Dettagli Recensione

 
Sopravvissuto alla bomba atomica
 
Sopravvissuto alla bomba atomica 2015-09-03 07:25:36 C.U.B.
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
2.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    03 Settembre, 2015
Ultimo aggiornamento: 03 Settembre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Testimone di Hiroshima

Shinji Mikamo era un adolescente il 6 agosto 1945, afosa mattina  di lavoro nella  casetta di famiglia destinata allo smantellamento.
Hiroshima era una citta' ancora esclusa dai massicci bombardamenti aerei americani nell’ultimo strascico della Seconda Guerra Mondiale, in un Giappone ormai allo stremo delle forze.
L'ora scoccava le 8.15 . Mentre Shinji alzava il braccio per tergersi il sudore una palla di fuoco cambio’ la storia.
Dopo la luce acceccante venne un boato tremendo, dopo l’urlo di luce e di suono vennero il buio ed il silenzio. Venne l'oscurita’ di chi e’ sepolto sotto le macerie di una citta’ cancellata, di chi ha la gola serrata dalla cenere del panico e non sa capire se e’ vivo o morto. 
Poi l’umanita’ colpita dalla distruzione di massa si riaffaccio' tra le grida di dolore, tra i singhiozzi, tra le preghiere, tra le maledizioni, tra l'incredulita'.
Erano le 8.15 del 6 agosto 1945 e Shinji si trovava con suo padre  a circa un chilometro dal nucleo dell’esplosione della primo ordigno atomico, da cui si rialzo’ con il corpo completamente bruciato e privo di pelle, carne viva sotto il sole cocente d’Oriente. 
Oggi ha ottantasette anni e questa e’ la sua testimonianza, per mezzo della figlia Akiko.

Akiko Mikamo si trasferiri’ negli Stati Uniti per approfondire gli studi in psicologia, Paese dove tuttora vive, lavora e promuove la pace, in memoria anche di cio’ che avvenne a Hiroshima. Con questo suo libro diviene voce del padre, dallo scoppio della bomba fino ai giorni piu’ recenti, raccontando un’epoca  ed un dramma intimo e famigliare. La scrittura e’ accettabile anche se a tratti la ripetizione dei medesimi concetti invece che pathos crea ristagno. Ritengo che su argomentazioni cosi’ drammatiche non sia sufficiente riportare sulla carta gli eventi, ma sia indispensabile trasmetterli vivamente al lettore, costringendolo a un'agonia concreta, fenomeno purtroppo per nulla occorso tra me  la scrittrice. La penna della Mikamo non mi ha emozionata, da qui deriva il mio giudizio mediocre sulla piacevolezza.
Essendo molto interessata  alle vicende di Hiroshima e avendo letto altri libri in merito non posso astenermi dal confronto. Se molte sono le pagine dedicate alle ferite fisiche post scoppio, viene liquidata velocemente una delle orribili conseguenze di Little Boy : l’ignoranza. Essere colpiti da un’arma sconosciuta i cui effetti mortali si moltiplicano nei giorni e nei mesi successivi con fenomeni  tanto spaventosi quanto imprevedibili e’ parte integrante di un terrore crescente.
Quindi ottimo e lodevole l’intento divulgativo, ma confermo a malincuore che la forma non ha concesso al contenuto di accoltellarmi in profondita'.  Per vivere la tragedia della citta’ annientata dall’atomica io consiglierei  Ibuse Masuji ,  John Hersey oppure Hara Tamiki. Non mi basta leggere, ho bisogno di tremare, inorridire con l’autore, non puo' essere altrimenti quando mi volto e guardo indietro, verso le sponde del fiume Motoyasu.
Grazie comunque ai Mikamo per il messaggio di pace e di perdono che hanno trasmesso vividamente con la loro testimonianza di innegabile valore, che potrebbe in ogni caso essere d'impatto per chi si accosta all'argomento scevro da altre esperienze letterarie. Non e' proprio mia intenzione penalizzare il libro che altrove ho visto molto apprezzato, quindi buona lettura.
 

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Certo quando un libro riesce a coinvolgerti anche emotivamente, "accoltellandoti" come dici tu è tutta un'altra cosa...questo mi sembra di capire che abbia un valore più che altro storico e comunicativo.
hai reso perfettamente l'idea; non scartare a priori ma preferibile prima leggere altro sul tema.
Brava C.U.B., tutto bello: la segnalazione, il commento ben motivato e gli ulteriori consigli.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
04 Settembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
I fatti li avevo letti anche altrove, cio' che fa la differenza su queste testimonianze e' l'impatto emotivo che sanno trasmettere, qui la scrittura mi e' parsa asciutta, sicuramente se avesse scritto il padre avrebbe coniugato il tutto molto meglio. Ho visto una sua intervista su youtube e dopo poche parole ero gia' piu' colpita che non dopo queste trecento pagine. Comunque come tutte le cose e' soggettivo, i commenti sul testo in lingua inglese sono molto positivi.
Ciao !
siti
04 Settembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Interessante. Io rimasi molto colpita da "Il gran sole di Hiroshima", molto emozionante. Intanto segno quelli consigliati.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La paura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore addosso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nel guscio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il cuore degli uomini
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vendicatrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tante piccole sedie rosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le nostre anime di notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
La mia vita non proprio perfetta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A cantare fu il cane
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Commedia nera n.1
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eroi della frontiera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Magari domani resto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri