donne: Zorga-Tinea, la sensitiva di origine maghrebina che esercita nei pressi del Vel'd'Hiv, Wanda, l'enigmatica e bellissima bionda di place de Breteuil, e Jeanne, ventenne dall'atteggiamento spregiudicato che scandalizza l'anima delle case popolari. Ognuna di loro cela un arcano e tutte e tre sono legate da un prezioso oggetto e un inebriante profumo che si confonderà con l'olezzo dei cadaveri e l'odore dei soldi. Tra atmosfere grottesche e inquietanti coincidenze che rivelano ricatti meschini e torbide dinamiche sociali si scatenerà una partita mortale che farà luce sul disagio degli ultimi e irromperà senza pietà negli equilibri della tranquilla borghesia francese.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le acque torbide di Javel 2017-04-20 21:33:56 topodibiblioteca
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    20 Aprile, 2017
Ultimo aggiornamento: 20 Aprile, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mio nome è Burma, Nestor Burma

Piacevole scoperta questo noir dell’autore francese Léo Malet, creatore di romanzi seriali con protagonista il detective privato Nestor Burma, personaggio gradevole anche se caratterizzato con i tratti spesso un po’ troppo abusati nel cinema e nella letteratura “di genere”: aria da (finto) duro, solitario, non insensibile al fascino femminile, ma allo stesso tempo abile investigatore. Burma in questo breve romanzo che si svolge ovviamente a Parigi, in gran parte attorno al XV arrondissement nella zona conosciuta come “Javel”, attraversata dalla Senna, deve risolvere il mistero di Demessy, un uomo che conosce da lungo tempo improvvisamente scomparso senza lasciare traccia, abbandonando (per codardia ?, per trarsi d’impiccio?) la sua attuale compagna rimasta incinta di diversi mesi e che si rivolge proprio all’investigatore privato per chiedere il suo aiuto a ritrovarlo. Gli elementi a disposizione di Burma sono scarsi per cui la sua indagine appare nebulosa e comincia necessariamente rivolgendosi a quelle poche persone che risultano avere avuto contatti con lo scomparso Demessy, vale a dire una sedicente veggente alla quale si era rivolto su indicazione dello stesso Burma, ex colleghi di lavoro ed una misteriosa ed affascinante ragazza che risiede nel medesimo condominio dell’uomo. Man mano che l’indagine prosegue il detective metterà a rischio la propria vita, facendo emergere loschi traffici che vedono coinvolti alcuni arabi e scoprendo altresì che la soluzione dell’enigma deve essere cercata nel passato di Demessy.

Per certi versi quest’opera di Malét ricorda Simenon -di cui è contemporaneo tra l’altro- e le indagini del Commissario Maigret, a partire dall’ambientazione che è piuttosto simile: Parigi, sullo sfondo la Senna che scorre attraversata da barche e chiatte, alcuni luoghi di periferia lontani dai fasti del centro storico e l’ambiguità di certi personaggi di contorno. Malét tuttavia non è Simenon e rispetto all’autore belga non approfondisce la dimensione psicologica dei personaggi, non si pone l’obiettivo di scandagliarne l’anima come fa Maigret attraverso le sue silenziose riflessioni e lo sguardo attento, il giallo non è un pretesto per parlare d’altro. Malét è molto più pragmatico: vuole scrivere un noir, concentrarsi esclusivamente sull’indagine e per fare questo ricorre spesso al discorso diretto tra personaggi, elimina qualsiasi fronzolo, non eccede nelle descrizioni ma si focalizza sullo svolgersi degli eventi nudi e crudi. Chi narra la vicenda è il suo protagonista, in prima persona, che pare quasi confessarsi, a posteriori, al lettore. Le acque torbide di Javel è pertanto un soddisfacente noir, sebbene alcune scelte dell’autore in cui il detective Burma conduce in porto l’indagine (e salva la propria pelle!) affidandosi alla fortuna e ad un intervento provvidenziale giunto dall'esterno al momento giusto, potrebbero non piacere a tutti. Ha inoltre l’indubbio pregio di presentare una Parigi degli anni cinquanta che, allo stesso tempo, sembra così attuale e simile a quella che conosciamo, in cui il tema della presenza straniera, ed in particolare islamica, araba, è assolutamente vivo, tanto da mettere in bocca al suo ispettore alcune riflessioni che paiono trarre spunto dalla cronaca quotidiana: “Da qualche tempo a questa parte, in effetti, siamo tutti inclini a riversare sui nordafricani un mucchio di colpe”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Simenon, a chi ama i noir alla francese.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Intima apparenza
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.1 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri