Narrativa straniera Romanzi Olive Kitteridge
 

Olive Kitteridge Olive Kitteridge

Olive Kitteridge

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


In un angolo del continente nordamericano c’è Crosby, nel Maine: un luogo senza importanza che tuttavia, grazie alla sottile lama dello sguardo della Strout, diviene lo specchio di un mondo più ampio. Perché in questo piccolo villaggio affacciato sull’Oceano Atlantico c’è una donna che regge i fili delle storie, e delle vite, di tutti i suoi concittadini. È Olive Kitteridge, un’insegnante in pensione che, con implacabile intelligenza critica, osserva i segni del tempo moltiplicarsi intorno a lei, tanto che poco o nulla le sfugge dell’animo di chi le sta accanto. Opera vincitrice del Premio Pulitzer 2009.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 17

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.8  (17)
Contenuto 
 
4.4  (17)
Piacevolezza 
 
4.4  (17)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Olive Kitteridge 2017-02-05 19:54:09 AsiaD
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
AsiaD Opinione inserita da AsiaD    05 Febbraio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ritratto delicato

Una velata tristezza percorre tutto il libro, appena ho iniziato a leggere mi è apparso in mente immediatamente un colore non colore di pareti sbiadite di motel di periferiche cittadine americane che siamo abituati a vedere nei film. Questa malinconia non ci abbandona mai nello scorrere delle pagine che volano fluide perché lo stile di scrittura della Strout è incredibile, la capacita di utilizzare le metafore coinvolgente. Si riesce perfettamente a vedere i personaggi che descrive, a vedere anche le emozioni che esprimono, prendono forma e vita.
Olive, che è la protagonista del libro ma viene affiancata da tanti altri protagonisti nelle varie storie raccontate in capitoli separati che creano racconti nel racconto, ne esce un po sconfitta a mio parere, viene sopraffatta dal suo cinismo a volte anche simpatico da cui però non riesce a riemergere schiacciata da rapporti familiari controversi con il marito prima ed il figlio dopo. La capacità di scrittura della Strout ti fa entrare così profondamente nel personaggio di Olive che riesci ad immaginare le risposte che darà o i comportamenti che avrà prima di leggerle il che dà estrema soddisfazione perché ti conferma di aver compreso le dinamiche emozionali del personaggio.
Un libro incredibile, delicato che ti offre un reale spaccato sulle debolezze umane e sulle dinamiche della vita , c'è tutto in questo romanzo, l'insoddisfazione di coppia, le crisi familiari, i tabù sociali e la difficoltà di vivere in realtà piccole in cui l'opinione del vicino diviene parte integrante del tuo vivere quotidiano. Magnifico, da leggere assolutamente; non vedo l'ora di leggere altre opere della Strout che non conoscevo prima di Olive.
Unica nota: il mio 4 e non 5 al contenuto è dovuto al fatto che spesso ho trovato i racconti fuorvianti in quanto immaginavo si ricomponessero alla fine in un quadro finale invece in gran parte rimangono fini a se stessi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2015-05-26 13:45:46 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    26 Mag, 2015
Ultimo aggiornamento: 26 Mag, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una donna in controluce

Olive Kitteridge è una donna complicata e con un brutto carattere: apparentemente logica e razionale (è insegnante di matematica), in effetti risulta alquanto umorale, dominata da impulsi emotivi che rendono la vita non sempre facile a chi le vive accanto: il marito e un figlio.
Ovviamente non vengono dati giudizi sul personaggio; infatti lei è consapevole di provare "qualcosa che a volte si gonfia come la testa di una seppia e spara un liquido nero dentro di me. Non ho mai voluto essere così".
Con un tale carattere, lo scotto da pagare, come si dice in un bellissimo film di Bergman, è la solitudine: "Non aveva mai avuto un amico altrettanto leale e gentile di suo marito: Eppure (...) Olive ricordò che inframmezzati a tutto il resto c'erano stati momenti in cui aveva avvertito una solitudine così profonda che una volta (...) il gesto delicato con cui il dentista le aveva voltato il mento (...) era stato per lei una tenera gentilezza di una profondità quasi straziante".

Per fortuna, il marito farmacista pare rimanere incontaminato; "con la sua ostinazione a restare ingenuo", "attraversava senza dolore la giornata" e "nella farmacia regnava la benevolenza nei riguardi del prossimo": la bontà d'animo, dunque, non è solo una virtù sociale, ma pure un balsamo nell'esistenza personale.
Sarà così anche per il figlio ? Olive sembra premunirsi: " Gli psicologi se la prendono sempre con la madre".

Il libro ha una struttura originale: pare un insieme di racconti in una scansione atta a costituire un romanzo: la vicenda individuale e familiare della protagonista è accompagnata da una serie di fatti e personaggi collaterali che in alcuni capitoli diventano essi stessi protagonisti.
Questo può rendere la lettura, in certi momenti, meno fluida e un po' dispersiva; però tali 'divagazioni' , secondo me, hanno la funzione di scandire e dilatare il tempo, perché intanto trascorrono gli anni, i decenni; le situazioni cambiano, si evolvono.

L'analisi psicologica e relazionale è molto pertinente e rimanda spesso a realtà più profonde. C'è particolare attenzione per i dettagli emotivi e per la loro portata nell'orientare i fatti.
La forma rispecchia l'andamento degli stati d'animo: a volte è brusca e respingente; in altri momenti dolce e gentile.
Anche i riferimenti climatici e stagionali percorrono l'intero romanzo, quasi a ricordarci che un libro così, nel panorama culturale americano, non può che provenire dal Nord-atlantico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

letteratura americana contemporanea
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2015-01-25 19:03:33 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    25 Gennaio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un libro tenero

Una scrittura assolutamente femminile, fatta di tanti racconti indipendenti cuciti insieme dal personaggio che li attraversa tutti : Olive Kitteridge, la burbera, sgradevole, eccentrica, bisbetica insegnante di matematica dal cuore d'oro, temuta dagli allievi e anche dal figlio.
La struttura del romanzo ricorda molto il romanzo della Egan Il tempo è un bastardo, anche se poi la Egan ha sviluppato l'idea della catena di racconti indipendenti ma collegati in qualche modo, in maniera diversa, forse più interessante. Ma immagino che abbia preso l'ispirazione dalla Strout, vincitrice del Pulitzer un paio di anni prima.
In tutte le storie, la vita dei personaggi è analizzata attraverso particolari, debolezze, paure e soprattutto un comune e diffuso desiderio di tenerezza. Gli innamoramenti del romanzo sono fatti di parole, di gentilezze, di te e biscotti, praticamente di niente, come la vita dei protagonisti è fatta di poche cose, gesti, attenzioni che attraversano abissi di solitudine, deserti di opprimenti ricordi. I personaggi sono guardati dall'autrice con grande tenerezza e misericordia con lo stesso sguardo ingenuo e innocente dei suoi migliori personaggi. Tra i tanti il mio preferito è Henry del primo racconto, un uomo dalla dolcezza femminile, personaggio gentile e indimenticabile. Come bellissima è la sua storia d'amore fatta di niente, di cose non dette, di gentilezza, di affetto quasi astratto.
L'autrice ricorda A. Tyler per la dolcezza con cui vede il mondo anche se è un po' più malinconica, mette un po' di fatica e di solitudine nei rapporti umani ma quasi mai cattiveria o cinismo. E' un libro che tocca le corde dell'anima.

"Oddio, sì, era felice di non avere lasciato Henry. Non aveva mai avuto un amico altrettanto leale e gentile di suo marito. Eppure, ferma dietro al figlio in attesa che scattasse il verde, Olive ricordò che inframmezzati a tutto il resto c'erano stati momenti in cui aveva avvertito una solitudine così profonda che una volta, non molti anni prima, mentre si stava facendo otturare un dente, il gesto delicato con cui il dentista le aveva voltato il mento con le dita morbide era stato per lei una tenera gentilezza di una profondità quasi straziante, e aveva deglutito con un mugolio di desiderio mentre le lacrime le spuntavano dagli occhi. ("Tutto bene signora Kitteridge?", le aveva chiesto il dentista."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A. Tyler Lezioni di respiro eTurista involontario e J. Egan Il tempo è un bastardo
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2014-09-22 10:04:20 Cristina72
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    22 Settembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutte quelle vite...

“Tutte quelle vite”, disse. “Tutte quelle storie che non sapremo mai”.
Le storie che ci racconta Elisabeth Strout hanno il sapore dolceamaro della vita vera, sono frammenti di esistenza che fanno male e confortano.
Olive Kitteridge è presente in ogni racconto, a volte come protagonista altre come semplice comparsa, ma sempre emana da lei un'energia che la distingue dagli altri, capace com'è di slanci improvvisi di umanità alternati a battute al vetriolo nei confronti del prossimo.
Un marito buono ed affabile, un grande amore che rimane platonico, un figlio chiuso in se stesso che non le perdonerà la sua condotta di madre e le sue mancanze, come quella di non riuscire a chiedere mai scusa: sta racchiuso in tutto questo il nucleo affettivo di Olive, e la sua fragilità.
Siamo a Crosby, cittadina del Maine, e conosciamo i suoi abitanti attraverso l'occhio curioso della scrittrice che sbircia sempre più a fondo fino a toccare cervello, nervi e cuore dei suoi personaggi.
Sappiamo come vivono, ciò che sentono e ciò che hanno vissuto e poi li scopriamo dal di fuori, con l'opinione non sempre lusinghiera che ne hanno amici e conoscenti.
Ed è proprio in questi momenti che avvertiamo, insieme ad Olive, “la forza disperata” con cui ogni essere umano lotta per ottenere ciò di cui ha bisogno, la sua fatica di stare al mondo:
“Chi credevo che fosse? (E poi: e io? Chi credevo di essere?)”.
La prosa della Strout procede gentile e tagliente, senza sbavature sentimentali. Finita una storia, si sente l'esigenza di passare subito ad un'altra per avvertire ancora l'odore di caffè e ciambelle del bar vicino al molo, sbirciare nelle vite degli altri e riconoscersi (talvolta con sgomento) in qualcuno di loro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2013-01-02 13:13:42 faithpirate
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
faithpirate Opinione inserita da faithpirate    02 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento: 02 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le 50 sfumature di Olive ( ahahah )

Mi sono avvicinata a questa scrittrice sotto consiglio, e devo dire che ringrazio ancora questa persona a me cara per avermela consigliata.
La Strout scrive d'incanto, uno stile deciso e attento alle descrizioni di persone e luoghi che mi ha fatto ricordare, in maniera microscopica ma presente, la Bronte ( opinione personale ).
Piccoli racconti, dove in qualche modo c'è sempre lei: Olive, in crescita costante.
Cocciuta, orgogliosa, rude e prorompente Olive è/era una mestra di matematica, che quasi come ognuna di loro, inquietava i bambini, seppur dotata di grandi doti.
La vediamo in tutte le salse, da maestra, da madre, da moglie e da donna...l'ho odiata e amata, stimata e spregiata insomma le mie impressioni riguardo a lei sono state un vero e puro mix.
Alcuni racconti mi hanno fatto ridere, altri riflettere, altri piangere.. che dire un bellissimo romanzo nella sua totalità.. ho fatto ricerche e la Strout non ha scritto molto purtroppo, ma il suo primo romanzo Amy e Isabelle deve essere degno di nota, lo voglio leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2012-08-26 11:55:56 Solaria 51
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Solaria 51 Opinione inserita da Solaria 51    26 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La conapevolezza del dono della vita

Olive Kitteridge di Elizabeth Strout

Leggere il romanzo della Strout è stato come sfogliare la partitura di un’opera musicale. Le parole sono un complesso linguaggio di suoni che esprimono sentimenti ed emozioni. L’autrice, attraverso il personaggio centrale del romanzo, Olive Kitteridge, ci rivela le storie dei suoi concittadini di un piccolo paese nordamericano; storie che ci si appiccicano addosso, che possono riguardare ognuno di noi, che penetrano nell’animo e ci costringono a riflettere sul senso della vita. La schiettezza quasi brutale di Olive, il suo sarcasmo, nasconde la paura che non ci rende liberi: “Non abbiate paura della vostra fame. Se ne avrete paura, sarete soltanto degli schiocchi qualsiasi”, è la frase che rivolge ai suoi alunni, e credo serva ad esorcizzare la sua paura, indossando la maschera della severità e della durezza. Illuminanti sono i capitoli dove Olive è protagonista; nelle pieghe della sua esistenza convenzionale (la scuola, la pensione, il figlio Cristopher e il rapporto col marito Henry), l’autrice fa una riflessione sulla vita di ognuno di noi che, tranne in casi eccezionali, non è fatta di grandi avvenimenti ma di piccoli accomodamenti e di splenditi illuminazioni: dai momenti persi, alle cose non dette, all’amore inespresso quando ancora si poteva amare. Come quando Olive va a trovare il figlio a New York e lui le dice gelido: Sei capace di far stare malissimo gli altri. Hai fatto stare malissimo il papà”, o quando il marito Henry le dice: “Lo sai Ollie, in tutti gli anni in cui siamo stati sposati, non credo che tu abbia mai chiesto scusa una volta. Per nulla”. Un romanzo malinconico e di profonda intensità psicologica che ci parla della solitudine e della tristezza che accompagnano il trascorrere degli anni, ma Elizabeth Strout, in un capitolo del romanzo, “Concerto d’inverno” ci dice che la vita è un dono e che uno dei pregi dell’invecchiare è la consapevolezza che molti momenti della vita non sono soltanto momenti, ma doni.
Ma come si fa, dico, a non leggere questo stupendo romanzo!

Siracusa 26-8-2012

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2012-08-09 07:07:36 Grenouillette
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Grenouillette Opinione inserita da Grenouillette    09 Agosto, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Olive: dappertutto e in ognuno (di noi)

Quando ho finito di leggere questo prezioso volumetto, mi è sembrato di richiudere un portagioie, all'interno del quale conservare le più svariate pietre, questo perché Elizabeth Strout ha scritto un libro che è un insieme di tanti racconti, ognuno dei quali è un piccolo gioiellino, che aumenta di ricercatezza verso la fine dell'opera (gli ultimi racconti 'Criminale' e 'Fiume' sono due madreperlacee). Ed attraverso questa rete di racconti ben scritti e curati, emerge la straordinaria figura di Olive Kitteridge, che lega tutte le storie presenti nel testo e, dunque, le vite interconnesse dei vari personaggi nella contea di Crosby, nel Maine, nella quale «ci si adatta alle cose, senza mai abituarsi». Crosby diventa una fotografia dell'America di oggi e di sempre e la sprezzante, forte e acuta Olive la descrizione esatta di una donna che arriva (troppo tardi?) a capire quanto si sprechi inconsciamente un giorno dopo l'altro e quanto sia importante amare, «altrimenti ci si ammala». Bellissimi personaggi (Henry, il marito, in primis), ambientazioni deliziose e dialoghi irriverenti: un eccellente quadretto per un libro Premio Pulitzer 2009 e Premio Bancarella 2010. Unico neo: a volte, nel mezzo dell'opera in particolare, è un po' troppo spossante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2012-08-05 16:36:33 pirata miope
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
pirata miope Opinione inserita da pirata miope    05 Agosto, 2012
Ultimo aggiornamento: 05 Agosto, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PRIMA DI SPOON RIVER

La malvagità di solito è celata: mafiosi, corrotti ed evasori fiscali non portano in faccia le stimmate della cattiveria. Al contrario la crudeltà di Olive Kitteridge, insegnante di matematica in pensione, è ben visibile: è un modo speciale di essere, di pensare, di guardare agli altri, è la piccola “esplosione” che ti permette, rubando ad esempio per dispetto la scarpe alla nuora saccente, di sopravvivere a ciò che il destino ti impone, un marito subito, un amore negato, un figlio ostile se non addirittura assassino, l’alcolismo, l’inedia o una malattia invalidante. Ed è la qualità che la rende degna agli occhi di Elizabeth Strout di svolgere il ruolo di coscienza critica di un villaggio del Maine, Crosby: la scrittrice ce la fa conoscere all’inizio di scorcio nel primo racconto, dove è la consorte scorbutica di un farmacista infelice che vive di rimpianti, e poi, con il procedere del libro, via via che si affacciano sulla scena gli abitanti del microcosmo e vengono alla luce segreti e tragedie, ne fa uscire dall’ombra il lato intimo, ed è il suo sguardo disincantato a dare alle cose la trasparenza e la profondità dell’acqua dell’Oceano, che domina il paesaggio. Pertanto Olive è sì la protagonista del romanzo, ma non nel senso convenzionale: si può dire che essa faccia da tramite fra l’autrice e l’oggetto della narrazione, consentendo alla Strout di evitare l’algida neutralità del racconto minimale alla Carver. In effetti “Olive Kitteridge” non è propriamente un romanzo: si narrano momenti isolati della vita di Olive dalla maturità fino alla vecchiaia, ma i capitoli, dedicati a questa o a quella figura, sono autonomi, e in molti la protagonista vi fa una comparsa momentanea, casuale. Persino le parti in cui Olive viene chiamata in causa, gli stati d’animo di lei, fanno da filtro alle persone con cui viene a contatto, il marito, il figlio, amiche, conoscenti ed ex allievi. Si tratta di una sorta di “Antologia di Spoon River” nella quale il poeta abbia trascritto le voci del villaggio un attimo prima che la luce eterna si spenga su di esso. Olive non offre alibi o illusioni a nessuno, tanto a meno a se stessa: arrivata quasi alla fine del percorso niente la consola delle perdite, se non che “il mondo la confondeva” e per questo “non voleva ancora lasciarlo” .

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i racconti che abbiano per protagonista la provincia statunitense. Per chi ama anche Alice Munro.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2012-04-16 10:04:04 apprendista
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
apprendista Opinione inserita da apprendista    16 Aprile, 2012
Ultimo aggiornamento: 16 Aprile, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Provincia USA senza scampo

L’ho letto sulla scia di una fuorviante recensione di Baricco che lo inseriva fra i migliori libri letti negli ultimi anni; forse abbiamo gusti diversi o comunque non ho abbastanza sensibilità da apprezzare questa raccolta.

I racconti sono ambientati nella provincia USA precisamente nell'amena Crosby, sulla costa del Maine, non lontano dal confine canadese. Le storie sono incentrate sulla figura di Olive Kitteridge - burbera, attempata, bizzarra, sgraziata, quasi sempre insopportabile - protagonista di alcune di queste storie e comunque anello di congiunzione delle altre.

Concordo con alcune delle recensioni comparse su questo sito dove si elogia la capacità dell’autrice di entrare con grande sensibilità nell'intimità familiare e nel descrivere le umane vicissitudini; il libro si fa leggere, c’è una profonda introspezione dei personaggi, ritratti con sensibilità e profondità non comuni, alcuni passaggi sono commoventi.

Quello che invece mi ha irritato è che in questo libro le storie sono generalmente incentrate su sofferenza, malattia, tradimenti, incomunicabilità, depressione, amarezza, sconfitta, delusioni, ecc.

Ma è solo questa la vita??? Per me questo libro è squilibrato: manca di vitalità, di energia, di gioia, che pure ci devono essere da qualche parte in questa benedetta provincia americana, altrimenti non avrebbero senso neanche gli opposti, su cui tanto indugia la Strout.

Se avete voglia leggetelo per farvi un’idea, ma non lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Sulla provincia USA trovo insuperabili i racconti classici di Steinbeck; anche quelli sopra le righe di Carver hanno fascino
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2012-01-20 17:54:02 Bi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bi Opinione inserita da Bi    20 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno dei migliori libri degli ultimi anni

Mi sono innamorata di Olive Kitteridge. Perché è una donna forte, completa, irritante, dura. Si definisce una campagnola con forti passioni e i pregiudizi di una campagnola. Ma è la donna più anticonformista, più politically s-correct, più interessante che mi sia capitato di incontrare nella letteratura degli ultimi cinque anni.
Alcune storie, che fanno da corollario alla trama principale del libro (che comunque riguardano, anche solo di sfuggita, la vita di Olive) sono frammenti, episodi essenziali che permettono di cogliere la totalità della vita dei protagonisti.
Molto interessante, uno dei migliori libri letti in questi anni.
Lo stile è raffinato, delicatamente descrive l'ambiente, le case e la passione di Olive per il giardinaggio.
Grazie a Elizabeth Strout per aver scritto questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2011-11-08 13:52:12 livi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da livi    08 Novembre, 2011
Ultimo aggiornamento: 09 Novembre, 2011

linfa vitale

Soria di un personaggio, Olive Kitteridge, attraverso le altrettante storie personali e le vicende di una piccola cittadina del Maine e dei suoi abitanti. Sicuramante un bellissimo romanzo scritto con uno stile molto lineare ma denso di emozioni anche forti. La piacevolezza di scoprire pian piano il personaggio di Olive burbero, asciutto e molto razionale ma che racconta la vita con una grande anima e a sua volta - inconsapevole - di questa sua linfa vitale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2011-08-04 14:14:56 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    04 Agosto, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vite

Affrontare questa lettura significa entrare nelle case degli abitanti di una ridente cittadina del Maine; ebbene sì, le case, ossia il luogo più intimo che appartenga ad un individuo, le cui mura nel corso degli anni sono mute testimoni delle vicissitudini familiari più private.
Alla serenità di una natura idilliaca e di un ritmo di vita lontano dalle frenesie metropolitane, fanno da contraltare le profonde inquietudini che soffocano ogni famiglia.
Quella proposta dall'autrice è un'analisi lucida e tagliente delle molteplici problematiche che affliggono la nostra società, colte con perspicacia e arguzia, senza cadere in inutili sentimentalismi.
E' tremendamente difficile parlare di incomprensioni tra genitori e figli, di coppie annoiate, di anziani soli, di malattia, di eventi traumatici senza scivolare nella banalità e nel già detto; eppure la Strout ci riesce con questo romanzo dai toni aspri capace di scavare nell'anima del personaggio, in modo apparentemente rapido ed essenziale, tuttavia giungendo a far cogliere al lettore tutta la tragicità degli eventi e l'amara consapevolezza dell'inesistenza di qualsivoglia isola felice.
Ad un approccio iniziale, il racconto focalizzato su singoli nuclei familiari può apparire slegato e incoerente con un flusso narrativo uniforme; con l'avanzare della lettura l'intento della scrittrice si concretizza e si riesce ad apprezzare la coralità delle voci e delle storie messe in campo.
E' un romanzo forte, che parla dei dolori della vita e delle diverse maniere in cui gli uomini li affrontano, che non astrae mai dalla realtà quotidiana, ma ne mostra i mille volti.
Uno stile limpido e cristallino ed un linguaggio dal sapore classico, mai troppo moderno, contribuiscono alla bellezza del racconto, regalandone una lettura veloce e godibile, seppur pregna di emozioni e di spunti di riflessione.
Un'ottima prova da parte dell'autrice che, alternando ironia e crudezza, riesce a dar voce alla difficoltà del vivere di tutti i giorni, anche di coloro che problemi sembrano o dicono non averne.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2011-02-14 07:21:23 gracy
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    14 Febbraio, 2011
Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come una matrioska!

Al di là del premio Pulitzer 2009, Olive Kitterdidge è una lettura davvero sorprendente dove stile e contenuti fanno la differenza, i capitoli sono indipendenti tra di loro eppure in tutte le storie c'è più di un filo conduttore che li unisce. C'è questa cittadina del Maine, così provinciale e bigotta e c'è lei Olive, che come una matrioska si inserisce in tutte le storie intime dei suoi abitanti, storie che non vorrei finissero mai, tutte diverse ma uguali per il sapore amaro e per la riconoscibile tristezza a cui è difficile potersi sottrarre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2010-08-25 21:05:38 katia 73
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
katia 73 Opinione inserita da katia 73    25 Agosto, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Olive Kitteridge

Mi dispiace fare di nuovo la voce fuori dal coro ma devo dire che questo libro non mi è piaciuto tanto, a dire la verità non l'ho nemmeno finito.
Lo stile di scrittura è veramente piacevole, a tratti mi ha fatto sorridere, splendido questo burbero personaggio di Olive che dà il titolo al libro. Quello che non mi è piaciuto invece è come è strutturato il libro,ogni capitolo sembra un racconto a sè in cui compare sempre la protagonista,ma io non amo i libri di racconti, ho iniziato questa lettura pensando fosse una cosa diversa, e per questo forse ne sono rimasta un po delusa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2010-08-11 13:15:20 chicca
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
chicca Opinione inserita da chicca    11 Agosto, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

olive kitteridge

Romanzo che prende il titolo dal personaggio che in ogni racconto assume un ruolo, a volte da protagonista altre da comprimario.
Olive K. è una ex professoressa a volte cinica, burbera e sciatta ma al contempo è capace di infinita generosità, insomma è come tutti noi: un bel mucchio di contraddizioni.
L'autrice ritrae un paesino, Crosby, della tipica provincia americana,descrive il paesaggio con delle pennellate che rimangono negli occhi anche dopo aver chiuso il libro.
Ogni racconto è una storia a sè ma alla fine del romanzo si ha un quadro preciso di ciò che è stata la vita di Olive e della sua famiglia,ma soprattutto la Strout ci racconta di quanto sia faticoso vivere e invecchiare, e di come noi tutti siamo perennemente alla ricerca della felicità, o almeno di un credibile surrogato.
Vincitore del premio Pulitzer 2009 e del Bancarella 2010.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2009-12-16 16:50:00 Roberto Tortora
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Roberto Tortora    16 Dicembre, 2009

Non è mai troppo tardi per scoprirsi fragili

Da qualche parte, allungata sulla costa atlantica degli Stati Uniti, c’è una cittadina, Crosby nel Maine.

Chiesa, drugstore, farmacia, bar del molo, pronto soccorso. Una città come tante, abitata da gente mai vista eppure subito familiare, come certi vicini di casa che tirano un sospiro di sollievo parlando delle disgrazie altrui. Personaggi che vivono in un altro continente e che ci sembra di aver intravisto l’altro ieri: la ragazza anoressica, la pianista ultracinquantenne del coktail bar che suona come un angelo e ingoia wisky e umiliazioni, o quella tipica coppia di anziani, belli, ricchi, sempre baciati dalla fortuna e che adesso – dopo la tragedia innominabile che ha colpito il figlio – vivono reclusi nella loro casa come se abitassero per sempre all’inferno. Basta far riferimento alla cornice urbana e umana del proprio quartiere perché certi luoghi, come pure chi li abita, nella loro essenzialità acquistino il tratto dell’universalità. Altro che provincia americana, il microcosmo trivellato, sezionato e meravigliosamente riassemblato dalla irresistibile crudeltà narrativa di Elizabeth Strout è la nostra città, il luogo del cuore di ciascuno di noi.

Olive Kitteridge è un’insegnante in pensione che ha sposato Henry, il farmacista (apparentemente) più tranquillo del mondo ed è anche la madre di Christopher, il suo unico figlio che un giorno si sposerà, andrà a vivere dall’altra parte del continente, si separerà dalla prima moglie, ne sposerà un’altra e avrà altri bambini. Ecco, questo è il nodo familiare che tiene uniti i tredici racconti di cui si compone il libro, (si è parlato di “romanzo in racconti”) ed è anche il microscopico pertugio attraverso il quale si insinua l’implacabile lente analitica della Strout fino ad aprire voragini non solo nei pochi membri della famiglia Kitteridge, ma anche in tutti coloro che li circondano: amici, parenti, gente vista solo una volta e tuttavia capace, con la propria presenza, di illuminare un segreto, di far esplodere un raggrumato malessere che covava da anni nel fondo irraggiungibile di qualche anima oscura. Gli altri, dunque. Gli altri che sembrano esistere perché finalmente possiamo prendercela con qualcuno. Riversando su di loro i nostri risentimenti, accusandoli di colpe che non hanno, denunciandoli per responsabilità che non sono loro, ci illudiamo di alleggerirci almeno un poco dell’insostenibile cruccio che abbiamo accumulato nei confronti dell’universo intero. E il libro, la narrazione, diventa un campionario di piccole e gigantesche crudeltà quotidiane, idiosincrasie, dispetti, odio viscerale e inarrestabile misantropia. Olive odia la nuora che le ha portato via il figlio e ha bisogno, un disperato bisogno di prendersi una rivincita – una di quelle piccole esplosioni che ci consentono di tirare avanti - e si vendica rubandole qualcosa di molto personale, un reggiseno, una scarpa…

Sempre Olive, dopo tanti anni, ricordando quella tragicomica notte in cui è stata presa in ostaggio in ospedale, confessa finalmente a se stessa di essersi per qualche minuto innamorata come una bambina del suo giovanissimo sequestratore/figlio/alunno. Proprio lei, matura insegnante e madre di famiglia. Così il riconoscimento della propria debolezza, della “incapacità di trattenersi”, la conduce a comprendere anche la vicina di casa, quella giovane Karen Newton che aveva frettolosamente, istintivamente biasimato per aver tradito il marito.

Umana comprensione, pietas, riconoscimento e accettazione delle altrui e delle proprie debolezze: di tutto questo il libro della Strout è pieno fino a traboccare, fino a inondarci di impreviste illuminazioni che, oltre a regalarci una meravigliosa esperienza di lettura, ci aiutano a meglio disporci nei confronti della vita e di quelli che la vivono. Perché nella vita non c’è giustizia (“E’ stupido il presupposto da cui partono tutti, che in qualche modo le cose debbano essere giuste”) e anche perché nella vita “si capivano sempre le cose quando era troppo tardi.”

Come in ogni opera pienamente riuscita, la scrittura di questo libro fonde la quiete analitica con la deflagrazione emotiva. Elizabeth Strout mette a fuoco esistenze fatte a pezzi, compresse in una morsa di dolore, a stento ricomposte in un continuo andirivieni tra un presente e un passato invadente e insopprimibile.

Presente e passato, interno ed esterno.

E’ fin troppo facile ritrovare in questi racconti quel pietroso senso di solitudine e di incomunicabilità che pervade le tele di Edward Hopper, quella impossibilità di allacciare rapporti cordiali e fiduciosi con il coniuge, con l’amante, con l’avventore di un bar. Più sorprendente, invece, è cogliere un preciso, identico motivo ricorrente nella scrittrice vincitrice del Premio Pulitzer 2009 e nei quadri del grande pittore: quel riquadro di luce solare che proviene dall’esterno, dalle finestre, e si stampa sul pavimento o sulle pareti di appartamenti silenziosi in cui qualcuno sta seduto, sta in piedi, oppure giace su un letto, incapace di afferrare il senso di tanta energia, di tanta sfacciata bellezza, quella della luce solare, in un mondo che a volte sembra fare di tutto per rendersi inospitale: I raggi entravano dalla finestra, attraversavano la sedia a dondolo, colpivano di sbieco la carta da parati con la loro luce, e i pomelli di mogano del letto scintillavano. (…) Il silenzio di quei raggi, del mondo, sembrò avvolgere Olive con un brivido spettrale, mentre avvertiva immobile il calore del sole sul polso nudo. Lo guardò, distolse lo sguardo, poi lo guardò di nuovo. Sedersi accanto a lui avrebbe significato chiudere gli occhi di fronte alla profonda solitudine di quel mondo inondato dal sole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Carver, Roth, Cechov
Trovi utile questa opinione? 
52
Segnala questa recensione ad un moderatore
Olive Kitteridge 2009-07-26 08:40:54 camilla
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da camilla    26 Luglio, 2009

olive kitteridge

ritengo olive kitteridge molto più di un magnifico romanzo, dalla porentosa e misteriosa scrittura. Mi sembra un'opera "affresco", pieno di figure perfettamente rese e al tempo stesso misteriose, pronte a sparire nel loro aspetto per riapparire profondamente diverse, abbattute dall vita oppure pronte lanciarsi dentro una vita ancora sconosciuta.Olive è un personaggio universale, classico ma modernissimo al tempo stesso. e tutti gli altri attori della vicenda , che è poi la vita stessa, sono scolpiti e vivi, drammatici e umanissimi. Un grande libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
consigliato a chi ama scrittori forti ma limpidi e lucenti: Richard Powers, Carol Oates,le piccole immagini del vecchi spoon river, i classici più grandi della letteratura , no solo americana.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore addosso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nel guscio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il cuore degli uomini
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendicatrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tante piccole sedie rosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le nostre anime di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
La mia vita non proprio perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A cantare fu il cane
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Commedia nera n.1
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eroi della frontiera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Magari domani resto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri