Narrativa straniera Romanzi autobiografici Le variazioni del dolore
 

Le variazioni del dolore Le variazioni del dolore

Le variazioni del dolore

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


James si fidava di quell'uomo gentile. Perché non avrebbe dovuto? Era il suo maestro delle elementari. In principio fu una scatola di fiammiferi. Un meraviglioso oggetto del desiderio, per un bambino di sei anni. Poi seguirono altri piccoli doni. Insieme a sorrisi, incoraggiamenti, attenzioni. Lui ne era lusingato, e cominciò a sentirsi un po' speciale. Gli abusi durarono quattro anni, senza che nessuno, né a scuola, né in famiglia, si rendesse conto di nulla. Quando terminarono, per James fu un progressivo sprofondare nell'abisso: relazioni distorte e distruttive, ospedali psichiatrici, alcol. Fino all'incontro con la musica classica, con Bach in particolare, e alla scoperta di come le composizioni più sublimi siano state scritte da uomini che hanno avuto esistenze drammatiche e destini tragici.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le variazioni del dolore 2016-06-11 16:18:35 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    11 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

James , la sua esistenza e la musica classica

Il protagonista è il trentottenne James, un musicista inglese, che ci racconta la sua vita. Un'autobiografia durissima, in cui James ci narra della sua esistenza costellata di abusi, disturbi di personalità, alcool, droga. Ma grazie soprattutto alla musica, e qui voglio sottolineare l'incipit di ogni capitolo del libro dove vengono spiegate e narrate tantissime opere di musica classica con passione e dovizia di particolari, la musica dicevo e poi la forza dovuta alla fiammella che non si è mai sopita dentro di lui di cercare serenità e felicità. Queste due ultime cose trovate nel figlio Jack, avuto dalla prima moglie, e dall'attuale compagna Hattie. Una lotta incredibile che cmq è ancora in atto, concludo estrapolando un passaggio in cui James ci narra delle sue fobie(p 58)
""Sono mosso da centomila diverse forme di terrore. Terrore di essere criticato , di non avere più tempo, di non essere abbastanza bravo, di sbagliare, di saltare un passaggio, di non riuscire a concentrarmi su altri aspetti che non avevo previsto, di deludere il prossimo. E' ansia libera, inafferrabile che, malgrado i tentativi di placarla, si appunterà su qualcos'altro che non mi è ancora venuto in mente. E' come giocare a Acchiappa la Talpa in stile David Lynch: ogni volta che ne prendi una a mazzate in testa ne spuntano fuori altre dieci""
Libro senza sconti, con pagine molto dure

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le variazioni del dolore 2016-04-26 09:34:32 Riccardo76
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    26 Aprile, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La musica classica

“Abuso. Che parola. Stupro è meglio. Abuso è quando mandi a cacare il vigile per strada.
Quando ……. un bambino di sei anni non è abuso. Non si avvicina neanche a un abuso. E’ stupro violento.”
Una frase forte con la quale Rhodes, pianista professionista inglese, ci introduce nel buio della sua infanzia, ho volutamente omesso una parte di quella frase, perché troppo volgare e poco utile a farvi capire il senso di questa biografia. Un fortissimo pugno in faccia appena svegli, prima ancora di percepire che sia giorno, prima ancora di rendersi conto di essere pronti a partire per una nuova giornata. Fa male leggere certe cose, fa male solo pensare che queste oscenità possano essere subite da un essere umano per mano di un altro essere umano, se la vittima poi è un bambino fa veramente voglia di uccidere qualcuno a mani nude.
Disagio psicologico, fisico, traumi che è impossibile cancellare, si attenuano leggerissimamente e a tratti, colpi tremendi che squassano l’animo e il corpo per sempre e che spesso portano ad una fine inevitabile.
Non ho divorato questo libro anche se mi è piaciuto e mi ha colpito molto, ho voluto far entrare dentro di me la vita di questo pianista poco per volta, ho voluto ascoltare la musica che capitolo dopo capitolo suggeriva, quella che tra pochi alti e moltissimi bassi lo hanno salvato, almeno per ora. Mi ha avvicinato all'ascolto della musica classica, per pianoforte in prevalenza, strumento che adoro ascoltare, ma non solo. Ho letto le pagine di questo libro con un costante sottofondo di musica classica, le note mi hanno coccolato durante le bastonate che l’autore mi dava, è stata una bella esperienza che consiglio.
Rhodes affronta il peggio che un uomo possa subire, violenze, droga, alcool, ospedali psichiatrici, solitudine, rifiuto della vita, a tratti lo manderesti a quel paese, e qualcuno ovviamente lo fa, a tratti vorresti abbracciarlo e aiutarlo e qualcuno per fortuna lo ha fatto veramente.
Un continuo sali e scendi dagli abissi al successo, una vita che si spezza e si ricostruisce ogni volta, un figlio che forse, più della musica, lo tiene in vita, lo salva poco prima dell’abisso, pochi minuti prima del non ritorno.
La famiglia e l’amore sono la sua salvezza per ora, l’amore per la sua nuova moglie, per suo figlio, per la musica classica. Questa storia è forte, mi ha fatto riflettere molto, su quanto sia fragile l’uomo e su quanto siano da tutelare i bambini, quanto sia importante circondargli d’amore. Questo libro mi ha lasciato una bella abitudine, la sera, prima di mettere a letto mio figlio, ci sediamo insieme sul divano e con le cuffie ascoltiamo insieme un po’ di musica classica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri