Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, romanzo di Jonas Jonasson edito da Bompiani. Il titolo più venduto in Svezia nella corsa stagione. Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un'asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 35

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.7  (35)
Contenuto 
 
3.6  (35)
Piacevolezza 
 
4.0  (35)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate (quindi non scrivere solo 'e' un bel libro');
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms ne' errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire piu' di 3 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2014-07-07 06:20:12 Belmi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    07 Luglio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il centenario che amava l'acquavite

Ho iniziato a leggere questo libro perché incuriosita dall'uscita del film e come sempre faccio preferisco prima leggere il libro e poi vedere il film. Quindi quando ho cominciato a leggere il libro ero convinta di trovare la storia "ordinaria" e normale di un centenario; mi sono bastate poche pagine per ricredermi.

Il libro è diviso in due parti che si alternano: la prima narra l'avventura che il centenario Allan Karlsson vive dal momento in cui decide, il giorno del suo compleanno, di scappare dall'ospizio saltando la finestra; la seconda racconta la vita di Allan dalla nascita fino alla fine nell'ospizio.
Entrambe le storie si possono definire avventure; nel primo caso il nostro centenario decide di salire su un pulman per allontanarsi dalla detestabile infermiera Alice e pensa di "arricchire" la sua giornata rubando una valigia..che poi risulterà della banda Never Again che cercherà in tutti i modi di recuperarne il contenuto.
L'altra parte invece racconta la vita di Allan, un uomo che non voleva sentir parlare né di religione né di politica e che grazie alla sua esperienza con le bombe, la sua voglia instancabile di acquavite ed alle sue memorabili bugie vivrà un'avventura dopo l'altro che lo porteranno in giro per il mondo e gli permetteranno di conoscere personaggi illustri del Nocevento.

Divertente, imprevedibile, non potrete non simpatizzare per Allan, che con le sue idee e le sue irresistibili bugie vi conquisterà. Fra il reale e il "surreale" vi vedrete catapultati in giro per il mondo.
Jonas Jonasson scrive veramente bene, il libro scorre velocemente e le trame che riesce a far intrecciare in alcuni casi sono davvero geniali e divertenti.

Lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La verità sul caso Harry Quebert
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2014-03-04 15:32:25 gabrimacchia
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gabrimacchia Opinione inserita da gabrimacchia    04 Marzo, 2014
Ultimo aggiornamento: 04 Marzo, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

VIVI "LEGGERO" TANTO NON NE USCIRAI VIVO!

L’aforisma di Hubbard ("Non prendere la vita troppo sul serio tanto non ne uscirai vivo") potrebbe essere il sottotitolo del libro di J.Jonasson. E allunga la vita. Tanto che il protagonista a cento anni è ancora in grado di vivere avventure che molti di noi non avranno in una intera vita. Allan Karlsson è un uomo che a prima vista appare comune, scontato. Ma non è così. Riesce a prendere la vita per il verso giusto, cioè senza “prendersela"; vive alla giornata ma non banalmente. A modo suo è determinato e si pone degli obbiettivi. Strani e strampalati ma comunque obbiettivi. Dove vive sono tutti alti, biondi e chiari di pelle, lui vuol conoscere i latini e i neri. Quindi parte per la Spagna. Una serie di incredibili avventure lo attendono. Incontrerà e stringerà (non sempre) amicizia con i personaggi più potenti (e a volte inquietanti) della storia del novecento. Da Franco a Stalin, da Truman a Kim Il Sung. Un Forrest Gump amplificato che spanderà per tutto il globo leggerezza e humor tagliente. Alla fine (apparente) del suo lungo viaggio si ritroverà chiuso in una sorta di ospizio. Ma come si puo’ controllare un uomo così? E la sua innata voglia di libertà avrà nuovamente il sopravvento e il giorno del suo centesimo compleanno salterà dalla finestra e darà il via a nuove avventure. Un libro da leggere per imparare a vivere più leggeri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2013-11-04 15:23:47 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    04 Novembre, 2013
Ultimo aggiornamento: 06 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Forrest Gump che inventò l'atomica

Indubbiamente è un libro strano. Il linguaggio utilizzato è leggero come leggeri sembrano i pensieri che agitano i personaggi, nessuno escluso, anche quelli storici. Sembra che l'autore si sia divertito a "fare i baffi alla Gioconda" che, nella fattispecie, è la storia del XX secolo.
Due le storie parallele che si intersecano: quella della "evasione" del vecchietto (che, a parte tutto, deve essere fuso nell'acciaio visto quante ne fa!) e quella della sua lunga, lunga vita, durante la quale non s'è fatto mancare nulla. Pare che dove si stava facendo la storia lui ci dovesse essere, casualmente, ma con un ruolo sempre determinate. Una tra tutte: senza di lui il povero Oppennheimer non avrebbe costruito la bomba A!
Delle due vicende la più simpatica è quella contemporanea. L'altra pretende un po' troppo alla credulità del lettore.
In definitiva sembra che Allan sia un incrocio tra Forrest Gump ed il "piccolo grande uomo" (D. Hoffman). Se lo si prende per quello che è (cioè un semplice divertissement) il libro è piacevole, ma non attribuiamogli significati che non ha.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2013-09-17 15:04:48 BRIUSTER
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
BRIUSTER Opinione inserita da BRIUSTER    17 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

GIAMBURRASCA CENTENARIO

La caratteristica di questo libro è sicuramente lo svincolarsi del personaggio principale da ogni accadimento. Immaginate un anziano alla soglia dei cent'anni che a suo malgrado viene inseguito da una banda di malviventi e riesce sempre a farla franca, grazie all'astuzia e a un bel pizzico di fortuna unita alla stupidità della controparte.
Ho trovato il libro in alcune fasi esilarante, in altre, dove viene ripercorsa la bizza vita di Allan Karlsson, attraverso tutti gli accadimenti politici del secolo scorso, l'ho trovato un pò lento e pesante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2013-08-13 18:22:46 alessio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
alessio Opinione inserita da alessio    13 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN SECOLO DI STORIA

Questo libro è un po' come una "matrioska", perché al suo interno troviamo diverse storie legate al personaggio principale, il centenario Allan Karlsson,che proprio il giorno del suo centesimo compleanno
decide di fuggire dalla casa di riposo scavalcando una finestra.
Mi è piaciuto lo stile dell'autore con cui scrive questa storia alternando tra il passato e il presente di Allan, in modo tale da poter scoprire tutta la sua vita nel passato che con una grande quantità di fortuna e astuzia è riuscito a sopravvivere a certe situazioni non piacevoli,a conoscere gente importante e a girare il mondo praticamente gratis.
Contemporaneamente nel presente è riuscito a scappare dalla casa di riposo, è ricercato dalla polizia e una banda criminale gli sta dando la caccia.
Una piccola nota negativa sul contenuto del libro l'ho trovata su alcune storie che riguardano il passato di Allan trovandole un po' noiose, perdendo a volte il filo del discorso, e sui nomi, che alcuni erano impronunciabili, per questo motivo il mio giudizio non è al massimo del punteggio.
In questo racconto non mancano i colpi di scena, ci sono molti personaggi e molti luoghi, e tutti sono descritti molto bene, i capitoli non sono lunghi regalando una lettura piacevole e scorrevole.
Sono contento di aver letto questo libro perché è stato un racconto originale, mi è piaciuto leggere delle situazioni " rocambolesche" che Allan si è trovato e di come è riuscito ad uscirne,della gente che ha incontrato dalla sua fuga,le sue avventure del passato fino al dolce finale nel presente, dando un giusto equilibrio tra realtà e finzione,cosi come dice la frase all'inizio del libro :

Nessuno ci sapeva stregare meglio di mio nonno materno quando, stando seduto sulla panchina di legno e chino sul bastone, raccontava le sue storie masticando tabacco.
"Ma… è vero nonno?"chiedevamo stupiti noi nipoti.
"Quelli che dicono soltanto la verità non sono degni di essere ascoltati,"rispondeva il nonno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2013-04-22 13:08:01 lakylucy
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lakylucy Opinione inserita da lakylucy    22 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN LUNGO VIAGGIO DI VITA

Hai capito il vecchietto !!!
Un uomo semplice, senza pretese e senza ambizioni. Eppure è riuscito a viaggiare in tutto il mondo partendo dalla sua umile casetta in Svezia. Ha calpestato suoli spagnoli, americani, russi, afgani, cinesi, balesi, iraniani, francesi.... Ha conosciuto Franco, Truman, Stalin, Churchill, Mao....Insomma, un secolo di storia. E alla fine c'è mancato poco gli dessero l'ergastolo!
Comunque spesso c'è del vero in quel che vive.
La cosa più ammirevole è come accetta tutto quello che la vita gli offre con serenità, umiltà e spesso ingenuità, accontentandosi di farsi qualche bella sbornia ogni tanto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri con protagonisti anziani che raccontano il proprio passato
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2013-02-28 18:53:25 Monikina
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Monikina Opinione inserita da Monikina    28 Febbraio, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL MIO NOME è DOLLARI disse Allan CENTOMILA DOLLAR

Eh Allan Karlsson è un pò la persona che dovremmo essere tutti (compreso di alcool ;)).

"Non darsi per vinti nelle situazioni più difficili, anche laddove non si veda la via di uscita."

Se devo trovare una morale io penso sia un pò questa, quella che percorre l'intero libro.
La traduzione fatta è resa abbastanza bene, facile e scorrevole, anche se con qualche errore ortografico sparso qua e là nel libro.
Per il mio gusto la storia mi ha affascinato a tratti e invece ad altri mi ha un pò annoiato, un andamento altalenante. Nel complesso devo però dire che è divertente arrivare alla fine esilarante delle vicissitudini del vecchietto e della sua allegra compagnia. Un buon amico libro alla fine!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
BIG FISH
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-10-01 17:17:20 Elisabetta.N
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    01 Ottobre, 2012
Ultimo aggiornamento: 02 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi è Allan Karlsson?

Chi è Allan Karlsson?
Me lo sono più volte chiesta durante la lettura di questo romanzo, ma anche ora, giunta alla fine, non credo di essere arrivata alla risposta..
Vediamo, Allan Karlsson è un vecchietto che al compimento del suo centesimo compleanno decide di scavalcare la finestra al primo piano dell'ospizio in cui risiedeva, non senza difficoltà considerando l'età, per scappare seguendo il caso e la fortuna..
Alternando passato e presente Jonas Jonasson racconta la vita di questo simpatico e arzillo vecchietto...
2 sono le cose che rimangono costanti nella vita di Allan sia nel presente che nel passato:
1- La politica è da evitare perchè non porta mai a nulla di buono
2- non bisogna mai fidarsi dei preti e di chi non beve acquavite, e se ti capita di incontrare un prete che non beve acquavite, meglio scappare a gambe levate.
Nonostante il primo punto, la politica è ben presente in tutto il libro e posso tranquillamente affermare di aver ripassato un bel po' di storia: seconda guerra mondiale, guerra di Corea, guerra fredda.. tutto il pacchetto, insomma!!

L'assenza di una qualsiasi morale o anche solo di un po' di rimorso o pentimento in tutti i personaggi mi ha lasciato sgomenta e mi ha fatto storcere il naso in diversi punti.

Lo stile usato non è di mio gradimento. L'utilizzo della terza persona e il lessico formale quando venivano riportati i discorsi ha rallentato il ritmo di tutta la narrazione.

Devo confessare però che da circa metà libro in poi la curiosità di conoscere l'epilogo delle roccambolesche avventure di Allan mi ha conquistato e il resto è venuto da se..

Consigliato? Non saprei...
Come direbbe allan Karlsson, ognuno è libero di fare ciò che preferisce, sempre che non vi dispiaccia il contrario!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-09-02 09:17:07 Diego
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Diego    02 Settembre, 2012

Barone di Munchaussen del Novecento

Apparenterei il "Centenario" con le avventure del barone di Munchaussen più che con Forrest Gump. In primo piano mi risulta più la storia inverosimile e la possibilità di scherzare coi potenti e col fuoco che l'ingenuità e la leggerezza del personaggio. Non è molto descritto Allan nella sua semplice psicologia, mentre è descritta nel dettaglio la storia inventata nella Storia. Questo è l'umorismo: cogliere il rischio nella serietà della vita, essere in bilico tra "beviamoci sopra" e "facciamo la Storia". La cosa è resa molto bene con l'invenzione della bomba atomica che ci ricorda Einstein tra genio e distruzione. Mentre si leggono le pagine che descrivono il tempo reale, la storia in fieri, si è portati a ridere, mentre le pagine che descrivono la Storia del Novecento (potenti, dittatori, comunismo, nazismo, religione, gulag, castrazione eugenetica, eccetera) inducono alla preoccupazione. Questa scissione mi è piaciuta perchè coglie l'essenza del ridere. Solo sciolti nell'acquavite possiamo ridere delle istituzioni e dei pensieri forti del Novecento. Sobri e razionali possiamo solo preoccuparci di quanto nel secolo scorso è accaduto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-07-18 19:57:21 Mattia Burattin
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Mattia Burattin    18 Luglio, 2012
Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 2012

Quelli che dicono soltanto la verità non son degni

Se non avete letto il libro abbandonate subito questa e le altre recensioni e andate a leggervelo perché ne vale di sicuro la pena. Una pena esile peraltro, perché non vi costerà affatto tempo né fatica farlo: che lo consideriate un pregio o un difetto, si fa leggere in un baleno.
Se invece lo avete già letto, eccoci qua:

consiglierei a chiunque di non valutare una storia in base alle emozioni che prova rispetto ai personaggi: non è alla loro possibile amicizia che dobbiamo dare le stelline.
American Psycho lo considero un libro geniale a prescindere che provi piacere o meno nello sparare chiodi in faccia a delle modelle. E le puntate di Mr.Bean mi piacciono proprio perché trovo antipaticissimo il comportamento del protagonista.
Quindi non abbiatene se Allan Karlsson ha fatto un bel po' di danni nell'economia della storia mondiale del '900. Tanto -vi ricordo- è addirittura un personaggio di fantasia.

Nessun ci sapeva stregare meglio di mio nonno materno quando, seduto sulla panchina di legno e chino sul bastone, raccontava le sue storie masticando tabacco.
"Ma... è vero nonno?" chiedevamo stupiti noi nipoti.
"Quelli che dicono soltanto la verità non son degni di essere ascoltati," rispondeva il nonno.
Questo libro è dedicato a lui.

Questa dedica del romanzo è dedicata anche quanti si scandalizzano per le gesta di Allan.

Questo romanzo è una favola; nei modi e nella struttura. E come tale va presa.
La maggior parte dei conflitti in esso si risolve a tarallucci e vino, convertendo lo scontro in alleanza. Per di più, per merito della sua prosa ironicamente puntualizzante e della foto in quarta di copertina, fa ridere un sacco. Ci racconta come la Storia si ripeta, non andando da nessuna parte, e lo fa ponendoci sopra un personaggio altrettanto sempre uguale, che nonostante abbia girato mezzo mondo non ha cambiato le sue idee di una virgola, un personaggio quasi disumano dallo sguardo curioso ma distaccato, che non ha interessi, amori, passioni, se non un vizio (o un tormentone: l'acquavite, che richiede) che forse lo tiene in vita sottraendolo altrimenti a una possibile depressione esistenziale e un'abilità (fabbricare esplosivi, che offre). Gira come gira il vento Allan Karlsson, percorre la vita e "sceglie" i padroni come lo fanno i cani: senza pensarci su un attimo. Si vedrà poi. Questa assenza di legami col mondo ce lo fa vedere -il mondo- con gli occhi di un satellite, e quindi per forza di cose ogni evento umano, dal più piccolo -ma ce n'è pochi di piccoli- al più colossale, ci appaiono come movimenti di formiche dominate dalla loro natura. Solo verso la fine Allan per un attimo forse si redime affezionandosi a un gatto e compiendo quindi un gesto con cui non ha mai onorato nessuno dei suoi più cari compagni di avventure in 99 anni di vita.
Subito dopo, a 101 anni (sì, ci arriva) riprende la sua normale attività di influenzare in maniera inquietante la storia del nostro globo.

Dovendo cercare dei difetti li individuerei in un epilogo forse troppo in linea con la traiettoria di tutta la trama, ma forse questo perdurare della vita di Allan Karlsson va preso appunto con la stessa ironia con cui si accetta la sfacciata fortuna di tutti i suoi primi cent'anni. Diciamo solo che non ha un finale commovente come può essere quello di Big Fish di Tim Burton.
Meno ignorabile invece l'estrema assomiglianza al film Forrest Gump, ancor di più di quanto si permise Il curioso caso di Benjamin Button, che non fa certo di questo libro un capostipite.

Divertente invece segnalare come le locations dei primissimi capitoli della favola siano invece del tutto veri, metro per metro, a partire dal cimitero che simbolicamente attraversa a inizio libro Allan a Malmköping per raggiungere la fermata del bus, alla fermata di Byringe con tanto di casetta di Julius e ferrovia in disuso, al chiosco di Benny ad Akers da dove poi si perdono le tracce essendo le tappe seguenti meno definite geograficamente.

Malmköping:
https://maps.google.it/maps?hl=it&ll=59.134872,16.725461&spn=0.002108,0.004823&t=w&z=18

Byringe:
https://maps.google.it/maps?hl=it&ll=59.240473,16.939091&spn=0.004203,0.009645&t=w&z=17

Akers:
https://maps.google.it/maps?hl=it&ll=59.253272,17.096366&spn=73.63332,158.027344&t=w&z=3&layer=c
&panoid=aYEzrg2ysVnSRgN2Q31aXg&cbll=59.253272,17.096366&cbp=13,-174.29376127879658,,0,3.6669298888371884

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-07-03 18:15:51 Ehrnaider
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ehrnaider Opinione inserita da Ehrnaider    03 Luglio, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Il libro mi è piaciuto tanto però devo dire una cosa: non era il libro che mi aspettavo visto che le recensioni su internet lo descrivevano come un libro divertente e spiritoso: ecco io questo lato "divertente e spiritoso" nel libro non l'ho trovato. Però comunque mi è piaciuto veramente tanto.

L'autore, Jonas Jonasson, è stato veramente geniale perchè ha fatto si che Alan, il centenario, si trovasse nel posto giusto al momento giusto, rendendolo molto "fortunato". Credo che ci sia riuscito grazie alla "struttura" che ha voluto dare al libro: infatti nel libro troviamo un capitolo che parla di questa avventura che sta compiendo Alan il 2 maggio 2005 che si alterna a un capitolo della vita di Alan, dove vengono descritti gli avvenimenti più importanti della sua vita.

Un libro che consiglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-03-20 09:39:35 C l a r a
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C l a r a Opinione inserita da C l a r a    20 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'esilarante centenario.

Schiena incurvata, artrosi, capelli color neve e un inizio di demenza senile... Tutti elementi che indurrebbero a pensare a un saggio e sedentario uomo (o donna) in là con gli anni, al più portato a ripetere sempre i medesimi racconti della gioventù e predisposto a perdere la via di casa.
Già, ma non è tutto oro ciò che candidamente riluce...
Perchè Alice, la burbera direttrice della casa di riposo, non ha ancora fatto i conti con Allan Karlsson, uno svitato centenario, che il giorno del suo compleanno decide di fuggire, scavalcando il davanzale della finestra, con le sue pantofolone marroni, diretto verso un "dove" imprecisato ma pronto a mettersi nei pasticci e soprattutto a vivere una divertenete e surreale avventura.
Ma da singolo fuggiasco a una scalcagnata combricola il passo è breve e Allan troverà presto dei compagni, pronti come lui a mollare la routine pur di non sprecare nemmeno un minuto di ciò che il futuro riserva loro.
La cronaca della fuga si intreccia perfettamente con in racconti del passato di Allan, che ci riporta stravaganti episodi e incontri con personalità di spicco della storia mondiale dal generale Francisco Franco al primo ministro americano Truman, dal dittatore Stalin al comunista Mao Tse Tung... Insomma con questo divertente centenario ripercorriamo la storia mondiale durante tutto il '900, e possiamo star pur certi che se Allan è coinvolto sicuramente ci sono stati guai e non sono certo mancate le risate,

"Karlsson è, o era, incredibilmente in forma per la sua età, quantomeno a livello fisico, tanto da riuscire a scavalcare una finestra presumibilmente senza aiuti. Ulteriori accertamenti fanno pensare che agisca da solo. L’infermiera, nonchè direttrice dell’istituto, Alice Englund afferma che “Allan è senza dubbio vecchio, ma è anche un maledetto farabutto che sa esattamente quello che fa“.

Geniale, ironico e scorrevole, una penna fantasiosa per una storia che riesce a far sorridere e sbigottire dall'inizio sino alla fine. Un personaggio ancor più impensabile di Forrest di Forrest Gump.
Spero di vedere presto il film che ne è stato tratto, nel frattempo, consiglio di non perdere questo libro per conoscere personaggi stralunati, incoscienti, scapestrati, fortunati, originali, frizzanti, che si fanno scivolare addosso il dolore e la paura e che senz'altro dovremmo prendere come esempio per imparare ad affrontare ogni situazioni, anche quelle che sembrano disperate, con un pizzico di ottimismo e ironia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-03-10 23:57:45 Lello
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Lello    11 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento: 11 Marzo, 2012

Politicamente apolitico

Non posso che confermare il mio gradimento per questo libro, ma nel complesso quello che mi ha colpito di più è stato il modo in cui Allan riesce a declinare ogni interesse politico, pur essendo in un periodo storico nel quale non possiamo di certo ignorarla.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-03-01 11:55:49 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    01 Marzo, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un vecchietto svitato

E' un libro leggero, ironico, simpatico. Senza grandi pretese e comunque curioso. Non concordo con chi lo definisce un libro rivelazione nè con chi afferma che fa morire dal ridere. Fa sorridere, non più di questo però. Il vecchietto protagonista è un personaggio divertente, fuori dagli schemi. Ricorda un pò Forrest Gump. La galleria di personaggi che, nel tempo "presente", va a creare la variopinta compagnia che gli ruota attorno è originale ed eccentica. La schiera di personalità che, nel tempo "passato", va a costituire la sua storia, è una piacevole ricostruzione della storia del '900 attraverso la vita di questo arzillo vecchietto. Il particolare che ho amato di più: le sue pantofole !

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-02-22 16:08:05 leadger
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
leadger Opinione inserita da leadger    22 Febbraio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Surreale

Ogni libro va valutato per quello che è, quindi vi informo subito che questo libro non è certamente un capolavoro e non ha la presunzione di esserlo.
Rimane comunque una piacevolissima lettura, che a tratti riesce anche a strappare qualche sorriso.
Un romanzo fantasioso, scorrevole, politicamente scorretto e scanzonato.
In questo libro il protagonista è l’anti eroe per eccellenza, le sue giornate sono bagnate dall’acquavite, ha progettato la bomba atomica, ha collaborato con alcuni dittatori e commette, senza volerlo, un omicidio.
Consiglio questo libro a chi desidera leggere una storia leggera e poco impegnativa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-02-21 14:46:49 kampax
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
kampax Opinione inserita da kampax    21 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fantasioso e divertente,

Storia surreale, con personaggi di fantasia e situazioni comiche, con paradossi, coincidenze, fato e fortuna a fare da contorno

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo suggeirei per chi ha letto ed apprezzato Ammanniti o magari Pennac
Trovi utile questa opinione? 
25
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-02-21 11:38:42 Ettore77
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ettore77 Opinione inserita da Ettore77    21 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il vecchio Allan

Il libro è piacevole. Le avventure passate del vecchio Allan fanno sorridere spesso, e ci accompagnano in modo semplice attraverso varie situazioni storiche.
Anche la formazione del gruppo di fuggitivi è davvero improbabile e divertente, il vecchietto arzillo, il ladro in pensione, il quasi laureato in tutto e la donna con l'elefante.
Il finale fa sorridere e lancia un messaggio di speranza. Ad ogni età possiamo riscrivere la nostra vita. O se preferite non è mai tardi per ricominciare.

Nella sua semplicità questo libro mi ha divertito abbastanza e non è stato banale, perciò lo consiglierei per chi vuole passare qualche serata a leggere in pieno relax.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-02-15 09:28:21 rivendell
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
rivendell Opinione inserita da rivendell    15 Febbraio, 2012
Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le incredibili avventure di Allan Karlsson

Le avventure di questo arzillo vecchietto sono assolutamente inverosimili!
Dopo aver fatto saltare la sua fattoria finisce in Spagna, durante la guerra civile, con i rivoluzionari per poi diventare amico del generalissimo Franco!
Successivamente va negli USA dove si progetta la bomba atomica e lui, che si trova lì per servire il caffè, da la soluzione per realizzare l'ordigno.
Tra un viaggio e l'altro conosce i più famosi dittatori comunisti della storia e qualche presidente Americano.
Il romanzo è inframmezzato dai resoconti della sua vita avventurosa ma la sua nuova avventura, alla tenera età di 100 anni, è un'altra...ma altrettanto inverosimile!
I protagonisti, oltre a lui, sono una valigia piena di soldi, un mezzo delinquente, il proprietario di un chiosco, una donna con un elefante e qualche criminale.
Il racconto è scorrevole e divertente ma l'umorismo è un po' troppo semplice per i miei gusti.
Le storie raccontate sono divertenti ma "troppo" assurde...sarebbero credibili se fosse un cartone animato!
Si lascia leggere ma, alla fine, non ne ho conservato un gran ricordo e non me la sento di consigliarlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-02-14 19:50:03 Sara S.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sara S. Opinione inserita da Sara S.    14 Febbraio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solo il titolo è tutto un programma

"Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve" è un romanzo svedese, dal titolo originale e ammiccante, come pure la simpatica cover. L'autore ha avuto in patria moltissimo successo ed è stato paragonato come stile al famoso (e molto amato anche in Italia) Arto Paasilinna. Quest'ultima affermazione mi aveva resa restia ad affrontare la lettura, perché di Paasilinna ho letto due libri e non li ho trovati adatti ai miei gusti, a causa dello stile di scrittura troppo semplice, quasi infantile (ma nel senso negativo del termine) e con un umorismo che sinceramente non riuscivo a capire.
Ma fin dalle prime pagine di lettura di questo libro sono stata felice di constatare che lo stile di scrittura dell'autore Jonas Jonasson, seppur anch'esso semplice e scorrevole, risulta piacevole e l'umorismo sottile (nonostante l'umorismo svedese sia molto particolare e diverso dal tipo di umorismo che a cui sono abituata) è riuscito a conquistarmi. Non dico che sia un libro che fa sbellicare dalle risate, questo no, però ci sono situazioni e battute capaci di strappare più di un sorriso. Poi come non rimanere affascinati dalla trama alla base del romanzo? Un anziano signore di cento anni che il giorno del suo compleanno decide di scappare dalla casa di riposo. Ha pochi soldi in tasca, porta delle ciabatte ai piedi, non ha nessuna meta, ma un temperamento niente male, che lo porta ben presto ad imbattersi in una misteriosa valigia (che giustamente decide di rubare ad un ragazzo, non si sa mai che contenga un paio di scarpe decenti e degli abiti caldi) e da lì partiranno una serie infinita di coincidenze e incidenti di percorso vari che daranno vita ad una commedia degli equivoci eccezionale, solare ed allegra, un po' umoristica, a tratti surreale, spesso anche grottesca, con intrecci a non finire, che accompagnerà il lettore in una lettura di svago puro, rilassante e gradevolissima. Sono 446 pagine, ma scorrono veloci al tal punto che ho terminato il romanzo in soli due giorni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Arto Paasilinna
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-02-08 16:09:16 Henry
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Henry Opinione inserita da Henry    08 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricordiamoci due cose

Chi non ha mai sognato di avere una vita piena di avventure da raccontare un giorno ai nipoti. Allan Karlsson va semplicemente oltre. Vive giorno per giorno facendo suo il motto carpe diem. Noi, come nipoti adottivi, lo accompagneremo in questo viaggio lungo una vita in cui ci troveremo a scappare, con una valigia piena di soldi, dalle grinfie da un’organizzazione criminale e dalla polizia. Incontreremo molte persone e faremo amicizia con un elefante. Contemporaneamente rivivremo il suo passato da giovane dinamitardo a ladro in fuga. Faremo il giro del mondo. Ceneremo con personaggi del calibro del dittatore Franco, del presidente americano Truman, di Stalin, Mao. Cambieremo il corso della storia nel bene e nel male.

Allan Karlsson nella sua semplicità è disarmante. Non è un personaggio positivo ma l’umorismo e ironia con cui ci verrà raccontata la sua vita ci faranno tifare per lui. Nell’incontrarlo dovremo solo ricordarci due cose, di porgli le domande giuste e soprattutto… offrirgli da bere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Aarto Paasillina, Alvaro D'Emilio
Trovi utile questa opinione? 
111
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2012-01-24 15:35:21 Tanu
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    24 Gennaio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Paasillina riscrive Forrest Gump

Questo mi è passato per la testa leggendo questo libro: lo stile del grande autore finlandese nel raccontarci gli ultimi cento anni di storia con gli occhi del Forrest Gump svedese. A qualcuno il personaggio non piace: dinamitardo, ubriacone e quant'altro Allan Karlsson cerca sempre di cogliere però il lato umano degli statisti che incrocia, sempre volentieri davanti a un bicchiere di acquavite.
E non finisce di ricordarci la stupidità delle guerre, la corruzione e altri mali del nostro tempo; inoltre alcune trovate sono geniali, basti pensare al fratello scemo di Einstein!
Insomma, un libro secondo me imperdibile che diventerà un vero e proprio classico del suo genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Aarto Paasillina
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-12-30 16:53:31 BellaDentro
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
BellaDentro Opinione inserita da BellaDentro    30 Dicembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che potere enorme che ha la pubblicità!

Ho sempre amato le commedie nere, quelle con una sana dose di cinismo, che fanno riflettere e al tempo stesso divertono. Quando ho letto la trama delle avventure di Allan Karlsson, il vecchietto che il giorno del suo centesimo compleanno decide che è arrivato il momento di scappare dalla casa di riposo perchè, come dice lui stesso, "ha deciso che morirà da qualche altra parte", mi sono lasciata subito ammaliare dalla storia che prometteva bene; l'inizio infatti non è male, ti incuriosisce e ti spinge ad andare avanti, ma, ahimè, ben presto ti rendi conto che quella che hai davanti è l'ennesima storia inconcludente e strampalata che ha avuto un enorme successo probabilmente solo grazie al passaparola e a qualche abile operazione di marketing.
L'autore cerca evidentemente, e in ogni modo possibile, di rendere simpatico il protagonista, ma, almeno con me, non ci riesce affatto; Allan non è per nulla simpatico, è un cinico ubriacone voltagabbana appassionato di esplosivi, anzi probabilmente il migliore esperto di esplosivi che la Svezia e il mondo intero abbiano mai avuto; è un tipo che riesce a progettare un'arma micidiale come la bomba atomica con la stessa naturalezza con cui si cambia i calzini, basta che gli venga offerta dell'acquavite ed è pronto a fare qualsiasi cosa.
Durante la sua lunga vita conosce e collabora con alcuni fra i dittatori più famosi, uccide più o meno consapevolmente molte persone ( molti di questi dei criminali, è vero, ma non per questo il senso di irritazione verso questo personaggio diminuisce durante la lettura ), viene perfino internato in manicomio per avere ucciso accidentalmente il vicino mentre giocava con i suoi esplosivi nel retro della sua casa; ma nonostante ciò rimane serafico e imperturbabile tanto da indurre a chiedersi se non sia veramente pazzo. Ho letto che molti lo hanno paragonato a Forrest Gump ma io non sono del tutto d'accordo, Forrest era profondamente ingenuo e tenero, due aggettivi che non associeresti mai ad Allan Karlsson.
Il libro è troppo lungo, le avventure di Allan spesso ripetute ( cambiano i dittatori che lo ingaggiano e i paesaggi, ma l’intreccio resta uguale ), e sinceramente non mi ha fatto ridere a crepapelle come ho letto da più parti, mi ha solo strappato qualche sorriso. Lo consiglio solo a chi cerca una storia leggera leggera senza alcuna pretesa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
125
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-12-29 12:19:17 amedh74
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
amedh74 Opinione inserita da amedh74    29 Dicembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Forrest Gump svedese e scaltro.

Allan è il pirotecnico protagonista della storia....il giorno del suo centesimo compleanno fugge in ciabatte dalla finestra dell'ospizio e si imbatte in una valigia piena di denaro(sporco)...hanno inizio le sue pazzesche avventure, raccontate in parallelo con le sue altrettanto esilaranti avventure dei sui primi 99 anni.
Con l'umorismo di Jonasson ci si diverte da matti rivivendo tutti i fatti salienti della storia mondiale del secolo scorso....
Allan, con la passione dell'acqauvite della nitroglicerina e con una buona dose di fortuna incontrerà e sopravviverà a tutti i personaggi che hanno fatto la storia. Dal generale Franco a Truman da Stalin a Mao Tze Tung e così via tra mille vicende e mille personaggi storici.
Un libro bello da assaporare, irriverente verso false morali e religioni, nella piena consapevolezza di ipocrisie e "fragilità" umane.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-09-18 15:40:24 Carolina
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Carolina    18 Settembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 2011

Un'avventura travolgente e un linguaggio diretto

Un libro che ti appassiona e diletta come pochi! Il modo in cui il protagonista attraverso semplicità ed ingegno riesce a cavarsela nelle situazioni piu impensabili mi ha fatto riflettere su come molte volte basterebbe credere in noi stessi, o più che altro, affidarci al destino senza troppi se o ma per goderci a pieno la vita! Grandissima ideaquella di includere Allan come "protagonista" storico per alleggerire l'atmosfera a volte troppo fantasiosa delle vicende. Consigliato vivamente

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-09-15 16:07:24 ...
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da ...    15 Settembre, 2011

Un libro per chi sa divertirsi

Un libro fantastico su un uomo veramente particolare,
ve lo consiglio totalmente,leggendo le opinioni precedenti mi sono resa conto che molti non hanno lo capito, mi chiedo, ma come avete fatto a non ridere non sapete prendere per una volta la vita alla leggera e poi è "troppo lungo" ma siamo alle elementari!!!
Vi prego!!!
Ma questa è solo la mia opinione...
Lo consiglio a chi sa rilassarsi un attimo e farsi una risata

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
65
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-09-10 13:46:33 DanySanny
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    10 Settembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Attratto dall' originalità della trama e dal titolo, ho deciso di comprare il libro. All'inizio la storia appare divertente, irriverente e alquanto rocambolesca (se non quasi inverosimile)e si inizia ad apprezzare il protagonista, Allan. Karlsson è l'unico personaggio descritto a tutto tondo e di lui conosciamo la psicologia, l'odio per la politica, la leggerezza con cui considera ed affronta molti eventi storici....per non parlare dei numerosi personaggi storici che incontra . Tra le sue caratteristiche spicca l'innato amore per l'acquavite attraverso la quale lui ritiene di poter risolvere tutti i problemi. Purtroppo però, quello che sembrava un'inizio promettente (prime 100-150 pagine) si trasforma in un'immorale ironia, a tratti perfino macabra. Si assiste a due omicidi che i protagonisti non considerano se non superficialmente("erano criminali"). Si ride così di persone schiacciate da un elefante o congelate in una cella frigorifera a causa degli effetti dell'eccessiva acquavite introdotta nel corpo. In questo frangente si alternano nella storia avvenimenti relativi al filone principale (la valigia e il suo furto) e continui flashback spesso prolisso o eccessivamente lunghi che sviano l'attenzione del lettore poiché se pur la vita di Allan è variegata alla fine lo stile dello scrittore risulta pesante e monotono. Tra digressioni storiche eccessive, idee immorali, verità e bugie indistinguibile l'autore ci conduce in un universo di curiosi personaggi, con scarso spessore, che accompagnano Allan nelle sue avventure. Ciò che mi ha lasciato interdetto è la leggerezza con cui agisce il personaggio principale che compie azioni per ottenere alcool e rivela come se niente fosse segreti militari fondamentali(Sebbene la storia debba essere ironica, il comportamento di Allan è eccessivo e a tratti biasimabile). Si passa da un servizio segreto all'altro e alla fine la storia principale, che era la più interessante, passa in secondo piano. La narrazione si riprende alla fine, molto più scorrevole e divertente (soprattutto la parte della finta confessione al GIP). Una storia leggera e senza troppe pretese, eccessivamente lunga, ma nel complesso leggibile. Forse strapperà qualche sorriso, ma nulla di più.
Leggetelo se volete divertirvi e abbandonarvi ad una storia non impegnativa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-09-02 07:12:37 phoebe1976
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
phoebe1976 Opinione inserita da phoebe1976    02 Settembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ma Forrest Gump era svedese?

Allan Karlsson sta per compiere 100 anni, ma il giorno del suo compleanno invece di festeggiare con gli altri abitanti della casa di riposo in cui si è rinchiuso, decide di saltare dalla fienstra in ciabatte e scappare. Così, senza nessuna premeditazione e con l’atleticità concessagli dalla sua veneranda età, inizia a vivere di nuovo mille avventure incontrando nuovi amici, organizzazioni criminali sgangherate che lo vogliono morto, una valigia con 50 milioni di corone e un elefante. Ah, oltre ad essere inseguito dalla polizia.
Ripercorriamo così in flashback anche la sua vita, che lo ha portato sempre per casualità ha incontrare i grandi del ventesimo secolo, a fare grandi scoperte e a vivere mille avventure.

Quasi fosse un Forrest Gump cinico ed ubriacone, Allan attrraversa decenni indenne, dagli USA all’Iran passando per l’Himalaya, trattando con malcelato disprezzo politica, religione e sentimenti umani vari e sfruttando la sua innata faccia tosta unita ad una buona dose di fortuna.
Mi è piaciuto? No. O meglio, non lo so.
Ma di certo è troppo lungo (mi capita spesso, ultimamente) e prolisso, a tratti inconcludente e noioso.
Mi aspettavo meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-08-30 04:45:32 cristina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da cristina    30 Agosto, 2011

LIBRO GENIALE, INTELLIGENTE PER PROFESSIONISTI DE

bello, bello, bello! libro intelligente, scritto benissimo. Chi non lo ha apprezzato è perchè si è fermato alla superficie senza calarsi nella trama.
E' uno dei libri piu' belli che abbia mai letto ( ne leggo in media 1 a settimana e possono quindi dire la mia con competenza).
Scorrevole, mai un calo di ritmo, una storia talmente fuori dagli schemi da diventare geniale.
Un libro consigliato alle persone che sanno leggere in modo intelligente perchè Lettori con la L maiuscola

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Non consgiliato ai lettori occasionali. E' un GRANDE LIBRO.
Trovi utile questa opinione? 
35
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-08-16 19:08:57 cristina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da cristina    16 Agosto, 2011

Il libro più bello che abbia mai letto.

Non ho mai e poi mai letto un libri più divertente! Vorrei mettere un cartello vicino alle edizioni de "Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve", nelle librerie, con scritto: "Leggetelo! Per carità, leggetelo!". E se vi trovate in un momento non proprio brillante della vostra vita ... a maggior ragione: leggetelo! è un libro che vi catturerà e vi trasporterà nella girandola mirabolante delle avventure di Allan, il protagonista. Nel leggere questo libro ho riso come non ho mai riso in vita mia. Mi sono innamorata di questo libro. Oltre ad essere irresistibile, il romanzo di Jonas Jonasson è scritto con uno stile scorrevolissimo e piacevolissimo. Lo consiglio a tutti!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-08-06 15:11:48 runxever
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
runxever Opinione inserita da runxever    06 Agosto, 2011
Ultimo aggiornamento: 06 Agosto, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'è poco da ridere

Diciamolo subito: non fa ridere.
Si parte carichi, si fa una risatina all'inizio e "tutto il resto è noia".
In breve, dovremmo esaltarci per le bizzarre avventure di un personaggio che, non capiamo nemmeno se ci fa o ci è, ma, questo viene spiegato bene, fonda la propria esistenza su due principi:
- fregarsene di quello che gli accade;
- bere litri di acquavite.
La morale è proprio questa: prendersi e prendere la vita poco sul serio e tracannare, che dopo avere tracannato siamo tutti un po' più uguali.
La "trovata" geniale è questa: il nostro fabbrica bombe. Ed è così bravo che è proprio lui ad aiutare gli scenziati di Los Alamos a costruire la prima bomba atomica.
Pensate: otre al morto che l'eroe ha causato direttamente (un brutto ceffo, non c'è che dire) abbiamo le centinaia di migliaia in Giappone. Ma è bravo... davvero.
Francamente cascano le braccia di fronte ad una storia che pretende di essere divertente e snocciola l'uccisione di un ragazzo (un brutto ceffo, non c'è che dire) lasciato congelare in una cella frigorifera (Ah... effetti dell'acquavite); l'uccisione di un altro schiacchiato, per volere del nostro eroe, da un elefante (anche questo un brutto ceffo, non temete).
Ma il capo della banda criminale, quello no. Ha rimediato 52 milioni di corone spacciando droga, ma lui merita la redenzione. Si sa che i capi sono più importanti, e forse anche a lui piace l'acquavite.
Che poi è grazie a questi soldi che si forma questo gruppo di sfigati criminaloidi (dal cuore d'oro, però) per cui tutti dovremmo fare il tifo.
Quando sul Corriere leggo che questo libro ha già venduto milioni di copie vengo colto dalla depressione e capisco due cose:
1. quello che fa vendere un libro è il titolo, e io ci sono cascato in pieno;
2. mala tempora currunt.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
183
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-08-04 19:31:24 andrea70
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    04 Agosto, 2011
Ultimo aggiornamento: 05 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inverosimile

Lo sapevo...che dopo il successo di Stieg Larsson viene pubblicato tutto ciò che arriva dalla Svezia con un'enfasi esagerata. Peccato che Dante Alighieri sia nato a Firenze e non a Stoccolma...e si vede!
Resta il fatto che mi sono lasciato sedurre da qualche commento altrui e da qualcosa che mi ispirava, va beh pazienza...
Si snodano due vicende: la fuga del centenario Allan e dei suoi improbabili compagni che è già abbastanza inverosimile,e le avventure in parallelo della vita dello stesso Allan che ripercorre un secolo di storia incontrando via via i grandi dei governi , facendoli passare tutti chi più chi meno per degli emeriti idioti...questa parte rasenta l'assurdo con situazioni davvero poco credibili. Di buono c'è qualche trovata divertente , ma niente di particolarmente ispirato e irresistibile, e la sensazione che il libro sia troppo lungo , in certi punti è persino fiacco, mi ha lasciato poco e un "sapore insipido".
Nel complesso mi è capitato di leggere di peggio ma , per fortuna c'è in giro talmente tanto di meglio che tra un mese avrò dimenticato il pur simpatico Allan...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
91
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-06-08 13:48:39 Margherita Fiaccavento
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Margherita Fiaccavento    08 Giugno, 2011
Ultimo aggiornamento: 08 Giugno, 2011

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Fantastico... solo Allan il nostro beneamato centenario riesce a filtrare la "Storia del 900" attraverso una dose di grog...
E' bello questo libro fa venire voglia di rivedere la storia dell'ultimo secolo non solo in chiave ironica ma attraverso un occhio umano finalmente scevro di sovrastrutture... Allan riesce a salvare se stesso e gli amici traendo forza dalle deiezioni di un centenario elefante... non importa l'età, l'intelligenza, la forza o il potere per vivere bisogna averne voglia!
Se fosse possibile aggiungerei un sottotitolo molto italiano attraverso la storia di Allan si concretizza il concetto che "La storia siamo noi"... tutti noi se solo ci ricordassimo di guardare sempre avanti.
Margherita Fiaccavento

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-05-03 08:36:50 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    03 Mag, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Malmkoping non è un paese per giovani

Malmkoping, nel Sormland, siamo ancora una volta in Svezia, ma non arricciate il naso, non voglio raccontarvi dell'ennesimo erede di Stieg Larsson, nel testo ci sono morti assassinati,killer e commissari depressi, ma nessun uomo che odia le donne, anzi un centenario arzillo che sembra un Barone di Munchausen dei giorni nostri alle prese anche lui con avventure surreali ed esilarante, ed è il sorriso che non vi abbandonerà mai durante la lettura di questo scritto.Dunque al compimento del suo centesimo anno Allan Karlsson decide di scappare dalla casa di riposo, dove tutto il paese è pronto a festeggiarlo compresa la terribile infermiera Alice, con agilità insospettata si getta dalla finestra al primo piano e via verso la libertà!Allan nonostante le ginocchia malconce raggiunge la stazione dei bus,con i pochi soldi che ha in tasca, acquista un biglietto per il paese più lontano.Nella sala d'aspetto dei bus c'è un ragazzo segaligno alle prese con un valigione e un bisogno impellente di andare nel W.C. dove non c'è spazio per l'enorme bagaglio. Il ragazzo, che appartiene all'organizzazione mafiosa "Never again" chiede al vecchio bruscamente di dare un'occhiata al bagaglio mentre lui andrà ad usufruire del bagno.Allan , giunto il suo bus, sensa pensarci su,(quando mai si è fatto scrupoli nella sua lunga vita?)prende il valigione e fugge via sul bus. Il giovane spacciatore, uscito dal bagno, 1) non riesce a mandar giù il fatto di essere stato gabbato da un vecchio, 2) il suo capo Per Gunnar insieme ai Colombiani lo scuoierà vivo quando saprà che si fatto fregare una valigia con 30 milioni di corone, 3) il vecchio è un uomo morto! Parte l'inseguimento!
Intanto la casa di riposo di Malmkoping è in subbuglio, non si trova Allan, è stato rapito?, magari una setta satanica? , è fuggito?,perchè?Il commissario Aronsson parte a sua volta all'inseguimento del centenario. Alla fine tutti si ritroverranno a Bali con un gruppo di amici "strani",un elefante di nome Sonia e una "giovane" ottantaquatrenne Amanda Einstein, parente di quell'Albert che contribuì alla costruzione della bomba atomica ed anche le bombe giocheranno un ruolo centrale in questo racconto...esplosivo!
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi umoristici
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-05-02 08:15:22 darkala92
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    02 Mag, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che delusione, Sig. Karlsson!

Questa è la vita di un uomo. Non di uno qualsiasi che incontri nel supermercato, a far la spesa per la moglie a casa con la febbre (moglie fortunata permettendo); Qui stiamo parlando di un uomo che è sempre stato, sin dall'età più "verde", un tipo bizzarro e particolare. Un uomo che, senza rendersene conto, è stato la pedina fondamentale che ha cambiato la storia del '900.

Quest'uomo si chiama Allan Karlsson, svedese, che vive in una fattoria insieme ai suoi genitori, fin quando suo padre non abbandona lui e la moglie per seguire, in Russia, le sue idee rivoluzionarie comuniste. Un insegnamento, però, il padre gliel'aveva dato: "Diffida sempre da chi non beve acquavite" e poi - puff! - sparito.

Sua madre, invece, gli dirà sempre: "Diffida da chi beve acquavite"; secondo voi chi seguirà il giovane Karlsson? ...
Lui si presenta sempre come l'uomo che sa fare solo due cose nella vita: trattare esplosivi e distillare latte di capre... perchè l'acquavite è fondamentale per la vita dell'uomo!

Gli esplosivi saranno il fattore fondamentale nella sua vita, e saranno proprio gli esplosivi il motivo per cui avrà la possibilità di avere a che fare con i grandi personaggi del novecento:
il generale Francisco Franco, il primo ministro americano Truman, il dittatore Stalin, il comunista Mao Tse Tung e tanti altri... Allan costruirà letteralmente la ragnatela della storia, con tutti i suoi eventi ed episodi: bomba atomica, sarà una "spia" - per modo di dire! - durante la guerra fredda, sarà prigioniero dei gulag, ma l'artefice dell'incendio di Vladivostok.. e via discorrendo.
Affronterà tantissimi viaggi, conoscerà molte lingue (svedese, russo, cinese, balinese, spagnolo), ma farà tutto questo con quella nonchalance unica e comprensibile, se si sa di ritrovarsi di fronte ad un uomo come Allan.

Qualcuno prima di me l'ha nominato il "Forrest Gump" svedese; beh, in effetti non ha poi tutti i torti; perchè Allan compie le sue "gesta" con quell'innocenza e quell'ingenuità tipica del Forrest e tutte le situazioni più buie, in cui la morte diventa solo conforto rispetto a ciò che gli spetterebbe per davvero, egli si salva con un colpo di scena che solo nei romanzi può essere consentito.


Tutto l'intreccio è diviso in due parti, due sezioni: la parte in cui parla della sua storia, l'altra invece è la vita attuale, in cui spinto dalla disperazione, è fuggito dalla casa di cure in cui abitava, proprio nel giorno del suo centesimo compleanno... una serie di 'sfortunati eventi' e non solo si susseguiranno.. e delle uccisioni saranno la molla che spingerà Allan e la sua combriccola (un elefante compreso) a vagare per la Svezia.

La trama sembra affascinante... ma non lo è, almeno per me non lo è stato.
Capisco che si tratti di un romanzo, capisco che nei libri tutto è possibile, ma è come se l'autore abbia voluto prendere in giro la mia intelligenza - non che ne abbia tanta, però! -.
Sembra di trovarsi di fronte ad un fantasy.... (e questo non va affatto bene!).
Pagine..e pagine..e ancora pagine in cui non ci sarebbe un briciolo di verità, o meglio di possibilità che le cose di cui parla possano realmente accadere.
Inoltre vorrei aggiungere un'altra cosa: c'è chi ne parla come di un libro che fa ridere a crepapelle, da lacrime agli occhi... anche a me son venute le lacrime agli occhi, in effetti... ma per altro! Le motivazioni sono due: o sono io ad avere un umorismo del cavolo (qui non si ride, ma si tratta di sorridere), oppure sono gli altri (molto probabilmente, dato il business e il mondo delle vendite) che hanno un humor fin troppo scontato.
E' leggibile, comunque, ma per chi, come me, si è fatto delle aspettative esagerate nei confronti di questo libro, è meglio tenersi alla larga.

Che grande delusione!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
183
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-04-10 18:02:50 alessandro
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da alessandro    10 Aprile, 2011

divertentissimo

Davvero il Forrest Gump Svedese,incuriosito dalla trama in copertina ho scoperto , finalmente da un pò di tempo ,un bel libro divertente,piacevole,brillante,quasi assurdo ma troppo ironico e fantasioso da non riderci su e basta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
24
Segnala questa recensione ad un moderatore