Narrativa straniera Narrativa per ragazzi Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra
 

Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra

Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Mr. Buggage è il proprietario di una libreria antiquaria londinese; insieme alla sua assistente (e amante) trascorre gran parte della giornata nel retrobottega, dedicandosi più alla lettura di necrologi che alla vendita dei libri. Eppure gli affari vanno bene e un giorno i due decidono di concedersi una vacanza in Marocco in alberghi esclusivi. Come si scoprirà, il successo economico non nasce da una oculata gestione delle vendite, ma... Il volume è completato da un altro racconto, "Lo scrittore automatico", storia di una grande macchina in grado di sfornare best seller a ripetizione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra 2017-05-17 07:30:34 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    17 Mag, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perle di saggezza

Classe 1916, Roald Dahl, è noto al grande pubblico per i suoi scritti per l’infanzia. Chi, ad esempio, non ricorda e/o non ha mai tenuto tra le mani quel volumetto intitolato “La fabbrica di cioccolato”, testo fortemente utilizzato negli anni di scuola elementare? Nato in Galles da genitori norvegesi, l’autore, il cui nome è stato scelto in onore dell’esploratore compatriota ed eroe nazionale Roald Amundsen, è stato segnato da un’infanzia rigida scandita dalla severità impartita dai collegi frequentati nonché da un’età adulta fatta di viaggi e missioni militari.
Con “Il librario che imbrogliò l’inghilterra” egli ci dona due racconti esilaranti capaci di far riflettere e divertire il lettore.
La prima storia ha quale protagonista Mr. Buggage, antiquario londinese teoricamente specializzato nella vendita di libri, e la sua segretaria ed amante in sovrappeso, Mrs Tottle. Perché teoricamente? Perché il duo ha architettato un piano dove l’arricchimento è assicurato. Ma si sa, chi troppo vuole….
Nella seconda ci troviamo di fronte ad uno scienziato coltivante, da sempre, il desiderio di diventare scrittore. Questa è un’ambizione talmente forte che lo porta a mettere a punto una macchina elettronica enorme che attraverso un particolare congegno di guida consente a chiunque ne abbia la volontà di elaborare in tempi ridottissimi romanzi di ogni genere e contenuto.
Seppur trattasi di due storie estremamente diverse fra loro, entrambe presentano quei denominatori comuni propri di Dahl quali, ad esempio, l’analisi di quella società piena di vizi e volta al guadagno facile e veloce. Anziché, infatti, applicare il proprio ingegno allo studio di soluzioni originali ed oneste, i protagonisti delle vicende, ricorrono all’espediente della via più semplice, comoda e meno tortuosa, anche a costo di sacrificare e sfruttare la fatica altrui.
Fama e denaro sono i temi centrali, sono quei vizi capitali a cui l’uomo sembra incapace di sottrarsi. Da qui la morale, il messaggio che con il rovesciarsi “della medaglia” giunge con inesorabile forza e certezza. Perché si sa, il conto prima o poi arriva per tutti…
Con ironia, sarcasmo ed acume, la raccolta si dimostra essere piacevole, rapida e scorrevole tanto che si conclude in appena una giornata. Più che il lato divertente ed umoristico dei protagonisti, quel che colpisce è, a mio modesto giudizio, il contenuto sotteso ai fatti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri