Narrativa straniera Romanzi Suite francese
 

Suite francese Suite francese

Suite francese

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Aveva meno di quarant'anni, Irène Némirovsky, quando fu deportata ad Auschwitz. Nei mesi che precedettero il suo arresto compose febbrilmente i primi due romanzi di una grande "sinfonia in cinque movimenti" che doveva narrare, quasi in presa diretta, il destino di una nazione, la Francia, sotto l'occupazione nazista: "Tempesta in giugno" (che racconta la fuga in massa dei parigini alla vigilia dell'arrivo dei tedeschi) e "Dolce" (il cui nucleo centrale è la passione che lega una "sposa di guerra" a un ufficiale tedesco). La pubblicazione, a sessant'anni di distanza, di Suite francese, il volume che li riunisce, è stata in Francia un vero evento letterario.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 10

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.3  (10)
Contenuto 
 
4.2  (10)
Piacevolezza 
 
3.9  (10)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Suite francese 2016-10-13 02:19:40 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    13 Ottobre, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il super capolavoro

Suite francese é un progetto letterario ambizioso con cui Irene Nemirovsky voleva parlare della seconda guerra mondiale, vivendola giorno per giorno, strutturato in cinque parti (Tempesta in giugno, Dolce, Prigionia, Battaglie, La pace), di cui solo le prime due completate, poichè nel luglio del 1942 fu arresta, in quanto ebrea, e deportata ad Auschwitz, dove morì di febbre tifoide il 17 agosto dello stesso anno. Restano quindi solo di questo poema sinfonico Tempesta in giugno e Dolce, pubblicati postumi in Francia nel 1954, sufficienti però per dare un’idea di ciò che l’autrice voleva rappresentare. Sono entrambi riportati in questa edizione di Adelphi, in cui è possibile cogliere quella continuità che è propria appunto di una Suite. Tempesta in giugno è una serie di quadri con cui si rappresenta il caos magmatico che segue all’invasione della Francia da parte dei tedeschi, mentre Dolce ha più la struttura di un romanzo, con una delicata storia d’amore fra un ufficiale germanico e una signora francese, il cui marito è stato fatto prigioniero. In entrambi i casi, sia pur con motivazioni diverse, ci troviamo di fronte a qualche cosa che trascende il cosiddetto capolavoro, tanto che non riesco a trovarne una definizione, se non quella di super capolavoro. In particola in Tempesta in giugno i vari quadri sono raccordati con una puntualità e una perfezione che oserei definire incredibile; se ci sono dei personaggi emblematici che danno corpo alla narrazione e sullo sfondo troviamo un’umanità impazzita nella fuga, la cura del dettaglio è impressionante, senza che tuttavia venga a costituire un appesantimento che possa nuocere alla lettura. Tutto scorre veloce o lento, a seconda delle circostanze, con descrizioni mirate, con una capacità di ricreare l’atmosfera del momento che consentono a chi legge di vedere le scene, come in un film. A ciò giova indubbiamente uno stile snello e fresco, una frequente nota poetica che smussa, attenua la tensione quel tanto che basta per scorgere gli eventi come una sequenza di fotogrammi. Raramente mi é accaduto di imbattermi in una scrittura così inappuntabile, così concisa e al tempo stesso completa, in una sapiente concatenazione di ritmi senza che vi sia una nota stonata; la sua non è una scrittura, ma La Scrittura, cioè il massimo che ci si possa attendere da un’opera letteraria e se stupiscono e avvincono le trame dei singoli quadri, non si può non porre in rilievo appunto la bellezza di questo stile che da solo attira l’attenzione. Sono non pochi i personaggi principali, la cui psicologia é analizzata approfonditamente e sono, per certi versi, simboli di classi sociali, verso le quali la narratrice dimostra ben poca simpatia, fatta eccezione per il grado più basso della borghesia. Non è infatti un caso se rilucono i coniugi Michaud, modesti impiegati di banca, legati da un tenero e incrollabile amore che li porta a essere totalmente solidali nei momenti dolorosi e nelle piccole e non frequenti gioie della vita; sono minuscole realtà che, tuttavia, nel reggere se stessi finiscono con il reggere l’intera umanità. É quindi solo l’amore - quell’amore che si traduce in un sentimento di totale affetto e condivisione, che è superiore a ogni ricchezza e bramosia di potere - a salvare il mondo, concetto che è sorprendente ove si consideri che Irene Nemirovsky era figlia di uno dei più grandi banchieri dell’epoca, un uomo dalla ricchezza smisurata.
La seconda parte, Dolce, è in un certo senso più convenzionale, con questo lento innamoramento che mai arriverà a un amore reciproco palesemente manifestato, perché troppo grandi sono certe differenze, fra il vincitore e la sconfitta, fra chi, prima di essere uomo, è soldato e colei che, insoddisfatta del marito che si trova in prigionia, non può tradire il suo paese e desidera avere un uomo vero. L’autrice cesella le parole, riesce a rendere perfettamente questi insanabili contrasti che in altre penne sortirebbero ridondanti di retorica, ma che qui invece sono di grande semplicità e naturalezza in quanto propri dell’esistenza.
A qualcuno, come per esempio al sottoscritto, potrà risultare più gradito Tempesta in giugno, ma comunque pure Dolce è un romanzo di assoluto rilievo, una di quelle storie d’amore così realistiche da non sembrare assolutamente frutto di creatività.
Resta da chiedersi come averebbero potuto essere le altre tre parti, ma qui entriamo nel campo delle congetture. Pertanto, l’analisi e il giudizio è forzatamente limitato a queste due prime e mi pare di aver evidenziato abbastanza compiutamente la loro importanza, derivante da valori che non sono solo letterari, ma che si espandono alla storia, alla filosofia e perfino alla sociologia; di ciò che non non ha potuto scrivere, si può dire solo che di sicuro sarebbe stato di estremo interesse.
Dire che il libro sia meritevole di lettura finisce con l’essere un po’ riduttivo; più che consigliarla, credo invece sia mia dovere raccomandarla, lasciandosi trasportare dal ritmo adottato dalla narratrice; per le riflessioni c’è tempo, lasciatele a una indispensabile e ancor più gratificante rilettura.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le opere di Irène Némirovsky 
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2016-06-14 12:19:48 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    14 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sinfonia incompiuta



Gran bel libro, scritto molto molto bene, lucido, scorrevole, descrittivo, sentimentale, ma allo stesso tempo arguto e accusatorio delle debolezze umane e dei mali del mondo.
La prima considerazione che mi viene da fare è che siamo stati privati troppo presto di una penna e di una storia che aveva ancora tanto da raccontarci.
Non sapremo mai l'epilogo delle storie presenti in questo romanzo...ed io ne sento terribilmente la mancanza!(pur chiudendosi in maniera non traumatica per il lettore!)
Devo confessare che ho trovato la seconda parte molto più coinvolgente della prima. (Dovevano essere 5 parti).
Sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale...tante storie, tanti personaggi che si intrecciano e si accordano alla perfezione, proprio come in una sinfonia.
La prima parte racconta della fuga di massa dei parigini alla vigilia dell'invasione tedesca, la seconda parte racconta della bruciante quanto sofferta passione tra una parigina (sposata ad un prigioniero di guerra) e un ufficiale tedesco.
Condivido il messaggio che in fondo, in guerra, non c'è molta differenza tra vincitori e vinti, siamo tutti uomini con una storia alle spalle, con dolori e sofferenze personali, con famiglie più o meno amorevoli, con amori infelici o felici...quello che mi ha colpito di più però è stato vedere come la scrittrice abbia dipinto i militari tedeschi (tutti) come persone educate, cortesi, persino buone e sensibili...proprio quei tedeschi che poi la deporteranno ad Auschwitz in quanto ebrea.
Di contro dà un'immagine dei francesi non proprio idilliaca...
È un grande affresco storico che mette a nudo pregi e difetti dell'umanità...la meschinità, la vigliaccheria, la paura, la solidarietà, l'eroismo, l'amore...non manca davvero nulla.
O forse sì...un pizzico di pathos!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2015-09-26 13:29:26 siti
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
siti Opinione inserita da siti    26 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sospensione di giudizio

Data alle stampe nel 2004, l’opera ha contribuito notevolmente a far conoscere un’autrice che era stata già toccata dal successo dovuto alla pubblicazione delle sue opere, ma che per contingenze strettamente legate alla sua identità, all’orribile periodo storico che le fu concesso vivere, al suo essere donna e di talento, conobbe- ancora in vita- l’oblio, la dimenticanza e l’indifferenza. Ciò che ha creato prima di morire, vittima anch’essa della persecuzione nazista, con l’anima straziata dal timore per il destino delle proprie figlie, le ha restituito la dovuta visibilità ai giorni nostri.
Leggere le sue opere può far correre il rischio di sopravvalutarne l’esito quando ci si fa impressionare dalla vicenda biografica e questo, a maggior ragione quando si legge questo romanzo incompiuto e sospeso dal rapimento e dall’omicidio della sua autrice. Questo è il triste destino di uno scritto che ci viene consegnato per volere delle sue figlie le quali, contemporaneamente, rendono pubblici anche corrispondenza privata e appunti legati al disegno dell’opera e alla sua stesura. Il manoscritto vergato a mano oltre che incompiuto presenta le caratteristiche di una bozza non revisionata, risulta quindi molto difficile darne un giudizio in termini di stile, contenuto e anche di piacevolezza. Se non si ama il finale aperto, se non si accetta l’incompiutezza, può risultare molto ostico goderne. Se si è spinti dal desiderio di conoscerne il contenuto per i motivi più vari, consapevoli di questo limite, si può invece gustare l’opera traendone comunque un arricchimento in termini culturali.

Premesso questo, personalmente mi sono accostata all’opera dopo aver letto altri romanzi dell’autrice, non tutte apprezzati in egual modo; ciò che amo e ricerco in questa autrice è la limpidezza dello stile, la sua crudità e l’assenza totale di ipocrisia nella rappresentazione dell’animo umano. Alcune sue pagine sono talmente pungenti da risultare respingenti, caustiche, cattive oserei dire, eppure mi ritrovo sempre a riconoscerle una grande abilità nell’investigazione dell’animo umano e nella sua rappresentazione così come mi cattura quando coglie quella sfumatura che sta in bilico tra un sentimento negativo e uno positivo e permette di redimere ognuno di noi nella vasta gamma di emozioni che sorprendono, lacerano, arricchiscono il nostro animo facendolo maturare giorno per giorno. Amo inoltre le sue descrizioni, l’intercalare nelle pagine della bellezza del creato, la capacità di restituirci con storie più o meno gradevoli la sua storia, la sua identità.

Venendo a “Suite francese”, posso affermare di aver assistito ad una rappresentazione teatrale interrotta al secondo atto, il sipario è calato per cause di forza maggiore e di quella rappresentazione non potrò goderne mai più se non, di nuovo, per i primi due atti. Seguendo il suggerimento offerto dal titolo potrei allo stesso modo asserire che la sinfonia si è interrotta e che la musica d’insieme mi ha lasciato il canto del popolo francese. Quanto fu caustica la rappresentazione dell’ebreo, tanto è equilibrata quella del francese, un popolo che subisce un ‘invasione dal nemico storico a cui non ha ancora perdonato Sedan, un popolo che è rimasto schiacciato dalla sua stessa storia, monarchica, rivoluzionaria e anelante alla democrazia, passando anche per la Comune, tentando la repubblica e intervallandola con l'impero. Il punto di vista è quello di un popolo, che al di là della sua identità e nella limitatezza della sua dimensione umana, subisce un’invasione e va allo sbando, perdendo la sua umanità, ritrovandola, ricercandola nel popolo invasore.
Ho apprezzato molto il movimento veloce, caotico, dispersivo di “Tempesta di giugno”, ho risentito della lentezza di “Dolce”, ho assaporato i primi ricongiungimenti degli elementi isolati di quello che è stato pensato come un movimento di più ampio respiro, ho avvertito il dolore di una scrittrice che in presa diretta salvava il salvabile in un tempo e in un luogo che non erano più i suoi. Ho respirato la forza catartica della scrittura e non sono riuscita a leggere la realtà nuda e cruda dell’appendice offerta dall’edizione Adelphi. Sommariamente so che cosa c’è scritto in quelle corrispondenze private, nello strazio del marito, nella secchezza delle risposte, ma mi sono fermata. Penso che se il suo destino fosse stato un altro, l’opera avrebbe risentito, rispetto al disegno iniziale,dello sviluppo di quegli eventi che la sua autrice non ha saputo o voluto presagire perché la cattiveria umana è andata ben oltre ogni possibile immaginazione.
Immagino, nonostante tutto un’opera corposa, gradevole ma stavolta a lieto fine.
Ha vinto invece, la realtà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2015-05-06 15:26:56 manuelaagosto
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
manuelaagosto Opinione inserita da manuelaagosto    06 Mag, 2015
Ultimo aggiornamento: 06 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore e guerra

Fra il 1941 e il 1942 Irene Nemirovsky pone mano a un’opera ambiziosa che non riuscirà a portare a termine : Suite Francese. L’opera comprende due volumi, il primo “Temporale di giugno” e il secondo “Dolce”.
“Temporale di giugno” è un insieme di quadri che ritraggono la fuga dei parigini al momento dell’occupazione nazista della Francia ed è un affresco sulla variegata umanità del popolo che crede, lasciando Parigi, di scampare alla guerra, alle bombe, alla morte certa. L’autrice illumina certe parti dell’affresco soffermandosi su alcune figure, coppie e singoli, diverse tra loro per estrazione sociale, culturale, economica, ma accomunate dalla stessa sorte di fuggitivi in balia della sorte, della fame, della mancanza di un letto su cui dormire. Eppure ognuna di queste figure alla fine risolve la situazione in modo diverso ma, ancora una volta, anche in una situazione di emergenza come questa, chi ha denaro se la cava mentre chi vive del proprio lavoro, come i signori Michaud, si trova a ritornarsene a Parigi perdendo pure il posto di lavoro. La Nemirovsky non giudica, si limita a dipingere quello che vede : sembra quasi una pittrice cronista.
Anche in “Dolce” l’autrice è un’accorata affabulatrice ma la matassa dei sentimenti in gioco che anima i protagonisti, la coinvolge fino a farsi interprete delle loro emozioni.
Un piccolo borgo della provincia parigina viene occupato dai tedeschi che diventano ospiti imposti presso le famiglie del paese. Un ufficiale prende dimora presso le signore Angellier, rispettivamente madre e moglie, Lucile, del figlio/marito prigioniero dei tedeschi.
E’ strana la guerra e ancora più ambigua l’occupazione di un paese: sentimenti contrastanti si impadroniscono della gente del posto. Per alcuni, ad esempio la signora Angellier madre, i tedeschi sono il nemico tout-court, e quindi da odiare, da respingere fino ad evitare ogni contatto, anche verbale. Per la maggior parte del paese la forzata convivenza, sotto lo stesso tetto, alla stessa tavola da pranzo, scatena rancori giustificati e allo stesso tempo una sorta di familiarità che spesso ha il sopravvento sull’odio per l’occupante.
In Lucile, sposa di guerra, sposa mai amata, sposa tradita, e che mai ha amato, l’incontro con l’ufficiale Bruno von Falck, dai modi gentili, educati, persona colta e amante del bello, così diverso dal rozzo marito, imperversano sentimenti così opposti che la rendono continuamente dubbiosa sul come comportarsi, su cosa è lecito provare, su che tipo di relazione, sempre che sia possibile, instaurare. E’ vero : è il nemico, colui che ha ucciso chissà quanti francesi, ma nessuno ha avuto per lei delle attenzioni come quelle che Bruno sa dedicarle. Nella terra bruciata dei sentimenti del suo cuore, Lucile pensa che forse lo ama e ne è riamata: è un male? Ma oltre che soldati questi tedeschi sono anche uomini, con una vita interrotta dalla guerra, con mogli, fidanzate, magari figli! Lucile tenta di giustificare la marea di emozioni che la sconvolgono: è possibile amare il nemico, esserne attratta, condividere momenti di felicità?
Però a una evidente avance di Bruno, Lucile si ritira sconvolta. Improvvisamente tutto si confonde in lei e il rifiuto dello straniero la compenetra. Ma è convinta fino in fondo?
A risolvere i drammi interiori viene improvvisamente l’ordine di partire. Una nuova guerra attende l’esercito tedesco. La guerra con la Russia.
Amore e guerra: una evidente contraddizione. Ma, forse, anche nel nemico si può vedere l’uomo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2015-02-28 00:35:26 GPC36
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
GPC36 Opinione inserita da GPC36    28 Febbraio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una Francia sconfitta e senza eroi

Non ricordo libri nei quali le emozioni della lettura sono state così forti e così strettamente connesse con la vita di chi li ha scritti, come mi è successo leggendo Irene Nemirowsky. Considerazione che vale per l’infelice rapporto con la madre che si riversa in “Il ballo”, ma che vale soprattutto per “Suite francese”. Il libro doveva essere costituito da cinque parti, ma è rimasto, purtroppo, incompleto per la tragica fine della scrittrice ebrea, imprigionata ad Auschwitz e morta nei lager. I quaderni, dove sino al 1942 aveva scritto il testo, sono statti salvati dalle figlie e sono arrivati alle stampe solo nel 2004.
La prima parte “Temporale di giugno” descrive lo sbandamento dei parigini dopo il crollo del fronte antitedesco. Nell'esodo sembrano cadere le barriere tra i personaggi dell’alta borghesia, gli snob e la massa popolare, ma subito dopo l’armistizio lo spirito di solidarietà di fronte alla tragedia si allenta, e gradualmente si cerca di ricostituire le situazioni di privilegio, disposti ad accettare le squallide condizioni del collaborazionismo della repubblica di Vichy.
La seconda parte “Dolce” descrive il rapporto tra i residenti in un paese occupato e gli invasori, con le contrapposizioni che tendono ad allentarsi sino a sfiorare una storia d’amore tra la moglie di un militare francese prigioniero ed un ufficiale tedesco, alloggiato nella sua abitazione
Colpisce drammaticamente il rispetto della Nemirowsky per coloro di cui sarà vittima, quando riconosce tratti di umanità nell'ufficiale tedesco, annullati comunque dal rigore della disciplina militare, mentre, particolarmente nella prima parte, la rappresentazione della viltà e della pochezza dei singoli personaggi ritrae un campionario della società francese sconfitta, che esce a mal partito dalla penna dura ed impietosa della scrittrice.
Il libro è notevole per lo stile scorrevole, la penetrante descrizione delle persone e dell’ambiente. L’ironia alleggerisce solo a tratti la superficie dei ritratti.
Nel testo incompleto e non revisionato dalla scrittrice vi sono le premesse per un grande romanzo nella tradizione dei maggiori romanzieri autori dell’ottocento, in particolare di Balzac; comunque, pur nei limiti di questa stesura, il libro è da classificare tra le opere da leggere e da ricordare.
Resto in attesa della versione cinematografica, di prossima uscita, con il fondato timore che la vicenda sentimentale prevalga, soffocando la denuncia sociale e il dramma personale. Pronto, ovviamente, a ricredermi se necessario.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2015-02-02 10:43:04 Cristina72
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    02 Febbraio, 2015
Ultimo aggiornamento: 02 Febbraio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Un bel popolo siamo!”

Romanzo incompiuto - doveva essere in cinque atti come una sinfonia, ma la scrittrice, deportata ad Auschwitz, non ebbe il tempo di finirlo – consta di due sole parti: la prima è quasi una cronaca in presa diretta dell'entrata dei nazisti a Parigi e il conseguente, disperato esodo dei parigini di ogni estrazione sociale, la seconda ha invece come sfondo un villaggio francese occupato dai tedeschi, ospiti non invitati nelle case degli abitanti, e l'idillio amoroso tra un ufficiale tedesco ed una donna francese.
La prosa è fluida, arguta, elegante (si avverte chiaro l'influsso di Proust), e c'è l'urgenza di raccontare persone e cose mettendo nero su bianco idee e sensazioni proprie ed altrui, con un'analisi psicologica degna di nota.
Non ci sono eroi, ma solo gente più o meno nobile, più o meno meschina, che si arrangia di fronte ad una guerra che mette a dura prova la forza e la dignità di tutti.
Il lettore osserva i fatti attraverso continui cambi di prospettiva che movimentano la narrazione, anche se la mancanza di riferimenti ai crimini di guerra dei soldati della Werhmacht e i pochissimi accenni alla persecuzione degli ebrei non danno una visione del tutto esaustiva del periodo storico.
Sembra una guerra dove i tedeschi, vincitori, prendono possesso del paese vinto senza troppo infierire:
“I tedeschi... branco di carogne... Però, dobbiamo anche essere giusti... E' la guerra...”.
La Francia sottomessa al nemico è fiera solo in apparenza: la sensazione generale e inconfessata della maggior parte è che in pugno alla Germania si sta al sicuro da pericoli forse maggiori.
Del resto, la vita fa il suo corso nonostante tutto: lo si vede dal risveglio della natura a primavera e da quello dei sensi: “Nemici? Certo... Ma uomini, e giovani...”.
La storia d'amore, anche se tutto sommato splendidamente delineata, assume a volte contorni da romanzo rosa, ma gli appunti della stessa autrice riportati alla fine del libro rendono abbastanza l'idea dei suoi piani e di un lavoro ben lontano dall'essere terminato.
Nei capitoli che ci sono pervenuti pochi personaggi saranno capaci di conservare la propria libertà interiore, e le pagine più forti sono quelle che descrivono una quotidianità sconvolta da fatti drammatici e straordinari dove uomini e donne lottano solo per la sopravvivenza, estranei ad atti di eroismo e solidarietà:
“...in tutti, ricchi o poveri che fossero, confusione, viltà, vanità, ignoranza! Un bel popolo siamo!”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2014-10-18 12:11:44 Lea
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lea Opinione inserita da Lea    18 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le Fin?

Irene Nemirovsky non è vissuta per assistere al successo delle proprie opere: deportata ad Auschwitz, vi morì nel 1942.
Una vita incompiuta, così come il romanzo Suite francese, titolo postumo dato alle uniche due parti completate di quello che doveva essere un “Poema sinfonico” sulle tragiche vicende del secondo conflitto mondiale.
In “Tempesta di giugno” l’autrice dispiega un ventaglio delle esistenze più disparate, quelle dei Pericand, famiglia dell’alta borghesia con tutti i crismi e sofismi, del detestabile scrittore Gabriel Corte, degli spauriti coniugi Michaud e di altre migliaia di comparse i cui destini sono uniti dalla comune fuga dai propri territori conquistati dalle rapide armate tedesche.
Non c’è battaglia se non quella della vita quotidiana, degli estenuanti viaggi in auto per i più abbienti e per l’immensa fiumana dei francesi a piedi, che assistono stralunati ai giganteschi ingorghi di mezzi, in un tumulto di bagagli e notizie contrastanti.
La Nemirovsky inquadra le vite di sconosciuti, mostrando un volto meno evidente della guerra, una lotta serrata fatta d’implorazioni e furti, di fame e sbigottimento di fronte ad un fatto così dirompente come un’invasione.
Invece che saltare di vita in vita, in “Dolce” (seconda parte) si scivola in un tranquillo paese della campagna francese, inviolato prima dell’occupazione di soldati tedeschi: il rapporto con gli invasori è complesso, se ci sono persone come la vedova Angellier e la famiglie altolocate che si limitano a scostarsi sdegnati e disgustati dai tentativi di contatto imbastiti dagli invasori, ce ne sono altrettanti come le donne del paese e la giovane Lucile, nuora della Angellier, che guardano alla gioventù e virilità dei tedeschi come a un fiore inaspettato germogliato dalla terra gelida.
Proprio Lucile vedrà nel tenente Bruno von Falk qualcosa che va oltre l’essere nemico, una porta spalancata verso un ignoto luminoso, lontano dalle costrizioni di un matrimonio male assortito, ma una possibilità dolorosa perché avvertita come tradimento alla nazione: l’autrice non vi si addentra, ma mostra un’immagine del popolo francese che lentamente, diffidente, si accorge che il nemico ha le sembianze di un uomo come loro e si lascia quasi intenerire, si abitua allo scalpiccio dei pesanti stivali e delle voci dure e teutoniche.
Ragazzi, uomini come i figli e i mariti in guerra: se nella prima parte, l’umanità in fuga appare gretta e poco solidale con i francesi meno fortunati, questa è un’umanità raccolta e dalla corazza dura, che si piega flessibile alle avversità della vita senza spezzarsi.
La Nemirovsky affronta ogni cosa con la sua scrittura armoniosa: i dolori, l’amore tormentato di Lucile e Bruno, le città distrutte dai bombardamenti, descrive quello che le accade attorno, che la vede purtroppo coinvolta come francese e come ebrea senza indugiare nel patetismo, senza commuovere a tutti i costi.
Del grande “Poema sinfonico” non rimangono che due parti e nel capitolo finale un augurio, una premonizione o anche solo una speranza: “Se ne vanno!”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2014-02-08 20:06:05 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    08 Febbraio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NEL DOLORE CI METTIAMO A NUDO.

COME POTREI IO NON AMARTI E STIMARTI ?
Questo il mio pensiero rivolto all'autrice ebrea Irene Nemirovsky, a lettura ultimata del suo romanzo non portato a termine, perchè arrestata , deportata e internata in un campo di concentramento.
Doveva essere un libro di mille pagine, scritto prendendo a modello la quinta sinfonia di Beethoven. Dei cinque capitoli previsti ne ha portati a termine solo due, mentre per la parte rimanente si possono intuire i prosegui previsti , solo grazie alla lettura dei suoi accurati appunti, scritti prevedendo la fine ormai imminente.
Lei che condannava la paura e qualsiasi forma di umiliazione, ha sfidato tutto e tutti , decidendo con lungimiranza di lasciarci in eredità questo splendore di romanzo.
Si tratta di un affresco lucido di una Francia abulica, vinta e occupata dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale.
E nelle strade dell'esodo dei francesi in una psicosi di guerra sotto i bombardamenti, incrociamo realtà personali variegate tra le diverse classi sociali.
I francesi che avevano avuto il tempo di filtrare e ripulire il passato dalla sua feccia , dal veleno lasciato dalla prima guerra mondiale e reso in qualche modo assimilabile dall'animo, si ritrovano a vivere nuovamente quello stesso veleno.
Nella prima parte si parla di una famiglia dell'alta borghesia di cui spiccano la figura della madre e di un figlio prete e alcuni borghesi che si pongono in atteggiamento di disgusto nei confronti dei più umili e una coppia di impiegati che tra tutti si evidenziano perchè saranno gli unici che riusciranno a mantenere integra la propria dignità.
Nella seconda parte che io ho particolamente amato si parla di soldati tedeschi che vengono accolti in casa dei francesi; in particolare la storia di Lucile , una donna francese il cui marito è in guerra prigioniero e di un soldato tedesco che alberga da lei, sotto gli occhi vigili e scrutatori della suocera.
In tutto il racconto emerge la lotta del destino dell'individuo e della collettività, il tentativo di uscire dallo "spirito dell'alveare",la consapevolezza di un rancore non rivolto ad una comunità, bensì nei confronti dell'individuo che sa far male e che difficilmente si riesce a perdonare.
Irene Nemirovsky è un'autrice molto provata dalla vita. Sa avere una rara capacità: porre la giusta attenzione ai sentimenti, in modo dettagliato e schietto, anche nei confronti del nemico, secondo la "morale del soldato". Lei sa indagare l'animo umano come pochi scrittori sanno fare: sa cogliere le alleanze tra le classi : i poveri che si cercano nel bisogno e si aiutano vicendevolmente; i ricchi che sodalizzano in vincoli e che , avari, si difendono sempre nella società.
Da questo racconto scaturiscono una serie di riflessioni che dimostrano in modo evidente maturità e capacità di giudizio nei confronti dell'uomo in generale.
E' nelle avversità che l'animo umano , complesso ,molteplice , diviso, misterioso, si rivela in modo definito, perchè non cambia, ma vengono alla luce gli aspetti che solitamente rimangono nell'ombra e chi come l'autrice sapeva con i battiti folli del cuore cosa significassero coraggio, paura, amore, ha saputo osservare gli uomini e le donne in tali situazioni, poteva dire di conoscerli e di conoscere se stessa.
Le persone si mettono a nudo e si trovano cambiate per affrontare le nuove avversità...per vivere o meglio sopravvivere.
E le catastrofi ovvero le scosse della vita passano; resistono coloro che non si sono lasciati sopraffare e hanno resistito, atteso, sperato...lottato.
E quanto mi è cara questa autice che ci parla del mondo, questo povero mondo così bello e così assurdo; un'autrice che ha avuto un animo cosmico nel quale trovavano eco i grandi problemi dell'umanità.
Con dolore ho terminato la lettura di questo sublime libro, pensando che lei, sempre rispettosa anche nei confronti del nemico e dello straniero, proprio ad opera di questi ha trovato la propria triste fine.
SIMPATICO ANEDDOTO: ho letto con tale partecipazione il libro che quando è successo che la signora Pericard, tutta presa tra i bombardamenti a salvare i suoi tre figli, quando dopo un urlo di dolore si è accorta di essersi dimenticata del suocero...ebbene mi sono associata al suo urlo, perchè anche io come lei, me ne ero dimenticata...e sono rimasta da questa affinità.
Buona lettura,
Pia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha la pazienza e la maturità di saper ascoltare gli altri con vivo interesse.
A chi è interessato ad approfondire la propria conoscenza dell'animo umano.
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2012-03-14 10:38:42 elvi
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da elvi    14 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento: 15 Marzo, 2012

Suite Francese

...anch'io sono rimasta un pò delusa alla fine in quanto non c'è una vera conclusione della storia...ma penso anche che non fosse realmente necessaria perchè l'autrice in questo libro ci parla dell'uomo, di come reagisce agli eventi, alle tragedie, all'amore! I romanzi hanno una "fine", ma qui si parla della vita e la vita degli uomini non ha inizio, non ha fine ed è uno scorrere continuo! Io l'ho capito così e l'ho trovato molto attuale!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Suite francese 2012-02-03 09:35:56 macchiolina
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
macchiolina Opinione inserita da macchiolina    03 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incompiuto

E' il primo libro che leggo di questa autrice.E forse ho iniziato dal libro sbagliato visto che è rimasto incompiuto a causa della deportazione e ,in seguito ,della morte dell'autrice nel lager di Auschwitz.Sono arrivata alla fine del libro e sono rimasta con la curiosità di sapere il destino di tutti i suoi protagonisti e con l'amarezza del sapere il motivo per cui il libro si è interrotto.Da quel che ho letto comunque il romanzo era ben strutturato,e mentre la prima parte (Tempesta in giugno) mi è sembrata un pò lenta e noiosa, la seconda (Dolce) mi ha veramente appassionato.Sicuramente leggerò altre opere della Nemirovsky.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
25
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore addosso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nel guscio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il cuore degli uomini
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendicatrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tante piccole sedie rosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le nostre anime di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
La mia vita non proprio perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A cantare fu il cane
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Commedia nera n.1
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eroi della frontiera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Magari domani resto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri