Narrativa straniera Romanzi Gli assalti alle panetterie
 

Gli assalti alle panetterie Gli assalti alle panetterie

Gli assalti alle panetterie

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un gruppo di giovani male in arnese è cosi affamato da decidere di ricorrere agli estremi rimedi: rapinare una panetteria. Non per il denaro, ma per il pane. Quando arrivano però nel negozio scelto "per il colpo" hanno la prima di molte sorprese. Il panettiere non si opporrà in nessun modo all'esproprio, anzi sarà ben felice di dare loro il pane, a patto che facciano una cosa, una cosa molto semplice per lui: ascoltare un brano di Wagner... Prosegue la "serie di fuori serie" dei racconti di Murakami illustrati da artisti italiani e internazionali. Questa volta a dare forma e colore alle atmosfere del maestro giapponese è Igort, al secolo Igor Tuveri.

Recensione della Redazione QLibri

 
Gli assalti alle panetterie 2016-12-10 16:13:19 annamariabalzano43
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    10 Dicembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Simbolismo, ironia e delirio onirico.

“Dio era morto, al pari di Marx e di John Lennon. E noi eravamo famelici” Così il protagonista dei due racconti di Murakami Haruki scritti negli anni ottanta e solo recentemente pubblicati da Einaudi con il titolo “Gli assalti alle panetterie”, allude alla caduta delle ideologie e al dissolversi dei sogni. Ciò che resta è la fame, una fame che è la manifestazione fisica del male che istiga a delinquere. “Non era la fame a spingerci a fare il male, no. Il male si trasformava in bisogno di cibo per istigarci a delinquere.” Ed è questa sensazione di vuoto, prima di piccole dimensioni, poi via via più grande fino ad raggiungere proporzioni abissali, che spinge i protagonisti a compiere il primo assalto alle panetterie. Tra croissants fragranti, appena sfornati, con il sottofondo della musica di Wagner, i due amici minacciano il panettiere, che lungi dal terrorizzarsi propone di dar loro tutto il pane che vogliono, se solo si fermano ad ascoltare la musica di Wagner. É palese l’ironia di Murakami, che oppone la magica funzione terapeutica della musica alla sciocca aggressività dell’uomo. Il male, così neutralizzato estingue la fame, il vuoto viene colmato, la fantasia rinasce.
Il secondo racconto, con al centro lo stesso protagonista, ormai sposato, si sviluppa intorno al medesimo tema del vuoto e della fame. Qui compagno nell’iniziativa di assaltare un McDonald’s non è più l’amico di cui si sono perse le tracce, ma la moglie, anche lei assalita da una fame insaziabile in una notte d’insonnia. Il vuoto, questo abisso che sembra attrarre e spaventare al contempo è rappresentato dall’immenso cratere di un vulcano che giace in fondo al mare e sul quale il protagonista si affaccia dalla barca ondeggiante su cui immagina di navigare. È questa la dimensione onirica del racconto, dovuta alla volontà e alla capacità dell’autore di tenere il lettore sospeso tra realtà e immaginazione. Anche in questo secondo racconto ogni violenza viene neutralizzata dall’appagamento di una fame apparentemente inestinguibile.
Due racconti assai suggestivi che anticipano alcuni dei temi del futuro grande Murakami. Un’edizione Einaudi assai curata soprattutto grazie alle bellissime illustrazioni di Igort, uno dei più importanti disegnatori italiani.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli assalti alle panetterie 2017-03-06 17:49:57 lapis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    06 Marzo, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In sospeso

Inserire estratti e citazioni è sempre, a mio parere, un modo bello, efficace e rispettoso per raccontare un libro e far percepire le sue atmosfere. Eppure questa volta avverto la sensazione che per rappresentare al meglio “Gli assalti alle panetterie” dovrei poter ricorrere alle immagini, non alle parole. E mostrare una delle illustrazioni di Igort che non solo arricchiscono questa preziosa e curata edizione, ma che diventano un tutt'uno con le parole, dando vita alla magia che rende speciale questo testo.

La fame è una condizione particolare, che può spingere alla violenza, ad imbracciare un fucile, ad assaltare una panetteria.
E’ un bisogno assoluto, che esige di essere placato.
E’ un vuoto totale, che proprio per questo fa paura.
E’ un omino su una piccola barca che galleggia su una superficie molto calma e guarda, attraverso una distesa di acque limpide e trasparenti, la cima di un vulcano sul fondo del mare.
E’ una pagina di un ammaliante azzurro-verde che ti rimane impressa sulle palpebre.
E, quando le chiudi, è un sogno.

“Gli assalti alle panetterie” è una breve raccolta composta da due racconti risalenti alla prima metà degli anni Ottanta, che parlano di due rapine, commesse dallo stesso protagonista a distanza di anni. Non per i soldi, solo per il pane. La dimensione in cui le vicende si svolgono è però una nuvola in cui si dissolvono molteplici riflessioni e possibili chiavi di lettura. La fame è un’assenza. Ma di cosa? Di valori, di speranze, di prospettive? Può essere placata da una musica soave o da una rapina gentile. Ma la minaccia del vulcano tornerà a farsi sentire? E quando?
Di fronte a questi interrogativi Murakami non dà risposte, ma offre un gioco di immaginazione e bellezza, sulle cui acque lasciarsi galleggiare, in sospeso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Gli assalti alle panetterie 2016-12-22 06:58:11 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    22 Dicembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

" Fame " di vita tra sogno e realtà

Entrare nell' universo di Murakami segna l' inizio di un viaggio tra l' onirico ed il surreale, in una dimensione parallela, con una visione spiccatamente personale ed una profonda interiorità che cerca di vivere e rappresentare il mondo, con lentezza, meditazione, introspezione, simbolismo, attesa, anche ovattata leggerezza.
La realtà descrittavi cambia continuamente, è filtrata dai personaggi ed acquisisce una certa imprevedibilità.
" L' assalto alle panetterie " include due brevi racconti inseriti in periodi distinti della vita del protagonista. C'è un prima, risalente agli anni della gioventù, quell' assalto ad una panetteria per fame ( con un amico) ed un dopo, la rapina ad un McDonald's avvenuta a distanza di anni ( con l' aiuto della moglie ), per placare una rediviva ed improvvisa fame notturna ( con altre connotazioni ).
I racconti sono dei primi anni ' 80 ( " Il secondo assalto alle panatterie " già edito nella raccolta " L' elefante scomparso ed altri racconti " ), distinti ma accomunati, quasi consequenziali.
La prima rapina nasconde un vuoto esistenziale giovanile ed è scongiurata dall' ascolto, obbligato, della soave musica di Wagner che inspiegabilmente placherà la fame indirizzando la vita del protagonista, ma segnerà l ' inizio di una maledizione da scacciare con la seconda rapina ( parecchi anni dopo ).
Gli assalti non hanno un senso definito ( un po' come tutte le storie di Murakami ) né il protagonista lo conosce, perché a priori non c' è un giusto ed uno sbagliato, al mondo ci sono " decisioni sbagliate che portano a risultati giusti e viceversa " ne' " noi scegliamo un bel niente ", in una sorta di ineluttabilità della vita stessa.
La fame esprime ( metaforicamente ) un vuoto esistenziale, la caduta di qualsiasi ideologia in una vertigine soggettiva che assume sintomi fisici ( buco allo stomaco ), che riporta ricordi, ma oggi i tempi sono cambiati, come il modo di pensare e la prima rapina fu fallimentare ( ma salvifica ), stemperata dall' ascolto di una dolce melodia, trasformatasi poi in un semplice scambio ( la musica per il pane ).
Da allora molte cose sono cambiate,Tokyo è un' altra città, fortemente occidentalizzata, noi e le nostre vite siamo altro, parecchi anni dopo è difficile trovare una panetteria aperta la notte, c'è solo un McDonald's, oltre al ricordo di una maledizione da scongiurare.
Il presente si alterna al passato, una scena ripetuta e rivista in un altro tempo e con significati mutati.
Una volta sfamati, di nuovo, entriamo in uno stato di oblio e ci lasciamo trasportare dalla limpidezza dell' acqua, pacificati, tra sogno e realtà, sdraiati sul fondale di una barca, mentre le ombre sottostanti e quel minaccioso cratere vulcanico sottomarino sono scomparse.
Sono presenti alcuni temi caratterizzanti l' opera dell' autore, anche se solo accennati, il linguaggio è riconoscibile, incluso quello stato di sospensione tra reale ed onirico .
Molto belli i disegni di Igor Tuveri che accompagnano l' atmosfera ed il respiro del testo.
Personalmente, come già per il precedente " La strana biblioteca ", continuo a preferire il Murakami romanziere, che esprime al meglio la lentezza ed i contenuti del proprio narrare oltre alll' introspezione, al tormento, ai lunghi silenzi parlanti dei protagonisti, accrescendone essenza ed espressività .
In fondo il racconto breve ne riduce la potenzialità , annebbiata ed ovattata da immediatezza e velocità, restituendoci un Murakami in tono minore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Alcuni romanzi dell' autore sono preferibili
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nel guscio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il cuore degli uomini
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendicatrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tante piccole sedie rosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le nostre anime di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
La mia vita non proprio perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A cantare fu il cane
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Commedia nera n.1
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eroi della frontiera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Magari domani resto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'arminuta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri