Luci della notte Luci della notte

Luci della notte

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Anni '50, nel pieno del boom americano. Steve e Nancy sono la tipica coppia americana, serena solo all'apparenza. È l'ultimo week-end d'estate e assieme a milioni di altri come loro sono partiti per i luoghi di villeggiatura. Sono diretti nel Maine dove i bambini hanno passato un mese di vacanza. Fin dal pomeriggio Steve è, come dice lui, "entrato nel tunnel": ha iniziato cioè ad affogare nell'alcol le sue insoddisfazioni e viltà. Comincerà a litigare con Nancy per i più futili motivi. Poche ore prima, dal carcere di Sing Sing è evaso un uomo, i loro destini stanno per incrociarsi.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Luci della notte 2017-08-08 15:57:03 FrancoAntonio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    08 Agosto, 2017
Ultimo aggiornamento: 08 Agosto, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'è, per Steve, una luce alla fine del tunnel?

Steve Hogan è un impiegato come tanti altri, sposato con Nancy, donna in carriera, padre di due bambini ancora piccoli che trascorrono l'estate in un campeggio nel Maine. Tutta la sua vita è improntata alla normalità, ma quanto alla vigilia del Labor Day parte da New York con la moglie per andare a riprendere i bambini, comincia per lui una avventura surreale e drammatica.
Durante quel viaggio, simile a quello di altri quarantacinque milioni di americani, egli entra in quello che definisce il "tunnel": uno stato di malessere esistenziale che lo porta a bere smodatamente, a litigare per ogni inezia con la moglie, a compiere gesti che altrimenti neppure sognerebbe di fare. Questa volta tutto assumerà risvolti particolarmente tragici per la presenza di un detenuto evaso da Sing Sing che il destino vorrà mettere sulla strada sua e della sua famiglia.
“Luci nella notte” è un Simenon al di fuori degli schemi consueti a cui lo scrittore belga ci ha abituato.
Innanzi tutto il racconto gode di una ambientazione affatto insolita per l’autore specializzato nella descrizione dei nebbiosi panorami francesi. Siamo nell'America post-bellica del boom economico, della motorizzazione di massa, dei locali pubblicizzati da grandi tabelloni stradali; un luogo in cui tutti sembrano proiettati alla ricerca di una inarrivabile, ma sempre promessa e pubblicizzata, felicità assoluta.
Il racconto, poi, rispetta in modo quasi ossessivo i principi delle tre unità aristoteliche: quelle di azione (il viaggio), di tempo (una sola notte) e di luogo (le highways).
Infatti si tratta di una road trip story e l’azione è concentrata tutta nel lungo tragitto che la coppia Hogan deve compiere verso le località di villeggiatura, incolonnata, con decine di migliaia di altre autovetture simili tra loro, attraverso quel non luogo che sono le autostrade americane, dove tutto l’ambiente attorno è mostrato solo dalle guizzanti luci delle auto che sfrecciano sull'asfalto umido e dalle algide insegne al neon dei motel e dei bar che si affacciano sulla carreggiata. Questo mondo claustrofobico, nonostante la vastità degli spazi che lo circondano, è magistralmente dipinto con abili, incisive pennellate, tant'è che, a distanza di anni dalla lettura del libro, ho ancora vivide nella mente le immagini descritte come fossi stato io stesso sul sedile accanto a Steve.
Ma “Luci nella notte”, oltre ad essere un racconto di viaggio, è anche (anzi, soprattutto) un percorso psicologico nell'animo del protagonista il quale, lentamente, con l’accrescere dei chilometri macinati dalla sua auto, procede sempre più celermente nella sua involuzione interiore. Alla fine di questo viaggio, per Steve, ci può essere solo la sua perenne dannazione terrena oppure la promessa di una auspicata, faticosa redenzione.
Invero l’aspetto più inconsueto del volume, per la letteratura di Simenon, è proprio questo: l’evolversi della trama gialla fa unicamente da contrappunto, da quinta al dramma che vive Steve nel suo intimo. Anche quando si troverà a dover affrontare l’aspetto più drammatico della vicenda, il confronto con l’evaso, in fondo, le tinte più contrastanti e violente del racconto saranno tracciate, ancora una volta, dalla sua stessa prostrazione fisica e psichica, al punto da divenire, essa stessa, insospettabile motivo della salvezza finale; salvezza offertagli senza neppure che egli ne faccia richiesta.
Riassumendo “Luci nella notte” è un ottimo romanzo: breve, ma intenso, da leggere tutto d’un fiato, nello stile del miglior Simenon.
Da questo libro, nel 2004, fu tratto un film omonimo (regia Cédric Kahn), che, però, non rese piena giustizia all'originale racconto: la pellicola sposta incongruamente l’azione ai giorni d’oggi ed alla periferia di Parigi; cancella quelle atmosfere dell’America anni ’50 che conferiscono un gusto particolare a tutta la narrazione; i protagonisti sono afflitti delle odierne nostre frustrazioni e si dà troppo peso al thriller più che al travaglio umano del protagonista.

Mi corre l’obbligo di evidenziare un refuso che pregherei la Redazione di correggere. Segnalando il libro per l’inserimento nel database ho erroneamente scritto “Luci della notte” commettendo un errore che è stato riportato nella scheda e che è quasi un tradimento alle intenzioni dell’autore: il titolo originale (Luci nella notte) e assai più evocativo e rispondente ai contenuti ed all'evoluzione stessa della storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama Simenon, soprattutto il Simenon che abbandona Maigret per soffermarsi nell'introspezione dell'animo umano.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri