Narrativa straniera Romanzi Il ministero della suprema felicità
 

Il ministero della suprema felicità Il ministero della suprema felicità

Il ministero della suprema felicità

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Su un marciapiede di cemento un neonato compare all'improvviso, appena dopo la mezzanotte, in una culla di rifiuti... "Nessun angelo cantò, nessun uomo saggio portò doni, ma un milione di stelle apparvero a Oriente ad annunciare la sua venuta." In un cimitero di città un abitante srotola un logoro tappeto persiano tra due lapidi... "Come per un suo gioco personale, mai le stesse per due sere consecutive." In una valle innevata... "Dove le lapidi spuntavano da terra come denti di bambini" un padre scrive alla sua bimba di cinque anni per raccontarle quante persone hanno assistito al suo funerale... "Come faccio a spiegarti cos'è centomila, se sai contare solo fino a cinquantanove? Proviamo a ragionare in stagioni? Pensa a quanti papaveri rossi fioriscono nei prati in primavera..." In un appartamento al secondo piano, sorvegliato da un gufetto, una donna sola nutre un piccolo geco con zanzare morte... "Ecco cosa avrei dovuto fare" pensò "l'allevatrice di gechi." E alla pensione Paradiso, due persone che si conoscono da tutta la vita dormono abbracciate come se si fossero appena conosciute.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ministero della suprema felicità 2017-06-10 12:27:46 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    10 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il mondo invisibile dei reietti

Il nuovo libro che Arundhati Roy, dopo vent’anni, pubblica con Guanda è intitolato Il ministero della suprema felicità.
“E’ un libro-mondo, meraviglioso, selvaggio ed incredibile, contradditorio come il subcontinente che racconta. Una fiaba magica e crudele, originale e sconcertante, dove tutto si tiene e tutto si perde, dove le identità di genere e le religioni si confondono, e dove gli unici a salvarsi sono i reietti, una manciata di personaggi che entrano sotto la pelle del lettore”.
Infatti è una storia corale, che tiene insieme una bambina comparsa all’improvviso su di un marciapiede, una donna forte amata da tre uomini, e un personaggio che ha eletto il cimitero cittadino a propria dimora. Il romanzo
“ci accompagna in un lungo viaggio nel vasto mondo dell’India: dagli angusti quartieri della vecchia Deli agli scintillanti centri commerciali della nuova metropoli, fino alle valli e alle cime innevate del Kasmir dove la guerra è pace, e la pace è guerra e occasionalmente viene dichiarato lo stato di normalità.”
Infatti i personaggi principali di questo romanzo sono: Anjum che srotola un tappeto liso nel cimitero, che considera la sua casa. Poi una bambina che appare all’improvviso, di notte, in una culla di rifiuti. Ed infine il personaggio più enigmatico: S. Tilottama, che è stata amata da tre uomini, vista da loro più che come una donna, come una Musa, cui ciascuno di loro è legato indissolubilmente e che non può farne a meno.
E’ una storia di sentimenti e di protesta, che si muove piano, tra sussurri e lacrime, tra sorrisi e violenze. I suoi eroi, immersi in una realtà particolare e a tratti assurda, si salvano tramite una cura che altro non è che un connubio di amore e di speranza. Proprio per questa ragione non si arrendono mai e continuano a lottare.
Una lettura meravigliosa, per una scrittura che in ogni luogo afferma con forza le doti narrative dell’autrice. Straordinaria qualità di scrittura, come del resto per i personaggi- gli invisibili che normalmente nessuno vede ed ascolta, perché le loro storie non sembrano avere voce, o meritare di essere ascoltate, ed eccole, invece, nel libro, che rende possibile ed attuabile solo ciò che i grandi autori possono.
Due decenni dopo il celebrato Dio delle piccole cose, il secondo romanzo di Arundhati Roy, ambizioso ed originale, fonde brutalità e tenerezza, risonanza mitica e materia da prima pagina di giornale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto il precedente della Roy , Il dio delle piccole cose.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La pioggia deve cadere
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il bambino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Esti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Intima apparenza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendetta del deserto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in due
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dio non abita all'Avana
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Corruzione
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri