Narrativa straniera Romanzi Il principe della nebbia
 

Il principe della nebbia Il principe della nebbia

Il principe della nebbia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Corre l'anno 1943; nella casa in cui si è trasferita la famiglia Carver per sfuggire alla guerra, in un piccolo paesino sulle sponde dell'Atlantico, è avvenuta la morte accidentale dei precedenti inquilini. Accidentale? Il figlio dei Carver, Max, avverte una presenza minacciosa: le sue ricerche lo porteranno sino al "Principe della nebbia", figura diabolica e ipnotica: ora sinistro pagliaccio, ora serpente marino, ora impalpabile figura di nebbia che aleggia nei vicolo oscuri del paese. Un clima di inquietudine e di mistero avvolge il protagonista e il lettore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 12

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.4  (12)
Contenuto 
 
2.8  (12)
Piacevolezza 
 
3.6  (12)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il principe della nebbia 2014-09-02 19:19:55 diogneto
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
diogneto Opinione inserita da diogneto    02 Settembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

nebbia... forse troppa!

in adolescenza andavano di moda veri e proprio horror di serie C dove, o zombie di turno, rischiava di perdere i pezzi durante il film e reggersi i pantaloni scuciti con la mano buona!!!

Diciamo che, il primo libro di Zafon, ha lo stesso problema manca di collante e anche di trama che, a mio avviso, fa un po' acqua da tutte le parti...

Prima di tutto questa guerra dalla quale scappa la famiglia di Max non è neanche in sottofondo... viene citata nella prima e nell'ultima riga per il resto potrebbe essere inserito in qualsiasi epoca e in qualsiasi luogo provvisto di mare e farebbe lo stesso....

poi una storia d'amore struggente fino al sacrificio della vita stessa nata dopo un giorno di frequentazione....

uno spettro, mago, incubo, pagliaccio che arriva da chissà dove e non si sa dove va a finire....

un cimitero di statue che ora c'è e ora non c'è più...

il tempo che va avanti e indietro a piacimento senza poi capire il perché e il percome...

Insomma lettura veloce e semplice ma anche povera nei contenuti!

Spero si rifaccia con gli altri libri... senno la vedo grama!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2014-06-03 11:31:02 Dany83
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Dany83 Opinione inserita da Dany83    03 Giugno, 2014
Ultimo aggiornamento: 03 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mistero e magia

Con Il Principe della Nebbia Zafon inizia la sua avventura letteraria nel lontano 1993, scrivendo questo romanzo per un target giovanile di lettori, ed è il primo di una trilogia chiamata “Trilogia della nebbia”.
Dalla fantasiosa penna dell’autore oltre alla nebbia, che avvolge e diventa coprotagonista del racconto, sgorgano chiari quelli che saranno i tratti salienti di tutti i suoi successivi romanzi. Le atmosfere gotiche e spettrali, la magia e il mistero inondano già le pagine di questo suo primo romanzo.
L’avventurosa storia di tre ragazzini, sulle coste spagnole degli anni quaranta, che dovranno combattere con un sinistro personaggio dai denti canini affilati e gli occhi malefici che ha le sembianze di un pagliaccio e che vi richiamerà inevitabilmente alla mente il ben più famoso pagliaccio horror. Una promessa fatta e poi infranta, un terribile pegno da pagare, avvenimenti misteriosi e un’ineluttabile destino da evitare saranno gli elementi attorno ai quali si srotola a ritmo incalzante tutta la vicenda.
Seppur in questo romanzo lo stile di Zafon e la tecnica sono più acerbe rispetto ai suoi successivi romanzi, ha già la capacità di catturare l’attenzione del lettore descrivendo abilmente le scene e i personaggi e dando al racconto un ritmo vivace che cattura l’attenzione e accompagna agevolmente alla fine del libro.
Zafon è quello che definisco, con un’accezione positiva, un autore sorbetto. Sapete quello che servono nelle grandi cene tra le portate di carne e quelle di pesce per spezzare e permettere di gustare al meglio le pietanze successive? Ecco trovo che quest’autore sia un piacevole intermezzo. Così anche questo suo romanzo d’esordio è sicuramente adatto alla fervida immaginazione delle giovani menti e accattivante quanto basta per trasportare anche il letture più adulto in un’avventura surreale sì, ma che è un ottimo modo per staccare la spina e far riposare la mente.
Non è sicuramente il suo miglior romanzo che possiate leggere, ma Zafon è un’abile intrattenitore e a mio avviso non annoia mai per cui vale sempre la pena di leggerlo.
Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Zafon, per avere un quadro più completo dell'autore
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2013-10-27 12:17:21 Sara
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Sara    27 Ottobre, 2013

Io lo consiglio.

Sono una lettrice vorace e mi piace Zafon in modo particolare per le sue atmosfere gotiche e per gli intrecci sempre delicati e commoventi. I suoi libri finiscono sempre come una poesia.
Ho letto le varie recensioni e sono rimasta un po' perplessa, persone che paragonano questo libro alla collana dei piccoli brividi, altri che sostengono sia un libro sbrigativo o per ragazzini. Ognuno ha i suoi gusti ma un libro non si valuta in base al numero di pagine ("il vecchio e il mare" uno dei capolavori di Hemingway di questo passo dovrebbe essere considerato sbrigativo solo perché conta circa 70 pagine?). Quello che conta è lo stile (non esistono intrecci nuovi, se si va a prendere la struttura delle storie e dei libri scritti si possono ricondurre a degli schemi precisi che gli scrittori e gli insegnanti di scrittura creativa conoscono bene), il modo in cui è scritta la storia, l'abilità narrativa e non i paroloni o le storie infinite e i polpettoni tanto acclamati che a volte lasciavano molto a desiderare.
Questo è un libro semplice e delicato, rimanda ai ricordi del passato, agli incubi infantili e ha un che di poetico. L'unica nota negativa è stato il personaggio malvagio, l'ho trovato leggermente esagerato e alla fine poco pauroso.
Non è un libro per tutti i lettori, è dedicato a chi come i giovanissimi conserva ancora un certo tipo di fantasia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2013-08-27 12:26:39 piero70
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
piero70 Opinione inserita da piero70    27 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ok. Basta Clown.

Va bene è ufficiale. Sono un idiota.
Mi ero ripromesso, dopo aver letto per la seconda volta IT di King, di non leggere mai più altri libri dove il male veniva impersonificato in un Clown psicopatico, assetato di sangue, ma invece no! Mi sono lasciato irretire dalla copertina, dalla quarta, dallo strilo... E ci sono ricaduto.
Risultato? Stanotte ho dovuto dormire con la luce accesa!
Va beh me la sono voluta.
Veramente impressionante, da tutti i punti di vista, l'esordio letterario di Zafòn (anche se da noi è arrivato molto in ritardo).
In pratica ci racconta un incubo. Immerso nella nebbia di un paesino della costa spagnola sull'oceano (a proposito... secondo voi quale trauma ha subito Zafòn da piccolo a causa della nebbia? E' elemento presente in tutti i suoi brutti sogni letterari!), e mascherato da racconto di passaggio ed evoluzione emotiva dei protagonisti adolescenti all'età adulta.
La sua maestria nel descrivere atmosfere e situazioni da terrore acuto è incredibile.
Perchè inganna. Prima ti fa sentire a tuo agio, e poi, ZAC! ti infila il ghigno satanico o la lama che recide.
Beh l'ho letto in due tesissime ore. Facendo di corsa, prima che diventasse buio e salisse, fatalmente, la nebbia...
Buona lettura eh? Ma non dite poi che non vi avevo avvertito!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2013-04-28 17:55:26 LunaCalante
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
LunaCalante Opinione inserita da LunaCalante    28 Aprile, 2013
Ultimo aggiornamento: 28 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

... Che roba è?

E’ un libro per ragazzini con un’impronta fortemente “piccola brividiana”, stile asciutto e asettico, personaggi amorfi e poco movimentati e privi di qualsivoglia personalità. Piccoli brividi in confronto al romanzo sono dei capolavori.

La trama mi ha ricordato molto il film “Pirata dei caraibi:La maledizione della prima luna” dove fanno da sfondo scenari sottomarini e navi abbandonate sul fondo dell’oceano ricoperte di alghe e ruggine, e un strampalato personaggio d’oltretomba e spettrale in stile Davy Jones con le fattezze di un pagliaccio un po’ alla It che reclama vite umane per nutrirsene e mantenersi eternamente in vita.
C’è da dire poi che l’ambientazione e i costumi dell’epoca del 1943 sono del tutto assenti. La famiglia di Max ,il ragazzino protagonista, si comporta come una qualunque famiglia del nostro secolo e mi ha ricordato le famiglie “stampo” di Piccoli brividi dove il padre è il solito imbranato orgoglioso, la madre che cerca di alleviare le figuracce del marito e i figli che si comportano come gli adolescenti di oggi,non certo come quelli dell’anno 1943 nel pieno della guerra.

Ho come la vaga( e mica tanto vaga) impressione che il Zafòn sia partito dalla base dei libri di R. L. Stine.

Nell’introduzione del libro lo scrittore augura caldamente ai lettori adulti di immergersi nell’avventura di questo libro …
Zafòn,Zafòn,non prendiamoci in giro!

Devo dire che appena ho letto la prima pagina mi sono ricordata del saggio ammonimento di una lettrice Qlibri che mi sconsigliò la lettura di questo libro. Me ne sono ricordata … troppo tardi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2013-03-04 17:53:09 Francesco Bellucci
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Francesco Bellucci Opinione inserita da Francesco Bellucci    04 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Zafon, Zafon ....

Il libro narra della storia della famiglia Carver che per paura della Seconda Guerra Mondiale, decide di trasferirsi in una piccola cittadina sul mare.
Trasferitisi in una casa sul mare vengono a sapere che i precedenti proprietari, i signori Fleishmann, scomparvero anni addietro in seguito alla strana morte del loro piccolo primogenito.
Già dal primo giorno Max, secondogenito dei Carver, si accorge dell'esistenza dietro casa sua di un giardino pieno di statue inquietanti e dopo averlo scoperto iniziano una serie di inspiegabili eventi. Max e Alicia, la sorella maggiore, intanto fanno amicizia con Roland, un ragazzo del posto che è il nipote di Victor Kray, il guardiano dell'imponente faro al centro della cittadina.
Sempre più sconcertati dalle stranezze del luogo Max, Roland e Alicia cercano di scoprire cosa sta succedendo in quella città e faticosamente scoprono dell'esistenza, molti anni prima, di un uomo alquanto enigmatico, un certo "Dottor Cain", ed è proprio dietro questa figura che si cela la verità di quel luogo ...

E' il primo libro che mangio di Zafon, e dico 'mangio' non a caso: è un libro molto corto se teniamo conto del margine della pagina e della grandezza dei caratteri delle parole; in più è molto facile da leggere.
Un giorno per caso, interessato dai commenti della gente su questo autore, ho fatto delle ricerche per capire cosa scriveva dato che non avevo mai letto un suo libro e incappai in un articolo dove lo stesso Zafon si lamentava del fatto che i suoi libri erano stati inseriti nella lettura per ragazzi. Beh, caro Carlos, questo libro è in tutto e per tutto un libro da ragazzi.
Senza offesa ma è un libro facile, con una storia di fantasia semplice e in alcuni momenti quasi banale, dove lo scrittore mescola fantasia con un pizzico di ... di.... vabbè diciamo pure paura, concediamolo, anche se di pauroso c'è ben poco.
Insomma mi ha dato l'impressione di leggere un libruccio, però spezzo una lancia a favore di Zafon, ovvero che si è molto semplice ma si fa leggere bene, è il tipo di libro che si può leggere tanto per passare il tempo, sulla spiaggia o in una domenica dove fuori il tempo è uno schifo e alla tv non c'è niente di buono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2012-10-31 09:16:52 cuspide84
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    31 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN CIMITERO DI STATUE E UN MISTERIOSO RELITTO


“... certe immagini dell'infanzia rimangono impresse nell'album della mente come fotografie, come scenari che si ricordano per sempre e ai quali si continua a tornare, nonostante il trascorrere del tempo”.

Siamo nel 1943, soffiano venti di guerra in Spagna e Maximilian Carver, orologiaio e inventore a tempo perso, decide di portare la sua famiglia lontana dalla città, più precisamente in un piccolo paesino sulla costa, accogliente e tranquillo ma misterioso e ricco di strani particolari; già perchè l'orologio della stazione va al contrario, un gatto, dagli occhietti malefici e inquisitori, si impone nella nuova casa e sembra controllare ogni movimento dei nuovi inquilini, un relitto giace a pochi metri dalla riva, voci dal passato emergono dall'oscurità e vicino alla casa, al limitare del bosco, c'è uno strano giardino con delle statue a dir poco inquietanti...
Max e Alicia si troveranno a dover affrontare gli incubi dei loro sogni, divenuti realtà, quando uno strano incidente capiterà ad un membro della loro famiglia; grazie all'aiuto di Roland, un giovane del luogo diventato loro amico, e del nonno di quest'ultimo, il misterioso guardiano del faro, riusciranno a capire cosa si nasconde dietro a tutte queste stranezze: cos'è successo all'Orpheus la notte del 23 giugno del 1918? Che cosa lega il misterioso Mister Cain alla nuova casa dei Carver?

Zafón nella nota introduttiva al libro, ci avverte che questa è stata la sua prima opera, rivolta ad un pubblico molto giovane, ma scritta in modo tale da poter coinvolgere lettori di ogni età.
Premettendo che adoro questo autore, non posso che darne un giudizio positivo: il racconto è molto veloce e scorrevole, ha dei tratti misteriosi e inquietanti che invogliano il lettore a proseguire nella lettura delle pagine e nonostante sia una lettura per ragazzi, io ho ritrovato il solito Zafón, con le sue atmosfere create appositamente per stupire, per intimorire e per ammaliare chi si accinge a prendere in mano un suo libro, ben consapevole che anche questa volta varcherà la soglia di un mondo in cui la magia va a braccetto con la realtà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama questo autore e ai lettori più giovani!
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2011-11-17 07:34:46 aeglos
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
aeglos Opinione inserita da aeglos    17 Novembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CARINO

Di certo questo libro non ha niente a che fare con "L'ombra del vento".Scritto in maniera scorrevole,si legge velocemente, coinvolti in una storiella di fantasy, piacevole, ma anche molto sbrigativa. Il libro mi è piaciuto sicuramente, ma è una lettura per ragazzi, un libro coinvolgente, ma semplice nella trama e nello scrivere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2011-10-05 16:57:08 valina91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
valina91 Opinione inserita da valina91    05 Ottobre, 2011
Ultimo aggiornamento: 30 Settembre, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Somiglianze

Avendolo letto subito dopo "Le luci di settembre" non posso che notare le numerosissime somiglianze tra i due, non per quanto riguarda il tema della narrazione di base, completamente diversa, ma in alcuni dettagli che però risaltano all'occhio notevolmente, come la presenza del faro, della nebbia nei momenti di suspense, i protagonisti sempre adolescenti, per non parlare poi del coraggioso sacrificio che deve affrontare uno dei protagonisti per salvare gli altri.
A parte queste ripetizioni, a volte un po' troppo ridondanti nei romanzi, non si può dire che la storia non appassioni e spinga il lettore a leggere e leggere fino ad arrivare a scoprire la fine della storia che tanto lo ha preso.
Inizialmente pensavo che il fantasy non si addicesse a questo scrittore, ma mi sono subito dovuta ricredere. Ottima la storia e soprattutto ben gestita, senza troppi fronzoli e giri di parole inutili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Non lo leggete prima/dopo "le luci di settembre"
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2011-04-06 12:57:25 Fermìn90
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fermìn90 Opinione inserita da Fermìn90    06 Aprile, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per ragazzini

“Il principe della nebbia” fa parte di quella produzione originaria di Zafon dedicata ad un pubblico più giovane, in questo caso direi proprio ragazzini, e quindi le vicende narrate sono semplici ed elementari, così come i personaggi , appena abbozzati e poco caratterizzati. La storia narra le vicende dell'adolescente Max che, trasferitosi con la famiglia in una cittadina sul mare, si trova a dover combattere un personaggio malvagio, il principe della nebbia,che minaccia la sua vita e quella dei suoi familiari e amici.
Le capacità narrative dell'autore sono però ottime, e con il suo stile inconfondibile è riuscito a rendere piacevole questo libro di appena 130 pagine .
Apprezzo veramente tanto Zafòn e la sua scrittura, ma consiglio questo libro solo a chi vuole approfondire la conoscenza dell’ autore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Ai fan di Zafòn.
Trovi utile questa opinione? 
81
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2009-05-29 14:24:19 Beatrix
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Beatrix Opinione inserita da Beatrix    29 Mag, 2009
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Principe della Nebbia.

Ho letto questo libro prima dell'ombra del vento e prima di sapere chi fosse Zafon. Devo dire che nel complesso lo stile è buono e, sebbene sia un libro per ragazzi, poco più di una favola con un retrogusto horror, strizza troppo l'occhio a IT di King...anzi,parecchio. La storia nel complesso mi è sembrata un po' troppo "ispirata" al maestro dell'horror; anche se la lettura risulta piacevole. Ma non vi aspettate personaggi dello spessore di Firmin o Julian Carax...quella è tutta un'alrta storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Non vi aspettate troppo..ma se volete passare un paio d'ore senza dover pensare troppo...allora accomodatevi pure.
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il principe della nebbia 2008-06-17 23:26:09 fabiomic75
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
fabiomic75 Opinione inserita da fabiomic75    18 Giugno, 2008
Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 2008
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Carino

Questo breve libro di circa 130 pagine si legge velocemente e con piacere. La storia narra le vicende dell'adolescente Max che, trasferitosi con la famiglia in una cittadina sul mare, si trova a dover combattere un personaggio malvagio, il principe della nebbia appunto (che in certi passaggi ricorda un pò il clown di IT) che minaccia la sua vita e quella dei suoi familiari e amici.

Anche in questo racconto Zafon conferma tutte le proprie capacità narrative. Consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Con le dovute proporzioni Stephen King
Trovi utile questa opinione? 
13
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore addosso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nel guscio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il cuore degli uomini
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendicatrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tante piccole sedie rosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le nostre anime di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
La mia vita non proprio perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A cantare fu il cane
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Commedia nera n.1
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eroi della frontiera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Magari domani resto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri