Il profumo Il profumo

Il profumo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Il profumo, di seguito riportiamo la trama del romanzo e la presentazione dell'editore.

Jean-Baptiste Grenouille nasce a Parigi cinquant'anni prima della rivoluzione francese, nel luogo più mefitico della capitale: il Cimitero degli Innocenti. Brutto, apparentemente insensibile, ha una caratteristica inquietante: in una società non ancora asettica come quella contemporanea e impregnata di mille effluvi e miasmi, non emana alcun odore. Per questa ragione ispira repulsione a chiunque lo avvicini, a partire dalla madre che lo ha abbandonato appena nato. Ma Grenouille possiede una dote straordinaria: è dotato di un olfatto perfetto. Forte di questa sua unica qualità decide di diventare il più grande profumiere del mondo, coltivando un sogno folle che nulla ha a che fare con la ricerca di fama e ricchezza: vuole dominare il cuore degli uomini creando un profumo capace di ingenerare l'amore in chiunque lo annusi. Un amore rivolto a lui che conosce solo odio e disprezzo. E per realizzarlo non si ferma nemmeno di fronte all'omicidio di giovani donne, alle quali ruba la vita insieme alla sublime fragranza dell'amore. Perché all'amore Grenouille, incapace di amare, non può rinunciare. Con "Il profumo" Suskind ha scritto un capolavoro capace di evocare al lettore colori, sfumature, odori e aromi, dando vita a uno dei personaggi più indimenticabili della letteratura contemporanea.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 59

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.2  (59)
Contenuto 
 
4.4  (59)
Piacevolezza 
 
4.4  (59)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate (quindi non scrivere solo 'e' un bel libro');
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms ne' errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire piu' di 3 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il profumo 2014-02-08 14:46:32 Queen D
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Queen D Opinione inserita da Queen D    08 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un personaggio che non si dimentica

La prima domanda che mi sono fatta leggendo la prefazione del libro è stata: “Come ha fatto l'autore ad acquisire la conoscenza e l'abilità necessarie per descrivere il mondo etereo e inafferrabile degli odori?”; un conto è far immaginare al lettore la bellezza di una donna, ripercorrendo con le parole le forme del suo corpo, il colore dei suoi occhi, l’affabilità o la malvagità del suo carattere, o l’eccezionalità di un oggetto particolare, descrivendone le fattezze o l’uso, o ancora un paesaggio, un animale, il sole stesso. Tutto ciò può essere individuato, scomposto in parti e analizzato, ricomposto e descritto al lettore per far capire quello che la fantasia partorisce.
Ma un odore? Come si può esprimere a parole l’odore delle rose? O di un frutto? O di un pezzo di carne marcia? O, peggio, di una persona? Una cosa simile sembra inconcepibile. Non ci sono termini di paragone, possiamo solo affibbiare a ciascun odore, che noi crediamo gradevole o sgradevole, un aggettivo: acido, dolce, fresco, pungente, disgustoso e così via. Ma si dà forse un’idea esauriente dell’essenza di una cosa, solo con un misero attributo? Sicuramente no.
Ed è in questo esatto nodo pulsante che sta l’eccezionalità di Süskind: con le parole è riuscito nel compito impossibile, innanzitutto di trovare il modo di descrivere gli odori, con delle associazioni e delle metafore assolutamente geniali, e poi di farli salire al nostro naso direttamente dalle pagine del libro.
Un’altra domanda che mi sono posta: “Perché chiamare il protagonista proprio Grenouille?”. In francese “grenouille” significa rana; ora la rana, per diventare tale, deve attraversare, come ben sapete, diversi stadi evolutivi: da girino alla forma definitiva finale. Per questo motivo ho scoperto che la rana, in varie culture, rappresenta la metamorfosi, l’adattabilità, la transizione e, piuttosto ovviamente, la trasformazione. Ed è per questo che credo non sia un caso che l’autore abbia dato questo nomignolo al personaggio principale.
Nato senza alcun odore, Jean-Baptiste, brutto,deforme e inquietante, ha una sola e decisiva qualità che lo farà emergere dal fango in cui è nato: un senso dell’olfatto eccezionalmente sviluppato, tanto che, cito testualmente, “a sei anni aveva già una percezione totale del suo ambiente dal punto di vista olfattivo…presto riconobbe all'odore non soltanto il legno, bensì diverse specie di legno, legno d'acero, legno di quercia, legno di pino, legno d'olmo, legno di pero, legno vecchio, giovane, putrido, marcio, muscoso, persino singoli ceppi di legno, frammenti e schegge di legno; e all'odore ne percepiva le diversità con una chiarezza che altri non sarebbero mai riusciti ad avere con gli occhi. Similmente avveniva con altre cose. Che quella bevanda bianca che Madame Gaillard somministrava ogni mattina ai suoi pupilli venisse comunque chiamata latte, quando per la sensibilità di Grenouille ogni mattina aveva un odore e un sapore del tutto diversi, a seconda che fosse più o meno calda, a seconda della mucca da cui proveniva, di quello che la mucca aveva mangiato, della crema che vi era stata lasciata e così via... che il fumo, una struttura olfattiva in cui si riflettevano centinaia di singoli aromi, che di minuto in minuto, anzi di secondo in secondo si trasformava in un miscuglio nuovo, come il fumo del fuoco, possedesse appunto soltanto quell'unico nome «fumo»... che la terra, il paese, l'aria, che a ogni passo e a ogni respiro erano colmi di un odore diverso e quindi animati da un'identità diversa, potessero essere definiti soltanto da quelle tre grossolane parole... tutte queste disparità grottesche tra la ricchezza del mondo percepito con l'olfatto e la povertà del linguaggio facevano sì che il ragazzo Grenouille dubitasse del senso del linguaggio in genere, e si rassegnasse a farne uso soltanto quando i rapporti con altri esseri umani lo rendevano indispensabile” .
Tutta la sua straordinarietà lo porterà, a suo giudizio insindacabile, a immaginarsi come il Grande Grenouille, capace di catturare l’essenza delle cose, ma soprattutto l'anima delle persone. E’ così che la sua “fame” di conoscenza e di riscatto lo porterà a compiere efferati omicidi, senza il minimo rimorso o consapevolezza. Importa solo che la sua mente trattenga quei meravigliosi effluvi e che li faccia suoi per sempre, con lo scopo di riutilizzarli quando arriverà il momento: il momento della trasformazione, appunto, da essere repellente, capace di adattarsi alle peggiori situazioni, a creatura adorata e venerata da quegli umani che lo disgustano con i lori odori mediocri, quegli umani che lui, da sempre odiato e scartato dalla società, vuole sottomettere sotto una forma di amore perverso. E saranno proprio quegli umani che segneranno poi alla fine il suo destino, in una beffarda conclusione che forse merita, o forse no.
Potente, visionario, assolutamente geniale, “Il profumo” è un’allegoria della malvagità, della pazzia e del genio dell’umanità, alla ricerca costante di un modo per essere riconosciuti, amati e accettati, e non per quello che si è, ma come esseri speciali, al di sopra degli altri, migliori degli altri e per questo, più degni. Una metafora dell’uomo che vuole essere a tutti i costi il più bravo, il più bello, il più intelligente e per questo, il più adorato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-11-25 17:14:57 mia77
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    25 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il profumo di Patrick Suskind

Questo è un libro unico nel suo genere. Lo stile narrativo è molto buono e la trama è particolare e singolare.
Grenouille, che nasce senza alcun odore, ha il grandissimo dono di avere un " olfatto assoluto" e vuole diventare il miglior profumiere al mondo.
Il suo desiderio è quello di catturare l'odore dell'amore, per dominare il cuore degli uomini e non si ferma davanti a nulla, pur di realizzare il suo scopo.
Questo romanzo è da leggere almeno una volta nella vita, per poter immaginare e interpretare la realtà non attraverso la vista ( come siamo soliti fare), ma attraverso l'olfatto: attraverso gli odori che il narratore ci descrive così nitidamente.
Lui, che ha un dono unico che nessun altro possiede, sembra voglia uniformarsi e diventare come tutti gli altri, sembra voglia omologarsi, perdendo così la sua unicità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-11-09 19:44:58 Cla93
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cla93 Opinione inserita da Cla93    09 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piacere e disgusto

Mi sono gettata su questo libro non avendo la minima idea di cosa trattasse.
Ricordavo sì, di aver letto qualche recensione in proposito; ma il ricordo di queste era sfumato e un po' vago. Però ricordavo che erano positive.
Così mi sono detta, Proviamo, sembra narrativa leggera, magari è un bel romanzo.
La trama non spiegava granché, ma prometteva bene.
Sin dalla prima pagina mi sono accorta dello stile splendido dell'autore. La naturalezza con cui le parole sono state depositate sul foglio mi ha sconvolta e catturata.
Ben presto, mi sono accorta che il libro era molto diverso da quel che immaginavo.
Se immaginate di leggere un bel romanzo di narrativa leggera, scordatevelo subito.
Jean-Baptiste Grenouille è un protagonista che non si scorda facilmente. Anzi, credo proprio che non lo scorderò mai. La cosa fantastica, è che non è un protagonista comune. Di tutto si può dire su questo libro, meno che sia scontato.
Trovo che un personaggio come Grenouille sia molto difficile da creare.
Grenouille, povero ragazzo; nasce non voluto dalla madre e cresce non voluto da tutti gli altri. Presto si delinea questo stravagante protagonista: si scopre che ha una caratteristica anomala, che nessun altro essere umano possiede. Grenouille percepisce gli odori in maniera raffinata ed in profondità. Attraverso il suo naso, egli sa cogliere l'essenza più intima delle cose e delle persone.
Ma è un protagonista tutt'altro che dolce, simpatico, umile.
E' quasi rozzo, è superbo e odia il genere umano. Descritto da Süskind come una zecca, che sta quatta in attesa sopra un albero, e che riesce a vivere con una goccia di sangue, e che sa stare in attesa...finché non trova l'occasione giusta per saltare dall'albero e aggrapparsi ad un animale, e succhiare.
Penso che sia una descrizione al contempo meravigliosa e orrida, e sono certa che non la scorderò mai.
Perché il libro è proprio un paradosso in questo senso: attrae e crea disgusto; eccita ma fa paura.
L'ho trovato strabiliante, perché i personaggi sono del tutto originali così come la trama.
Alla fine credo che Grenouille sia una vittima in tutta questa storia. Forse, se avesse ricevuto più amore dalla società, non sarebbe cresciuto senza provare alcun sentimento.
Finita questa piacevole e sgradevole lettura, ho scoperto l'esistenza di un film tratto da questo libro. Non l'ho visto, ma da come mi è stato raccontato credo proprio che rovini l'essenza stessa del libro e di quello che l'autore voleva trasmettere.
Leggetelo, resterete stravolti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-07-08 12:30:19 GiammarcoCamedda
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
GiammarcoCamedda Opinione inserita da GiammarcoCamedda    08 Luglio, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Il profumo" di Patrick Süskind

Ci troviamo in Franca nel già avviato '700. Un genio, in altro modo non possiamo definirlo, dall'olfatto enormemente amplificato e acuto desidera conoscere tutti i profumi di questo mondo, catalogarli nella sua mente e mai scordarli. La sua psiche vive e si nutre degli odori: e diciamo odori perché per lui il profumo di una donna o il puzzo di feci umane o animali non fanno differenza. La particolarità del protagonista, un tale di nome Jean-Baptiste Grenouille, è che l'olfatto è il suo alfa e omega, la sua vista e tutti i suoi senti, la vita e la morte e la consapevolezza della fragilità e inutilità dell'uomo. Grenouille è colui che con gli odori domina l'uomo, domina il suo spirito, la sua mente e il suo corpo. Inizia la storia quando lui nasce, sotto il bancone di un pescivendolo dove la madre lo abbandona. Qui inizia il suo percorso in cui senza pochi imprevisti si addentrerà nel mondo degli odori, e per suo dispiacere, nel mondo degli umani. Esatto, gli umani da lui tanto disprezzati, non per i loro odori, ma per il loro essere, infinitamente subdolo e inutile. L'umanità di questo romanzo è la cosa più sconvolgente e attraente di tutte, perché con il semplice olfatto veniamo a conoscenza di un mondo non fatto di immagini e di semplice superficialità, ma di tutta l'essenza racchiusa in essa. Sembra quasi un racconto sensista, seguendo le orme di Condillac o persone del genere, in cui le sensazioni, in questo caso l'olfatto, ci fanno scoprire una realtà, la nostra realtà, in chiave diversa. Con il naso di Grenouille ci immergiamo all'interno di tutto ciò che ci circonda, e ne rimaniamo prigionieri, quasi incatenati per sempre. Lui, che con i suoi magici miscugli (eufemismo per odori) ci propone una sua visione perfetta, indistruttibile e instancabile del mondo. Sempre lui, con i suoi pensieri, con la sua solitudine e il suo mondo inventato, ci travolge di passioni e di amarezza nei confronti del mondo. La ridicolezza dell'uomo, che se ne approfitta di lui, basti pernsare a Grimal, Baldini e il marchese de la Taillade-Espinasse, che nell'imbroglio pagano le loro pene con la morte. Sembra quasi un inviato da Dio, questo Grenouille, dove passa lui non cresce niente, solo l'odore delle sue creazioni. Le parole con cui il paesaggio francese ci vengono prospettate è travolgente. Basti pensare ai dettagli che il signor Süskind mette all'interno di essi: il verde degli alberi, il vento che viene dal mare, la scia che le persone lasciano dietro di loro, la tranquillità della quiete e del protagonista, sono tutti segni della per riuscita trasparenza della realtà di fronte a noi. Forse è vero che non bastano gli occhi per vedere, non bastano le orecchie per sentire e un cervello per analizzare. La superficialità velata con il quale Grenouille descrive il mondo e le persone che lo abitano, viene oltrepassata fino alla carne e alle ossa dal naso del protagonista, così che una qualsiasi persona brutta (quale lui è, scusate se lo dico adesso), diventi ciò che è e non ciò che sembra. Ovviamente, questo romanzo, scritto nel 1985, anticipa alla stragrande le problematiche attuali: a partire dagli adolescenti che si soffermano a ciò che vedono e basta, fino ad arrivare ai più vecchi che credono in qualcosa di profetico quando in realtà non è così. Ho apprezzato tantissimo, ripeto, l'umanità del protagonista, che in una parola, come leggerete nel romanzo, e come tutti gli uomini, sogna; sogna e immagina di essere un Dio onnipotente, un Dio onnipresente e invincibile, grazie a questa sua dote. L'umanità con cui questo ci viene prospettato, attraverso i pensieri e i sogni del protagonista è la scena più bella del romanzo, più commovente e più forte. Perché in fondo, noi siamo ciò che siamo, e non ciò che sembriamo. E nella sua povera vita, Grenouille lo aveva capito; voleva farlo capire a tutti, ma nessuno darebbe ascolto a lui, un povero genio che non conosce bene nemmeno la sua lingua, un semplice garzone e profumiere. Non sei niente finché non scopri qualcosa o fai qualcosa di grande, quando ogni uomo dentro di sé racchiude ciò che di più forte può mostrare. Questo è ciò che per me ha significato il romanzo.
La trama è scorrevole, molto scorrevole, e la lettura è piacevolissima. Il protagonista rimarrà ben impresso nella mia mente per parecchio tempo, forse per sempre, proprio come i suoi odori. La naturalezza del suo essere è stupefacente. Un ultimo commento, a favore dello scrittore, è che sia riuscito a scrivere un romanzo basandosi solo su una persona, una persona unica, che nel suo essere, è speciale. Questo fa di lui un ottimo scrittore, poiché è difficile focalizzare l'attenzione su un unica persona e nei suoi cambiamenti. Di conseguenza, consiglio questo romanzo, il quale è alla portata di tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-06-05 11:59:32 paola melegari
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
paola melegari Opinione inserita da paola melegari    05 Giugno, 2013
Ultimo aggiornamento: 05 Settembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Tirannosauro Rex degli odori

Beh! è stata una vera immersione nell'universo degli odori. In particolare la paresi del profumiere.
Crudissima la prima parte, incredibile la noncuranza con la quale i bambini venivano maltratti e considerati soltanto operai da sfruttare.
Come stupirsi se chi non ha mai ricevuto amore , diventi un assassino. Ciò che davvero contava per Grenoille, il protagonista, era soddisfare la sua sete di odori, immagazzinarli nel suo archivio cerebrale per non dimenticarli mai più. Percepirli a distanza, come un T. Rex percepiva l'odore di una preda.
La sua solitudine, esaspera il suo bisogno di conoscere nuovi odori, la sua mancanza di affetto ed educazione, lo porta a non distinguere il giusto dall'ingiusto, il valore di una vita umana.
Del resto la sua non è certo una vita 'umana', e' un vero e proprio predatore, predatore di odori.
Tutto nella sua vita era finalizzato a ciò. Odiato fin nella culla, il suo spirito di sopravvivenza ha la meglio su tutto e tutti.
Forse la genetica con lui è stata poco clemente. Un essere umano non deve avere un olfatto così sviluppato, per questo lui tenta di salvarsi andando a vivere per molto tempo in cima ad una montagna. Ma gli effluvi della vita lo raggiungono ugualmente. I suffumigi umorali gli annebbiano la mente e lo costringono ad uccidere, deve possedere quell'aroma umorale che lo rende schiavo, solo così potrà placare la sua sete.
Come non condannare il suo comportamento, ma lui non è un uomo. è una macchina .
Che cosa ti hanno fatto Grenoille! Avresti avuto un grande futuro se solo ti avessero amato, il tuo odore preferito sarebbe stato quello del seno di tua madre.
Ho letto con passione questo libro, anche se ho trovato il tutto esagerato, portato un pò all'esasperazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
dolce come il cioccolato
una vita diversa
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-06-04 16:19:01 Lady Vik
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lady Vik Opinione inserita da Lady Vik    04 Giugno, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

stravolgente

ho letto da poco il libro e devo dire che ne sono rimasta innamorata,affascinata ma allo stesso tempo anche un po' "stravolta"...durante la lettura era inevitabile venir circondata dagli odori che Grenouille percepiva,sembrava di essere là insieme a lui...la descrizione degli anni passati in solitudine nella grotta mi ha particolarmente colpita e affascinata anche se era impossibile non provare un certo senso di angoscia e forse paura! non mi aspettavo assolutamente un finale così ma anche in questo Suskind è riuscito a colpirmi! lo consiglio vivamente perché sono convinta che questo libro sia in grado di far provare emozioni forti ma allo stesso tempo contrastanti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-05-09 05:51:46 Marta*
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Marta* Opinione inserita da Marta*    09 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

INTENSO E FEROCE

Parigi del XVII secolo: questa è la storia di un uomo che visse la sua esistenza attraverso il solo senso dell'olfatto. Sin da bambino viene ignorato da tutti, anche dalla stessa madre, perché non riconosciuto appartenente alla specie umana, proprio a causa della totale assenza di un proprio odore.
Jean-Baptiste passa i primi tredici anni della sua vita in un orrendo orfanotrofio senza avere amici, essendo deriso da tutti ed evitato. Ma è proprio lì che scopre di avere una qualità eccezionale, che lo renderà unico: un olfatto di straordinaria sensibilità.
Da adolescente comincia a lavorare in una conceria di pelli, successivamente in una bottega di un profumiere italiano Giuseppe Baldini in cui potrà apprendere le fondamentali tecniche di produzione di un profumo. Il profumiere capisce che Grenouille, con la sua genialità, può essere per lui una straordinaria fonte di successo. Ma Grenouille desidera andare oltre, saperne sempre di più e si allontana dalla bottega, lasciando in eredità al profumiere un libretto di ricette. Inizia la sua ossessione: non avendo un proprio odore comincia la creazione di un profumo perfetto, un profumo che possa assoggettare l’animo umano. Tutta la sua vita da quel momento è indirizzata alla ricerca di questa perfezione che vuole raggiungere ad ogni costo. Si fa Dio arrivando ripetutamente ad uccidere donne giovani e belle per catturarne l’essenza. E’ un uomo fuori dal mondo a cui non importano sesso, amore, gloria potere e ricchezza ma solo il profumo, il profumo di ogni cosa. Proprio questa sua ossessione lo porta a diventare un maestro profumiere, riesce ad imitare qualsiasi odore mescolando ingredienti inconsueti. Comincia così ad usare i profumi come dei vestiti, che gli permettono di accedere ovunque egli voglia rapendo le menti di chi gli sta intorno, illudendoli di avere di fronte chissà chi: tutto grazie ad un profumo!
Il suo percorso solitario verso una perfezione che di per sé è disumana (poiché per natura l’uomo è imperfetto) lo allontana definitivamente dall’amore verso gli esseri umani.
L’ho trovato un libro veramente affascinante e diverso dal solito anche per il linguaggio con cui è scritto. Il protagonista mi ha affascinata, con la sua capacità di vedere il mondo da una prospettiva diversa e unica, preclusa a tutti gli altri ma allo stesso tempo mi ha ripugnato, sconvolgendomi con la sua mancanza dei sentimenti umani basilari. Lettura intensa, in grado di trasportare il lettore all’interno della storia permettendogli, quasi, di percepire i profumi migliori e peggiori.
Finale del libro bellissimo, diverso dal solito, è una sorta di legge del contrappasso. Veramente un libro che si deve leggere e rileggere.




Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-03-07 20:30:50 Francesco Cuffari
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Francesco Cuffari Opinione inserita da Francesco Cuffari    07 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento: 07 Marzo, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL PROFUMO DELLA SOLITUDINE

E' un romanzo davvero particolare questo. Ed è un romanzo particolare per via del protagonista. Davvero unico e memorabile. Egli è un assassino spietato, ma è anche solo dalla nascita.
La sua solitudine deriva dal suo essere unico al mondo. La sua abilità è talmente incredibile che lui può anche essere considerato non umano. Ed è normale che non provi alcun affetto verso i comuni esseri umani che lo circondano.

Loro sono inferiori a lui, dopotutto, e il protagonista non accetta di provare sentimenti verso coloro che, ai suoi occhi, gli sono inferiori.

E' proprio lui, Jean-Baptiste Grenouille, l'anima e il motore di tutta la vicenda. Per quanto Grenouille sia perfido finisce sempre per incontrare gente perfida quanto lui, se non di più. E tutti i malvagi che incrociano la loro strada con la sua ricevono una sorta di punizione divina per tutte le loro malefatte.

Il romanzo è scritto davvero bene, anche se vi sono alcuni capitoli decisamente noiosi. Ma l'opera è disseminata di splendidi spunti di riflessioni a cui è impossibile non dare peso e attenzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-01-26 16:44:58 AndCor
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    26 Gennaio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

(A)normalità e (in)consuetudine allo stato puro

'Colui che domina gli odori, domina il cuore degli uomini'. Un romanzo che pone questa frase sulla sua copertina non può deludere, penso io. Ed infatti, ben presto, il capolavoro di Suskind è divenuto un best-seller a livello mondiale.

C'è qualcosa di nuovo in questo libro, e questa novità riguarda l'autentico rovesciamento dei 'valori letterari'; perchè il tanto millantato mondo sentimentale ed affettivo qui viene denigrato a favore del mondo olfattivo, ben più pragmatico e asettico.

Il protagonista risponde alle generalità di Jean-Baptiste Grenouille, un giovane follemente ossessionato dagli odori e covante un sentimento misantropico a dir poco esasperato.
Il suo desiderio è quello di creare quel profumo, quell'essenza, quel 'noumeno' che costringa l'intera umanità ad adorarlo, e muoverà i suoi passi senza che alcuno scrupolo possa minimamente cercare di turbarlo o di 'redimerlo'.

Il risultato è una trama originale, innovativa, narrata secondo un tratto sadico e tagliente, con uno stile che risulta tanto semplice e lineare quanto incalzante e morigerato.
Siamo sempre e comunque fuori dagli schemi, e l'apoteosi del climax della (a)normalità si raggiunge nel finale del romanzo.

E' stata probabilmente questa 'fuoriuscita dagli schemi' che ha portato il personaggio di Jean-Baptiste ad essere letto ed apprezzato in più di venti lingue in tutto il mondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2013-01-24 11:12:58 arthur
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
arthur Opinione inserita da arthur    24 Gennaio, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delicato e composto

Non sono una persona che ama sbilanciarsi eccessivamente, ma davanti a questa valutazione non potevo fare altro.
Libro davvero interessante, fuori dal comune.
Mi ha fatto davvero piacere leggere qualcosa che uscisse un pò dai soliti canoni, scritto (amio avviso) senza tenere eccessivamente conto del lato "commerciale",xper nulla banale o scontato.
Un libro che può davvero non piacere se non si entra in sintonia.
E' scritto in modo molto 'delicato' e notevolmente composto: ammiro la maestria dell'autore di essere stato in grado di mantere una coerenza della trama e dei personaggi in modo notevole.
Il libro ci porta a riscoprire uno dei sensi xhe più trascuriamo quotinianamete attreverso un personaggio che è in grado di misurare la realtà solo attraverso l'olfatto.
Grenuille...un personnagio lotando dalla realtà che si scopre 'senza odore', privo quindi di una personalità, incapace di comunicare con gli altri.
Ossesionato dalla riuscita del suo fine è capace di tutto pur di raggiungerlo(essendo privo di quasiasi freno inibitore e senso morale) si ritrova perduto una volta raggiuto il suo obbietivo più intimo.
Paradossalmente è arrivato a dover in qualche modo negare ciò che voleva pur di otternelo.
Mi viene in mente una frase di O Wilde che espime bene questa paradosso:'Ci sono due drammi per l'uomo: non riuscire ad otterene ciò che si desidera o riuscirci '.
Molto consigliato.
(perdonate il mio modo di esprimermi a dir poco 'frammentato)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2012-12-01 19:58:36 Chiara White
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Chiara White Opinione inserita da Chiara White    01 Dicembre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Col naso al vento

Quando salgo su un mezzo pubblico, e lo faccio quotidianamente, sono inondata da valanghe di "odori"...non so dire quanti ne riesco ad identificare, molti a dire la verità mi sembrano puzze terribili, ma certo sarebbe stato il paradiso per Jean-Baptiste Grenouille, un essere alla continua ricerca degli aromi che lo circondano e del profumo perfetto, dal momento che lui non ne emana. Il libro è scorrevole, a tratti ti perdi nelle descrizioni delle procedure "profumanti", delle strade di Parigi, dei personaggi che incontra il nostro protagonista. Forse troppo preso dalla ricerca del profumo perfetto, ho trovato che qui mancasse il cuore, troppo mega-egocentrismo e "grenouillismo"....perchè in fondo, mio caro Jean-Baptiste, anche noi umani qualunque non percepiamo il nostro odore... c'era bisogno di un finale tanto eccessivo? L'amore, il profumo è altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2012-11-09 12:34:28 Becky Ryan
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Becky Ryan Opinione inserita da Becky Ryan    09 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

O lo ami o lo odi

Un libro che non consente sfumature, o lo ami o lo doi. A mio parere è stata una lettura meravigliosa. Grenouille arrogante e pazzo sotto certi aspetti riesce a coinvolgere il lettore fin da subito accompagnandolo in viaggio, ed è il caso di dire "olfattivo" , in un'epoca macabra e affascinante. Non vi sono personaggi positivi, basti ricordare il marchese Taillade, perso nelle sue bugie e la vicenda, alla cui base c'è un omicidio. La storia infatti si svolge in un'atmosfera cupa ma alla fine la necessità da parte del protagonista di essere riconosciuto uguale agli altri riesce anche a farmi commuovere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2012-10-08 23:20:29 Kediler
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Kediler Opinione inserita da Kediler    09 Ottobre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

semplicemente intenso...nel bene e nel male

Ammetto di aver visto il film per la prima volta domenica mentre pranzavo e di averlo trovato interessante tanto da rubare il libro dalla scorta dei miei e ammetto di aver divorato le 260 pagine tra ieri e oggi (beato mal d'orecchie che mi trattieni in casa)...

Devo dire che dopo il film avevo dei sentimenti contrastanti:un misto di orrore e fascino, direi sconvolgente.
Il libro ha fatto tutto il resto...

L'eroe/antieroe va amato ed odiato allo stesso tempo: lo si ama con una goccia di orrore, e lo si odia con una goccia di attrazione.
Jean-Baptiste Grenouille nasce il 17 luglio 1783 (cinque anni prima dell'inizio della Prima Rivoluzione Francese) al Cimitero degli Innocenti, definito come il luogo più maleodorante e stantio del mondo. Ma Grenouille nasce con delle particolarità: non emana odore, ed ha un olfatto perfetto. La prima caratteristica lo porterà a perdere l'affetto materno e la cura delle balie, la seconda lo porterà a scoprire le sue innate capacità di profumiere, che lo portano a Grasse, città emblema per i profumieri francesi.
Grenouille è inarrestabile, è dotato dalla natura stessa. Grenouille non prova sentimenti, ma ha uno scopo ben preciso, che porta avanti fino alla fine, senza rimpianti e senza ripensamenti. E' un minuzioso ed un talento prodigioso nel mondo dei profumieri, il mondo è odore. Grenouille vuole una sola cosa: creare un profumo capace di generare amore negli uomini, ma questo non può essere una mera essenza di fiori di campo, alcool e legno; la vita e la morte sono collegate all'amore più di quello che pensavamo, Grenouille lo sa.
Grenouille uccide.

Per me il libro è stato davvero magnifico, amo le descrizioni minuziose quasi estreme ed ossessive, l'odore riesce a far dimenticare al lettore il dolore dell'assassinio, l'odore trasforma i cadaveri in spettri profumati....
l'odore creato da Grenouille tira fuori dall'uomo l'istinto primitivo dell'amore senza limiti precostituiti

Non credo lo leggerò ancora, a volte mi sembrava che gli odori ed i profumi invadessero casa...è un libro da leggere una volta nella vita...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Süskind
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2012-09-10 14:30:59 hottina92
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
hottina92 Opinione inserita da hottina92    10 Settembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un protagonista decisamente non amabile

Per quanto riguarda lo stile, nulla da dire. Molto scorrevole, pulito e di facile lettura.
Ciò che non mi ha convinta di questo libro è il contenuto.
Abbiamo questo protagonista, senza odore, brutto, rinnegato ed emarginato da tutti, perfino dalla madre. Un personaggio che inizialmente mi ha affascinato tantissimo perchè dotato di grande forza interiore, che nonostante fosse SOLO al mondo non si è mai arreso, ma anzi traeva forza dal suo duro lavoro. La prima parte del libro infatti mi è molto piaciuta, l'ho trovata intrigante e molto ben presentata.
Ciò che mi lascia perplessa è il resto del libro. La storia inizia a prendere una piega alquanto "viscida" e malata e forse sono queste le caratteristiche che non mi hanno convinta.
l'opera in sè è molto buona e la consiglio però di sicuro non rientra tra i miei libri preferiti in quanto il protagonista non mi ha fatto innamorare di sè (anzi in certi punti l'ho perfino odiato per la sua eccessiva freddezza e crudeltà) e perchè anche la fine non mi ha entusiasmato.
Secondo me, viene attribuita troppa importanza all'odore; è vero che ognuno di noi ha un proprio odore che lo contraddistingue però Suskind a mio parere ha esagerato in quanto l'intera opera è guidata da questi profumi che prendono il sopravvento sui personaggi, personaggi "spettro" oserei dire in quanto solo il loro aroma viene descritto al lettore, tralasciando la loro vera umanità.
Insomma, per tutta la fama che ha mi aspettavo un libro migliore, però posso capire il perchè in tanti lo apprezzino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2012-06-08 22:01:12 mariaangela
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    09 Giugno, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

viscido è l'aggettivo che mi viene in mente

Io l'ho trovato assolutamente viscido e fastidioso. Sarò considerata un'intrusa rispetto alle entusiastiche recensioni fin qui lette, ma devo dire di più: il più brutto libro che ricordo aver letto, l'ho finito perchè avevo la curiosità di vedere fin dove questa assurda storia voleva spingersi. Non ho trovato nulla di costruttivo così come letto in altre rece; se il protagonista fosse distrutto nell'animo perchè ama, desidera, ma condannato a vivere nell'oscurità allora forse...ma lui non desidera nulla di tutto ciò, non conosce neanche l'esistenza al mondo di alcun sentimento o sensazione che non sia quella di costruirsi l'odore più fantastico possibile, ma solo per se, è solo fine a se stesso. E poi ogni capitolo assolutamente identico al precedente, tutto ricomncia e anche il racconto non cambia per pagine e pagine interminabili.
E il finale....ma che....si penso proprio a quell'aggettivo!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Il profumo 2012-05-13 13:12:51 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    13 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

METAMORFOSI DEL PROFUMO.

L’olfatto, uno dei sensi che forse l’uomo utilizza di meno.
O meglio, capita spesso di ricorrere al nostro olfatto, ma il piu’ delle volte il suo utilizzo avviene per inerzia. Pensate ora di scrivere gli odori,di prendere carta e penna e parlare minuziosamente di un odore. Difficilissimo. Perche’ l’olfatto non e’ uno di quei sensi che si presta alla scrittura, e' un senso percettivo, arduo da descrivere, servono similitudini , paragoni, descrizioni di idee associabili ad un odore.
Suskind ha creato qualcosa di incredibile . Non solo ha descritto un odore, decine di profumi, centinaia di effluvi…Ha scritto un intero romanzo usando l’olfatto.
Questo libro e’ meravigliosamente unico ed io non ho mai letto nulla di simile.

Parigi. XVIII secolo.
Nasce un bimbo, per strada. La madre esausta dall’ennesima gravidanza non desiderata, in un clima di poverta’ e dissoluzione, recide il cordone ombelicale e getta il piccolo in terra , tra i resti dei pesci che sta ripulendo, tra i liquami putridi di un rovente e lurido vicolo parigino.
Nasce cosi’ Jean-Baptiste Grenouille , genio mostruoso nel fugace regno degli odori.
Un essere umano privo di odore, l'uomo con il dono dell'olfatto piu' incredibile della storia.

Cosi’ inizia la nostra lettura olfattiva, scopriremo attraverso i suoi disgustosi odori di sovraffollamento, sporcizia, sudore umano, carogne e cadaveri e corpi purulenti di malattia la citta’ di Parigi, osserveremo le sue piccole strade buie, i mercati di carne e verdura brulicanti di insetti e ratti, i mendicanti e i botteghieri e i nobili. Seguiremo Jean-Baptiste bambino orfano lavorare come schiavo garzone in una conceria, tra la puzza delle carogne da spellare, l’odore delle pelli da conciare, il puzzo degli acidi con cui trattarle.

Ammaliati osserveremo il lavoro di Grenouille ragazzino, garzone nell’antica bottega su Pont au Change di un mastro profumiere, mentre impara l’arte di creare profumi, pomate, candele e saponi profumati, tra ciprie di frumento,mandorle pestate, radici di viole polverizzate, polvere d’ambra , legno di sandalo, matite grasse rosso carminio per le labbra.
Ma non e’ tutto. Lasceremo Parigi e giungeremo infine a Grasse, l’Eden dei profumieri, il paese dei fiori. Dove Jean Baptiste potra’ finalmente possedere quanto da tempo anelato, l’arte di impossessarsi dell’odore delle cose : l'enfleourage. Un lungo, faticoso, ammaliante processo manuale. Tra bocce di alcool purissimo, presse, alambicchi.
Aprile, ginestre e fiori d’arancio.
Maggio il periodo delle rose.
Luglio, epoca dei gelsomini.
Agosto, mese delle tuberose.
E poi c’e’ l’aroma divino della perfezione, e poi c’e’ l’odore della morte.
Perche’ questo libro narra gli avvenimenti che gravitarono intorno la vita di un mostro, di un pazzo che aveva un sogno. E che il suo sogno’ realizzo’.

Splendido libro, a tratti cupo, fastidioso come l’insopportabile fetore dei liquami di Parigi.
A tratti splendidamente profumato come i campi fioriti di Grasse.
Affascinante e scorrevole, anche nei momenti piu’ statici.

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
261
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2012-04-03 18:48:55 DanySanny
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    03 Aprile, 2012
Ultimo aggiornamento: 23 Mag, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La disperata rincorsa all' "esistere"

Questo non è un romanzo di omicidi, non è la storia di un serial killer, né tantomeno quella di un folle. "Il profumo" è la negazione della vita, la rinuncia obbligata all'esistenza e il disiperato tentativo di essere visti, o meglio, percepiti. Suskind, attraverso il suo indimenticabile personaggio, Grenouille, ci mostra un dramma interiore che, sì può apparire improbabile, ma che in realtà, oggi, è sempre più evidente. Come Grenouille desidera essere visto, ascoltato, amato, così, nella società odierna, si è sempre in cerca di attenzioni, di essere compresi e di sfidare una spersonalizzazione dettata dall'omologazione a modelli mondiali dominanti.

Veniamo al testo. Ambientato in una maleodorante Parigi di fine Settecento, "Il profumo" narra la vita di Grenouille, un uomo che, a differenza di tutti, non possiede alcun odore, è come invisibile. Egli, però, possiede un naso eccezionale attraverso cui vede e di cui si nutre; tuttavia è anaffettivo, non prova alcun sentimento, se non un amore sfrenato per i profumi, ma mai per delle persone. E' da questa inquietante caratteristica che si sviluppa la vicenda: dal desiderio del protagonista di essere amato, di tornare ad essere riconosciuto dagli altri. Inizia così il suo peregrinare tra botteghe, luoghi incontaminati, città dominate dai profumi: il tutto senza essere mai notato, nel tentativo di creare un profumo grazie al quale essere ammirato e tornare a esistere veramente. Per far ciò, per sopperire a questo bisogno, Grenouille inizierà ad uccidere, a sacrificare vite per raggiungere il suo obiettivo, trasformandosi da sventurato a mostro. La sua, tuttavia, non è follia: egli segue un piano ben preciso, spietatamente logico e freddo, quasi disumano; se la sua fosse stata follia avremmo assistito ad una serie di eventi illogici e irrazionali. Il suo è un bisogno che, seppur ci appare ingiustificabile, necessita di comprensione. Cosa fareste se, pur vivendo, foste invisibili? Cosa fareste se foste certi di non poter essere soggetti a qualsiasi emozione? “Il profumo” tenta di rispondere a questi interrogativi, portandoli probabilmente all’estremo, ma mettendoci in guardia dall’impoverimento interiore.

Suskind, portando in scena il mondo degli odori, ne porta in luce la caratteristica fondamentale: quella di essere un indispensabile segno per il riconoscimento, dipingendo il ritratto di un epoca vista da una prospettiva inconsueta, quella degli odori. Uno stile duttile che, dalla semplicità della mera narrazione, diviene complesso e sfarzoso quando si descrive la complessa personalità del personaggio; il tutto senza mai cadere nel torbido, ma anzi, creando l’impressione di assistere ad ogni pagina a gesti d’amore.

Il vero senso del romanzo, però, si comprende alla fine, quando si legge un finale davvero disarmante capace di incrinare le idee del lettore costringendolo a riflettere, a smontare le proprie convinzioni e crearne delle nuove, necessariamente diverse dopo lettura. “Il profumo” non è soltanto la storia di Grenouille, ma è la vita di tanti uomini, che, seppur in termini differenti, non sentono di esistere e si sentono esclusi. Spero che questo romanzo venga letto come monito per non lasciare che la propria personalità, la cosa che veramente decreta la nostra esistenza, si annichilisca e perda importanza. Se siete finora stati trattenuti dal clima noir che si respira in questo romanzo, dagli omicidi e dall’apparente aspetto di thriller, sappiate che questi elementi sono soltanto espedienti per raccontare una verità inquietante ed innegabile. Dimenticate la trama e leggetelo, sarete avvolti in una spirale di profumi e, soprattutto, sarete affascinati e inorriditi da un personaggio geniale e multiforme, emblema della crescente spersonalizzazione dell’uomo moderno.

(La mia è un’interpretazione del tutto personale; ci si scusa per la lunghezza)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2011-09-03 16:47:46 Francj88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Francj88 Opinione inserita da Francj88    03 Settembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 03 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Profumo" dunque Sono!!

"Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell’apparenza, del sentimento e della volontà. Non si può rifiutare la forza di persuasione del profumo, essa penetra in noi come l’aria che respiriamo penetra nei nostri polmoni, ci riempie, ci domina totalmente, non c’è modo di opporvisi."

Süskind apre in maniera sfrontata e senza falsi pudori il mondo nascosto degli odori e ce li sbatte davanti agli occhi, o per meglio dire al naso, almeno nella sua parte cerebrale.

Jean-Baptiste Grenouille, nato il 17 luglio 1783 nel luogo più puzzolente di Francia, il Cimetière des Innocents di Parigi, rifiutato dalla madre fin dal momento della nascita, rifiutato dalle balie perché non ha l'odore che dovrebbero avere i neonati, anzi perché «non ha nessun odore», rifiutato dagli istituti religiosi, riesce a sopravvivere a dispetto di tutto e di tutti. E, crescendo, scopre di possedere un dono inestimabile: una prodigiosa capacità di percepire e distinguere gli odori. Forte di questa facoltà, Grenouille decide di diventare il più grande profumiere del mondo, e noi lo seguiamo nel suo peregrinare tra botteghe odorose, apprendista che presto supera in breve ogni maestro passando dalla popolosa e fetida Parigi a Grasse, città dei profumieri nell'ariosa Provenza.

L'ambizione di Grenouille non è quella di arricchirsi, né ha sete di gloria; persegue, invece, un suo folle sogno: dominare il cuore degli uomini creando un profumo capace di ingenerare l'amore in chiunque lo fiuti, e pur di ottenerlo non si fermerà davanti a nulla.
L'autore ci accompagna in questo folle viaggio con una prosa sontuosa, con uno stile impeccabile e dimostra di essere abile con le parole, tanto quanto la sua creatura Grenouille lo è nel giocare con i profumi. Le descrizioni sono così dettagliate che riescono ad ammaliare il lettore facendo percepire chiaramente colori, sfumature, sapori, essenze, odori, mettendo in gioco tutti e cinque i sensi.
Questo libro mi ha catturata fin dalle prime pagine e il suo potere di attrazione mi ha portata a leggerlo in pochissimo tempo. Finalmente dopo diverso tempo ho letto un libro che fosse non solo ben scritto, ma dalla trama geniale, innovativa e ben sviluppata. Un senso di ironia grottesca e a tratti inquietante domina il romanzo fino allo sconvolgente finale..

Che dire.. Suskind mi ha conquistata!! :)



















Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2011-08-27 19:37:04 gracy
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
gracy Opinione inserita da gracy    27 Agosto, 2011
Ultimo aggiornamento: 27 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Profumi e puzzette!

L'inizio è stato scoppiettante poi non ha mantenuto lo stesso ritmo, troppi scivoloni e situazioni che ho trovato forzate pur di far apparire scioccante e credibile tutta la storia di quel farabutto di Jean-Baptiste Grenouille. Contrariamente il film mi è piaciuto di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
17
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2011-04-07 13:28:50 vladmorigi
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
vladmorigi Opinione inserita da vladmorigi    07 Aprile, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Profumo

Divorato in pochissimo tempo!
Un romanzo veramente particolare con una trama decisamente fuori dalle righe, uno stile gradevole e un finale tutt'altro che scontato.
Mi è piaciuto davvero molto e personalmente lo ritengo uno di quei libri da leggere assolutamente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
33
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2011-03-29 13:10:12 sabrinat2601
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    29 Marzo, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Provate un po a non respirare....

"Gli uomini potevano chiudere gli occhi davanti alla grandezza, davanti all'orrore e turarsi le orecchie davanti a melodie o a parole seducenti. Ma non potevano sottrarsi ai profumi. Poiché il profumo è fratello del respiro. Con esso penetrava gli uomini, a esso non potevano resistere, se volevano vivere. E il profumo scendeva in loro, direttamente al cuore e là distingueva categoricamente la simpatia dal disprezzo, il disgusto dal piacere, l'amore dall'odio. Colui che dominava gli odori, dominava il cuore degli uomini."

Jean-Baptiste Grenouille, il protagonista, è un orfano deforme al quale mancano due cose fondamentali: il profumo e il cuore. E' insensibile quanto inodore, ma ha un unica immensa capacità: un senso dell'olfatto perfetto. Convinto di poter conquistare il genere umano solo quando avrà trovato quella fragranza che costringerà le masse a genuflettersi al suo cospetto, inizia così la ricerca dell'aroma, dell'effluvio perfetto.
Il suo metodo è raccapricciante quanto terrificante:l'omicidio di giovani donne dotate di estrema bellezza....ha inizio così la caccia. Come una bestia annusa le sue vittime e ne usa il corpo per creare le sue "essenze".

Amgosciante ma bellissimo thriller.
Consigliatissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2011-03-15 23:20:35 orso
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
orso Opinione inserita da orso    16 Marzo, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il profumo

Un romanzo fuori dai soliti schemi, letto un po’ di anni fa, ma amato subito e mai più dimenticato; semplicemente geniale e straordinario sia per la trama che per il suo sviluppo, dove il coinvolgimento del lettore è totale perché questo libro o si ama o si odia.
L’autore ci introduce alla lettura facendoci conoscere il piccolo orfano Jean-Baptiste Grenouille, protagonista unico e molto ben tratteggiato di questa storia ambientata nel diciottesimo secolo in Francia; e poi ci fa scivolare pian piano in una storia che dà spazio all’amore, all’odio, all’ossessione, alla follia, passando attraverso l’angoscia, l’orrore e la crudeltà; ma è l’assoluta maestria con cui viene raccontato tutto questo mondo di odori e di stati d’animo vissuti così intensamente che rende il romanzo unico.
Lo stile di scrittura è eccellente ed intenso capace di trasmettere completamente al lettore gli stati d’animo del protagonista; la descrizione dei luoghi maniacalmente minuziosa è tale da rievocare e farci vivere i profumi ed i fetori della Parigi del tempo oppure farci percepire i muschi dei boschi o l’umido delle caverne.
Un romanzo che ci porta alla scoperta o alla riscoperta oppure alla consapevole conferma che esiste un mondo di sensazioni e sentimenti che si manifesta attraverso il senso dell’olfatto. Non tutti sono capaci di cogliere questi aspetti perché troppo superficiali e distratti da altro; oppure perché non educati al senso dell’olfatto ed alle sensazioni che evoca pensiamo: ad un buon vino, un buon cibo, una buona essenza ma anche un fetido odore cosa può evocare in noi e fino a cosa ci può spingere???

Un libro emozionante, da scoprire e condividere, che non si dimentica facilmente! Questo è poco ma sicuro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2011-01-15 11:53:24 _EmmA_
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
_EmmA_ Opinione inserita da _EmmA_    15 Gennaio, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La scrittura olfattiva

Bellissimo libro. Semplicemente. La genialità di Suskind sta nell'essere riuscito a far percepire al lettore gli odori, cosa ovviamente impensabili. Che io sappia, nessun altro ci è mai riuscito così bene. In molti punti la storia diventa statica, non succede nulla nel senso letterale del termine (come nel periodo che Grenouille trascorre nella caverna), ma l'autore riesce, non si sa come, a immergere il lettore nel mondo degli odori, nella mente contorta e straordinaria del protagonista, e a far scorrere la narrazione continuando a mantenerla, appunto, statica. P

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
91
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2011-01-10 21:36:43 Giulss
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Giulss Opinione inserita da Giulss    10 Gennaio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il profumo che silenzioso domina

Ho seguito passo passo Grenouille nelle sue scoperte , fantasie , pensieri , follie.
La descrizione degli odori e dei profumi rende vivo quel libro , fa tornare spesso a ricordi legati a un particolare aroma.. del legno , dell'incenso..
Ho amato il periodo in cui vive nella caverna , le sue sensazioni , come se agisse secondo istinti primitivi , tutto così semplice , ma così bello , la natura e l'aria fresca , l'odore dell'umidità e della roccia.
Ha risvegliato ulteriormente in me il piacere dei profumi o dei più semplici odori , è così dopo aver letto un libro , si fa più attenzione a quell'aspetto che abbiamo seguito
durante la lettura.

Grazie a Patrick Suskind per la sua fantasia
e per il finale inaspettato

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-12-16 07:27:17 Manem
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Manem Opinione inserita da Manem    16 Dicembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'odore della vita

Ho trovato molto interessante ed originale raccontare la storia facendo percepire al lettore l'odore che c'è dietro ad ogni cosa. Sembra di sentirli davvero!!! Lo stile è molto descrittivo e narrativo, con pochi dialoghi, scorrevole e piacevole.
La storia mi è sembrata molto surreale e quasi paradossale mettendo in mostra un protagonista che è a dir poco eccessivo e caricaturato. Su alcune cose credo che sia difficile crederci! La storia potrebbe così sembrare banale e ridicola, soprattutto sul finale, se non si volesse cogliere il significato profondo che ne sta dietro riguardo realtà che viviamo: il proprio odore ci rende "umani". Ci rende partecipi di questo mondo e, nello stempo tempo, ci aiuta ad accettare gli altri, anche se non ce ne accorgiamo. Il protagonista, invece, non avendo un proprio odore, aveva comunque capito della sua importanza e lo ricerca in ogni cosa per potersi sentire accettato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-11-30 14:18:25 gio gio 2
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
gio gio 2 Opinione inserita da gio gio 2    30 Novembre, 2010
Ultimo aggiornamento: 06 Settembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il profumo...l'essenza dell'essere...

Il profumo,gli odori dai piu' buoni ai piu' terribili sono in grado di evocare ricordi,di suscitare emozioni in ogni essere vivente,con l'odore ci si riconosce.
Genouille,nel 1738 nasce nel luogo più puzzolente della Francia,completamente privo di odore,viene rifiutato da tutti,egli vive "incapsulato" in se stesso come una zecca e nulla è in grado di donare al mondo,non possedendo nessunissimo ODORE è la rappresentazione del "nulla" del "non essere".
L'unico dono che possiede,oltre alla straordinaria forza di sopravvivere persino a malattie mortali,un fiuto affinato in modo inverosimile,la capacità prodigiosa di distinguere gli odori anche da lontano.Cercando di mettere a frutto questa sua UNICA QUALITA' decide di divenire il piu' grande profumiere del mondo,ma Genoille non mira al denaro,ne alla gloria,vuole impossessarsi del mondo creando un profumo che susciti amore verso di lui in qualunque essere vivente,rubando l'odore di fanciulle dalla straordinaria bellezza,uccidendole.
Ma questa strana sorta di vittima ed insieme carnefice,per il quale il lettore prova un ribrezzo misto ad un certa sorta di pietà rendendosi conto che è cosi perchè COSI la sua natura l'ha voluto,non sarà mai in grado di amare e nemmeno di accetare l'amore da parte di nessuno nel suo cuore e nella sua mente.
Dentro di lui esistono SOLO gli odori.

Una lettura dal fascino tenebroso, tinta di giallo e nero,Patrick Suskind,l'autore, è stato paragonato a Umberto Eco e un Italo Calvino in nero,lo stile accurato rievoca perfettamente la Francia del 1700,creando una favola nera nella quale il protagonista cela il desiderio "nascosto" di "essere", di "esistere" ma contro la propria natura non si può andare...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
281
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-10-05 10:42:52 Greco
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Greco Opinione inserita da Greco    05 Ottobre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutto d'un fiato

Devo premettere che ho letto il libro alcuni anni fa, ma il ricordo è ancora vivissimo. Me lo sono mangiato in pochi giorni, perchè pur avendo molta fantasia (in passato mi ero occupato molto di letteratura e storie del lato ombra ecc.), ogni nuovo passaggio, dall'attrazione iniziale alla distruzione finale non ha eguali. Una ricerca "diversa" dell'essenza pura che un corpo di fanciulla può emanare. Geniale!
Grazie Suskind.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-10-04 19:05:26 patty81
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
patty81 Opinione inserita da patty81    04 Ottobre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

fiaba nera

è uno dei libri più sorprendenti che io abbia mai letto.una fiaba nera in cui il protagonista ha il cuore malvagio ed è guidato solo dal suo narcisismo malato.la figura di grenouille è talmente verosimile da far rabbrividire,non ha nessun scrupolo verso l'essere umano, nessuna morale... un serial killer autistico.il narratore onnisciente che racconta ci trasporta all'indietro nel tempo con naturalezza ed emozione.un romanzo indimenticabile dove gli odori sono la chiave per capire il cuore degli uomini.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chiunque... è uno dei capolavori della letteratura che i nostri figli studieranno a scuola
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-09-20 11:12:11 Esteréternité
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Esteréternité Opinione inserita da Esteréternité    20 Settembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Profumo, importanza dell'olfatto

Il profumo ha una forza di persuasione maggiore di qualsiasi altra diabolica tentazione. E'invitante, seducente, può condurci al buonumore, o al disprezzo, allo schifo. Ecco un libro che non usa solo gli unici due sensi coinvolti nella lettura (la vista, per leggere, e aggiungerei anche il tatto, la sensazione delle pagine tra le dita è un richiamo mentale di altissima potenza). Un libro che, oserei dire, si può respirare. Sono sorpresa dall'abile maestria di Suskind di inventare, ricreare e trascrivere gli odori più pungenti di quell'universo così puzzolente della grande città, e dall'altrettanto riguardo dato al descrivere i profumi celestiali. In seguito a due visite guidate a Grasse, mi è venuto molto semplice immaginare Jean-Baptiste estasiato di fronte alla tradizione di creare profumi: il suo respirare a fondo, a pieni polmoni, il dilatarsi delle narici che lasciano traspirare il profumo, e l'intero lavorìo del cervello per immagazzinare e riconoscere un aroma. E, aggiungo, quello stesso cervello da criminale incompreso capace di cattiveria, ma al contempo di innocenza, mi ha emozionato. E' terribile chiedersi il perchè di tutte quei omicidi, è terribile anche il solo pensiero di distillare il profumo dell'amore. Ma Jean-Baptiste ci è riuscito, e con risultati eclatanti: ed è per questa ragione che non sono riuscita a detestarlo. Tutt'altro, direi. E' stato un libro che mi ha insegnato a respirare con più profondità, e che mi ha avvinto incredibilmente (la sera non riuscivo a staccarmi dalle sue pagine). La trama è fitta ma ben organizzata, il giallo è macabro e lugubre, e lo stile, il lessico usati da Suskind sono straordinariamente dettagliati e lineari. Un libro coinvolgente, amaro, ma geniale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi non si fida solo della vista e del gusto, ma anche dell'olfatto.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-09-05 09:48:57 chatnoir
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
chatnoir Opinione inserita da chatnoir    05 Settembre, 2010
Ultimo aggiornamento: 05 Settembre, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fiaba reale

Il Profumo è un libro molto intenso, il cui titolo può trarre in inganno, facendoci credere che si tratti di una storia molto dolce. Non potremmo essere più in errore. La trama del libro è terrbilie,bellissima, ma terribile, senza pietà alcuna per il lettore, che è coinvolto trascinato dentro un mondo che sembra di fiaba, ma invece ha elementi talmente reali da sembrare tangibile, e una volta che ne è catturato non è più spettatore passivo degli avvenimenti, ma diviene partecipe, quasi colpevole degli avvenimenti più atroci del libro. A sottolinerare il legame del libro con le fiabe è anche il modo terribilmente facile e semplice con cui vengono descritti omicidi e assassinii. Le descrizioni di Suskind sono incredibilemtne belle e coinvolgenti, ma spesso anche molto crude. In conclusione un libro da leggere assolutamente, poichè susciterà emozioni fortissime dentro di voi. Lo amerete, Lo odierete, ne avrete addirittuara paura, e tutto questo avverrà allo stesso tempo, in modo che, una volta letta l'ultima pagina vi chiederete cosa vi ha colpito!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-09-04 17:37:02 Celia
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Celia Opinione inserita da Celia    04 Settembre, 2010
Ultimo aggiornamento: 04 Settembre, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Profumo

Un libro che può cambiare la visione della vita.
Ti mette in testa idee e ipotesi a cui non saresti mai arrivato.
Uno stile a volte noioso o troppo dettagliato non permette lo scorrere del libro, ma ne vale sicuramente la pena in vista del contenuto e del finale.
"L'essenza" del libro è davvero geniale e il protagonista è un tipo di personaggio nuovo ed intrigante. Potrei quasi dire che ti mette dal punto di vista del "cattivo".
Un argomento e un ragionamento così folle ma fondato, da non poter vedere un verità diversa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-09-02 13:15:06 Frans
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Frans Opinione inserita da Frans    02 Settembre, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’uomo senza odore, l’uomo senza amore

L’ho letto da poco, purtroppo dopo aver visto il film. Ma nonostante tutto le immagini descritte dal libro hanno sostituito del tutto quelle del film.

Il protagonista è uno di quei personaggi che sono destinati a rimanere vivi nella storia della letteratura. Il lettore può dimenticare nel tempo le vicende del romanzo, ma il ricordo di Grenouille rimane impresso nella memoria come se fosse vero.

Caratterizzato in modo egregio, con una psicologia per nulla facile da concepire e descrivere, è una figura di rara intensità e di indubbio fascino.

La storia inizia con l’immagine di questo piccolo dall’infanzia difficile, ma Suskind scoraggia da subito il lettore dai facili pietosismi.
Grenouille ha un solo senso con cui si muove nel mondo, ma soprattutto l’unico che deve soddisfare per vivere. E’ guidato dall’istinto, è un predatore e va avanti seguendo il bisogno di rapire l’odore di tutto ciò che vuole esista e persista per lui.
Così anche dell’amore non sa che farne, se non respirarne e conservarne l’odore

Un personaggio per certi versi tragico, la sua ricerca lo porterà a diventare un essere superiore a tutti gli uomini, e ad avere in mano il potere più grande. Ma rimarrà comunque invisibile agli uomini e questa sarà la sua tragedia più grande.
Uno dei migliori libri che ho letto

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-08-26 08:17:09 marbald75
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
marbald75 Opinione inserita da marbald75    26 Agosto, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piacevole e diverso

Un libro molto particolare che coinvolge il lettore sin dalle prime pagine e illustra uno dei personaggi più intensi e particolari della narrativa degli ultimi tempi (anche se poi il libro in questione è del 1985). Va detto che il tutto risulta un pò fiabesco, ma comunque molto molto piacevole alla lettura e con un finale inaspettato che non ricalca il film prodotto nel 2006.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-08-15 07:11:41 tharros29
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
tharros29 Opinione inserita da tharros29    15 Agosto, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

piacevole

L'avevo letto tanto tempo fa e di recente l'ho ripreso in mano e ho potuto constatare che è sempre una piacevole lettura,scritto bene,trama avvincente,buona ricostruzione storica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
03
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-08-08 10:17:50 Nené
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nené Opinione inserita da Nené    08 Agosto, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una buona lettura

Un buon romanzo, scritto bene e con una trama originale, che non risparmia al lettore un epilogo inaspettato e dalle tinte forti. Fedele al titolo, l'autore regala interessanti descrizioni dei profumi che guidano la vita del protagonista e che costituiscono la vera essenza della narrazione. Ed è proprio la ricerca dell'essenza, del profumo più puro, che conduce Grenouille in una spirale di azioni violente che lo condurranno verso la fine.

Non esattamente un capolavoro, ma comunque una piacevole lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-07-24 14:03:51 Polly*
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Polly* Opinione inserita da Polly*    24 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Capolavoro

L'ho divorato in 4 giorni,è ricco di particolari,ti prende immediatamente.
Hai il fiato sospeso fino alla fine.E che fine.
Uno dei libri piu'belli e intensi che io abbia mai letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-06-15 12:39:40 mixo
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
mixo Opinione inserita da mixo    15 Giugno, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

le noveau parfum

Grenouille è un reietto, uno scarto della società, un essere impercepibile, privo persino di odore. A discapito di tutto ciò, egli ha un dono, il suo olfatto. La sua vita non segue i canoni cui tutti sono abituati a parametrarsi, lui non guarda ne ascolta, lui annusa. Col passare del tempo impara a riconoscere fragranza così delicate da essere assolutamente sconosciute agli altri, fragranze per il cui possesso arriverà ad uccidere, sacrificando giovani fanciulle per ricavarne un essenza che a suo avviso solo lui è in grado di amare, l'essenza dell'amore, quell'amore di cui lui è sempre stato privato. Un libro assolutamente affascinante, piacevole, scritto in modo un po fiabesco ma non per questo meno ricco di significato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-04-30 09:58:41 leadger
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
leadger Opinione inserita da leadger    30 Aprile, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non è la solita storia

Per me è stato una vera e propria rivelazione: originale ed intenso. Il personaggio di Grenouille è indimenticabile. Molto ben descritte le sensazioni e la continua ricerca per catturare l’essenza delle cose.
il libro sembra essere stato scritto per dirci di non lasciarci ingannare dall'apparenza delle cose.
Ma quello che ha reso questo libro così interessante è a mio avviso il tono fiabesco utilizzato dal narratore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-04-16 10:42:55 Tanu
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    16 Aprile, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un capolavoro

Un libro che ti si attacca alla pelle come i profumi descritti, che ti prende allo stomaco e non ti lascia più andare. Un vero capolavoro della letteratura moderna che coinvolge emotivamente il lettore in maniera irresistibile.
Bello, bello, bello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2010-02-04 08:21:23 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    04 Febbraio, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Macabro e accattivante

Un libro che può togliere il sonno a chi lo legge...
Se la fantasia dell'autore si calasse nella realtà susciterebbe terrore..
Con uno stile elegante e scorrevole lo scrittore traccia il profilo psicologico di un serial killer dopo averne raccontato l'infanzia quasi per provocare nel lettore uno stralcio di pietà e simpatia per l'assassino...
Man mano che la storia si snoda l'interesse aumenta e conduce il lettore in un intreccio che lo tiene in sospeso fino all'ultimo respiro.
Un libro che sa sconvolgere e accattivare allo stesso tempo.
Complimenti all'autore.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio agli amanti del Thriller...
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2009-07-24 12:47:38 positiva
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da positiva    24 Luglio, 2009

il profumo ! Lo consiglio

Non trovo un'unica definizione di questo libro.

Appassionante, duro, macabro, emozionante, contrastante.



Leggendolo ho avuto la sensazione di sentire l'odore dei posti descritti dall'autore, delle sensazioni, della gente.

I profumi uscivano dalle pagine.



Il personaggio mi ha colpito per la sua freddezza nel percepire il mondo visto con gli altri sensi e per la perversa sensibilità di sentirlo tutto attraverso gli odori.

Non è interessato a niente, non ama niente e non arriva a niente di cio' che vede o sente ma è affascinato da tutto cio' che respira, che cataloga, memorizza, ama fino alla ricerca maniacale, megalomane, per potersene impossessare.



Grenuille cattura l'essenza delle cose, non le apparenze, come succede al resto della gente comune "puzzolente".



E' consapevole di desiderare il profumo della fanciulla, non la fanciulla in sè. Mentre il mondo continua a pensare che cio' che si desidera sono COSE o PERSONE in realtà quello che li affascina sono solo i loro odori, solo che non lo sapranno mai.

Lui non ha odore e le persone non si accorgono nemmeno di lui. Non ispira alcun sentimento agli altri. Dopo che crea il "suo" profumo perfetto,quasi angelico,diventa irresistibile agli occhi del mondo.



Lo consiglio a tutti quelli che, come me, con l'olfatto scoprono il mondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2009-05-16 01:05:34 fabiomic75
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
fabiomic75 Opinione inserita da fabiomic75    16 Mag, 2009
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Niente male

Devo dire che è stata una bella sorpresa. Mi aspettavo qualcosa di diverso, un romanzo più crudo, violento, in realtà ho trovato che gli omicidi siano tutto sommato marginali e funzionali solo all'epilogo del racconto. A colpire infatti è la triste storia del protagonista e l'ottima proprietà di linguaggio di Suskind. Lo consiglio pertanto soprattutto a chi piace un tipo di racconto per niente "leggero", ricco di aggettivi e mai avaro di descrizioni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2009-04-02 14:19:56 ELISA E LA BETTA
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ELISA E LA BETTA Opinione inserita da ELISA E LA BETTA    02 Aprile, 2009
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Voglio diventare un naso!

Libro bellissimo. Originalissima l'idea di improntare la storia sul senso dell'olfatto. Le descrizioni sono cosi accurate che i profumi durante la lettura sembra di sentirli davvero! Dopo questo libro giuro che mi sarebbe piaciuto diventare un Naso. Da leggere assolutamente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2009-03-23 19:13:51 Alessandro
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Alessandro    23 Marzo, 2009

geniale..!!

di sicuro non è un libro impegnato.. non ti fa riflettere troppo su argomenti profondi.. non ti strugge come altri romanzi.. non ti fa porre domande esistenziali.. insomma il classico libro da leggere sotto l'ombrellone.. ma alzi la mano chi crede che questo libro sia banale, scontato, monotono e scritto male...

insomma.. originale è dir poco.. io l'ho definito geniale.. e di sicuro piacevole da leggere.

consigliato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2008-12-30 20:15:49 Alatiel
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Alatiel Opinione inserita da Alatiel    30 Dicembre, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che profumo!

Il libro più originale che uno si può aspettare.

Un'idea geniale sviluppata con grande abilità!

Un uomo senza odori, rifiutato dal mondo, che vuole creare un profumo irresistibile... e come ci riuscirà?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri intelligenti
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2008-11-12 16:42:23 cosimo
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da cosimo    12 Novembre, 2008

coinvolgente

e´uno dei libri migliori da me letti negli ultimi anni. Lo consiglio a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2008-11-09 09:29:59 eli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
eli Opinione inserita da eli    09 Novembre, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

uno dei personaggi più originali di sempre!

Ho volutamente evitato di vedere il film per non rovinare l'effetto "sinestetico" che regala il libro: durante la lettura non puoi evitare di "annusare il mondo con altri occhi".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per chi vuole sperimentare un'esperenza "sinestetica"
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2008-11-07 04:29:23 bucintoro
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
bucintoro Opinione inserita da bucintoro    07 Novembre, 2008
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il profumo

splendido libro,scritto in modo avvincente e coinvolgente. si legge di un fiato. dopo poche pagine anche al lettore sembrera' di "sentire" i vari profumi descritti in modo sublime e avvolgente. finale duro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
la ragazza con l'orecchino di perla
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2008-11-03 07:08:00 romlde
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da romlde    03 Novembre, 2008

Il profumo

A volte scioccante, letto subito senza sosta, sul treno Milano-Pescara, non solo, con tutte le persone che salivano e scendevano ero condizionata ad annusarle.... e a pensare chissà che odore emano io! stupefacente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo 2008-10-17 04:01:40 gandulona
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
gandulona Opinione inserita da gandulona    17 Ottobre, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

bello

Bello, un po' noioso quando si isola nella grotta.. è il primo regalo che ho fatto al mio fidanzato insieme a "Elogio della Pazzia". Fortunatamente ha apprezzato.

E' un libro che merita!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
03
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti