Narrativa straniera Romanzi Uno splendido disastro
 

Uno splendido disastro Uno splendido disastro

Uno splendido disastro

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Camicetta immacolata, coda di cavallo, gonna al ginocchio. Abby Abernathy sembra la classica ragazza perbene, timida e studiosa. Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una ragazza diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Travis è il ragazzo sbagliato per eccellenza. Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano quelli profondi di lui e sente uno strano nodo allo stomaco: Travis rappresenta tutto ciò da cui ha solennemente giurato di stare lontana. Ma quando, a causa di una scommessa fatta per gioco, i due si ritrovano a dover condividere lo stesso tetto per trenta giorni, Travis dimostra un'inaspettata mistura di dolcezza e passionalità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 27

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.3  (27)
Contenuto 
 
3.2  (27)
Piacevolezza 
 
3.4  (27)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uno splendido disastro 2015-10-31 15:27:54 Allora
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Allora Opinione inserita da Allora    31 Ottobre, 2015
Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AVVINCE MA NON CONVINCE

Pensate di afferrare trepidanti un giornale patinato che vi mostra in copertina una bella donna ammiccante, ben vestita, ben pettinata e ben truccata. Pensate poi di voltare pagina e scoprire, un fotogramma alla volta, che l’avvenente bellezza in copertina è in realtà il risultato del paziente intervento correttivo di un bravo fotografo e del miracoloso Photoshop.
Ecco svelato il successo del primo volume (e anche l’unico che ho letto) della trilogia della McGuire: ovvero una sapiente operazione editoriale più che “il fenomeno letterario mondiale dell’anno” che si celebra in copertina.
Inutile negare che la trama avvince; merito soprattutto dei rodati meccanismi delle moderne storie d’amore, passionali ma tormentate, a cui la McGuire s’ispira pur non inventando nulla di nuovo.
La bella ma naïve Abby Abernathy è la principessa della nostra storia che incontra sul suo cammino un principe un po’ particolare: Travis Maddox, bello, atletico, intelligente, ma violento e tormentato. I due si innamorano inevitabilmente già nel primo capitolo, anche se ne prenderanno coscienza solo verso la metà della storia. Trascorreranno poi le restanti 200 pagine delle 333 totali del libro a cercare di dimostrarsi il proprio amore, con comportamenti autolesionisti e persino distruttivi, che i nostri “eroi” hanno imparato nel loro passato difficile e talvolta oscuro. Tra un tira-e-molla e l’altro Abby e Travis vivono la loro intensa relazione sullo sfondo di un tipico college americano, che conosciamo nei suoi automatismi grazie ad anni ed anni di comedy adolescenziali. Ad accompagnare i due innamorati, una serie di co-protagonisti più o meno significativi, ma tutti dallo spessore letterario di “cartonati” che riempiono i vuoti narrativi della storia.
Ecco perché questo romanzo non convince. La McGuire è una discreta regista e sceneggia bene il susseguirsi delle scene, ma la scrittura è povera. I dialoghi non solo sono scontati nel contenuto, ma spesso sono scritti male, tanto da costringere il lettore a fare marcia indietro per capire quello che è appena stato messo in scena. I personaggi sono piatti e sospinti all’azione da egoismi adolescenziali ed emozioni bipolari.
SPOILER (?)
Non mi sorprenderebbe leggere tra qualche anno dalla penna di un reporter la cronaca del divorzio di Travis e Abby.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2014-07-17 14:01:06 Gabby
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Gabby    17 Luglio, 2014

Uno splendido racconto

Inizialmente sono stata pressoché restia a comprare "Uno splendido disastro", ma successivamente ho deciso di buttarmi in questa piacevolissima avventura. Premetto che il racconto è spesso improbabile, quasi come se fosse un sogno (infatti mi ha fatto sognare), ed il finale è un po' scontato, ma è una bellissima storia, mi ha fatta innamorare, mi ha fatta sorridere ma anche piangere. Posso garantire che crea molta dipendenza (ho terminato l'intera trilogia in sei giorni), spesso fa rimanere col fiato sospeso e provoca emozioni e sensazioni molto particolari.
Devo ammettere che spesso è violento, in particolare nella descrizione dei comportamenti di Travis Maddox in diverse situazioni, e inoltre sbatte in faccia la realtà presente nei college americani.
Spesso, durante la lettura vi innervosirete per gli atteggiamenti ti Abby e vi scioglierete per i pensieri di Travis. Naturalmente è un tipo di lettura abbastanza leggera ma intrigante, lo consiglio vivamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2014-05-17 09:58:07 noemi.musica
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
noemi.musica Opinione inserita da noemi.musica    17 Mag, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Carina ma improbabile in alcuni momenti

Ho comprato questo libro perchè particolarmente stupita dalle recensioni positive a riguardo. Devo dire che in parte sono stata effettivamente soddisfatta della lettura, in altre un po' meno. I personaggi sono tutti molto realistici: Travis è il tipico ragazzo "Una botta e via" che beve, pieno di tatuaggi e con una moto in garage. Il tipico tipo tormentato, che però attira valanghe di ragazze ai suoi piedi. Tutte le ragazze forse, a parte Abby. Eh sì, perchè Abby è diversa. E da qui nasce una storia d'amore, dal mio punto di vista fin troppo tormentata per la realtà che, però, appassiona fino alla fine. Ritengo quindi che la scrittrice sia riuscita nel suo intento di fare appassionare il lettore, ma allo stesso tempo abbia un po' troppo "calcato" sui disastri e confusioni che succedono nel libro. Comunque, buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi rosa e d'amore in generale
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2014-03-31 17:44:42 fede.book21
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
fede.book21 Opinione inserita da fede.book21    31 Marzo, 2014
Ultimo aggiornamento: 31 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno Splendido Sogno

Uno splendido sogno, si perché la storia d'amore tra questi due ragazzi è la storia più bella, improbabile e dirompente che ogni ragazza possa sognare.
Dal sogno a diventare realtà è tutta un'altra storia.
Detto questo dobbiamo ricordarci che leggere molto spesso significare sognare, i libri possono farci vivere esperienze che la vita non ci propone o che non finiscono con lo stesso bellissimo finale. Quindi perché non viverle almeno nei libri.
All'inizio leggendo la trama e sentendone parlare si può pensare che sia un libro scontato e superficiale, di storie già sentite e risentite, ma devo dirvi che questo libro ha un tocco in più.
E' vero, abbiamo la solita ragazza ingenua e un pò sfigata della scuola, il solito ragazzo bastardo che può avere tutte le ragazze che vuole e la solita storia degli opposti che si attraggono, ma tra queste pagine c'è di più.
Intanto un modo di scrivere molto scorrevole, una storia che regge e un sacco di colpi di scena che non si limitano a scontate storielle da scolaretti.
Secondo me chi ama i romanzi e ha voglia di sognare un pò, dovrebbe dare una possibilità a questo libro e senza accorgersene non riuscirà a smettere di leggerlo. Provare per credere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2014-01-14 08:34:10 Veronica
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Veronica    14 Gennaio, 2014
Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio, 2014

Una storia improbabile ma molto carina

Questa storia sembra il solito libro per adolescenti, ma secondo me ha un fondo di verità. È vero che il personaggio maschile, Travis, è fin troppo violento e piagnucolone, però persone del genere esistono! E non è insolito che Abby sia attratta da lui, anche perché sotto l'aspetto di macho di un ragazzo di solito vi è sempre una persona molto buona... La storia è molto intuitiva, ma piacevole. Lo stile è buono e l'autrice è stata brava a catturare l'attenzione. Non è il miglior libro che io abbia letto ma lo consiglio se si vuole vivere un amore adolescenziale in tutta la sua complessità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Leggete il seguito: il mio disastro sei tu
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-10-06 09:04:50 catiuscia
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
catiuscia Opinione inserita da catiuscia    06 Ottobre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

solo un disastro!

Inizialmente è stato piacevole il rapporto di amicizia tra questi ragazzi poi andando avanti anche questo mi è sembrato molto banale mi ha lasciato molto pensare la violenza incontrollata di Travis e l'ostinazione di Abby nel voler stare con un ragazzo così violento che ovviamente si capisce non cambierà mai il suo modo di possedere le persone...mi ha dato un senso di rapporto malato soprattutto in questi tempi in cui le donne vengono sempre più considerate oggetti da possedere ad ogni costo . il finale è stato anche esso irreale : un matrimonio tra immaturi...non oso pensare che purtroppo anche nella realtà succedono di queste unioni che poi creano la società sballata in cui siamo costretti a vivere!!
Nonostante la violenza incontrollata ho apprezzato la simpatia con cui viene descritta l'amicizia tra questi giovani per il resto la morale del libro l'ho bocciata. Va bene l'amore ma no quello malato!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-09-09 17:30:54 Pupottina
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    09 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Abby e Travis: UNO SPLENDIDO DISASTRO

Jamie McGuire è una delle scrittrici più controverse del momento. Il suo UNO SPLENDIDO DISASTRO è un romanzo che ha diviso la critica che come al solito si aspetta un tipo di storia, ma appena c’è un tocco di originalità o di novità inizia a darle contro.
Anche io, devo essere sincera, mi aspettavo il solito tipo di storia, che avrei comunque letto con piacere, ma, avendo riscontrato elementi di novità, ne sono stata favorevolmente colpita.
In una storia d’amore stile Twilight, ma senza il paranormale, trovare scene di combattimento alla Fight Club o alla Warrior, è davvero insolito, ma non per questo ne preclude il romanticismo. Anzi, forse ne risulta incentivata l’intensità con la quale ci si predispone a interiorizzarla. Per le amanti delle storie young adult, forse è una componente che stona, se la si legge pensando alla proprie esperienze adolescenziali, ma è proprio qui che, secondo me, si dovrebbe consolidare il gradimento, poiché tutte abbiamo tra i nostri primi amori ragazzi irrequieti, irruenti, etichettati, a primo impatto, come sbagliati. Lui, Travis, non è il classico principe azzurro della favola, ma è sicuramente più credibile e reale, soprattutto per il target di pubblico cui il libro è indirizzato. Nel romanzo, c’è anche la classica figura del principe azzurro, Parker, cui la protagonista rivolge, per un periodo, le sue attenzioni, ma non può e non vuole mai rinnegare l’attrazione che la spinge verso Travis. Entrambi hanno questioni irrisolte. Lei, in particolare, è quella che, se vogliamo parlare di “superpoteri” in senso metaforico, ne ha da vendere e sarà in grado di dimostrarli al pari di lui, in scene con giochi d’azzardo. Perciò, ognuno dei due è “splendido” nel suo ambito. Proprio per questo, sono una coppia, insolita, chiacchierata, ma che tende a compensarsi, risultando perfetta.
Lui è come tutti i fidanzatini adolescenziali, ossia molto molto geloso. Lei, Abby Abernathy, è la classica ragazza perbene che vive le sue prime esperienze con il ragazzo più chiacchierato della scuola, attuando la missione impossibile di cambiarlo, almeno un po’. È una storia adolescenziale e romantica, con tutti i pro e i contro che hanno questo tipo di amori che si vivono in maniera più intensa che nell’età adulta, avendo anche tutt’altro tipo di approccio e di esigenze. È una storia in cui ci si identifica, nonostante qualche situazione sia particolarmente insolita e improbabile. Comunque è un bell’inizio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
young adult, Twilight, romanzi d'amore ...
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-08-17 08:35:43 DANIELA
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da DANIELA    17 Agosto, 2013

SOLDI SPRECATI

Per fortuna! Temevo di essere una mosca bianca... ma ho visto che non sono stata la sola ad essere delusa dalla lettura di questo acclamatissimo libro. Mi chiedo anch'io come possa essere stato considerato il caso dell'anno... Non mi soffermo sugli aspetti psicologici della storia... alquanto dubbi, ma io l'ho trovato di una banalità disarmante, stucchevole, noioso, scritto in maniera puerile. Perchè a me, in primis, non è piaciuta proprio la scrittura, lo stile. Ma vi sembrano dialoghi quelli? Privi di qualsiasi emozione, ripetitivi, noiosi all'estremo. Due cretini che si prendono e si lasciano di continuo. Con un finale, poi, scontato. Ma come si fa ad essere attratti da un libro del genere e reclamarne, pure, un seguito? E ancora una volta, come altre... un libro che ha avuto così ampio seguito tramite il passaparola mi ha deluso. Soldi assolutamente sprecati. Uno dei peggiori libri mai letti... non lo consiglierei al mio peggior nemico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-08-12 15:43:58 saphi
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
saphi Opinione inserita da saphi    12 Agosto, 2013
Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

mah

Ho comprato questo libro spinta dalla curiosità e dalle recensioni positive che ha ricevuto,e mi sono detta perchè no?
ERRORE ENORME ERRORE!
Partiamo dal titolo italiano che è brutto ed estremamente Harmony,i protagonisti mi fanno paura!
Ora nella letteratura rosa si stanno imponendo dei personaggi tutti uguali ed estremamente stereotipati!
Qui abbiamo Trevis bellissimo,bravissimo studente,atleta e quasi una semidivinità e stalker e poi c'è Abby strafiga ma lei non lo sa,ingenua,VERGINE,molto stupida e che all'inizio crede che lei e trevis non si sarebbero mai messi insieme,ma che siete pazzi??Queste caratteristiche ricordano per caso qualcuno??Tali Edward Cullen,Mr Gray,da un certo punto di vista anche Daniel di Fallen e tutti i protagonisti maschi degli harmony tradizionali,forti come tori,invincibili,bellissimi,geniali etc... bla bla bla; e dall'altra parte le loro controparti femminili,Bella,Ana,Luce etc.. che sono imbarazzanti per il genere femminile!
In questo libro l'uomo li,travis, picchia tutti! Ha la rabbia facile,un ragazzo non può neanche guardare Abby che lui lo uccide di botte! Ma è normale?? Chi vorrebbe un uomo del genere?Un tizio che picchia cosi facilmente chiunque non genera nella sua compagna un pizzico di paura per se stessa e per gli altri??Se vedessi che il mio ragazzo è cosi violento verso gli altri anche per sciocchezze,avrei il terrore che se magari un giorno non gli andasse bene un mio comportamento o una mia risposta sgarbata, lui prende e indirizza la sua rabbia contro di me!Lui è malato ,è pazzo;ma lei non è da meno,stupida,senza una propria volontà si fa strascinare da Travis e dall'amica America.
Viene trascinata all'incontro di box clandestino da America,viene trascinata in tutte le vicende, è il personaggio passivo per eccellenza
Sto romanzo ha delle parti senza alcun senso, ad esempio nel loro dormitorio manca l 'acqua calda,invece di fare la cosa più normale, logica possibile cioè continuare a stare nel loro dormitorio e fare solo la doccia a casa di travis,quella si trasferisce li!non lo conosce ma dorme nel suo letto,perchè mister macho nel letto non ci scopa,scopa solo nel divano.. stupido e squallido.
Poi la scommessa più idiota del secolo,ma cavolo perchè non dice NO non voglio fare una scommessa?? c'è l'hai un cervello?la risposta è no!Sono rimasta sconvolta poi quando travis picchia l'ennesimo tizio e poi quella cretina dice k il tizio se lo è meritato!oh santa maria..
Lei critica le ragazze che Travis si è fatto perchè facili e bla bla bla ma lei, la ragazza per bene,sta con Parker nonostante voglia travis,con cui dorme nel letto e poi molla il povero cristo di Parker per telefono per poi andare la sera stessa a letto con il suo amato Travis..si una vera ragazza per bene..
Altra cosa preoccupante è che durante il sesso loro non usano protezioni,facendo passare l'idea che se si è fidanzati non si devono usare,vanno usate solo con le sgualdrine che di solito usa il suo uomo..
SPOILER
Le assurdità in questo libro si sprecano.Travis picchia 10 persone e nessuno chiama la polizia,la cosiddetta ragazza per bene ha un padre ex giocatore d'azzardo con rapporti con la mafia,lei va da sola ad affrontare 3 esponenti mafiosi con il suo superman personale che quando vede minacciata la sua piccola prende a botte i due scagnozzi meritandosi un lavoro con la mafia e poi per finire si sposano!ehm ehm ridicolo ridicolo ridicolo..
Qualche anno fa non avrei capito come ha fatto questo romanzo a diventare un "fenomeno mondiale" ma dopo 50 sfumature tutto è possibile.. il solo fatto di essere un fenomeno non significa che meriti tutta la sua fama.Possibile che i romanzi d'amore con gente normale non attirino molte donne?Si deve per forza volere i protagonisti tutti uguali,tutti perfetti e bellissimi,declinate in diverse situazioni,una volta vampiri,una volta angeli,una volta sadomaso?
non è più facile immedesimarsi nella donna normale?magari non strafiga ma con almeno un briciolo di volontà propria..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
leggete vera letteratura rosa:Austen,le Bronte e la Alcott
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-07-27 08:49:35 Elisa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Elisa    27 Luglio, 2013

LO ADORO.

Questo è uno dei pochi libri che ho letto volentieri in tutta la mia vita. 'Uno splendido disastro' è il genere di libro che fa per me, anche se devo ammettere che in alcuni punti l'amore di Travis verso Abby era un po' troppo platonico e esagerato, ma trovo che il significato del libro sia molto profondo. La scrittrice ha cercato di creare un libro che non fosse superficiale, lo ha scritto evidenziando bene cosa significhi ''amare veramente'', motivo per cui il protagonista, Travis, sia così protettivo. E poi chi lo sa, magari dopo uno stile di vita di storie durate solo una notte, si può amare sul serio, e non essendo abituati si può arrivare a fare qualsiasi cosa per la ragazza che si è sempre voluto. Penso di aver colto il significato intenso del libro, la scrittrice sa esattamente come descrivere accuratamente una situazione, i particolari e i personaggi. Ho consigliato a tanta gente di leggero questo fantastico romanzo, e non me ne pento. Se questo fosse stato un libro noioso, o troppo banale o addirittura esagerato, penso che nessuna casa editrice si sarebbe presa la briga di pubblicarlo e tradurlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-07-08 19:40:12 Giusy T.
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Giusy T. Opinione inserita da Giusy T.    08 Luglio, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Beh!!!

Sono presenti anticipazioni sul finale.
L'ho comprato in preda ad una crisi, avevo una mancanza d'affetto immensa e la Nutella non bastava a calmarla, mi serviva un romanzo, uno di quei stupidi romanzi romantici che ti regalavano amore in 300 pagine. Lo trovo , lo compro, convinta che me ne sarei pentita.
Le prime pagine sono scritte molto bene e la storia è anche interessante.
L'interesse spassionato di Travis e la finta indifferenza di Abby, mi hanno colpito davvero molto.
la storia andava avanti bene, tranne per le parti un po troppo "ridicole" , come ad esempio il suo amore TROPPO platonico, lo sbandierare a tutti che la ama, rischiare di essere ucciso da un mafioso ma dire SONO INNAMORATO DI LEI, erano cose un pò troppo stupide. Come il fatto che picchiasse chiunque gli desse fastidio o che fosse cosi pazzamente folle. Questi particolari lasciavano un po a desiderare ma per il resto la storia era carina. Il culmine si raggiunge quando lei sta per morire durante l'incontro, bruciata dal fuoco. Lui arriva, tipo Superman, la salva. Non accertandosi se suo fratello fosse vivo, lo considera già morto, già chiama il padre. Lei impassibile, il fratello è vivo, tornano a casa, avevano appena vissuto un incubo, lei stava per morire, avevano visto persone morire dappertutto, mura in fiamme, gente urlare e piangere...Io sarei rimasta morta nel letto dalla paura per minimo 3 4 giorni, invece lei? SPOSIAMOCI....ma WTF? sposiamoci?!. il tempo che glielo chiede la signorina dell' aereoporto ha già risposto al telefono. Troppo abbreviato e ridicolo. Vanno a Las Vegas, nessuno sa nulla, nessuno è presente, si sposano. a 19 anni, dopo un incendio, in piena crisi adolescenziale, dopo che lui ha massacrato di botte tutti quelli che ti guardavano, che appena lo lasci , torna a casa con una diversa ogni notte, si ubriaca e urla?!? LEI LO SPOSA!!!
Questo è stato il culmine, però oltre al finale la storia è stata carina....mi sa che l'autrice aveva troppa fretta di finire il romanzo non sapendo come fare, o che non avesse più voglia, ma il finale è stato arronzato alla meglio...Peccato, poteva essere veramente un bel libro. La storia valeva abbastanza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-05-13 17:42:53 Ally79
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    13 Mag, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Disastro e basta.

Mentre leggevo questo romanzo un pensiero balenava nella mia mente:”E’più idiota questo libro o sono più idiota io che lo sto leggendo?”
Vagavo immersa in questo amletico dubbio di elevata caratura morale quando illuminante è arrivata la risposta:”Gli idioti veri sono i due protagonisti.”
Due imbecilli più grandi io nella mia vita mai li avevo trovati.
(Nella mia vita letteraria intendo,perché nella realtà ho incontrato anche di peggio….)
Eppure sono una lettrice avida e di scarse pretese che non disdegna cose alla Twilight (Bella ed Edward al confronto sono tipo Dario Fo e Franca Rame…),Harmony e quanto di più “basso” la letteratura proponga.

Ma bando alle ciancie sui miei gusti libreschi e veniamo ai motivi dell’idiozia dei giovani protagonisti.
Lui,Travis:è un genio a scuola,ha una famiglia che lo adora,padre saggio,fratelli divertenti,è forte,bello e muscoloso ma…ma sembra una femmina isterica a cui il ciclo non passa da dieci anni.
(Si, il riferimento al ciclo è tecnicamente offensivo,ma dato che viene da una donna,accettatelo come politicamente corretto.)
Quando non fa a botte con qualsiasi cosa gli capiti sotto mano (spazzolone del water compreso) lui piagnucola.
Si,piagnucola.
Il virile macho muore dalla paura che la fidanzatina lo lasci e non fa altro che ripetere: “Dimmi che mi ami,senza te non vivo,solo per te esisto e micio micio bau bau”
Rivolgiamo allora la nostra attenzione alla fidanzatina che tanto lo inquieta:soprannominata Pigeon (ma perché???),è una verginella dal cardigan di cachemire,con madre alcolizzata,padre fetente e famoso giocatore di poker.
La dolce donzella,anche se non specificato all’interno del romanzo,deve certamente essere stata lobotomizzata alla tenera età di dieci anni.Nessuna altra spiegazione reggerebbe infatti rispetto alla sua capacità di tollerare i piagnucolii di cui sopra e alla assoluta mancanza di carattere.
Ogni tanto molla Travis,che nel frattempo spacca qualcos’altro e piagnucola,(Bastaaaaaaaaaaaaa cretino!!!)salvo poi rendersi conto che il loro amore è unico (Ah davvero??)e tornare da lui.

Ora tutto questo lieto racconto non è nemmeno scritto particolarmente male (a parte un eccesso di dialoghi)è proprio la trama che è brutta.
No ma brutta,brutta,brutta!Non brutta e basta!Ed è anche stupida.
Come Travis,come Pigeon e come la sottoscritta che per insondabili motivi (mi avessero lobotomizzata pure a me?)leggo queste storie.

Buona lettura…ma solo se non sceglierete sta fetecchia.
Si può dire fetecchia??

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
300
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-29 20:38:29 BEPUZ
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
BEPUZ Opinione inserita da BEPUZ    29 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' VERAMENTE UN DISASTRO

Non so cosa mi avesse spinto a leggere questo libro, pero' non pensavo dovesse essere così noioso. Sin dalle prime battute, mi è sembrato un libro fatto ad hoc per gli adolescenti. Sapete quelle commedie ambientate nei college americani? Festini, alcol a fiumi, confraternite, giocatori di basball, ecco questo romanzo le fotografa benessimo. Lei Abby scappa dal suo passato per approdare alla Eastern Universyty. Lì incontra Travis, il bullo dell'università, dedito a combattimenti clandestini organizzati per tirar su un po' di soldi . Lui è bello, fisico scultoreo, tatuato, con uno stuolo di ragazze adoranti disposte a tutto pur di stare con lui, ma che lo stesso tratta come merce usa e getta, calpestandone la dignità. All'inizio fà di tutto per evitarlo, ma per una scommessa persa, è obbligata a passare un mese intero nel suo appartamento, unitamente alla sua amica America che cerca in tutti i modi di proteggerla, ed al suo fidanzato Shepley. Ovviamente lei all'inizio fa resistenza al fascino di Travis, decidendo di essergli solo amica. Addirittura frequenta Parker, un bravo ragazzo i cui appuntamenti con Abby verranno sabotati da Travis per gelosia.

Trama ovviamente scontata. Lei si innamora di lui e a scuola tutti i loro comportamenti, movimenti, atteggiamenti vengono studiati e commentati dagli altri studenti. La loro storia ha una battuta d'arresto quando vanno a Las Vegas. Abby deve recuperare 20.000 dollari che il padre Mick (la ragione per cui lei è scappata dal Nevada) deve ad un mafioso, per un debito contratto nel gioco del poker, cui Abby è stata una professionista. Riesce nella serata a recuperarne 15.000,00, gli altri 5000,00 vengono vinti da Travis stendendo i 2 scagnozzi del mafioso che ne intuisce le doti di lottatore, proponendogli di comabattere per lui. Travis è tentato dall'offerta, ma quest'indecisione gli fa perdere Abby, che non vuole essere additata come la causa di un eventuale fallimento di Travis.

Finale scontato.

Addirittura se ne parla come di un fenomeno mondiale, venduto ad una importante casa editrice dopo un'asta agguerrita. Io personalmente penso di non aver letto una grande trama, troppo sopravvalutata. La Warner Bros ne ha acquisito i diritti cinematografici. Bè penso di non andare a vedere il film che per me dovrebbero titolare " Tanto rumore per nulla".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
121
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-26 20:09:28 Lady Libro
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    26 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L' "amore" ai tempi del wrestling

Altro che “splendido”! Questo libro è un disastro punto e basta. Eh sì che avevo grandi aspettative amando la letteratura rosa…
Le uniche cose che si salvano, a mio parere, sono lo stile di scrittura e il contenuto delle prime pagine. Perché Jamie McGuire scrive molto bene, e su questo non ci piove: il lessico è molto curato e semplice, le descrizioni non sono eccessivamente lunghe ma rimangono comunque ben fatte e oltretutto l’inizio della storia mi aveva proprio conquistata: adoravo seguire ogni singola fase del corteggiamento di Abby da parte di Travis, lei che vinceva la sua riservatezza per abbandonarsi tra le braccia di quel ragazzo perdutamente innamorato di lei…
Eh sì. Avrei proprio voluto che questo dolce, lungo e travagliato corteggiamento dell’inizio del romanzo non finisse mai… Ma, ahimè, desiderare non basta, perché arriva immediatamente l’elemento che più ho odiato in assoluto e che distrugge tutta la bellezza del principio, ovvero i personaggi (che nel corso della storia non fanno altro che mangiare, dormire, ubriacarsi e partecipare a festini), i quali sembrano tutti quanti degli stupidi burattini provenienti da un teatrino dell’assurdo!
Partiamo con la ciliegina sulla torta (parecchio grama, bisogna dirlo), ovvero Travis “Mad Dog” Maddox (e Mad lo è per davvero) che sembra il figlio nato dal matrimonio tra Arnold Schwarzenegger e Sylvester Stallone: non appena uno tossisce o sfiora la sua amata con la punta dell’unghia, il suddetto “Cane Pazzo” per poco non lo ammazza di botte! Sul serio: in tutto il libro Travis avrà picchiato almeno una decina di persone e senza che nessuno intervenga a fare qualcosa o a punire qualcuno! Devo proprio ammettere che durante la lettura mi veniva una voglia matta di entrare nel romanzo per soccorrere i poveri sfortunati lividi, pesti e sanguinanti e portare loro in un ospedale e Travis al manicomio!
E non chiamatemelo amore, per favore! Questa è pazzia pura. (Non sarà che forse ho letto “L’arte della guerra” di Sun Tzu sotto falso nome)?
Ho sentito un sacco di ragazze dire che vorrebbero un fidanzato come Travis… Beh, io passo! Ma vogliamo parlare, poi, del fatto che ogni ragazza farebbe di tutto per andare a letto con lui e non appena lo vede sbava come un cagnolino? Ormai hanno proprio stufato questi personaggi così finti, forzati e costruiti!
Al secondo posto abbiamo America, la migliore amica di Abby, nonché l’incoerenza fatta persona: prima fa di tutto per allontanare la protagonista da Travis, poi vuole che si fidanzi con lui, poi le intima nuovamente di lasciarlo, poi ricomincia a dirle di tornare con lui… Che due scatole! Deciditi, ragazza mia!
Terzo posto: Parker Hayes, primo interesse amoroso di Abby, che io ho soprannominato “Il Bietolone” perché, nonostante anche un cieco si accorga di quanto sia forte il rapporto tra Abby e Travis, lui continua imperterrito come un tontolone a corteggiare la protagonista senza nemmeno manifestare qualche segno di gelosia per la loro relazione! Boh. Io al suo posto avrei mollato Abby da un pezzo.
Quarto posto: Abby Abernathy, una ragazza piuttosto insopportabile, superficiale e stupidotta che si crea tanti problemi inutili, assurdi, insensati e per niente, quando un ragazzo darebbe la vita per lei nella totalità del suo amore incondizionato. Svegliati Abby e finiscila di crogiolarti in tragici piagnistei autobiografici, cinematografici e farlocchi, dato che in tutto il romanzo ti fingi la santarellina di turno!
Quinto posto: tutti gli altri personaggi secondari, utili quanto un maglione di lana a Ferragosto e piazzati proprio lì a casaccio tanto per allungare il brodo e le pagine.
Per riassumere: la delusione, viste le ottime premesse, è stata veramente cocente, il libro, dopo le prime pagine, diventa un mattone colossale e piuttosto ripetitivo (ho impiegato una vita a terminarlo) e… Beh, sulla spropositata bellezza dei personaggi ho detto tutto.
So che a molti è piaciuto, e rispetto pienamente gli estimatori di questo libro, ma io personalmente non me la sento di consigliarlo.

P.S. Dovrebbe uscire prossimamente il seguito del romanzo, il cui titolo inglese è “Walking disaster”, e non è altro che “Uno splendido disastro” scritto dal punto di vista di Travis.
Ma mi sa tanto che non lo leggerò.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
261
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-25 17:52:40 Rizzolini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rizzolini Opinione inserita da Rizzolini    25 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando non è solo il disastro ad essere splendido

Eccoci ad un'altra lettura "fortemente consigliata" dalla mia libraia di fiducia! Che dire, ho trovato un'alleata fantastica in fatto di letture!!

ma passiamo al romanzo ora, che dire, semplicemente stupendo a parere mio!
Inizialmente, nel primo capitolo, temevo di avere a che fare con la versione femminile di Moccia (che non rientra tra la top fifty dei miei autori preferiti), ma poi andando avanti si è ben palesata la totale estraneità della McGuire dal suddetto autore!!



La trama forse non è delle più originali, ma è comunque molto ben strutturata ed è molto coinvolgente, i personaggi sono molto ben descritti e hanno un carattere e una coerenza che mantengono fino alla fine.

Come scrittrice la McGuire mi piace molto! Le descrizioni erano ben fatte, senza apparire troppo pesanti; lo stile è abbastanza fluido e scorrevole, molto bello da leggere!

Andando più sul personale devo dire che ho adorato questo libro che ho letto in pochissime ore, proprio perchè non potevo lasciare la storia in sospeso! Se inizialmente temevo di avere a che fare con la copia di Moccia, andando avanti nella lettura ho avuto decisamente modo e conferma nel ricredermi! La McGuire è una scrittrice molto promettente, di quelle da inserire nella lista degli autori da tenere d'occhio!!!

Concludendo, un romanzo da leggere, non troppo impegnativo, ma sicuramente molto piacevole!
E per l'ennesima volta....Grazie mille mia adorata libraia di fiducia!!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-24 14:21:42 Glo86
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Glo86 Opinione inserita da Glo86    24 Aprile, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore alle prime battute!

Ebbene sì, è stato amore alle prime battute!
Devo ammettere che nelle mie varie visite in libreria ho scartato più volte questo titolo, ma alla fine ho ceduto incuriosita dalla trama e dalle recensioni e l'ho acquistato.
Ho iniziato a leggerlo e fin dalle prime pagine ho notato la vivacità dei dialoghi, lo scambio “frizzante” di battute, e sono stata catapultata in una lettura molto coinvolgente! L'autrice racconta una storia, forse non troppo originale, ma molto “vera”, e mai come in questo caso la classica frase “gli opposti si attraggono” è più azzeccata! Anche se forse i protagonisti, in fondo, non sono poi così diversi!
Abby e Travis, entrambi con un passato alle spalle “forte”, si incontrano e fin da quel momento l'autrice fa intendere che la loro pseudo amicizia sarà molto intensa fino a sbocciare in qualcosa di più! Molto divertente anche la presenza costante nella storia della copia formata dall'amica di lei, America detta Mare, e dal cugino di lui, Shepley, che vengono catapultati nelle vicende sentimentali dei due protagonisti!
Ho trovato questo libro “fresco” e molto scorrevole, i pochi passi descrittivi ed il costante scambio di battute e intensità dei dialoghi mi hanno fatto girare pagina dopo pagina con entusiasmo, e non vedevo l'ora di arrivare all'epilogo!
Consiglio assolutamente questa lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-17 09:58:05 Adenina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Adenina Opinione inserita da Adenina    17 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il principe azzurro e` tatuato

"Uno splendido disastro" si inserisce in quel genere letterario che sta recentemente spopolando in America e che, seppur con discreto ritardo, prende piede anche in Italia. Lo Young Adult e` una corrente che, come ne suggerisce la definizione, trova il suo pubblico principalmente tra gli adolescenti o tra quei giovani che l'adolescenza l'hanno appena superata. I nostri protagonisti, nella fattispecie, ne sono appena usciti e si incontrano e si scontrano agli albori della loro carriera universitaria.
"Uno splendido disastro" e` la storia di un amore che conferma il popolare detto "gli opposti si attraggono". L'autrice ci fa subito intendere che e` di questo che vuole parlare: un amore che sboccia dalle antitesi e che di scontri e confronti si nutre. Ma nulla, nemmeno le differenze possono scalfire il Sentimento, quello vero e sincero, che nasce dall'interesse e che cresce nella smaniosa necessita` della propria meta`. I protagonisti di questo libro si respingono e si attraggono in un gioco di magnetismo tanto intenso da impedirci di staccare gli occhi dalle pagine.
Il libro e` scritto con un stile semplice, scorrevole, ma pregnante. Io ci ho visto anche una sorta di simmetria: i protagonisti sono due, i coprotagonisti pure. Anche l'amore e l'amicizia vanno in coppia e le altalene sentimentali hanno un ritmo altrettanto regolare.
Uno dei maggiori pregi dell'autrice sta nella capacita` di delineare e rendere vivi i suoi personaggi. Persino le figure a margine, quelle che servono da mero espediente alla storia, sono tratteggiate con maestria.
Travis, il protagonista, e` un bambinone con tanti muscoli. Tenero, intelligente, geloso, protettivo e seducente, tenta di risolvere i problemi con i pugni.
Abby, la nostra lei, e` intelligente, indipendente, diretta, onesta.
Lui ci rimane impresso, lei, almeno secondo me, un po' meno. Insieme pero` fanno scintille.
Ridurre tutto pero` al solo elemento amoroso non rende giustizia all'autrice, perche` questo libro parla di tante altre cose e lo fa altrettanto bene. Amicizia, crescita, emancipazione sono solo alcuni degli altri ingredienti.
"Uno splendio disastro" e`, per concludere, una moderna favola d'amore. Il principe azzurro non ti raggiunge piu` a cavallo, ma ha il corpo tatuato e si fa strada a suon di pungi. Del vecchio stereotipo ormai rimpiazzato mantiene pero` il fascino, il carisma e la dolcezza.
Auguro a tutte le lettrici di trovare il proprio Travis (con le giusti varianti personali, naturalmente)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-15 12:50:47 rosanna
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da rosanna    15 Aprile, 2013
Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 2013

soldi buttati

Non riesco a capire il successo di questo romanzo. Ho trovato una storia priva di logica, improponibile dal punto di vista letterario, senza alcuna analisi psicologica: un susseguirsi di stupide ripicche, pettegolezzi, risse al limite della denuncia penale, ma in qualche caso un arresto per quel macho di Travis me lo sarei aspettato, amplessi e tutto ciò che la peggiore letteratura rosa è in grado di produrre: mio figlio mi ha erudito sul genere young adult ma per me è solo la degenerazione del romanzetto rosa dei miei tempi. Mi auguro che le ragazze di oggi non sognino un ragazzo alla Travis ma soprattutto che la lettura di questo romanzo non lasci alcuna traccia nel loro percorso formativo. Per la cronaca, ho letto i due romanzi di Alessandro D'Avenia e trovo che quella sia letteratura per i ragazzi, e non solo. Giovani, ad meliora!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
14
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-06 14:03:22 Queen88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Queen88 Opinione inserita da Queen88    06 Aprile, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

che bel disastro

Amore a prima svista! Ho intravisto la copertina e il titolo di questo libro e devo dire che mi sono subito entrati in testa! il giorno dopo sono uscita di corsa a prenderlo! Che bello! Appena l'ho iniziato ho trovato una lettura scorrevole e coinvolgente al massimo, l'inizio è stato strepitoso perchè non è una cosa che si vede tutti i giorni! i personaggi sono strepitosi e mi ha fatto una tenerezza assurda l'amicizia tra le due ragazze, cosa una è disposta a fare per l'altra e devo dire che una cosa del genere chi lo trova è veramente fortunato. I due morosi/amici devo dire che sono uno spasso, mi sono piaciuti entrambi fin dall'inizio, uno così penso che tutte le ragazze farebbero a botte per trovarlo! lei è una ragazza umile e generosa sempre pronta ad aiutare gli altri prima. il finale ti lascia un pò senza parole ma nessuna anticipazione! lo consiglio vivamente sia per la storia un pò diversa dalle altre ma anche perchè una volta iniziato non lo molli più fino alla fine, in 2 giorni l'ho letto e continuavo a guardare se girando l'ultima pagina trovavo un continuo! bello da morire, l'unica "pecca", forse, è che a volte lui è un po cruento e sempre pronto allo lotta, ma per il resto...splendido...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-04-01 16:20:05 piccicuia
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
piccicuia Opinione inserita da piccicuia    01 Aprile, 2013
Ultimo aggiornamento: 03 Aprile, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA FAVOLA UN PO' FUORI DALLA NORMA

Fortunatamente do molto peso alle recensioni, così prima di leggere un libro, leggo sempre le opinioni altrui... Spinta quindi dal fascino della copertina, leggo le recensioni e mi faccio l'idea che questo fosse un libro da Federico Moccia, in versione "tre metri sopra il cielo". Ok il contenuto ci sta tutto, ma io assolutamente non metterò neppure a confronto lo stile "scialbo" e da bambino di Moccia con quello elegante e chiaro di Jamie McGuire!!

Partendo da tali pretese, mi accingo a leggerlo e scopro il mondo rude di Travis e quello già scritto dal destino di Pigeon. "Un fastidioso uccello che caga su tutti i marciapiedi" (dice lei) o un adorabile appellativo degno di esser tatuato (sostiene lui)?
Ecco, questa è la storia di due adolescenti che non si danno pace prima di distruggere l'un l'altro! Questa è la storia di uno stronzo egoista chiuso in se stesso, ma che cerca di cambiare... ed è anche la storia di una ragazza spaventata che cerca di nascondere il suo passato dietro a dei cardigan rosa confetto..
Mi sembra doveroso aggiungere che si tratta di una favola, anche se un pò fuori dalla norma ma pur sempre una favola!
E che male c'è a ritornare per un attimo bambini?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-03-17 17:47:09 ALI77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    17 Marzo, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AMORE E DISASTRI


Quando si dice un colpo di fulmine!
Questo è successo ai due protagonisti Travis e Abby (o Pigeon come viene soprannominata) quando si incontrano per la prima volta.
Travis è il ragazzo più popolare della Eastern University, bello anzì bellissimo e super tatuato, tutte le ragazze lo vogliono, fanno di tutto per attirare la sua intenzione e per riuscire ad uscire con lui, non è ricco ma si mantiene da vivere facendo delle gare clandestine di pugilato che non ha difficoltà a vincere.
Abby ,invece, è una ragazza buona, carina con uno stile molto semplice, la classica brava ragazza studiosa e timida ma che in realtà si porta dietro una situazione famigliare molto difficile e mille insicurezze e fragilità.
Con lei si è iscritta allo Eastern anche la fedele amica America detta Mare e Shepley suo fidanzato e cugino di Travis.
Travis da subito le fa la corte ma lei non è come le altre studentesse non subisce il suo fascino e i due finiscono per diventare amici fino a che una sera per una scommessa i due si ritrovano a convivere nello stesso appartamento per un mese.
In quel periodo trascorrono insieme la maggior parte del tempo e iniziano a conoscersi in maniera più profonda e Abby scopre dei lati del carattere di Travis che non si aspetta e soprattutto si trova a provare dei sentimenti molto intensi, nuovi ma sa ugualmente che lui non è il ragazzo giusto per lei.
Nonostante questo Travis frequenta altre ragazze e anche Pigeon conosce Parker che è l’opposto di Trav un ragazzo rassicurante, tranquillo proprio quello di cui Abby crede di aver bisogno.
L’ultimo giorno della loro scommessa però succede qualcosa che cambierà il loro il rapporto e qui mi fermo non anticipandovi altro e non togliendovi il piacere di leggerlo e di scoprire il proseguo del racconto.
Possiamo definire Travis un ragazzaccio che ha un carattere tremendamente difficile fatto di lunghi silenzi e di momenti di rabbia molto accesa che sfociano in episodi molto cruenti ma la sola che riesce a tranquillizzarlo è Abby, che però a sua volta ha moltissime paure, questa coppia insieme forma uno splendido disastro come molte volte viene definito nel racconto.
Il rapporto tra loro due è fatto di continui alti e bassi che porteranno i due protagonisti a soffrire moltissimo.
Per me questa lettura è stata molto piacevole, scorrevole non mi sono mai annoiata in alcuni punti sono stata molto vicina alla scelte fatte da Abby e altre volte invece non sono stata propriamente d’accordo.
Questo romanzo è un vero fenomeno come è stato definito, un successo editoriale reso tale grazie al passaparola dei lettori che diventerà addirittura un film, spero, che come succede spesso, non trasformino questo libro molto carino in una pellicola bruttina.
Una storia romantica, non sdolcinata come piace a me che racconta un amore puro, sincero, dolce e passionale vissuto con l’entusiasmo di due ragazzi molto giovani.
A volte succede che molti casi editoriale si rivelano non all’altezza delle aspettative invece, per me questo è stato “una splendida” e piacevole sorpresa e a chi vuole intraprendere l’ avventura di leggere questo romanzo di certo non rimarrà deluso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-03-14 20:39:11 Sophie
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sophie Opinione inserita da Sophie    14 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia realizzabile...

Finalmente una storia raggiungibile, due ragazzi che si innamorano e UDITE UDITEeee lui non è ricco sfondato! È un romanzo molto bello, lascia una bella sensazione dopo averlo letto, infondo e' una storia che per molti aspetti può accadere, insomma è più facile innamorarsi così che trovare un miliardario che perde la testa per te! A mio avviso l'autrice ha un po' calcato la mano con i combattimenti, cioè, dove vivono questi?non esistono le denuncie? Il casco in moto non è obbligatorio? E fumano tutti quasi dappertutto... Comunque dettagli...il romanzo e' bello, coinvolgente, appassionante! Mi piacerebbe che ci fosse un seguito! Leggetelo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
63
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-03-14 12:00:02 Baobab
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Baobab Opinione inserita da Baobab    14 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

adrianaaaaa!!!

Ero carica di aspettative quando ho cominciato questo romanzo.
Ho una lista lunghissima di libri da leggere, ma ho lasciato che questo, dal fondo, superasse prepotente tutti gli altri e si mettesse al primo posto.
Apro il libro e mi ritrovo in un nano secondo catapultata nella storia, Abby e Travis si conoscono praticamente nella prima pagina. BAM!
Devo ancora riprendermi dal salto spazio-temporale tra la mia vita e quella dei nostri due giovani protagonisti, che, dopo una settimana di battibecchi e un paio di cene, i due diventano migliori amici! Di già?
Fermi tutti!
Cominciano le perplessità, ma chiudo un occhio quando una volta tanto capisco che non siamo di fronte alla solita storia: LUI bellone ricco e antipatico, LEI scema e impacciata, si odiano, poi si amano, poi succede un qualche casino, si amano, bimbo in arrivo, FINE.
Ed in effetti, sebbene Travis sia belloccio e apprezzato dal sesso femminile, si dimostra quasi subito un bravo ragazzo, un po’ restio ai legami amorosi, ma chi non lo è?
Ha perso la mamma da piccolo, è cresciuto con 5 uomini e 0 donne, ha poco tatto magari (comprensibilmente anche!), ma almeno, non è un complessato!
I due cominciano una bella amicizia, un po’ ambigua, dato che a lui lei piace apertamente fin dall’inizio e lei ha i suoi buoni motivi per tenerlo alla larga.
Da qui in poi la storia mi ha catturato e sono arrivata velocemente alla fine della prima metà del libro.
Sento qualche brivido nei loro baci non dati anche se voluti, nella tensione fisica che si crea quando si ritrovano a dividere lo steso letto, nei loro abbracci ubriachi e pure nei loro abbracci sobri, perché no?
La situazione si sblocca molto prima della fine e io mi ritrovo a chiedermi “e adesso?”.
Adesso cominciano una serie interminabili di situazioni improbabili.
Prima di tutto Travis scazzotta con tutti quelli che scherzano con Abby. Ma si può?
Basta che qualcuno faccia un commento poco simpatico e lui lo picchia, calci e cazzotti, che se solo fossero reali, manderebbero il malcapitato dritto dritto all’ospedale, ma cosa ancor più fastidiosa gli spettatori (tra cui Abby!) che assistono alle percosse come se fosse la cosa più normale del mondo, dicendo al povero picchiato “eh, te la sei cercata!” (?????).
Dopo la quinta/sesta scena del genere (ingiustificatissima) comincio a innervosirmi, gli uomini che alzano le mani con questa facilità, possono essere i più dolci e passionali della Terra, ma, dal mio punto di vista perdono tutto il loro fascino.
Inevitabilmente ho cominciato a distaccarmi.
Nelle pagine successive, tra labbra che si spaccano e litigate insensate (eppure pensavo di avere una bella esperienza a riguardo!) esce fuori il passato di Abby, ma ho sempre la sensazione che la McGuire ce lo schiaffi così, avvertono Abby che il papà la sta cercando, lei si volta e lui è là, di già!
Troppo di corsa! Troppa carne al fuoco!
Le scene cominciano a diventare un po’ tirate, l’autrice inserisce personaggi che sfrutta per due pagine e spariscono senza lasciarci nulla, avrebbe potuto benissimo ometterli (loro e le scene che li riguardano) e nessuno ne avrebbe sentito la mancanza.
Le descrizioni non vanno a fondo e rimane tutto troppo superficiale.
Susseguono estenuanti pagine di tira e molla incomprensibilmente risolti in un “Vabbè, hai combinato mille casini e io sono una mezza matta, facciamo come se niente fosse e ci amiamo per l’eternità?”, culminando in un finale banale e anche questo buttato lì, olè!
Il libro sarebbe stato molto più tenero se avesse parlato di Mare e Shep!!!Loro sì che sono reali!

Che posso dire, questo romanzo non mi ha lasciato niente, malinconia, amarezza, rabbia, niente, zero emozioni!
Qualcosa non ha funzionato fra noi due, ma leggo comunque molti commenti positivi e non me la sento di sconsigliarvelo, solamente ecco, se come me avevate una bella lista lunga di libri che si sono guadagnati per primi la vostra attenzione, rispettateli poverini e lasciatevi tranquillamente questo tra gli ultimi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-03-14 08:34:58 betti
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
betti Opinione inserita da betti    14 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ORGOGLIO SENZA PREGIUDIZIO

l'orgoglio ci mette al sicuro dal mondo e dalle sue insidie ma questo non basterà ad Abby, non riuscirà a non farsi coinvolgere dall' impetuso, tormentato, attraente Trevis.
non vuol essere di certo una delle sue conquiste, una girl usa e getta, una di quella che l'indomani non ricorderà nemmeno il nome. Stà fuggendo dal suo passato, vuole dimenticare, cambiare, essere una nuova persona ma il suo cammino verse queste mete sarà duro e pieno di ostacoli. Il passato le incomberà addosso rigettandola in quel mondo odiato.
E poi c'è Trevis che non la lascia un solo istante, non le da respiro.... vuol passare con lei ogni minuto se non secondo. Si ritrova nel suo appartamento, a dormire nel suo letto e non nel divano perchè è lì che porta le ''amiche'' mentre Abby nel suo letto. Un rapporto tormentato fatto di parole non dette, di carezze mancate.
L'unica pecca di questo libro è che è poco descrittivo, le sensazioni sono poco marcate. Avrei voluto più sospiri, più desiderio, più brama....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-03-05 14:50:19 Iry
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Iry Opinione inserita da Iry    05 Marzo, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un vortice di emozioni.

Ci voleva un "New Adult" anche qui in Italia. Dopo aver sentito parlare allo sfinimento di questo libro, ho deciso di avventurarmici. Mi aspettavo un romance come tanti altri sulla piazza ma non è stato così. Un libro Divertente, triste, emozionante..non saprei come descriverlo! Una storia d'amore tormentante, o meglio come dice il titolo, una storia disastrosamente splendida. Trevis è un ragazzo complesso, che all'apparenza sembri commettere mille errori, ma in realtà è accecato dall'amore per Abby. E'difficile non affezionarsi ai classici bad-boy, quelli che ti spezzano il cuore mille volte ma che ti fanno innamorare fino ad impazzire. Anche Abby è una ragazza con un passato complicato. Una ragazza forse debole per l'influenza del suo passato, che non vuole rivivere attimi orrendi della sua vita. In alcuni tratti della storia maledici i comportamenti di entrambi, ti innamori della loro amicizia e dello stupendo rapporto che instaurano. America e Shepley sono altrettanto una coppia che ho adorato, per non parlare poi dell'amicizia tra Abby e America, così profonda e unica. Sono curiosissima di leggere la storia dal punto di vista di Travis (Il "seguito"). Sapere come si sentiva davvero e le emozioni che ha provato. Un romance bellissimo che mi ha provocato ansia, dipendenza e tanta tenerezza. Una narrazione bellissima, incalzate da cui difficilmente ti stacchi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-02-28 20:44:06 Speachless
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Speachless Opinione inserita da Speachless    28 Febbraio, 2013
Ultimo aggiornamento: 01 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I belong to you.

il genere New A. negli Usa ormai ha ripreso a spopolare già da un po di tempo e sta cavalcando l'onda, in più ritorna anche l'elemento "indie" dove ci si trova davanti al classico BAD-BOY: piercing e/o tatuaggi,biker boots, moto/macchine notevoli, una donna diversa ogni notte e uso accanito di alchool.

La McGuuire unisce entrambi questi elementi e devo dire che il risultato è buono.

Non sono mai stata una grande fan di questo genere, probabilmente per il fatto che le autrici mettevano in bocca ai loro personaggi teen ager o da poco usciti dalla teen age, quelle frasi troppo perfette per un essere umano in se figuriamoci per qualcuno che non ha ancora vissuto neanche 1/4 della sua vita, in preda agli ormoni, alle insicurezze, alle paure e alla voglia di sperimentare che contraddistingue (chi più o meno) un'età delicata come questa.

Ho letto diversi NA, ancora non editi in Italia, certi devo dire che mi hanno convinto (segnatevi il nome di Abbli Glines) mentre altri mi hanno lasciato l'amaro in bocca, non è questo il caso di "uno splendido disastro", la Mcguire mi ha fondamentalmente convinta.

ho divorato il libro, apprezzando la buona traduzione (per una volta tanto) che ha sapientemente deciso di lasciare intradotti certi termini intraducibili (vedi PIdgeon), e che rendono la storia decisamente più vicina al testo originale (sì lo so sono fissata con questa cosa, perdonatemi).

ma veniamo a parlare dei personaggi.
le vite di Travis e Abby si incrociano una sera ,per caso, e da quel momento ritorneranno a incrociarsi numerose altre volte. è così che inzia tutto,casualmente. È palpabile quell'attrazione-non attrazione che caratterizza ragazzi ancora teen-ager, quell'incertezza che tiene sulle spine il lettore e lo porta a divorare le pagine.
la loro storia inizia davvero lentamente, si definiscono in principio "amici" ma si coglie fin da subito l'ambiguità di questa amicizia sempre di più verso quel limite invisibile che separa una relazione fraterna.platonica da qualcosa che di fraterno e platonico proprio non è. entrambi cercano di combattere questa attrazione e quest'affezione che cresce di giorno in giorno, finchè si rendono conto (chi prima e chi dopo) che assumono un senso solo quando si parla della parola "noi", quando ,cioè, sono insieme.

Abby, sembra la classica brava ragazza, ma in realtà nel giro di poche pagine ci rende conto come questa prima caratterizzazione sia assolutamente superflua, perchè Abby è molto più di questo..
Travis invece è un adorabile bad boy: tatuaggi sugli avambracci, capelli rasati, indossa biker boots, guida una moto a velocità davvero oltre il limite legale, ed è l'idolo delle ragazze nel College che lui e Abby frequentano.
ma ciò che colpisce il lettore (o almeno me) è la sua gentilezza, la sua bontà d'animo, la sua dolcezza nel volersi atteggiare come un uomo vissuto, quando in realtà non è altro che un giovane ragazzo che non ha ancora trovato la sua strada, come una moscha che continua a sbattere contro al vetro di una finestra, volendo uscire, ma non trovando la giusta via d'uscita.

questo libro è una versione molto edulcorata della realtà, questo va detto. quindi voi lettrici/lettori che vi accingete a leggerlo sappiate che se non apprezzate troppo romanticismo allora questo libro non è l'ideale per voi.

ho apprezzato la storia, perchè la Mcguire è riuscita a farle prendere una piega diversa, rispetto al classico taglio che viene dato a questo tipo di romanzi.Ha sviluppato il rapporto tra i due bene,anche se certe volte ho trovato certe scene un po' forzate e tirate per i capelli.
Certe parti (soprattutto quando si arriva verso la metà del libro) sono un po pesanti, perchè rallentano il ritmo narrativo che non è sempre incalzante, ma fondamentalmente è stata solo una piccola parte del romanzo, quindi si può chiudere un occhio.
Anche questa autrice, però, è caduta nel luogo comune di certe frasi a mio avviso un po troppo montate per ragazzi così giovani, ma, in fondo le si apprezza rendendosi conto del contesto e del fatto che si è scelto questo libro per emarginarsi un attimo dal tram tram della frenesia quotidiana. Di conseguenza un buon lieto fine scalda sempre il cuore ed è ben accetto.

la narrazione è portata avanti dal punto di vista di Abby, nel prossimo libro "walking Disaster"( rilasciato in inglese nel mese di Aprile) invece la storia verrà portata avanti dal punto di Vista di Travis.


una frase degna di nota:

"You know why I want you? I didn't know I was lost until you found me. I didn't know what alone was until the first night I spent without you in my bed. You're the one thing I've got right. You're what i've been waiting for,Pigeon"
(scusate se l'ho postata in inglese, ma ho sempre l'impressione che in lingua originale sia semplicemente migliore).

buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
se vi piace il romanticismo,qualunque sia l'età dei protagonisti. ambientazioni Very US (college e tutta la cornice)
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno splendido disastro 2013-02-26 16:54:50 Foschia75
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Foschia75 Opinione inserita da Foschia75    26 Febbraio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una "splendida" lettura....

Le aspettative del primo NEW ADULT del 2013 sono state ampiamente soddisfatte! Il genere mi piace, e considerato che sono mamma, questo genere "di transizione" era ormai necessario anche in Italia. Va bene, lo so il mio apprezzamento è un pò di parte perchè non sono una grande amante dello young adult, ma una appassionata di romance in ogni sfumatura. Per questo Uno splendido disastro arriva ben accetto e, spero sia il primo di una vera e propria onda di rinnovamento letterario rivolto, non solo ai ragazz/e stanchi degli ormai "obsoleti" YA, ma alle mamme che avranno il piacere di scambiarlo con i propri figli (dai 17 anni). Si, la McGuire è riuscita a confezionare un romanzo per una fascia d'età davvero ampia, un giovane romance dalle tinte a tratti forti ma di un vissuto ormai non tanto lontano da noi. Ha rispettato pienamente i canoni del genere, narrando una storia intensa e tormentata, piena di contraddizioni caratteriali tipiche dell'età dei suoi vividi personaggi. In questo agrodolce spaccato di vita universitaria, c'è tutto quello che ci piacerebbe vedere in un film, ma ci sono anche contenuti prepotentemente attuali, circondati da un ambiente magari un pò "scenograficamente americano" ma pur sempre molto "quotidiano". Una cultura che non possiamo capire fino in fondo, ma a noi interessano i sentimenti planetari, gli stati d'animo che graffiano incessantemente questi ragazzi da gioventù bruciata..... come fu ormai dieci anni fa per Step e Babi de noantri, in Tre metri sopra il cielo (consiglio vivamente, a chi non l'avesse ancora letto, di farci un pensierino).
La narrazione è talmente intensa e incalzante che non riesci a chiuderlo sino a quando non arrivi all'epilogo, di una tenerezza inaspettata per una storia così inquieta. La giovane Jamie McGuire ha tratteggiato dei personaggi davvero difficili da dimenticare, riuscendo a riverberare sul lettore gli stati d'animo e la tensione sensuale con una tenerezza e una naturalezza disarmanti, avvolgendoci in una ridda di sensazioni davvero intensa. Un romanzo contemporaneo che le romantiche "datate" come me apprezzeranno, forse più del pubblico al quale è rivolto. Sono convinta che sarà motivo di chiacchere tra giovani amiche in autobus o in metropolitana, un piacevole modo per confrontarsi su sentimenti fermati su carta ma reali e attuali più che mai perchè, il primo amore non si scorda mai, lascia una traccia indelebile nel cuore, e ci offre la prima lezione di vita. I giovani lettori sopra i 17 anni riconosceranno gli intensi stati d'animo dei personaggi scaturiti dalla penna di questa autrice che ha già deciso di continuare a scrivere (e noi siamo più che felici) dei fratelli Maddox.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha voglia di leggere un romance contemporaneo rivolto ad un pubblico dai 17 anni in su.
Il primo New Adult Fiction del 2013..... arriva in Italia il trait d'union per mamme e figlie....
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Volevo tacere
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I quarantuno colpi
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Allontanarsi. La saga dei Cazalet
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Il caso Malaussène
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prendiluna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per te morirei e altri racconti perduti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tra loro
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il porcospino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri