Narrativa straniera Romanzi Britt Marie è stata qui
 

Britt Marie è stata qui Britt Marie è stata qui

Britt Marie è stata qui

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Britt-Marie ha sessantatré anni, un marito che accudisce con dedizione, una vita da casalinga premurosa con l'ossessione per l'ordine e la pulizia. Ma cosa accadrebbe se scoprisse che il tranquillo Kent la tradisce da anni? Lo lascerebbe. E allora eccola qui, Britt-Marie, sessantatré anni, un po' in ansia per il futuro e un po' in preda alla nostalgia per il buon caffè di casa, mentre si registra (come una criminale!) all'ufficio di collocamento. Ora che vive sola, infatti, teme che, se dovesse capitarle qualcosa di brutto, nessuno se ne accorgerebbe. Meglio avere un lavoro allora. Fosse anche in un pae​sino sperduto, con un campo da calcio chiuso, una scuola chiusa, una farmacia chiusa, un negozio di liquori chiuso, un ambulatorio chiuso, un negozio di alimentari chiuso, un centro affari chiuso e una strada che porta in due direzioni. Abitato da adulti alcolizzati e ragazzini che passano il tempo giocando a calcio in un parcheggio. Britt-Marie atterra come un alieno nella piccola comunità di Borg, ma i suoi modi burberi e formali, la sua mania per la pulizia conquistano subito gli abitanti. Viene addirittura nominata allenatrice della squadra di calcio. E lei si lascia trascinare, in pochi giorni stringe amicizie e fa molte più esperienze di quante ne abbia mai fatte in tutta la sua vita. Così, quando un tragico evento sconvolge la comunità, Britt-Marie capisce che è venuto il suo momento di combattere. Britt-Marie è stata qui è la storia di una trasformazione, di una donna e di un'intera comunità. Il racconto divertente e toccante su come anche la più burbera delle persone possa rivelarsi tenera e amorevole, e possa lasciare il segno nella vita degli altri, facendo ricordare per sempre di "essere stata qui".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Britt Marie è stata qui 2017-05-19 07:18:52 68
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
68 Opinione inserita da 68    19 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento: 19 Mag, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La bellezza di vita e relazioni

Britt Marie è una sessantatreenne testarda, diffidente, dai modi un po' spicci, maniaca di ordine e pulizia, ama i cruciverba, odia viaggiare, ha pochi amici, è definita dal marito una incompetente sociale, ma a suo modo sa essere socievole, premurosa, di certo onesta e sincera, e soprattutto non lascia indifferenti.
La sua storia ha inizio dopo un tradimento coniugale ( da parte del marito Kent ) e, senza aspettative, si lancia alla disperata ricerca di una occupazione per evitare una solitudine che potrebbe ucciderla senza che nessuno neanche se ne accorga, lei che negli ultimi quarant'anni si è presa cura esclusivamente del benessere del marito e dell' " intrattenimento " della casa.
Arriverà a Borg, piccolo e dimenticato paese di periferia, con un' unica strada che lo attraversa e che porta in due direzioni, negozi per lo più chiusi, pochi e bizzarri abitanti, parecchi bambini con storie famigliari complesse, ed una grande passione condivisa, il calcio, pur senza un campo dove potere giuocare.
Si occuperà della gestione del centro ricreativo, nominata a propria insaputa allenatrice della locale squadra di calcio con l' idea di iscriverla ad un torneo.
L' iniziale sospetto, la paura dell' ignoto, il proprio carattere spigoloso e la disabitudine a sperare, tutti quegli anni trascorsi avendo fatti propri i sogni di Kent, sembrerebbero scogli insuperabili, in aggiunta alla diffidenza ed alla ostilità degli abitanti, ma Britt Marie non si preoccupa di quello che la gente pensa di lei e, come in tutte le piccole comunità, conoscenza e vicinanza favoriranno la costruzione di relazioni importanti, alcune indissolubili.
Una avventura condivisa ( il torneo di calcio ) diverrà metafora della vita, con ritorni insperati, nuovi legami, amori mancati, tragedie improvvise, tutti ingredienti che ergeranno Britt Marie ad eroina incontrastata, tra lacrime e commozione, risate e colpi di scena, accenni filosofici e psicologia spiccia.
Le vicende esperite la consegneranno ad un rinnovato sguardo sul mondo, riconsiderando se stessa, gli altri, l' importanza relazionale, domande e certezze in merito ad amore e vita ... " sono le scelte o le circostanze a fare di noi le persone che siamo? "..., ..." se non perdoniamo le persone che amiamo , chi ci rimane?..." .... " la morte e' impotenza, l' impotenza è disperazione..." ... " le persone disperate scelgono azioni disperate"...
Come nei precedenti romanzi la singolarità e l' eccentricità dei protagonisti di Backman è garanzia di successo, quella complessa semplicità e burbero umorismo a forti tinte caratteriali.
La specificità e l' intelligenza diviene il proprio marchio, rendendoli amabili e declinandone i difetti.
C' è sempre un protagonista assoluto, un presente problematico, un passato di sofferenza che ritorna, una storia di amicizia e solidarietà, una vicenda irrisolta, anche tragica, e poi si affrontano importanti tematiche sociali, la famiglia, l' anzianità, il matrimonio, l' educazione, la legalità, il senso di giustizia, la solidarietà, la diversità sempre con ironia ragionata che alterna riflessione e lievita', risate e commozione.
Quella ossessione calciofila che Britt Marie ignora e non concepisce, almeno inizialmente, causerà una serie di incomprensioni e paradossi, finendo con il rappresentare una comparazione metaforica calcio-vita.
Vi è una attesa costantemente disillusa, la certezza incontrastata e narcisistica del più forte, la speranza di risollevarsi da una sconfitta che pare disperatamente certa, il parteggiare per i perdenti ed i più deboli, rigettati e dimenticati dai più .
Il calcio costringe la vita a continuare, c'è sempre un' altra partita, una prossima stagione ed il sogno che qualcosa di meglio possa accadere. E vi è il desiderio di rimettersi in giuoco, di partecipare, combattere, vivere, oltre ogni scontato esito finale.
Britt Marie possiede una contagiosa irriverenza, una ossessiva presenza e ad una noiosa ripetitività tramutatasi in forza e speranza per chi le sta intorno.
Questa non è una favola, ( assai meno di " Mia nonna saluta e chiede scusa " ) con il trionfo dei buoni, il deragliamento dei cattivi, una morale imperante, ne' un monologo di burbera simpatia ed onnipresenza ( " L' uomo che metteva in ordine il mondo " ).
C' è una ambientazione quanto mai reale, si insegue il respiro della vita, il fiatone di una rincorsa, lo scoramento della sconfitta, la gioia della condivisione, il dolore indecifrabile della perdita, ma rimane un' immagine fatta di azione, quotidianità, goffa ripetitività, ed un ricordo vivido accompagnato a due certezze consolidate, che .... " Borg sta sempre lì dove è stata ".... e che..." Britt Marie è stata qui "...
Un romanzo che mi è parso più completo e complesso dei precedenti, per trama e contenuti, forma e definitezza, laddove i personaggi principali monopolizzavano la scena fagocitando ed indirizzando gli eventi.
Qui si parla di soggettività e di reale all' interno di una certa solidità strutturale, la storia segue gli eventi conservando forza e spessore intrinseco, vita propria, ha il respiro dei protagonisti lasciandoli liberi di decidere ed indirizzare il proprio destino.
Con " Britt Marie è stata qui " si completa un processo maturativo che ci consegna un autore a tutto tondo, non più solo una piacevole scoperta, ma, nel proprio genere, una conferma ed una certezza consolidata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri