Narrativa straniera Romanzi storici L'inverno del mondo
 

L'inverno del mondo L'inverno del mondo Hot

L'inverno del mondo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich fatica a capire le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia mentre Hitler rafforza la sua presa sulla Germania. In questo scenario fanno la loro comparsa la formidabile amica di sua madre Ethel e suo figlio Lloyd che subito capisce sulla sua pelle la brutale realtà del nazismo. Lloyd incontra anche un gruppo di tedeschi decisi ad opporsi ad Hitler, ma saranno veramente decisi a tradire il loro paese?

Recensione della Redazione QLibri

 
L'inverno del mondo 2012-10-20 17:31:59 rondinella
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    20 Ottobre, 2012
Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una serie di strane coincidenze...

... tanto da farmi pensare: ma questa è la versione storica di Tempesta d'amore?!?

No scusate, ma che sensazione questo Follett della Seconda Guerra mondiale! Mi è sembrato di leggere il copione di una ... telenovela!

Ma andiamo con ordine.
Chi conosce già Follett sa com'è: uno scrittore accattivante, ti strizza l'occhio al punto giusto, prende un pendolino e ipnotizza, fa perdere qualche ora di sonno etc etc... 'effetto Follett' in genere comune in tutti i suoi libri. Un intrico di situazioni appassionanti e ben descritte, vivide e che colpiscono.
Anche in questo secondo volume de The century trilogy, L'inverno del mondo, Follett si è messo all'opera mischiando di tutto e di più, azione, strategie belliche, amore, spionaggio, qualche sprizzatina di scienza, sfondo storico verosimile. Il suo mix ad effetto, audace ma che riesce (quasi) sempre.

Ma qui qualcosa cade... come si dice: questo libro è bello ma non balla.

Punto uno, iniziamo dai personaggi: solite descrizioni ampiamente soddisfacenti puntate sul dettaglio, ben caratterizzati, eppure...avete presente i personaggi delle telenovele, veri ma 'finti'? Ebbene, a me questi così son sembrati...certi atteggiamenti e profili messi lì per riempire, che però non servono davvero, con tratti davvero improbabili. E poi... ma è possibile che si trovano tutti al punto giusto nel momento giusto? Come già detto in precedenza da qualcuno prima di me queste coincidenze rendono la narrazione inverosimile.
Senza contare poi la scelta degli stessi protagonisti: potete dire (quasi) addio ai cari vecchi Ethel, Maud, Grigorji, Gus, Fizherbert, Billy etc... finita la prima guerra a quanto pare la loro vita si è ridotta a un mero contorno... che peccato!
Punto due, la narrazione storica. Che delusione. Anni di guerra e Follett non si è sprecato con più di un paio di frasi per dire della deportazione degli ebrei e altre atrocità commesse dai regimi. All'inizio qualcosa c'era, ma poi viene tutto trascurato, abbandonato, a volte concluso in modo spiccio. Ma cos'è? E io che mi aspettavo tanti accenni alle torture, ai campi di concentramento, al trattamento delle persone... ma no, a quanto pare i parties di Daisy erano più importanti e Hitler sembra quasi un fantasma.
Forse sarà una mia impressione, ma quando leggo Follett ho sempre l'impressione che la Storia serva per fare uno sfondo più particolare a vicende individuali.

Caro Follett, mi sembra che tu abbia perso di mira un po' di obiettivi, la voglia di graffiare si è ridotta a ferite superficiali. Spero ti riprenda, perché le potenzialità ci sono tutte! Non è che per caso (ma proprio per caso) c'era fretta di finire...?

Comunque per ci segue l'autore (e non) la lettura resta consigliata: stile scorrevole (anche troppo secondo me... troppe frasi spicce, proprio da film), storia interessante, coinvolgente e ben intrecciata che nonostante la mole si legge che è una meraviglia.
Finito in una decina di giorni!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La caduta dei giganti, tutto Follett
Trovi utile questa opinione? 
390
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 21

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.3  (21)
Contenuto 
 
3.7  (21)
Piacevolezza 
 
4.2  (21)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'inverno del mondo 2014-06-30 14:43:21 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Giugno, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MOLTO LOVE E POCO STOR..Y

Il bilancio complessivo dell’opera non può definirsi completamente positivo ed espressione di una lettura pienamente soddisfacente. Pur se ben costruita ed avvincente vari sono gli elementi dissonanti e di dubbio in questa.
In primo luogo i personaggi che avevano reso il primo capitolo della trilogia affascinante ed entusiasmante vengono lasciati a loro stessi, fungono da cornice per l’introduzione dei nuovi, guarda caso i figli, senza nulla approfondire sugli avvenimenti che si sono seguiti negli anni che intercorrono tra il concludersi del primo grande conflitto e il secondo. L’autore si limita a dirci che sono invecchiati e a descriverci brevemente la posizione sociale che hanno raggiunto (modus operandi che a mio parere, verrà utilizzato anche nel terzo ed ultimo capitolo della trilogia). La loro vita viene sminuita quasi fosse inutile lasciando l’amaro in bocca nel lettore. Casualmente la maggior parte dei protagonisti si dà alla politica, elemento che seppur comprensibile ed utile per snodare i passaggi storici fondamentali, risulta pesante facendo perdere di suspence alla lettura..
In secondo luogo troppe sono le “cose” lasciate al caso. I fatti storici sono riportati prevalentemente dal punto di vista inglese (e nella seconda parte del romanzo americano); solo a tratti la narrazione si interseca con gli universi paralleli (russo, tedesco etc), visione un po’ restrittiva a mio giudizio. L’Italia fascista è a malapena citata, giusto per sottolineare la presenza del totalitarismo in Europa. Follet parla indistintamente di Fascismo, Nazismo, Franchismo e Stalinismo quasi a voler sottolineare che tra i detti regimi non sussiste differenza, che alla fine sempre di totalitarismo si tratta; quando sarebbe stato ben gradito un approfondimento storico atto, se non altro, a delinearne i caratteri principali.
La struttura del romanzo è prevedibile poiché ricalca esattamente l’impostazione data a “La caduta dei giganti”: stessi incontri tra protagonisti, stessi meccanismi di innamoramento, stesse sorti. Senza dover ricorrere ad un eccessivo sforzo di fantasia si è in grado di prevedere quali saranno le successive vicende. Sposo la scelta di Follet di spiegare la storia con l’utilizzo di personaggi trasmutati nell’epoca in cui i fatti sono narrati con una buona miscela di elementi storici veri, e per quanto abbia simpatizzato per molti di quelli presenti nel secondo capitolo, ho trovato che in alcune occasioni queste vicende fossero troppo presenti tanto da creare un surplus di informazioni di secondo piano che hanno appesantito la narrazione. Ethel, Maud, Walter, Billie, Grigorij sono entrati nel cuore del lettore radicandovisi con una facilità sorprendente senza forzature, viceversa nel secondo capitolo solo pochi (vedi Carla, Werner) riescono ad entrare nell’anima di chi legge.
Ancora, la narrazione ci descrive una Germania in cui la popolazione non si rende conto dei crimini contro l’umanità che si stavano ponendo in essere, elemento affascinante e storicamente riscontrato; ma, giunto a conclusione del Secondo Conflitto, lo scrittore liquida la tematica in poche “righe”. Pacifico è che ad oggi il tema dell’Olocausto è uno degli argomenti più dibattuti e risentiti e concordo nel focalizzare l’attenzione sulla Germania post bellica, sul paese in ginocchio, sulle decisioni prese dagli altri stati per la “questione tedesca” ma la scoperta dei campi passa tra le pagine silenziosamente, quasi impercettibilmente e solo per affermare che dopo la caduta del regime tedesco questi luoghi non sono rimasti inutilizzati poiché i russi se ne sono avvalsi. Calzanti sono i riferimenti alla popolazione ebrea, ovvero quei ragionamenti in cui sottilmente Follet evidenzia al lettore il paradosso della ricerca della purezza della razza ariana: si depura la società dalla “sporcizia” e solo dopo aver ripulito il sistema ci si rende conto di come questi uomini/donne/bambini fossero necessari alla stessa economia tedesca.
Ben narrata la parte in cui l’autore si dedica all’eliminazione dei soggetti portatori di Handicapp con relativa descrizione degli ospedali in cui questi venivano rinchiusi per poi essere uccisi e interessante la “fotografia” della Germania prima, durante e dopo il conflitto. E’ stato uno degli elementi che sinceramente ho più apprezzato.
Nel complesso, l’opera rimane interessante, degna e piacevole non riuscendo però a soddisfare le aspettative del lettore. Una buona prova vista la complessità della fase storica trattata che conferma le capacità di Follet che non riesce ahimé a fare quel “salto di qualità” in più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha letto "La caduta dei giganti" e a chi desidera approfondire un argomento storico ancora vivo.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2014-06-26 13:26:22 Monica Di Dato
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Monica Di Dato Opinione inserita da Monica Di Dato    26 Giugno, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'INVERNO DEL MONDO

segue La Caduta dei Giganti, scenario seconda guerra mondiale; i protagonisti donne e uomini ormai maturi si apprestano a vivere in pieno il grande conflitto che cambierà per sempre la storia dell'umanità e trasformerà la loro vita e quella dei loro figli. Rispetto al libro precedente, il focus è maggiore sulle vicende personali di ciascuno di loro, ma nonostante questo il contesto storico rimane sempre in primo piano e ciascun personaggio ci si muove dentro alla perfezione secondo il proprio ruolo. Il libro racchiude in se un buon equilibrio tra realtà e fantasia alternandole nella giusta proporzione. Personalmente, ho trovato il testo molto più scorrevole ed entusiasmante rispetto al primo, sia per la trama che per la cornice storica molto più ricca di avvenimenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La Caduta Dei Giganti
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2014-03-04 20:15:21 Ashuan
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ashuan Opinione inserita da Ashuan    04 Marzo, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una lettura interrotta...

Ha il diritto di recensire un libro uno che quel libro non è riuscito a finirlo? Io penso di sì, forse anche più diritto degli altri!
Letto il primo capitolo, "La caduta dei giganti", che non era poi tanto male, mi sono avvicinato al secondo, "L'inverno del mondo", non senza una certa aspettativa. Lo scenario è quello della seconda guerra mondiale, un argomento senza dubbio interessantissimo ma che posso dire di conoscere abbastanza, non mi aspettavo quindi di trovare una storia completamente nuova ma ciononostante di certo speravo di emozionarmi seguendo le vicende di quegli anni così importanti.
Quello che mi si è presentato davanti mi ha però deluso molto... Come può essere che i molti protagonisti vivano in prima persona ogni santo momento importante della storia? Quanto può essere irrealistico che una stessa famiglia (quella tedesca per esempio) sia così legata ad ogni avvenimento notevole dell'ascesa di Hitler? E come poteva non avere questa stessa famiglia un figlio maschio pronto ad aderire al movimento nazionalista ed una figlia femmina conscia del dramma che sta per perpetrarsi? Senza contare poi lo zio omosessuale che finirà vittima della persecuzione...
Troppa banalità. Caso chiuso, insieme al libro.
L'impressione, netta, che ho avuto è stata quella di un libro per far conoscere ai bambini la storia; suvvia Ken, ne sappiamo tutti abbastanza della seconda guerra mondiale per poter evitare gli eventi banali e per poter comprendere dinamiche più complesse e articolate.

Detto ciò ribadisco che il libro non sono riuscito a finirlo e magari nella seconda metà il mio giudizio sarebbe stato ribaltato

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi sa poco di storia del Novecento e vuole impararla
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2014-01-15 08:37:45 MATIK
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    15 Gennaio, 2014
Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'inverno del mondo.

"Se morirò lottando per un paese democratico contro una crudele dittatura militare, la mia vita non sarà andata sprecata. "

Un libro storico, da cornice alle storie dei protagonisti tutti i fatti salienti che vanno dagli anni trenta fino al 1946: l'avvento di Hitler e del fascismo, la guerra con tutti i suoi orrori (morte, campi di concentramento, stupri, uccisioni di massa e di persone deboli o affette da malettia che venivano considerate un vero e proprio peso per la società, la persecuzione agli ebrei e agli omosessuali ecc.), la costruzione della bomba atomica, le lotte di potere tra Stati Uniti e Russia, l'attacco di Peal Harbur e lo sbarco in Normandia, l'Inghilterra che non cedette mai all'avvento delle tirannie e delle dittature presenti in tutto il resto dell'Europa.
Storie di uomini e di donne coraggiose, di spie e di agenti segreti, di politici e strateghi che cercarono di combattere e di salvare un mondo alla deriva, dove orrore, morte, tragedie, soprusi, angherie, prevaricazioni, strapoteri, tirannie e ingiustizie facevano da contorno alle loro vite, con la loro forza e temerarietà volevano che tutto tornasse alla normalità e che i loro futuri figli potessero di nuovo vivere in un mondo sereno, pacifico e tranquillo.
Un buon romanzo, anche se Follett non raggiunge mai i livelli ottenuti nei Pilastri della terra, un libro che si legge bene, scorrevole, con tanti personaggi che intracciano le loro vite e le loro storie, a volte non molto credibili, ma bisogna tener di conto che è pur sempre un componimento narrativo che deve coinvolgere e appassionare il lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama i romanzi storici.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2013-08-02 07:55:29 Nadiezda
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    02 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

The century trilogy vol. 2 (Bah)

Se il primo volume ero riuscita a finirlo in poco tempo perché mi era piaciuto moltissimo non si può dire la stessa cosa di questo che ho appena terminato.
In un certo senso mi ha lasciata parecchio perplessa.

Dovrebbe essere un romanzo storico ambientato negli anni dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, ma a me è sembrato tutto tranne che un libro a carattere storico.
Di solito l’autore nei suoi testi decide di inserire sempre qualche piccolo risvolto da romanzo rosa questa volta però mi sembra che ha aggiunto un po’ troppe storie d’amore ed in un certo senso ha fatto perdere l’importanza all’ambientazione ed ai fatti principali accaduti in quegli anni.

Passiamo ai personaggi, anche questa volta sono davvero molti, talmente tanti che l’autore (come nel primo testo) all’inizio del libro ha deciso di inserire una piccola tabella per non farci perdere tra i vari alberi genealogici.
Tanti di questi protagonisti il lettore li aveva già trovati nel primo volume mentre altri si aggiungeranno man mano nella storia.
Anche se Follett li ha saputi descrivere con molta cura non è riuscito a farmi sentire vicino a loro, anche perché inserendone molti altri ha fatto, a parere mio, un grande caos nella testa del lettore.

Lo stile è sempre lo stesso, molto scorrevole e di facile lettura, la narrazione è impeccabile, ma per essere un romanzo storico ha citato davvero pochi fatti storici.
Per esempio sull’olocausto degli ebrei, in specifico: la deportazione, le torture, l’uccisione e la scomparsa dei loro corpi, viene detto davvero poco per non dire che il discorso viene appena accennato, eppure ce ne sarebbe da scrivere.
Magari se la trama fosse stata più incentrata sulla storia invece che di tutte le telenovele che ci appioppano alla televisione lo avrei letto molto più volentieri e più velocemente.

Con ciò non voglio dire di non leggere questo libro perché comunque è scritto molto bene, ma non mi è piaciuto tanto come gli altri di questo autore perchè di storico ha solo le ambientazioni.

Peccato Ken, speriamo in meglio per la prossima volta!

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2013-07-19 10:21:09 Elisabetta.N
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    19 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La seconda guerra mondiale

WOW!
...Voglio dire... WOW!
I miei più sentiti complimenti per la ricerca storica e per l'immenso capolavoro che ne è uscito, ma...
Mi dispiace, io adoro tutti i libri di Ken Follett, ma stavolta, mentre leggevo, sentivo che mancava qualcosa..
Mi è mancato il legame con i personaggi. Non so se questo sia dipeso dal numero piuttosto elevato dei personaggi e quindi dei vari punti di vista, o dalle vicende in se che per quanto terribili potessero essere erano (non tutte) prive di tensione e spesso si risolvevano senza molti problemi..
Con questo non voglio dire che siano mancate le scene drammatiche, in diversi punti ho persino versato qualche lacrima, ma diversamente ad altri suoi libri, non leggevo febbrilmente macinando pagina dopo pagina per scoprire se un certo personaggio sarebbe sopravvissuto o no (tranne in alcuni limitati casi)..

Inoltre ho notato che manca la guerra in Italia.
A parte un piccolo accenno all'inizio quando viene detto che anche l'Italia, con Mussolini, appoggia la Germania, non se ne parla più. Mi aspettavo che qualche personaggio venisse mandato in Italia per raccontare un pezzettino della guerra, invece nulla..
Forse l'Italia non ha mai costituito un reale pericolo agli occhi dell'America, anzi forse eravamo il punto debole del nazismo a causa del movimento partigiano che minava il regime, ma abbiamo avuto i nostri morti e intere città devastate, non meritavamo forse un capitolo o due?

A parte questi particolari, ho apprezzato la storie e la capacità dello scrittore di intrecciare le vite dei diversi personaggi.
Devo ammettere che all'inizio ero un po' confusa da chi fosse chi. Già nel primo libro c'erano diversi personaggi che poi hanno avuto 1 o 2 figlio (legittimi e non), quindi i punti di vista sono molteplici, ma Ken Follett è stato abile nel mettere alcuni indizi sparsi qua e là per far riprendere il filo al lettore. In fondo sono passati almeno 2 anni da quando ho letto il primo volume, è normale non ricordarsi proprio tutto..

La trama è incentrata sulla seconda guerra mondiale e attraverso i vari personaggi percorriamo i momenti più drammatici della storia, compresa la terribile invenzione della bomba atomica.
L'evoluzione a cui assistiamo, non solo dell'epoca in se, ma dei vari personaggi che rappresentano in un modo singolare, le diverse tipologie di persone e i diversi caratteri..
Sono rimasta sconvolta da Erik, che credeva così fermamente nel nazismo per poi credere fermamente nel comunismo... eppure erano in tanti che non riuscivano a pensare con la propria testa e che pertanto cercavano la "stabilità" di un regime oppressivo..
Sono rimasta invece piacevolmente colpita dall'evoluzione di Daisy, da snob vanitosa a guidatrice di ambulanze durante i bombardamenti..

Veramente un ottimo libro che fa apprezzare la storia!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2013-01-24 15:56:41 Gianni Fornai
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Gianni Fornai    24 Gennaio, 2013

Follett mantiene la suspence per quasi mille pagin

CONTIENE SPOILER

L'incipit del romanzo è ambientato a Berlino con una discussione nella famiglia di Walter von Ulrich sull'imminente salita al potere di Hitler. La famiglia perde, ucciso dalla Gestapo, il suo capostipite e conclude il romanzo in modo triste, anche se arricchita nei suoi componenti, nel bene e nel male, grazie alla figlia di Walter, Carla, uno dei personaggi positivi del libro. Gli altri personaggi principali sono i tre figli di Lev Peshkov, il gangster: Daisy, Greg e Volodya, figli avuti da tre donne diverse e i due figli, anche essi avuti da due donne diverse, di Earl Fitzherbert: Boy e Lloyd, rivali nelle idee e in amore. Una parte dell'intreccio del romanzo è basato sulle storie del figlio naturale che incontra e conosce da adulto quello legittimo, mentre la "fabula" principale segue gli avvenimenti storici nella loro cronologia, con una selezione da parte dell'autore che riesce a riempire 950 pagine, pur evitando di approfondire l'Olocausto, il massacro degli Ebrei, accennando solo a Sachsenhausen alla fine del libro e a Oranienburg, la cittadina dove si trovava quel campo di sterminio, all'inizio. Su Wikipedia il lettore curioso può informarsi. La scelta di Follett è forse dovuta all'uso del punto di vista dei personaggi e non di quello dell'autore. I campi di sterminio erano abbastanza ignorati durante la seconda guerra mondiale, mentre il progetto T 4 di eliminare disabili, anziani e malati, era abbastanza noto, grazie anche all'intervento della chiesa. Follett scrive le pagine migliori quando parla di spie e di spionaggio, con il suo linguaggio scarno che predilige la paratassi all'ipotassi e che domina gli avvenimenti senza perdere il filo della narrazione. L'autore fa un frequente uso della prolessi e dell'analessi, prepara gli avvenimenti successivi con un anticipo di molte pagine e si riallaccia a quelli del romanzo precedente per non lasciare un eventuale mancato lettore di "The Fall of Giants" totalmente ignaro. I personaggi femminili sono quelli, a mio modesto parere, meglio delineati, in particolare Carla e Daisy, alle quali si possono aggiungere i rispettivi mariti, LLoyd Williams e Frank Werner e Ethel e Maud, già protagoniste del libro precedente. I personaggi storici sono ben delineati, gli avvenimenti storici principali chiaramente ricordati e, per la gioia del lettore, diversi cattivi fanno una brutta fine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I pilastri della terra, world without end, the fall of giants.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2013-01-13 08:36:27 chicca
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
chicca Opinione inserita da chicca    13 Gennaio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L' inverno del mondo

L' inverno del mondo è il secondo libro della trilogia "the century", in questo nuovo romanzo Ken Follett riprende la storia delle famiglie di cui aveva parlato nel volume precedente, " La caduta del giganti".
Ne " L' inverno del mondo" la storia è ambientata dal 1933 al 1949 e ripercorre l' ascesa di Hitler, l' avvento del Nazismo, la seconda guerra mondiale fino a raggiungere Pearl Harbur e Hiroshima.
Grazie al genio narrativo di Ken Follett i personaggi di fantasia si intersecano con le vicende storiche dando vita ad un romanzo che ci trasporta in quel doloroso periodo.
La " leggerezza" di alcune pagine fa da contraltare all' angoscia e al dolore che provocano nel lettore le vicende storiche, rendendo il romanzo fruibile a tutti.
Il risultato è un libro alla ken Follett, avvincente, dallo stile misurato, puntuale nelle descrizioni dei luoghi e dei personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altro di ken follett
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2013-01-02 09:53:56 AndCor
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    02 Gennaio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tante luci e poche ombre

Un romanzo storico di alta, altissima qualità.

Follett ci ha ormai abituati a puntigliose descrizioni dei personaggi e degli ambienti in cui essi muovono le proprie fila, e nemmeno questa volta ci ha deluso.
Lo stile è contraddistinto dalla classica ipotassi con cui lo conosciamo da sempre, e non stanca mai.

Tutto perfetto, se non fosse che manca il personaggio che fornisce il quadro relativo all'Italia: la Repubblica di Salò, l'ascesa concomitante del Fascismo, lo sbarco degli Alleati, le Brigate Partigiane, e tutto ciò che riguarda la liberazione del nostro Paese.

Avrò letto male io, ma Eisenhower e Hirohito non sono citati nemmeno una volta. Soprattutto per il primo, manca completamente il discorso con cui 'benedice' lo sbarco in Normandia del '44.

E la parte finale relativa all'inizio della 'Guerra fredda' è spiegata in maniera confusionaria e frettolosa. Avrei preferito dover leggere altre 400-500 pagine, pur di non assistere a 'buchi' del genere.

La qualità rimane comunque altissima, però... Si spera che il romanzo finale della trilogia compensi le mancanze del secondo capitolo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La caduta dei giganti
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-12-02 10:33:03 Rosa Maria Lucifora
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Rosa Maria Lucifora    02 Dicembre, 2012

Mah!

Sono veramente delusa che l'autore di libri così affascinanti (Pilastri della terra, Mondo senza fine, etc.) abbia potuto concepire un libro "corale" in un modo così ingenuo e, oserei aggiungere, rozzo. L'avrà scritto per fare soldi, e ciò, certamente, è legittimo; tuttavia, avrebbe potuto avere un poco di considerazione per il popolo italiano, che nella seconda guerra mondiale ha sofferto e, purtroppo, si è diviso in una faida civile che non ha avuto ancora termine. Inoltre, bisognerebbe che qualcuno lo informasse delle violenze e delle angherie perpetrate nel Sud-Italia dai "liberatori" Americani. Se fosse informato - e avrebbe dovuto, no?-, sarebbe meno sprezzante e non oserebbe dichiarare che solo i Russi "sono così" .
Nel complesso, sono pentita di avere speso i soldi dell'acquisto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-11-30 18:58:45 Lello
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Lello    30 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 02 Dicembre, 2012

Seconda puntata...

Ci siamo: la storia delle cinque famiglie si snoda nel secolo buio della seconda guerra mondiale.
Come al solito, l'evidenza storica è solo uno sfondo sbiadito che porge eventi e sentimenti al lettore, incarnando nei suoi personaggi gli stati d'animo più profondi.
L'amore rubato, la violenza, la paura, la speranza e la determinazione sono i caratteri dominanti della storia.
Perfettamente coerente con il primo capitolo, la vicenda segue il filo logico precedente e conduce per mano il lettore nella scoperta delle appassionanti vicende dell'inverno del mondo.
Ottima opera intermedia, ha il pregio di inserirsi perfettamente nella ratio narrativa del precedente episodio, toccando argomenti scottanti e porgendo al lettore sensazioni forti.
Mirabile la scena della violenza carnale: il sapore amaro persiste nella mente del lettore per giorni.
Ottima, come sempre, l'ambientazione.
Complimenti al team Follett: affiatato, coerente, fecondo, perfetto.
Mai un solo autore, ma un pool di penne competenti e puntuali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il volo del calabrone, Notte sull'acqua, La cruna dell'ago
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-11-15 15:37:43 sabrinat2601
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    15 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Carissimo Ken

Carissimo Ken, sono anni che ti seguo, ho letto e riletto tutti i tuoi libri...lo ammetto : sei il mio autore preferito! Ricordo ancora di aver passato notti insonni leggendo il primo romanzo che mia madre mi regalò, "il terzo gemello", e non molto è cambiato…segno in agenda l'uscita del tuo libro e corro in libreria quando finalmente arriva l'agognato momento, passo serate intere rapita dalle tue storie e quando arrivo all'ultima pagina un brivido mi percorre e sospirando ripongo il tuo lavoro accanto agli altri nella libreria in entrata.
Ho ovviamente divorato anche quest'ultimo, "l'inverno nel mondo", e come sempre non so da dove iniziare la recensione.
Come altre persone hanno notato in questo tomo hai privilegiato le relazioni interpersonali tra i personaggi e le loro avventure amorose hanno predominato in tutti i capitoli. Forse ti è scappata un po la mano, devo ammetterlo anch'io tua umile fan....errare (o esagerare) umanum est.
C'è poi chi non apprezza lo stile "cinematografico"....io adoro i tuoi libri per quello! Mi piace inoltrarmi nelle storie e immaginare di essere al cinema ad assistere alla messa in onda dei tuoi (per me) capolavori.

Consiglio vivamente la lettura di questo romanzo a chiunque. Stile graffiante, coinvolgente, appassionante e chi più ne ha più ne metta. I personaggi sono dipinti in modo impeccabile. A differenza di quasi tutti i libri sulla seconda guerra mondiale, la storia non è vista dagli occhi dei deportati ebrei, ma da una famiglia tedesca, una inglese, una russa ed una americana. Il tutto condito dalla maestria e dallo mano inconfondibile del mio autore preferito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutto Follett !!!
Trovi utile questa opinione? 
151
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-11-07 13:02:42 McLennon
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
McLennon Opinione inserita da McLennon    07 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 07 Novembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

The Century Trilogy vol.2

Rispetto al precedente "La Caduta dei Giganti" devo dire di aver trovato quest'opera assai più "cinematografica" ossia con molti più dialoghi e meno fasi descrittive: il che, a mio parere, ha contribuito a rendere ancor più scorrevole e fluida la lettura privandosi appunto di quegli intermezzi troppo prolissi presenti invece nel "Volume 1".

La cosa potrebbe però far storcere il naso a chi invece considera (ed esige di leggere) un romanzo storico nella sua più essenziale accezione del termine: ne "L'Inverno del Mondo" sono le storie dei personaggi ad essere protagoniste, non la Storia stessa: essa sembra essere solo l'ossatura portante sulla quale si sviluppano le vicende delle famiglie Von Ulrich, Peskov, Dewar, Williams e del conte Fitzherbert.
Come già fatto notare da qualcuno prima di me, la Guerra è stata descritta tralasciando (tranne alcuni brevi passaggi) l'orrore dei campi di sterminio ebrei ed anche il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki è stato snocciolato in poche righe.

Resta comunque il fatto che lo stile di Follett è sublime: la sua maestria nell'intrecciare i percorsi e le vicissitudini dei personaggi che popolano l'opera non ha eguali ed il ritmo e che riesce a creare fa letteralmente divorare il libro pagina dopo pagina.

A volte gli eventi sembrano prendere pieghe un po' troppo forzate e prevedibili, ma quello che ne risulta, tirando le somme, è un romanzo di ottima fattura, godibilissimo, leggibile anche senza obbligatoriamente aver letto il primo capitolo (anche se moltissime sfumature andrebbero perse) e che incorona ancora lo scrittore britannico come uno dei più grandi in circolazione.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-10-17 13:26:19 Mephixto
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mephixto Opinione inserita da Mephixto    17 Ottobre, 2012
Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il soufflè si è sgonfiato...

Follet il grande affabulatore. Questo scrittore potrebbe rendere interessante e avvincente anche il foglietto illustrativo dei farmaci più conosciuti … Ma questo non basta a creare una grande romanzo, e ancor meno basta a rendere grande una trilogia.
Ora entro più’ nel dettaglio di queste mie affermazioni: Ken Follet scrive benissimo, un maestro, ti incolla alle pagine ed è maledettamente ipnotico; però questa volta, a differenza di “la caduta dei giganti” si respira un non so che di commerciale.
Prima nota di demerito va a questa ossessiva mania di Follet nelcreare incontri casuali improbabili, troppo faziosi e costruiti, non che prevedibili. Ad un certo punto, scusami Follet, mi diventi scontato !
In secondo luogo: cinque dinastie, 3 nazioni, un unico ideale ? mi è sembrata un po’ tirata per i capelli.
Inoltre una famiglia di afroamericani avrebbe dato nuovo lustro e interesse alla narrazione!
(Non dimentichiamoci … nonostante la segregazione razziale negli USA, i neri si sono arruolati volontari per combattere in nome della liberta, nella speranza che un giorno sarebbe arrivata anche per loro).
Ad un certo punto sembra tutta un'unica grande famiglia “felice” mettiamoci qualcosa di diverso no ?
Terzo crepa che mina alla solidità imposta dal primo capitolo, e mi ha lasciato un pochino l’amaro in bocca, sono l’eclisse di alcuni dei precedenti protagonisti, sembra quasi che abbia voluto semplificarsi la vita .
Ora passiamo alla piacevolezza.Gradevole, alcuni paragrafi si fanno letteralmente divorare e tu rimani incollato li per decine di pagine; però anche qui ha voluto: semplificare ? alleggerire ? raggiungere un pubblico meno avvezzo alla sottigliezza storica ?Ma cosa mi combini Follet?! nel primo romanzo mi tiri fuori chicche di storia per palati fini, vedi ad esempio la crisi Usa Messico oppure i dettagli tecnici della rivoluzione russa … e qui a malapena hai citato la morte di F. D. Roosvelt . Inoltre non hai nemmeno accennato ai campi di prigionia Usa dove venivano “ ospitati” i giapponesi residenti in America e le loro mogli e figli. Dai ne avevi di argomentazioni hai voluto proprio mungere la vacca senza latte !
.. non voglio andare oltre perché ne avrei molte altre. Quello che voglio dire è che: mi aspettavo una profondità e un coinvolgimento storico al pari del primo, invece mi trovo la storia descritta a livello di testo scolastico di scuole medie inferiori !
Queste sono le principali sbavature di questo romanzo ai miei occhi, ne avrei ancora ma non voglio spoilerare quindi me le tengo per me !
Purtroppo il paragone con il primo capitolo viene spontaneo, nel primo sentivo che i personaggi erano parte delle vicende storiche(parte dei fatti non protagonisti) . In questo capitolo sembrano vecchi film girati in un teatro di prosa. Con la scenografia che sfila sullo sfondo, senza mai diventare protagonista !
Ora direte” ma ti ha fatto schifo !” No ! Mi sono piaciute molte cose, la descrizione della battaglia area per l’isola di Midway, gli intrighi politici e spionistici, e la parte finale in cui descrive la via al’ombra dell’ URSS nella Berlino stuprata dalla guerra; gettando le basi per il prossimo capitolo: la cui trama sarà sicuramente ambientata durante la guerra fredda. Ma tutto questo non è bastato a farmi dire che è un capolavoro. Un buon romanzo, piacevole e scorrevole, ma manca la magia, quella magia che fa si che la storia si fonda con la finzione e ti lascia attonito e incapace di capire dove finisce la realtà e dove comincia la fantasia !
Agiungo una nota postuma alla scrittura della race:
Mi azzarderei a dire che secondo me potrebbe anche essere letto come romanzo autoconclusivo, non è così necessaria la lettura del precedente capitolo , posso aggiungere che si potrebbe adirittura invertire le letture.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
cerca un romanzo storico senza troppe pretese
Trovi utile questa opinione? 
232
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-10-16 11:40:54 Fonta
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    16 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo atto. Seconda Guerra

Dopo il bellissimo "La Caduta dei Giganti", ambientato nella prima metà del 1900, a cavallo della I Guerra Mondiale, Follett e le sue cinque famiglie di riferimento ci portano nella fase centrale del secolo nell'Europa ed America che si stanno preparando al secondo conflitto bellico che cambierà i confini mondiali e introdurrrà i due scheramenti che poi si contenderanno la supremazia mondiale a seguito di esso.

Ritroviamo Ethel Williams, la ragazza madre che è riuscita a fare carriera polita, sposatasi poi con il mite Bernie impegnata con il giovane figlio Lloyd in un viaggio a Berlino presso gli amici Von Ulrich, dove iniziano a conoscere cosa significa la parola nazismo e fascismo in generale, con i loro metodi e crudeltà,tanto da inculcare nel giovane una voglia viscerale di lottare contro di esso.

In casa Von Ulrich gli umori sono contrastanti ed il clima è teso. Da una parte il deputato socialdemocratico Walter e la moglie inglese Moud sono intenzionati a mettere i bastoni fra le ruote delle camice brune hitleriane, spalleggiati dalla figlia Carla che vede la sua intelligenza e la sua voglia di emergere nella medicina messe in secondo piano dalla politica maschilista nazista. Dall'altra il giovane Erik abbraccia la giuventù hitleriana ed i suoi ideali come fanno in molti nella sua scuola.

Pure l'inglese Boy Fitzherbert, figlio del conte Edward sembra simpatizzare per la violenza e l'antisemitismo nazionalsocialista, sperando che la forza di Hitler sbarchi pure in Gran Bretannia.

Woody e Charles Dewar, figli del democratico Gus si ritrovano a vivere ildelicato ruolo americano in merito alla Guerra: partecipare e sconfiggereil nazzismo o rimanere alla finestra per accontentare l'opinione pubbica? Gus è un sostenitore del nuovo organismo denominato Nazioni Unite, secondo lui il vero ago della bilancia per tale scelta.

La famiglia Peskov, già dal primo capitolo è divisa a metà, da una parte la fazione russo-comunista con Grigorij, tra i protagonisti della Rivoluzione d'ottobre con il figlio Vladimir, giovane promettente militare dell'armata Rossa, con l'incarico di mantenere i contatti con le spie europee.
Dall'altra a Boston Lev è diventato un boss malavitoso famoso per i suoi locali e per aver fatto i soldi con l'alcool durante ilproibizionismo. La figlia Disy per riparare l'onore perso è costretta a scappare in Inghilterra, il fratellastro Greg, brillante fisico è coinvolto in un progetto sull'uranio che può esser affascinante quanto pericoloso.

Questi i numeriso personaggi che caratterizzano le oltre 950 pagine di questo bel romanzo.
Molte nozioni storiche, ben dettagliate e ben discusse, come al solito Follett riesce a portarci per mano in mezzo ai sentimenti ed alle vite dei protagonisti, facendoci odiare ed amare le figure descritte con maestria.

A mio modesto parere questo libro, pur molto bello, mi ha un filo deluso rispetto al primo, troppa carne al fuoco, troppi personaggi e troppe coincidenze forzate che fanno sembrale a tratti surreale il romanzo che rimane comunque ben scritto ed emozionante.

Ho trovato anche molto "facile" per lo scrittore la separazione tra bene (socilademocratici) e male (nazisti e comunisti), dove la "redenzione" finale di quest'ultimi fa la differenza nella storia. Sarebbe stato più bello, a mio modesto avviso, ritrovare qualche figura che avesse creduto nelle due filosofie senza redimersi e che fosse analizzato anche il loro punto di vista "estremo". Ma forse era pretendere troppo da un romanzo. Questo però mi permette di dire che non è un testo che andrebbe letto a scuola come testo storico, come suggerisce qualche recensore de llibro, è un romanzo con uno sfondo storico studiato e ben definito, scritto da uno degli autori di romanzi più bravi del mondo (a mio modesto avviso sempre..), ma non lo definirei un testo storico, solo...si fa per dire "solo", un buon romanzo!

Lettura consigliata, non vedo l'ora di viaggiare nella Guerra Fredda con Follett ed i suoi personaggi, alcune basi sono state gettate, sarà una gran conclusione della trilogia? Me lo auguro di cuore, anche perchè spionaggio e lotte politiche sono il pane per chi conosce il genio dell'autore! =)

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La caduta dei Giganti
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-10-08 18:41:30 stefano
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da stefano    08 Ottobre, 2012

l'inverno del mondo

bello. a volte un pò troppo didascalico, a volte inserisce per forza un avvenimento storico (a pearl harbour tutta la famiglia in gita per l'appunto il giorno dell'attacco giapponese...), qualche personaggio forzato (l'amante nera e disperata, il fratello gay, l'illegittimo subito deputato, i buoni sempre buoni i cattivi sempre cattivi). Comunque Follett è un drago e i suoi libri ti prendono subito, sin da pagina 2! Ora toccherà aspettare un anno per il terzo! Uffa!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-10-08 08:48:21 Eleonora
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Eleonora    08 Ottobre, 2012

BELLISSIMO E AFFASCINANTE

assolutamente consigliato a chi ha letto 'La caduta dei giganti'. Ovviamente trascinati i collegamenti dei personaggi,incredibilmente onnipresenti nelle fasi più importanti della storia bellica. Consigliato non solo agli appassionati di storia, ma anche a chi semplicemente volesse confrontarsi con il contesto storico di possibili coetanei vissuti infondo solo pochi decenni prima noi. Romanzo che farei leggere ai miei figli, e a numerosi studenti. Sui banchi di scuola i numeri dei morti e le date sono tremendamente distanti...ma così sarebbe un'altra storia! Un capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La caduta dei giganti
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-10-04 19:56:17 Francesco
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Francesco    04 Ottobre, 2012

UN CAPOLAVORO

Non è possibile dire è meglio o peggio del primo. Troppo diversi i periodi storici per poter essere narrati con lo stesso ritmo e approfondimento: infatti il dopoguerra (45-49) è narrato un po'troppo velocemente.Come sempre però scorre che è un piacere, è impressonante la cura e la precisione con cui si fa il giro del mondo, di come quasi tutti i personaggi ti entrino nel "cuore" e ti appassionino. Concordo con Marco70, forse alcuni intrecci sono tirati, ma è davvero un capolavoro...Non vedo l'ora dell'ultimo, e già mi rattristo al pensiero che sarà l'ultimo della trilogia....Da leggere assolutamente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La caduta dei giganti e Ken Follett in generale
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-10-01 13:18:15 Ylenia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Ylenia    01 Ottobre, 2012

BELLISSIMO

Non concordo con chi dice che è meno bello del primo. Lo preferisco di gran lunga. E' un capolavoro (sarà che amo il periodo storico narrato), ma il libro è favoloso. Ci si affeziona ad alcuni personaggi molto facilmente, e si detestano altrettanto facilmente altri. La parte storica è curata nei minimi dettaglia. Assolutamente un capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il precedente, La caduta dei giganti
Trovi utile questa opinione? 
12
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-09-28 18:25:52 MARCO 70
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da MARCO 70    28 Settembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 2012

INTERESSANTE E IMPERFETTO

Concordo con il precedente recensore : è meno bello del primo volume della trilogia. L' Intento ambiziosissimo di tracciare una storia del novecento basata su eventi reali e personaggi inventati non riesce completamente. Alcuni intrecci fra i protagonisti sembrano troppo forzati ( due fratellastri uno russo, l'altro americano lavorano alla bomba atomica su fronti diversi, rivali in amore si incontrano per caso in Francia ecc. ) , alcuni protagonisti non sono descritti con grande perizia psicologica. Rimane il fatto che non si può rimanere insensibili al fascino del romanzo : grandi eventi storici sono descritti con competenza, rigore e a volte ( l'attacco a Pearl Harbour, lo sterminio dei disabili in Germania ) con grande pathos emotivo. Il personaggio di Carla von Hulrich appare il più Toccante del romanzo .

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A CHI AMA I ROMANZI STORICI
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inverno del mondo 2012-09-23 16:22:58 Stefania
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Stefania    23 Settembre, 2012

Viaggio negli estremismi europei

Meno bello del precedente, secondo me, Follett cade nelle difficoltà connesse all'ampiezza della sua opera, troppo da raccontare e quindi inevitabilmente si affrontano con eccessiva velocità e poco approfondimento alcune vicende dei protagonisti che in conseguenza di ciò risultano poco vicini al lettore che non riesce ad affezionarsi alla maggior parte di essi.
Ottimo come al solito il contesto storico, approfondito, veritiero e attendibile in ogni piccolo aspetto tanto da far nascere il desiderio di saperne ancora di più e di documentarsi meglio.
Avvicina il lettore alla Storia, che come sempre è la vera protagonista della trilogia. Un po' forzate e forse anche banali le storie d'amore dei protagonisti.
In definitiva comunque un bel libro, sicuramente da leggere, aspettando la fine della trilogia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La caduta dei giganti e chi è interessato alla storia del '900
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri