Dettagli Recensione

 
Il marchio del diavolo
 
Il marchio del diavolo 2012-02-01 17:44:46 cesare giardini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    01 Febbraio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci sarà un seguito? Speriamo di no...

Ma temiamo di sì. Infatti il polpettone diabolico di Cooper lascia tutti alla fine con il fiato sospeso su due interrogativi intriganti. La protagonista aspirante suora Elisabetta Celestino sceglierà definitivamente l’abito monacale o si lascerà conquistare dalla discreta corte dell’affascinante Lorenzo ? E poi : i diabolici lèmuri rimasti trameranno ancora contro la Chiesa ed il papato ? Alla prossima, sembra dirci strizzando l’occhio il buon Cooper….. Dopo “ La biblioteca dei morti” e “Il libro delle anime” Glenn Cooper sposta la sua fantasiosa e quasi monotematica attenzione su Roma e sulla Chiesa, insidiata da secoli da una stirpe diabolica con tanto di coda ( i cosiddetti Lèmuri). Vi sono digressioni nel tempo ( Nerone e le sue supposte nefandezze, il drammaturgo Marlowe con il suo Dottor Faust) che legano in modo molto complicato le vicende tra loro, sino ad arrivare al colpo di scena finale durante il conclave che dovrà eleggere il nuovo papa : i “buoni” salveranno i cardinali durante un attentato, i “cattivi” saranno eliminati ma non tutti …… Che dire ? Vi sono romanzi che fanno riflettere e ti arricchiscono e romanzi che leggi solo per sapere “come va a finire”. “Il marchio del diavolo” è uno di questi ultimi. Lo leggi come un giallo, e finisce tutto lì. Anche se indubbiamente è ben congegnato e presuppone qualche ricerca storica da parte dell’Autore, non ti dà nulla se non la curiosità ( per pochi) di andarsi a rileggere qualche dramma di Marlowe o di indagare in biblioteca sulla vecchia questione dell’incendio di Roma : saranno stati i cristiani ( tesi per la quale sembra propendere la moderna critica storiografica ) o sarà stato veramente l’enigmatico Nerone (oggi ritenuto non proprio così folle ed imbecille come ci hanno insegnato a scuola ) ? Ai posteri l’ardua sentenza. Per concludere, mi sembra che Cooper tenti di seguire le orme di Dan Brown : ma “Il Codice Da Vinci” e “Angeli e dèmoni” sono ben altra cosa……

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di Glenn Cooper e Dan Brown
Trovi utile questa opinione? 
32
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La testimonianza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il manifesto del libero lettore
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La neve sotto la neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Cacciatori nel buio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che inseguiva la sua ombra. Millennium 5
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
The Store
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La narratrice sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bello, elegante e con la fede al dito
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sentiero
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ogni nostra caduta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza sbagliata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La colonna di fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri