Il ritorno Il ritorno

Il ritorno

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Hisham Matar ha diciannove anni quando suo padre Jaballa, fiero oppositore del regime di Muammar Gheddafi, viene sequestrato nel suo appartamento del Cairo, rinchiuso nella famigerata prigione libica di Abu Salim e fatto sparire per sempre. Ventidue anni più tardi il figlio Hisham, che non ha mai smesso di cercarlo, può approfittare dello sprazzo di speranza aperto dalla rivoluzione del febbraio 2011 per fare finalmente ritorno nella terra della sua infanzia felice. Quel viaggio verso un presente ormai sconosciuto non è che lo spunto per un itinerario storico e affettivo ben più vasto. Visitando i luoghi e incontrando i parenti e gli amici che hanno condiviso con Jaballa decenni di prigionia nel «nobile palazzo» di Abu Salim, Hisham può recuperare un passato che risuona in lui con un'eco mai sopita e ritagliare i contorni di un padre che, in assenza di un corpo, risulta privo di confini. Le tappe del viaggio privato s'intersecano con la storia libica del ventesimo secolo, dalla resistenza all'occupazione italiana al flirt di Gheddafi con l'Inghilterra di Tony Blair.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ritorno 2017-08-10 10:33:03 antonelladimartino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    10 Agosto, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il figlio di un uomo felice

“Finché Ulisse è perduto, Telemaco non può andarsene di casa. Finché Ulisse non è a casa, rimane sconosciuto ovunque.”

Jaballa Matar, un oppositore del regime di Gheddafi. Rapito nel 1990 dai servizi segreti egiziani, non è mai tornato a casa.

Si sa con certezza che è stato imprigionato in Libia, in un carcere tristemente famoso per le torture e i massacri. Si sa che durante la prigionia ha dato esempio e forza e conforto per gli altri prigionieri. Si sa che ha dimostrato il coraggio di un gigante. Si sa che a un certo punto è sparito nel nulla. Dopo quel punto, non rimane niente di sicuro. Forse, è caduto nel massacro di migliaia di prigionieri. Forse.

Il figlio di Jaballa, l’autore del libro, non smette mai di cercare il padre. L’assenza del padre si dilata, gli invade la vita, impone senso e significato, diventa causa di sofferenze ma anche di una determinazione estrema a sopravvivere, a lavorare, a lottare per scoprire la verità e per liberare gli altri familiari prigionieri del regime.

In nome del padre, il figlio riesce a “fare chiasso”, a mettere in imbarazzo i governi europei che collaborano con il regime. Arriva a incontrare il figlio di Gheddafi, nella speranza di scoprire la verità sul destino di suo padre. E con il tempo, la ricerca di chi non tornerà mai apre le porte per un ritorno a casa, in quella terra odiata e amata tanto intensamente.

Un memoir meraviglioso, che ci apre gli occhi sulle vergogne della storia europea, delle responsabilità di Paesi come l’Italia e l’Inghilterra nella tragedia di un popolo che sembra interminabile. Una narrazione che indugia sulle bellezze dei paesaggi e dell’arte, ma anche sull’interiorità dei personaggi, tratteggiando con poche, sapienti, spietate pennellate le stanze segrete dell’essere al mondo.

Un memoir che ci accompagna nelle dimensioni interiori del non sapere, che ci aiuta a sfiorarne le dimensioni buie, dimensioni che impongono un tempo che appartiene soltanto a chi le subisce, nella carne e nel sangue. Un memoir che ci espone a un tempo senza direzioni, non declinabile nel linguaggio di chi ha vissuto la continuità, di chi è cresciuto passo dopo passo, senza fratture, senza precipitare nella catastrofe della perdita assoluta, cieca e muta, che lascia immaginare senza porre limiti all’orrore.

Un figlio dovrebbe salutare il padre prima di uscire davvero di casa, ad affrontare davvero il mondo in prima persona. Telemaco non può prendere il mare, se il padre non torna dalla sua Odissea. Senza ritorno, non vi è alcuna partenza,
“Sentivo la forza violenta della vertigine. Come se io e lui ci trovassimo sulle due sponde di un fiume sempre più immenso, immenso come un oceano.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri dello stesso autore, memoir di qualità.
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimenticare
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il maestro
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri