Narrativa straniera Racconti La fioraia di Deauville e altri racconti
 

La fioraia di Deauville e altri racconti La fioraia di Deauville e altri racconti

La fioraia di Deauville e altri racconti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


«Sui calzoncini corti la signorina Berthe, che a suo dire non aveva nient'altro da mettersi, aveva indossato quello che lei definiva un copricostume: una sorta di vestaglietta che la faceva apparire ancora più svestita, poiché era chiusa solo da un bottone sul davanti, all'altezza della vita, e i lembi si scostavano a ogni passo facendo risaltare le cosce nude. Insomma, uno strano posto e una strana atmosfera per un'inchiesta poliziesca! Non c'era niente che potesse evocare una sciagura. Eppure una giovane donna, che fino a due giorni prima si godeva l'estate mediterranea e prendeva la tintarella...».

Recensione della Redazione QLibri

 
La fioraia di Deauville e altri racconti 2017-05-11 22:09:57 Vita93
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    12 Mag, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

" Capo, credo di aver risolto il caso "

Con un misto di curiosità e colpevole ritardo mi sono avvicinato a questa breve raccolta di racconti che ha rappresentato il mio primo incontro con uno scrittore leggendario per qualità e prolificità, Georges Simenon.
Nel 1938 circa Simenon è già una figura di spicco della letteratura francese, quando decide di alleggerire il tono noir e drammatico che da sempre lo aveva contraddistinto per dedicarsi alle vicende tanto poliziesche quanto simpatiche e giocose dell’ Agenzia O.

Il capo ufficiale di questa rispettata agenzia investigativa è l’ impassibile Torrence, ex ispettore della Polizia giudiziaria ed ex braccio destro per ben quindici anni del celebre commissario Maigret.
Ma ormai il buon vecchio Torrence dà il meglio di sé solo a tavola, e il ruolo del detective acuto e deduttivo è affidato al giovane Emile che dietro il fisico allampanato, i capelli rossi e gli occhiali tartarugati nasconde notevoli doti investigative.
Completano il quadro la segretaria Berthe e, in un ruolo marginale, l’ esperto in pedinamenti nonché ex borseggiatore Barbet.

I racconti raccolti nel libro sono quattro : “ Le tre barche della caletta “, “ La fioraia di Deauville “, “ Il biglietto del métro “ ed “ Emile a Bruxelles “.

Quattro avventure all’ insegna di indagini frizzanti tra giovani mogli allegre e conturbanti, esclusive località turistiche, città affollate, preziosi oggetti scomparsi, omicidi irrisolvibili per tutti tranne che per Emile e improvvisati colpevoli da assicurare alla giustizia.
Il tutto senza troppo affaticarsi, preoccupandosi tra una ricerca e l’ altra di trovare il tempo necessario per godere di una tavola ricca di specialità culinarie e generose dosi alcoliche.

La lettura scorre rapida e nonostante la leggerezza delle situazioni affrontate è indice della irrisoria facilità di comunicazione di Simenon, in attesa di affrontare sue letture più impegnative che già mi attendono sulle mensole sempre più affaticate dalla piacevole e massiccia presenza di libri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La fioraia di Deauville e altri racconti 2017-05-17 07:27:35 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    17 Mag, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le nuove avventure dell'ex braccio destro di Maigr

La fioraia di Deauville è la terza antologia dedicata all’Agenzia O, scritta dall’autore Georges Simenon nel giugno 1938. Quattro nuove ed imperdibili avventurre dell’ex ispettore Joseph Torrence per quindici anni in forza presso la polizia giudiziaria parigina al Quai des Orfevres, braccio destro di Maigreti, poi a capo dell’Agenzia O, e del suo socio, il geniale Emile.
Le tre barche della caletta.
Agosto, Emile, giovanotto magro coi capelli rossi, si trova solo nell’Agenzia con Barbet, borseggiatore pentito che si occupa di pedinamenti. Torrence è a Deauville incaricato da un ricco americano di seguire la moglie, mentre la segretaria, la signorina Berthe, si trova in vacanza nel Midi. La mattinata tranquilla viene interrotta dall’arrivo di una lettera da Le Lavandon, che domanda il tempestoso intervento dell’Agenzia. Ad Emile tocca scoprire l’assassino di Eva Gretillat, amante del banchiere Moss, uccisa in una caletta mentre faceva il bagno. Affiancato da una inusuale signorina Berthe in abiti marittimi.
La fioraia di Deauville.
Torrence tormentato da un problema insoluto a Deauville, chiede aiuto a Emile. Loulou, la piccola fioraia che ogni sera si piazzava sui gradini del Casinò, portatrice benevola di fortuna per i giocatori, viene uccisa da un colpo di pistola al cuore. Non solo, ai piedi della scalinata viene ritrovata la pistola di Norma Davidson, la moglie di un miliardario americano, a cui Torrence era stato assegnato il compito di pedinarla, in cerca di prove di tradimento.
Assassinato anche il signor Henry, l’usciere dell’Hotel Royal, che stringeva in pugno una sciarpa appartenente, di nuovo, a Norma. Non restava che scandagliare nel passato dei tre errabondi, riuniti insieme nello stesso luogo.
Il biglietto del metrò.
Era una mattina nebbiosa, tranquilla, e pacifica, e tutti erano dediti alle solite incombenze quotidiane, quando l’Agenzia riceve la visita inaspettata di un uomo alto, con un cappotto scuro, che balbettando qualche frase smozzicata, crolla a terra morto. L’Agenzia O aveva ricevuto, così, un cliente, per poi perderlo immediatamente!
Emile a Bruxelles.
Torrence ed Emile sono a Bruxelles per ritrovare un uomo con una grande voglia di vino sulla guancia sinistra. Una missione determinante, anche se …..
Un libro, un giallo, che è una lettura intrigante, curiosa ed appassionante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto le precedenti avventure dell'Agenzia O, ovvero: L'uomo nudo e altri racconti, e Lo strangolatore di Moret e altri racconti, scritti da Georges Simenon.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimenticare
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il maestro
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri