Ogni giorno, ogni ora Ogni giorno, ogni ora

Ogni giorno, ogni ora

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di "Ogni giorno, ogni ora", romanzo di Natasa Dragnic edito da Feltrinelli. Primi anni sessanta a Makarska, piccola cittadina di mare in Croazia. Luka, cinque anni, vede arrivare la nuova compagna di scuola. I capelli neri, lunghi e ondulati. Una borsa a righe bianche e blu. Il sorriso aperto. Non riesce a staccarle gli occhi di dosso. Intanto Dora varca speranzosa la soglia della classe e si guarda attorno. Un bimbo grande la osserva: è il suo principe, ne è sicura. Da quel momento Dora e Luka diventano inseparabili. Non esistono altri bambini, amici, passatempi. Solo una distesa infinita di giorni trascorsi insieme sul loro scoglio a osservare le nuvole, a parlare e sognare. Finché, un settembre, la famiglia di Dora si trasferisce in Francia e l'idillio si spezza. Sedici anni dopo, il destino regala a Dora e Luka un'altra chance: inaspettatamente si incontrano a Parigi. Sono cresciuti, ma nulla è cambiato e il loro amore ora diventa adulto, carnale, assoluto. Eppure qualcosa spinge Luka a fuggire… Dalla Croazia alla Francia, dal porto di Makarska ai teatri di Parigi, con una scrittura ipnotica e potente Nataša Dragnic´ racconta la storia d'amore fuori dal tempo di due anime indissolubilmente legate. Una passione fatta di baci che sanno di acqua salata. Di respiri, luci, colori. Di addii e ricongiungimenti. Una storia unica eppure universale, semplice e travolgente come le parole con cui è narrata.

Nataša Dragnić è nata nel 1965 a Spalato, Croazia. Nel 1995 si è laureata in Lingue e letterature straniere e si è specializzata in studi diplomatici. Vive a Erlangen, Germania, dove insegna Lingue nell'università locale. Ogni giorno, ogni ora è il suo primo romanzo, pubblicato in Germania da DVA. Molto conteso a livello internazionale, è in corso di pubblicazione in ventisette paesi.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
2.7  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ogni giorno, ogni ora 2011-09-19 18:18:09 SaraDuranTini
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
SaraDuranTini Opinione inserita da SaraDuranTini    19 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poco convincente

Il tema narrato da Nataša Dragni? nel suo romanzo d'esordio, Ogni giorno, ogni ora, edito per Feltrinelli, rappresenta ciò che di meraviglioso e suggestivo possiede la letteratura ovvero la sua trasversalità nelle tematiche trattate, mi riferisco al tema del primo amore, che è in grado di superare i vincoli imposti dal tempo e dallo spazio, unendo le anime e i destini di due persone.

La storia tra Luka e Dora ha inizio nell'asilo di Makarska, piccola cittadina della Croazia che si affaccia sul mare. Lui sembra abbagliato dalle movenze di questa bambina di due anni, osserva il suo volto, incorniciato da lunghi capelli neri come la pece, guarda i suoi occhi, il suo esile corpo. Lei lo nota subito, decide di assumere atteggiamenti da bambina grande, non vuole che la mamma l'aiuti a sfilarsi la cartella, non vuole che le stia accanto, vuole essere sola, mentre quel bambino, più grande di lei, la osserva. Ma sarà in quel momento che lui perde i sensi, lei accorre, è la prima a precipitarsi su di lui, e gli sussurra dolci parole che sembrano disegnare il prologo di una bellissima storia d'amore. Da quel momento Luka e Dora diventeranno inseparabili e trascorreranno sempre più tempo insieme.
Momenti magici saranno i pomeriggi trascorsi sulla barca di Luka a guardare le nuvole mentre il mare li culla, a tuffarsi nel mare blu della Croazia, e ancora a scoprire sentieri nascosti tra le sterpaglie. La loro infanzia cresce con la consapevolezza che le loro vite non si separeranno mai. Purtroppo il lavoro del padre di Dora, la porterà in Francia. Questa separazione sarà la prima che dovrà subire Luka.

Mentre Dora cerca di superare il distacco da Luka, dimenticando il suo volto, i momenti trascorsi e persino il suo nome, come se lui non fosse mai esistito, Luka continuerà a ricordarla come la persona più importante della sua vita, la persona che diventerà sua moglie. Ma il destino gioca un brutto scherzo ai due bambini che, nel frattempo, diventano grandi: mentre Dora inizia la carriera da attrice, frequentando corsi di recitazione e dizione, portando in scena classiche pièces teatrali, e riscuotendo successo non solo tra le amiche che la seguono ma anche tra i ragazzi (catturando l'attenzione di André, colui che riuscirà a fare breccia nel suo cuore), Luka si perfeziona nella pittura rappresentando un mondo onirico dove il mare sembra essere il protagonista assoluto. Anche lui conoscerà una ragazza, che presto diventerà la sua compagna fissa. Tuttavia il suo cuore appartiene a Dora, lui non riesce a dimenticarla ma sarà una notizia del tutto inaspettata a turbarlo: la sua fidanzata aspetta un figlio.

La pittura porterà Luka a Parigi, la città in cui vive Dora e, questa volta, il destino li farà ricongiungere: all'ingresso di una mostra lui la noterà, come accadde anni prima all'asilo di Makarska, osserverà le sue movenze, la linea del suo corpo, morbido e sensuale come quello di una giovane donna e perderà i sensi. Sarà lei ad accorrere e a sussurrargli le stesse parole dolci di un tempo. Luka trascorrerà tre mesi a Parigi, durante i quali si frequenterà con Dora, si ameranno, trascorreranno momenti magici, come quando erano bambini. Ma Luka non può ancora ricongiungersi con lei, deve risolvere un problema: il rapporto con la sua compagna.

Il tema del primo amore, come detto sopra, è universale e trasversale, anche tra culture antropologicamente differenti tra loro. Ma se ci addentriamo e guardiamo l'esposizione contenutistica, non possiamo non notare una fuggevole quanto retorica messa in scena di momenti banalmente accozzati tra loro che esasperano e sviliscono la dolcezza del tema, trasformato così in un pleonastico quanto chiassoso argomento che si propaga fino all'ultima pagina del romanzo. L'incontro tra i due bambini all'asilo può apparire un chiaro esempio di quanto l'equilibrio che lo compone, le evocazioni suggestive e surreali siano, in realtà, una mera rappresentazione imbarazzante tanto per l'autore quanto per il lettore. Quest'ultimo rimane turbato di fronte alla superficialità con la quale viene trattato l'argomento, quale appunto il primo amore.





Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ogni giorno, ogni ora 2011-09-14 07:30:49 dama
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
dama Opinione inserita da dama    14 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una piccola luce in fondo al mare

Ogni giorno ogni ora si sono cercati. Allontanati. Inseguiti. Amati. Una storia d'amore il cui finale non è scontato come ci si immagina nel corso della lettura. Le idee sono buone ma mi sarei aspettata un pò più di passione tra i personaggi. Le descrizioni corrono veloci e quasi non ci si rende conto dell'amore che sostiene le due anime gemelle.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ogni giorno, ogni ora 2011-07-05 17:11:00 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    05 Luglio, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sleeping Beauty - Il Bello Addormentato Nel Bosco

E' svenuto e Dora è la prima ad accorrere.Si accovaccia, si fa piccina piccina.Gli occhi diventano enormi tanto che il suo viso,pallido pallido,sembra tutto e solo occhi.Avvicina la testa a quella del bambino e, prima che la donna intenta ad alzargli le gambe possa mandarla via o impedirglielo,Dora bacia la bocca rosata di quel bimbo addormentato... ...Luka sente sul viso una voce lontana.sei l mio bell'addormentato,svegliati mio principe,sei il mio principe,solo mio...Poi anche altre voci e parole gli arrivano alle orecchie e confuso e debole apre gli occhi e vede...
Siamo in un tipico asilo a Makarska Croazia, i due protagonisti del romanzo Luka e Dora si sono appena conosciuti, anche "le tre fatine si sono fermate sulle rispettive culle" ed hanno provveduto a tintinnare la bacchetta magica: al ragazzo hanno lasciato un talento straordinario per la pittura a lei quello della recitazione. Questa è la storia del loro lungo inseguimento, del loro incessante perdersi di vista per poi ritrovarsi, la storia di un uomo ed una donna che come spesso accade nella realtà liquida tipica della nostra società,mica come nelle fiabe dove il canovaccio e il lieto fine sono garantiti!, devono nuotare fino allo sfinimento e quella benedetta terra ferma chiamata Amore, sembra sempre allontanarsi all'ultimo istante e allora, l'innamorato/ta devono scavare dentro con foga e recuperare fiato e forza per un'altra bracciata che non sarà mai l'ultima perchè l'Amore alla fine, si scopre sulla propria pelle, che non è una meta ma...
di Luigi De Rosa
Ho trovato molto interessante l'uso del continuo intrecciarsi e alternarsi , durante tutti i capitoli, del punto di vista e del sentire dei due protagonisti che rende veramente intrigante la narrazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi d'amore
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore