Narrativa straniera Romanzi storici Allontanarsi. La saga dei Cazalet
 

Allontanarsi. La saga dei Cazalet Allontanarsi. La saga dei Cazalet

Allontanarsi. La saga dei Cazalet

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


E' il 1945 e la guerra è finita. Il momento tanto atteso e sognato dai Cazalet per anni è finalmente arrivato. Eppure, l'eccitazione di fronte alla notizia che le armi sono state deposte è ormai sopita, e l'Inghilterra è ancora paralizzata nella morsa della privazione. Mentre l'impero si disgrega, a Home Place i Cazalet si apprestano a trascorrere quello che ha tutto il sapore dell'ultimo Natale insieme: il sapore malinconico del tempo che passa. I bambini sono ormai cresciuti, le ragazze si sono fatte donne, e gli adulti cominciano a invecchiare. La lunga convivenza forzata è finita e la libertà obbliga a prendere delle decisioni: dovrebbe essere un momento felice, ma la guerra ha lasciato una ferita profonda, e ricominciare non è facile. Il futuro è incerto e una patina triste ammanta le giornate. Per ognuno è giunto il momento di prendere la propria strada, e inevitabilmente ciò porterà i membri della famiglia ad allontanarsi l'uno dall'altro. In questo riassetto difficoltoso, gli amori faticano più di tutti: le coppie che erano state divise dalla guerra stanno lottando per rimettere insieme i pezzi, mentre per quelle che la guerra aveva tenuto insieme forse è ora di ammettere il proprio fallimento. Ma nelle ultime pagine comincia a soffiare un vento nuovo: ce ne accorgeremo nel finale a sorpresa, che riaccenderà la speranza...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Allontanarsi. La saga dei Cazalet 2017-05-06 15:21:43 Chiara77
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    06 Mag, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tempi nuovi per i Cazalet

«Sono felice che il tuo libro sia finito».
«Anch'io. In un certo senso».
«Che c'è che non va?».
«Be', sai, è una specie di addio. Ai personaggi. Mi ci ero affezionata ormai. E io odio dire addio alle persone».
Così afferma Clary, una delle protagoniste della saga dei Cazalet, dopo aver terminato di scrivere il suo romanzo. E' un po' la stessa sensazione che si prova dopo aver concluso la lettura del quarto volume di questa appassionante opera: ormai siamo affezionati ai personaggi, alla loro vita, alle loro passioni e tormenti, ai loro amori.
Si tratta di un romanzo che ha la capacità di trascinare il lettore dentro quel mondo: questo rende la lettura estremamente piacevole. La Howard ha il dono di portarci lì e all'improvviso ci ritroviamo a Londra, nel 1946. La guerra è appena finita ma il cibo è ancora razionato, le case abitabili sono rimaste poche dopo i bombardamenti. E nella famiglia Cazalet ci sono stati e ci saranno cambiamenti: i ragazzi stanno diventando adulti, alcuni matrimoni finiscono, nascono nuove storie d'amore.
Una ventata di modernità soffia sulla famiglia intera: sembra che la vecchia abitudine a tacere e soffocare emozioni e sentimenti stia facendo spazio ad un modo più franco e vero di esprimersi e di vivere la vita. Parecchie persone dovranno smettere di reprimersi, di fingere, di assecondare la falsità della sola apparenza: il mondo sta cambiando.
Mentre la Gran Bretagna è guidata da un governo laburista e sta perdendo la dominazione coloniale sull'India, le donne di classe sociale agiata non hanno più a disposizione schiere di domestici e devono cucinare, fare la spesa, pulire la casa e accudire i bambini personalmente. Molte di queste donne devono anche lavorare, avere uno stipendio con cui costruirsi una loro indipendenza. I tempi sono cambiati ed hanno portato una maggiore libertà e la fine di molte situazioni fasulle, tenute in piedi solo per assecondare una confortante apparenza.
La narrazione è sempre in terza persona ma segue il punto di vista dei vari personaggi. Rispetto ai precedenti romanzi della serie, costruiti nello stesso modo ma in cui emergevano soprattutto le vicende di Louise (alter ego dell'autrice), Polly e Clary, qui, secondo me, la tecnica dell'autrice è maggiormente affinata e perfezionata. Questo ci fa riflettere su come ogni aspetto della vita che viviamo sia il frutto della nostra personale percezione e su come non esista niente di completamente oggettivo quando abbiamo a che fare con le altre persone.
In conclusione, posso affermare che “Allontanarsi” non mi ha affatto delusa, anzi... mi è piaciuto anche di più dei tre precedenti: il volume è abbastanza corposo ma la lettura è stata così gradevole che è scorsa via anche troppo in fretta. Attendiamo, a questo punto, la pubblicazione del quinto volume e la conclusione della saga dei Cazalet.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I volumi precedenti della saga dei Cazalet
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Allontanarsi. La saga dei Cazalet 2017-05-01 16:01:33 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    01 Mag, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il cambiamento nella saga dei Cazalet.


Dopo Gli anni della leggerezza, Il tempo dell’attesa, Confusione, l’editore Fazi pubblica Allontanarsi, quarto libro della saga della famiglia Cazalet. La saga è scritta dall’autrice britannica Elizabeth Jane Howard (1923-2014), figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina del balletto russo, modella ed attrice, matrigna dello scrittore Martin Amis.
Nel luglio del 1945 nel Regno Unito le elezioni avevano registrato la vittoria del Partito Laburista di Clement Attlee sul Partito Conservatore di Winston Churchill, dando così a questi la possibilità di realizzare le loro riforme. Questa vittoria a Hugh Cazalet appariva del tutto fuori luogo. Per lui questo dimostrava che in ultimo ciò che era veramente determinante erano le idee, più delle persone, visto che Churchill era considerato un eroe nazionale. La guerra era terminata e la vita proseguiva il suo corso. Ciononostante Hugh sentiva ancora la mancanza di sua moglie Sybil, a distanza di tre anni e mezzo dalla sua morte. Suo fratello Edward, invece, meditava di abbandonare la sua legittima consorte Villy in favore della sua amante Dana. Una cosa era certa: si trattava di un intrico ingarbugliato. Il senso di colpa trafiggeva Edward, poiché qualunque scelta sarebbe stata fonte di sofferenza per qualcuno. Non era un bel momento neppure per Rupert, il terzo figlio maschio di William e Kitty Cazalet, chiamati “Il Generale e la Duchessa”. Dato per disperso in Francia durante l’ultima guerra, era tornato da sua moglie nel Sussex, ma continuava a pensare a Michele, la donna che lo aveva nascosto nella sua fattoria e con cui aveva intrattenuto una relazione. La decisione di restare in Francia per così tanto tempo appariva, ora, a Rupert folle nella sua auto indulgenza, nel suo sconsiderato egoismo, per cui “se almeno fosse tornato con un cuore puro, indiviso ….”.
L’unica ad avere una situazione immobile e ferma era Rachel, l’unica figlia femmina degli anziani Cazalet. Non più giovane, prodiga per tutti, coltivava in segreto l’amore per la sua paziente amica del cuore: Margot Sidney. E poi i ragazzi Cazalet: Polly e Clary, figlie di Hugh e Rupert, condividevano un appartamento in affitto a Londra. La prima lavorava per un arredatore e la seconda per un agente letterario. Il fratello di Polly, Simon, studiava ad Oxford, e, il fratello di Clary, Neville, si trovava in collegio. La figlia di Edward, Louise, era infelicemente sposata con il ritrattista Michael Hadleigh. Quel primo Natale dopo la fine del congedo aveva il sapore amaro del congedo e l’atmosfera che si respirava faceva presagire che nulla sarebbe stato come prima. I membri della famiglia Cazalet erano destinati ad allontanarsi l’uno dall’altro, in quello che era veramente l’ultimo Natale.
Il quarto appuntamento con un’appassionante e quanto mai intrigante saga. Non stupisce apprendere che i diritti di questo racconto epico siano stati acquisiti dai produttori di Downton Abbey per la realizzazione di una nuova serie televisiva in fase di lavorazione in questo periodo. Così che:
“è veramente tempo di cambiare.”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per avere un quadro completo leggere i libri precedenti della saga: Gli anni della leggerezza, Il tempo dell'attesa, Confusione.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri