Narrativa straniera Romanzi L'eterno marito
 

L'eterno marito L'eterno marito

L'eterno marito

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Questo romanzo breve racconta la crisi dei quarant'anni di un facoltoso, ozioso e mondano proprietario terriero di nome Vel'caninov. Pur essendo un "omone" sta attraversando un periodo di profondo malessere. Soffre d'insonnia, è angosciato da un vago senso di colpa, ha perfino delle allucinazioni o per lo meno crede di averle. Un uomo con un nastro nero di lutto sul cappello lo segue, lo pedina, lo sorveglia. Ma ad un tratto Vel'caninov scopre che non si tratta di un'allucinazione bensì di una persona reale. E Pavel Pavlovic, l'eterno marito, non può sapere che la moglie l'ha tradito con lui. Ma allora perché tanta ambiguità? Così comincia un rapporto bizzarro simile a un duello portato avanti da due schermitori abili e accaniti.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'eterno marito 2017-04-18 12:07:16 Cristina72
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    18 Aprile, 2017
Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che cosa vuole?

I personaggi dei grandi scrittori russi, preda di rimuginamenti ossessivi, spesso con qualche linea di febbre di origine nervosa, si riconoscono subito per il linguaggio stravagante e per quei tratti caratteriali tormentati che rasentano il delirio.
Vel'caninov, il protagonista di questo romanzo, incarna alla perfezione il tipo suddetto, in piena crisi esistenziale per l'età che avanza (si trova alle soglie dei quarant'anni) e per le lungaggini di un processo su un possedimento di cui non riesce a venire a capo.
Ed ecco, direttamente dal passato, l'imprevisto: un certo Pavel Pavlovic, marito di una sua ex amante e vecchio “amico”, si rifà vivo. Che cosa vuole?
C'è un conto rimasto in sospeso, innanzitutto, una bambina che nella vicenda sembra fare da agnello sacrificale, e poi Pavel Pavlovic vuole per qualche ragione accostarsi alla vita di Vel'caninov, ai suoi successi con le donne, al fascino un po' libertino che in lui ha sempre ammirato.
Tra i fumi dell'alcol, scarica nell'animo già esacerbato del malcapitato le sue inquietudini, la sua sofferenza di eterno marito inesorabilmente cornuto.
Ci riesce quel tanto che basta a sconvolgerlo per qualche settimana, e l'incontro-scontro tra i due, drammatico per certi versi ma sempre stemperato da una sottile ironia, mette magistralmente in luce tutta la poliedricità che l'essere umano ha sviluppato nel tempo per barcamenarsi tra gli alti e i bassi dell'esistenza.
Interessante, per chi voglia osservare i meccanismi psicologici che stanno alla base di certi comportamenti contraddittori e il peso che ha il caso sugli stessi.
Osservare, beninteso, senza capire fino in fondo, giudicando, forse, o giustificando, a seconda del grado di empatia che ciascun personaggio suscita in chi legge.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'eterno marito 2015-10-27 17:02:06 viducoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
viducoli Opinione inserita da viducoli    27 Ottobre, 2015
Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un tono inatteso....

... ma sotto la superficie è sempre Fëdor Michajlovic

Grazie a questo breve romanzo, la galleria dei personaggi Dostoevskijani si arricchisce di una nuova perla. Si tratta di Pavel Pavlovic Trusockij, l’eterno marito del titolo, personaggio grottesco, quasi gogoliano, la cui tragicità ed umanità deriva in buona parte, come spesso nei personaggi del nostro autore, dalla contraddittorietà del suo agire.
Segnalo innanzitutto il tono del romanzo, che differisce da quello dei più noti capolavori del nostro per la leggerezza e l’ironia che lo pervade. Non mancano certo momenti tragici e di forte tensione emotiva, ma l’impressione è che per questo romanzo Dostoevskij abbia preso a modello quella parte della letteratura russa della generazione a lui antecedente, il cui massimo esponente è stato appunto Gogol’, che ha utilizzato l’arma dell’ironia e della satira per descrivere l’animo umano e i tratti della società russa. Anche l’uso della terza persona nel narrare, non così comune nel nostro autore, accentua il senso di distacco satirico dai personaggi.
La storia è molto semplice: durante un’estate a Pietroburgo, Vel’càninov, ex viveur affetto da ipocondria, reincontra Pavel Pavlovic Trusockij, che si viene a sapere essere stato il marito di una signora disinvolta, di cui Vel’càninov era stato anni prima, in una città di provincia, l’amante, frequentando la famiglia come amico. La signora ora è morta, e leggendo si comprende che Trusockij è venuto a Pietroburgo proprio per incontrare Vel’càninov, in compagnia della giovane figlia lasciatagli dalla moglie defunta.
Tutto il romanzo è giocato sul pregresso non detto tra i due: nella prima parte Vel’?àninov cerca di capire se Pavel Pavlovic sa. Naturalmente Pavel Pavlovic sa, e nutre per Vel’càninov un complesso rapporto di amore-odio che lo spinge da un lato a cercare ossessivamente la sua compagnia, dall’altro a cercare addirittura di ucciderlo. La storia si dipana sino all’ultimo incontro tra i due alcuni anni dopo le vicende principali.
Dostoevskij, avvalendosi della più classica delle situazioni familiari – il triangolo – fa di Pavel Pavlovic Trusockij un archetipo dell’animo russo dei suoi tempi, e lo rappresenta come colui che conosce la realtà ma si rifiuta di affrontarla di petto, non sa come rapportarsi rispetto ad essa, oscilla irresolutamente tra una sua passiva accettazione ed un velleitario ribellismo, che non porterà a nulla. E’ il classico tema dostoevskijano, trattato però, come detto, in chiave ironica e satirica.
Bellissimo e conseguente il finale: come detto, i due si reincontrano per caso dopo alcuni anni in una stazione ferroviaria: Pavel Pavlovic si è risposato, ed anche questa volta, ci suggerisce velatamente l’autore, la moglie lo tradisce. Vel’càninov, da uomo di mondo, intuisce la situazione, che è ancora una volta accettata passivamente da Pavel Pavlovic, vero eterno marito, per usare l’eufemismo dostoevskijano.
La grande metafora giunge quindi a conclusione stilando il suo ultimo verdetto: all’uomo russo, al popolo russo non rimane che lasciarsi soverchiare dalla realtà, per quanto sgradevole e ingiusta possa essere, perché è troppo gretto e meschino per poterla cambiare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gogol' e si vuole avvicinare a Dostoevskij
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'eterno marito 2015-10-26 20:57:09 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    26 Ottobre, 2015
Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A chi gatto, a chi topo

“Secondo lui, l'essenza di tali mariti consisteva nell'essere, diciamo così, 'eterni mariti', o, per meglio dire, nell'essere nella vita soltanto mariti e nient'altro. Un individuo simile nasce e si sviluppa solamente per ammogliarsi e, una volta ammogliato, per trasformarsi unicamente in un'appendice della moglie, anche quand'egli abbia una personalità sua, ben determinata. La proprietà essenziale di un simile marito è quel certo ornamento. Egli non può non essere cornuto, così come il sole non può non risplendere, però non soltanto non ne sa mai nulla, ma non potrà mai saperlo per le leggi medesime della natura.”

Alla soglia dei quarant'anni, a Vel'caninov tocca misurarsi con l'idea che il tempo di godersi la vita sia finito.
Ne prende atto con la consapevolezza di essere di fronte ad una legge di natura: ad ognuno – anche a chi è, come lui, di piacente aspetto – tocca abbandonare una vita vissuta per le conquiste sessuali o per altri piaceri.
Se non fosse che, del tutto inaspettato, dinanzi alla porta del suo appartamento si presenta uno stranito Pavel Pavlovic: un uomo insignificante, che Vel'caninov ben ricorda per la sola ragione di aver fatto di sua moglie una delle proprie amanti; e viceversa, visto che anche lei, Natalia Stefanovna, non disdegnava l'altrui compagnia. D'altronde come sarebbe potuto essere altrimenti? Pavel Pavlovic risponde perfettamente alla definizione dell' “eterno marito” (come Vel'caninov la declina), allo stesso modo in cui l'attraente Natalia Stefanovna coincide pienamente con l'idea di moglie di un “eterno marito”.
Il problema è, dunque, uno solo: che ci fa a Pietroburgo, proveniente dal lontano paese di T., il povero Pavel Pavlovic? E chi è la bambina che lo accompagna e che lui tratta in modo così scostante e vessatorio?

Un Dostoevskij “minore” (se è lecito dirlo di Dostoevskij), che ne “L'eterno marito” mette in scena una godibile variante del gioco del gatto col topo.
Un filo narrativo che perciò si districa tra due opposti registri: uno drammatico, l'altro più vicino alla commedia. Il primo non è che quel peculiare metodo di “scavo psicologico” nel quale lo scrittore russo è maestro (e che gli è valso la costruzione di personaggi letterari immortali); il secondo è da lui ottenuto potenziando lo sguardo ironico e cinico comunque sempre presente nelle sue opere.
Il Pavel Pavlovic che si presenta al protagonista della storia – l'elegante e mondano Vel'caninov – è un uomo distrutto dalla morte della moglie e che, perciò, sembra aver smarrito la sua naturale funzione di (eterno) marito. Non basta questo, tuttavia, né il suo presentarsi come un derelitto o il fatto che Vel'caninov lo maltratti nei modi più vari, ad evitare che le parti si invertano.
“Chi teme chi?” o “chi è di aiuto a chi?” ci si chiede, mentre si “devia” verso una serie di personaggi e situazioni sempre diverse; correndo nel frattempo verso quel finale che risponderà al dubbio rimasto sullo sfondo, ma mai scomparso: è necessariamente l'eterno marito un prototipo di ignaro cornuto, o forse il meschino Pavlovic ha fatto tutto ciò con un preciso intento?
A questo romanzo manca il “respiro” dei capolavori dostoevskijani, non certo quella capacità attrattiva che ogni opera del romanziere russo, in un modo o nell'altro, esercita sul lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Dostoevskij
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Volevo tacere
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I quarantuno colpi
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Allontanarsi. La saga dei Cazalet
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Il caso Malaussène
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prendiluna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per te morirei e altri racconti perduti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra loro
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il porcospino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri