Tra loro Tra loro

Tra loro

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Nel profondo Sud degli Stati Uniti, tra i ruggenti anni venti e gli anni desolati della Grande depressione, una strana coppia batte le strade assolate del Mississippi e dell’Arkansas su una Ford a due porte del 1927. Lui è il rappresentante di una ditta che produce amido per il bucato. Lei è sua moglie. Si sono conosciuti giovanissimi, si sono sposati, si amano e hanno deciso di fare insieme quel lavoro che altrimenti li costringerebbe a una dolorosa separazione. E così, per una ventina d’anni, passeranno da un grossista all’altro, da un albergo all’altro, da un ristorante all’altro (festeggiando ogni tanto con qualche bevuta, alla faccia del proibizionismo), felici di una vita che non potrebbe essere migliore. La prima non prevista gravidanza della moglie cambia tutto. L’arrivo di un figlio inatteso divide inevitabilmente quella coppia così unita, condannando l’uno a un pesante lavoro solitario, l’altra a lasciare la strada per una fissa dimora in città. Ma quel figlio, peraltro graditissimo e accolto con immensa gioia da entrambi i genitori, non è un ragazzo qualunque, e nel corso degli anni si affermerà come uno dei più importanti scrittori americani contemporanei: l’autore di questo libro, Richard Ford.

Recensione della Redazione QLibri

 
Tra loro 2017-05-31 22:30:45 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    01 Giugno, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io...fra loro.



Quanta delicatezza, quanto pudore, quanta "vita" c'è in questo memoriale che Ford scrive sui suoi genitori!
Partiamo dal presupposto che scrivere del proprio padre e della propria madre è sempre difficilissimo, perché chi racconta, chi scrive, non è "altro da loro", ma qualcuno che ha vissuto gran parte della vita "tra loro"...e proprio per questo motivo ha più difficoltà a guardarli da una certa distanza, come persone che si rapportano non solo con lui, ma anche con il resto del mondo, che hanno un passato che appartiene solo a loro e una vita interiore che può essere inficiata dal sentimento.

"L'incompleta conoscenza delle vite dei nostri genitori non è una condizione delle loro vite. È una condizione soltanto delle nostre".

Chi sono realmente i nostri genitori?
Chi erano e cosa pensavano prima di noi?
Quali erano i loro sogni, le loro aspirazioni?
Sono stati davvero felici?
Queste sono solo alcune delle domande a cui Ford cerca di dare una risposta, senza inventare, senza romanzare nulla, ma basandosi solo su ciò che ha visto, su quello che gli è stato raccontato, sui suoi ricordi.
E con la consapevolezza che la loro vita è stata sicuramente molto altro (e molto di più) che questo...

Ne viene fuori un ritratto lieve e struggente di un padre commesso viaggiatore, grande e grosso, troppo assente, ma che con la sua assenza è riuscito ad insegnargli che la gente viene e va e che la stabilità è un qualcosa che bisogna crearsi da soli, trovandola dentro se stessi.
Una madre piccola e volitiva che ha dedicato la vita, prima della sua nascita, al marito, seguendolo nel suo lavoro, vivendo praticamente in auto con lui, felici di questo.
Felici.
L'arrivo di un figlio, desiderato e amato, cambia tutto...ma non il loro amore.

Alla fine Ford ci vuole raccontare una storia "vera", né migliore né peggiore di altre, una storia senza eroi, piena di vuoti e densa di pieni.
Una vita filtrata dal tempo, dove tante cose sono andate perdute, tranne l'amore...e "l'amore, come sempre, è causa di bellezza".





Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tra loro 2017-06-14 14:27:38 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    14 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La splendida mamma Edna

L’ultimo romanzo di Richard Ford, totalmente autobiografico: un padre ed una madre incatenati da un amore senza eguali, una vita nomade che diventa stanziale con l’arrivo inaspettato di un figlio.
Il premio Pulitzer Richard Ford scrive le memorie dei genitori, ma parla anche di sé, anche se molto poco. Un padre amatissimo, perso quando Ford aveva sedici anni, che era un commesso viaggiatore e stava con la famiglia solo il sabato e la domenica. Prima che giungesse, inaspettato, il figlio, Edna e Parker stavano insieme sempre: lei lo aspettava nei motel mentre lui vendeva polvere di anice, era il classico self monde man che incantava con i suoi prodotti da vendere. Poi giunse, appunto, all’anice, con accanto una donna che non aveva attirato le simpatie in famiglia, un po’ perché non era tanto religiosa, un po’ perché non sapeva fare nulla in casa. Preparare da mangiare era il suo tallone d’achille, non sapeva cucinare neppure due uova, e trovava più comodo andare a fare colazione in un dinner. Era sempre in compagnia del marito, amava dormire nei motel, e svegliarsi ogni giorno in una cittadina diversa. Edna rimase incinta per caso, quando i due non si aspettavano più di avere bambini.
Nacque Richard ed Edna scoprì che abitare in una casa propria aveva un suo fascino, e vi si adattatò come meglio potè. Nel frattempo, invece, il padre subì le prime avvisaglie di un infarto quando lo scrittore aveva appena quattro anni. La vita di Parker fu un susseguirsi di paure: non che lui pensasse alla morte, ma era consapevole che non avrebbe visto il figlio al college. La seconda parte del testo è tutta riservata ad Edna, divenuta vedova.
Un libro magistrale, di grande bellezza. Bellissima la figura di Edna, che non sapeva cuocere un uovo, ed amava i motel!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tra loro 2017-05-21 08:55:38 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    21 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento: 21 Mag, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vita di coppia ed amore figliale

Lo scrivere un memoriale sui propri genitori, molti anni dopo la loro scomparsa, declinando variabili personali e sentimentali, raccoglie la difficoltà del presente nel riesumare ricordi lontani, poche residue immagini della memoria, vecchi racconti, fotografie sbiadite ed una intera vita alle spalle con una età ( l' autore oggi ha 73 anni ) che inevitabilmente può avere alterato la percezione e la precisione degli accadimenti.
Non so se Ford sia pienamente riuscito nel proprio intento, certamente nel testo emerge con forza il senso di un grande amore, di una unione felice, vissuta sempre nel presente, una simbiosi indirizzata alla costruzione e conservazione esclusiva della propria famiglia ristretta.
Al momento del matrimonio Parker ed Edna sono estremamente giovani, forse troppo, si conoscono, si riconoscono e si amano. Ha inizio una stagione della loro vita in cui condividono ogni scelta spostandosi di continuo all' inseguimento del lavoro di lui, commesso viaggiatore.
Siamo negli gli anni venti, alla vigilia della Grande Depressione, la coppia viaggia su una vecchia Ford percorrendo gli Stati del Sud, tra Alabama e Mississipi, è felice, considera il proprio rapporto come una scontata presenza.
Da sempre hanno desiderato dei figli, ma non è successo e questo ne ha rafforzato il legame, separando il presente da passato e futuro. La nascita di Richard, anni dopo, tardiva, inaspetttata, ma ben voluta, segnerà un cambio di rotta e l' inizio del pendolarismo lavorativo di Parker, la convivenza forzata di Richard con Edna, la riunificazione famigliare solo durante i week-end, in cui si cerca di mantenere una dosata tranquillità parlando solo di presente.
Il memoriale è volutamente diviso in due parti scritte in periodi diversi. La prima ( del 2015 ) ricostruisce la figura paterna, scomparsa prematuramente nel 1960 quando Richard aveva solo sedici anni, la seconda è stata scritta dopo la morte per malattia della madre Edna ( 1981 ).
Tra le pagine si respira da subito quella assenza paterna, divenuta costante, affidandosi ad una nuova stabilità, la propria.
Parker e' un padre grande e grosso, solare, ma che non trasmette un senso di forza, e' una persona che convive con la paura di essere ingannata, trascurata ( forse per i propri trascorsi, con un padre suicida ed una severa madre irlandese ), non è moderno, sembra venire da un altro luogo e da un tempo lontano, possiede talento nell' arte di farsi amare ma non ha qualità degne di nota oltre ad una brillante personalità.
E poi quella malattia cardiaca, improvvisa, invalidante, a rendere fragili le sue certezze e, dopo pochi anni, la morte nel sonno, inaspettata, crudele, con la necessità per Richard di crescere in fretta.
La seconda parte del memoriale ha inizio nel 1960 ( dopo la morte di Parker ) e percorrerà i venti anni successivi scavando nel rapporto tra Richard e la madre con quella vita condivisa e poi volutamente separata e l' inizio di un' altra storia, segnata da invecchiamento e crescita.
Edna è una donna graziosa, piccola, con i capelli neri, pratica, temprata dalle precoci esperienze lavorative dopo essere stata tolta bruscamente dal collegio, originaria dell' America rurale più profonda, con genitori disastrati, una madre troppo giovane e un padre assente, ha una stretta somiglianza fisica con Richard, è vissuta prevalentemente in città mescolandosi con persone diverse.
Il testo risente dei due diversi periodi di scrittura, i capitoli presentano ripetizioni ed a tratti disomogeneità.
Emerge con chiarezza la difficoltà di conoscere pienamente i trascorsi genitoriali, una condizione che esula dalle loro vite e riguarda la nostra, l'essere figlio unico e tardivo è un lusso che ti spinge a fare congetture sul tempo che ha preceduto il tuo arrivo e su quella lunga vita genitoriale a te oscura.
E poi vi è un lungo arco temporale, dopo i quarant'anni, vissuto senza di loro, quando si sarebbe potuto costruire e sviluppare un rapporto diverso.
Quello che resta e che scorre tra le pagine e' un soffio di ineluttabilità ed un senso di rassegnata presenza velato di malinconia. Il titolo, quel " Tra loro " ha suscitato in me qualche interrogativo irrisolto sul ruolo e l' amore riposto in Richard, il quale ci ricorda che, da bambino, a volte dormiva nel lettone tra i genitori, dopo una loro litigata, fornendoci indirettamente una indicazione di separazione ( coniugale ) che in chiave psicologica genererebbe qualche dubbio su quella imprescindibile e simbiotica unione matrimoniale descrittaci in precedenza.
Di certo dopo la morte di Parker Edna, impreparata ad una vita senza di lui, perde gran parte dell' interesse per la vita, con una tristezza che diviene rassegnazione.
Sono questi gli anni in cui Richard, anche se fisicamente lontano, e con una vita pubblica e privata ancora in costruzione ( la propria carriera letteraria ), vive con lei momenti autentici, disinteressati, sinceri, propri dell' amore figliale, conosce il presente, acquisendo quella consapevolezza che conferma la finalità della vita ed il suo valore più autentico.
Sono gli anni in cui va a vivere da solo, in cui pone fine alla sua infanzia, entrando in una dimensione adulta spezzettata, frammentata, di visite, lettere, telegrammi, telefonate, di incontri in luoghi lontani da casa, di tentativi di vedersi, in una imperfezione che forse non basta e sicuramente non sarà mai più quella che era stata all' epoca di Parker.
Poi, un giorno, la malattia progressivamente invalidante di lei.... Ma..."la morte inizia molto prima di quando arriva e persino nel cuore della morte c'è sempre della vita che deve essere vissuta "...
Ed allora si ha mai una relazione con la propria madre? Secondo l' autore no, perché il semplice e puro amore è qualcosa di affidabile, atipico, che mette al riparo da ogni cosa. Ma è la figura di quella madre che gli ha permesso di esprimere i suoi sentimenti più sinceri e
..." con lei ho conosciuto quel momento che tutti vorremmo conoscere, il momento in cui si dice. Si. È così. Una presa di coscienza che conferma la finalità della vita ed il suo più autentico valore. Con lei ho conosciuto mille di questi momenti nello stesso istante in cui si verificavano, e anche in questo. Suppongo che li conoscerò per sempre "...



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri