La resa di Piers La resa di Piers

La resa di Piers

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Denti bianchi come perle, voce da usignolo, un viso talmente perfetto da far piangere d'invidia gli angeli. Così le fiabe descrivono le loro protagoniste. Ma esistono davvero donne tanto incantevoli? Esistono: Linnet Berry Thrynne è una di queste rarissime creature che brillano più del sole. Ma, si sa, troppa bellezza genera invidia, cattiveria, pettegolezzi, e Linnet si ritrova additata come una donna di facili costumi. Tutta colpa della corte serrata del principe Augustus Frederick del Sassex che ne ha compromesso la reputazione. E così Linnet, "la Bella", si trova costretti a un matrimonio riparatore con un fidanzato scelto per lei dal padre: Piers Yelverton, conte di Marchant. Medico geniale ma dalla fama terrificante, soprannominato "la Bestia" per la sua durezza, Piers vive recluso nel selvaggio Galles e si dice sia del tutto insensibile al fascino femminile. Ma Linnet non si lascia intimidire e giura che riuscirà a domare la Bestia. Non sa di correre un grave pericolo: quello di innamorarsi di un uomo che non la potrà amare...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
1.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La resa di Piers 2017-08-08 18:16:03 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    08 Agosto, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se scappi ti sposo (zoppicando)

Per questo scempio letterario che osa definirsi un romanzo, la mia ira (funesta, ma non troppo) si abbatterà per prima sull’edizione italiana della Mondadori. Si potrebbe partire dal titolo che non solo è del tutto scollegato da quello originale, ma anticipa il -prevedibile- finale; mi hanno ben più stupito gli errori a profusione nei primi capitoli, certo dovuti ad una mancata revisione che non posso perdonare ad un editore come la Mondadori.
Altra pecca è stata la scelta di pubblicizzare in copertina la storia come una rilettura de “La Bella e la Bestia”, mentre è l’autrice stessa nelle note a chiarire che è stata solo un’ispirazione marginale. Pertanto, se come me leggerete il volume sperando di rivivere le emozioni della fiaba originale, preparateci ad un’amara delusione.
La storia non è ambientata in Francia, bensì in Gran Bretagna, prima a Londra e poi nel selvaggio (?) Galles; la “Bella” Linnet, figlia unica di un nobiluomo, dà scandalo quando una serie di ridicoli equivoci fanno pensare ad una sua gravidanza, ad opera niente meno che di un principe. La trama ci porta poi rapidamente al fidanzamento riparatore con la “Bestia”, il conte Piers, e ai prevedibili siparietti tra i due atti a mostrare quanto siano incompatibili.
Dopo averci presentato un gruppo di ammiratori-fantocci a cui Linnet dovrebbe preferire il conte, la James accelera di nuovo e arriva all’innamoramento dei due piccioncini, senza spendere due righe in un po’ di introspezione: tutto il preludio sulla supposta “bestialità” del conte si rivela un blando stratagemma per allungare la storia, dal momento che la “Bella” non sembra mai disgustata dal suo aspetto, e ben poco dai suoi modi. L’autrice tenta poi una svolta tragica per farci capire quanto è forte l’amore tra i protagonisti, ma l’intreccio narrativo è scontato al punto di poter indovinare al volo dopo si voglia andare a parare.
I protagonisti non potrebbero essere più lontani dalle loro controparti fiabesche. Sebbene voglia apparire determinata, Linnet è una ragazza debole nelle sue scelte, e viene quasi sempre tiranneggiata dagli altri, che le impongono i loro desideri: non sfida mai apertamente chi la contrasta, ma preferisce nascondersi e delegare ad altri le incombenze. D’altro canto, Piers è un personaggio più riuscito ed sfaccettato, ma per nulla adatto nel ruolo della “Bestia”; sembra piuttosto un maleducato, iroso e pieno di rancore. Tra i comprimari un paio spiccano come potenzialmente interessanti, ad esempio Zenobia, Prufrock o Sébastien, ma vengono tutti accantonati in favore della relazione tra il duca di Windebank e lady Bernaise, se possibile ancor più melensa di quella dei due protagonisti.
A favore della James posso annoverare soltanto lo stile scorrevole, che a tratti tenta qualche fiacco salto di qualità, e gli sparuti riferimenti al mondo delle fiabe sparsi un po’ in tutto il testo: un’idea carina seppur poco originale. L’autrice commette però un azzardo quando sceglie un’ambientazione storica che poi non è evidentemente in grado di gestire, e lo mettono in chiaro i dialoghi decisamente inadatti ai primi anni dell’ottocento.
Il vero problema del romanzo è il suo non essere un vero romanzo: per tutta la lettura ho avuto la sensazione di trovarmi di fronte ad una fan-fiction adattata per l’editoria, pratica comune oggigiorno, ma solo nelle note finali ho avuto conferma che l’autrice si è ispirata -non proprio velatamente- al personaggio di Gregory House, protagonista della serie TV “Dr. House”, per il suo Piers.
Da ultimo mi sono riservata il peggio, ossia i messaggi sbagliati che il libro riserva al lettore: ad un romanzo d’intrattenimento si può perdonare la frivolezza, ma non certo la ripetizione continua di concetti quasi malati. Mi riferisco innanzitutto all’eccessiva possessività di Piers, specie quando lui rimarca ogni due per tre i suoi diritti su Linnet; questa è oggettificazione, non certo l’amore incondizionato a cui ammicca la James. L’altro concetto errato riguarda la nostra protagonista, che cade vittima della sua stessa “bellezza”, tanto da credere che la si ami solo in virtù di quest’ultima. L’imbeccata è de principio valida, ma si risolve in un nulla di fatto quando diventa chiaro che la “Bella” sarà per sempre tale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri