Paradise sky Paradise sky

Paradise sky

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Deadwood, South Dakota. Il posto perfetto per reiventarsi una vita. Willie è solo un ragazzo, ma è già costretto a lasciarsi tutto alle spalle per sfuggire al proprietario terriero che ha assassinato suo padre. Incontrare Loving gli salva, letteralmente, la vita. L'uomo lo inizia alle sottili arti dello sparare, del cavalcare, del leggere e del giardinaggio. Quando muore, Willie eredita da lui il suo nuovo nome: Nat Love. Soldato e pistolero, Nat sembra destinato alla gloria. Ha tutto quello che un uomo del West può desiderare, compresa la donna dei suoi sogni e il rispetto di leggende come Wild Bill Hickok. Ma il passato torna a tormentarlo. E, soprattutto, Nat è nero, in un periodo in cui agli afroamericani non viene perdonato nulla.Privato della casa, dell'amore e di tutto ciò che aveva conquistato, a Nat Love non resta che mettersi sulle tracce dei suoi persecutori, pronto all'ultimo, mortale duello.

Recensione della Redazione QLibri

 
Paradise sky 2016-10-23 09:19:29 Valerio91
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    23 Ottobre, 2016
Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Paradise Sky in Hell's Land

Non so voi, ma quando leggo un romanzo la mia più grande gioia è quando questo ultimo riesce ad immergermi nella realtà e nelle vicende che racconta.
"Paradise sky" riesce in questa impresa che ormai è sempre più rara, soprattutto nei libri moderni.
Joe R. Lansdale mi hai davvero stupito, portandomi a considerare seriamente la lettura delle sue altre opere "western". Si è dimostrato un autore estremamente poliedrico, in grado di coinvolgere il lettore e fargli "sentire" la storia, oltre che i personaggi.

Il mondo del Lontano Ovest è già spietato di per sé, e lo è ancor di più se ti ritrovi a nascere con la pelle di colore diverso.
L'abolizione della schiavitù non ha cambiato molto, perché l'uomo è un animale ottuso.
Lo sa bene il giovane Willie, che a causa del colore della sua pelle e di uno sguardo leggermente esitante sulle curve di una donna bianca, si ritroverà a soffrire le pene peggiori che possano capitare a un uomo, a vivere un'avventura fatta di sofferenze e difficoltà. Certo, incontrerà alcuni uomini buoni, ma perlopiù si troverà di fronte gente violenta e priva di scrupoli, che lo vorrà morto per motivi che è anche difficile spiegare, forse perché sono privi di una reale consistenza e aventi uno stupido denominatore comune: quella pelle nera.
Eppure Willie, che poi cambierà il suo nome in Nat Love e infine se lo ritroverà cambiato grazie alle sue imprese in Deadwood Dick, riuscirà a cavar fuori qualcosa di buono anche da questa lunga e sfortunata serie di eventi. Ma ci riuscirà soltanto grazie al suo cuore e alla sua perseveranza.
Se sai meritarli, amore e amicizia sapranno trovarti anche nel violento e selvaggio West. E voi, vi ritroverete a osservare questa realtà con gli occhi del povero Nat, che a differenza vostra, a tutto questo dovrà trovare il modo di sopravvivere.

"Più pensavo all'orologio, più mi convincevo che Dio non fosse così amorevole. Era come un grande orologiaio: noi eravamo gli ingranaggi del suo orologio, e la terra in cui viviamo ne era la superficie scivolosa. Finito di costruirlo, e dopo averlo caricato, si è seduto e ha detto: Bene, buona fortuna figli di puttana, il mio compito finisce qui."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Meridiano di sangue (come genere)
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Paradise sky 2017-05-20 22:16:11 Mane
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mane Opinione inserita da Mane    21 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento: 22 Mag, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di Deadwood Dick

Con “Paradise Sky” faccio la lieta conoscenza del prolifico scrittore statunitense Joe Lansdale, che scopro inoltre essere cultore di arti marziali nonché ideatore di un proprio stile autentico tra queste discipline.

Nat Love è il protagonista di questa coinvolgente storia, che egli stesso si offre di narrarci a modo suo, con il suo vocabolario, la sua prospettiva, le sue riflessioni, essendo in fin dei conti la sua, personalissima, storia.

Paradise Sky è il cielo cangiante e sovraumano che sovrasta il capo del nostro eroe errante, perseguitato senza tregua, ancora lontano dalla speranza di smarcarsi dal retaggio dello “schiavo negro”, vivido negli occhi dei sudisti (e non solo) a breve termine dall’epilogo della Guerra di Secessione americana.

- “La notte scese su di noi. In cima alla collina tutto diventò blu, poi il blu si allargò e divenne nero. Caddero le ombre, e si insinuarono tra gli alberi come teli strappati. Un pezzo di luna salì in cielo. La sua luce si riversò sulla cima della collina, facendo brillare l’erba come punte di spade e splendere il rivolo d’acqua del torrente.” -

E’ uno Western in piena regola dunque quello di Lansdale, che sceglie un registro perfetto e di grande presa sul lettore, affidando la narrazione al colorito linguaggio di Nat Love, estremamente adatto a rendere palpabile l’atmosfera, di tanto in tanto surriscaldata dal fuoco delle pistole.

Non sarà affatto semplice per Nat, sfuggire alle sventure che gli gravitano addosso…
...Eppure, con al fianco qualche alleato di fortuna,
in sella ad una furia di nome Satana e
con dentro alla fondina una LeMat truccata con un colpo da fucile…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Volevo tacere
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I quarantuno colpi
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Allontanarsi. La saga dei Cazalet
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Il caso Malaussène
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prendiluna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per te morirei e altri racconti perduti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra loro
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il porcospino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri