Dettagli Recensione

 
La prima verità
 
La prima verità 2016-12-14 16:06:40 Tiziana Bertoldin
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Tiziana Bertoldin Opinione inserita da Tiziana Bertoldin    14 Dicembre, 2016
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di tutto un po', anche troppo

Conosco l'Autrice dal suo primo libro, che non mi era piaciuto, quindi non ho letto i successivi. Questo mi è stato regalato. L'ho avvicinato con interesse e senza alcun pregiudizio. Sono una psichiatra che ha lavorato per oltre venti anni in un servizio improntato all'approccio basagliano. Ho fatto in tempo a conoscere alcuni luoghi manicomiali degradati, in Italia, prima che fossero definitivamente chiusi o dismessi. Il libro non mi è piaciuto. Mette insieme troppe cose. C'è la denuncia del potere psichiatrico e del degrado massimo a cui si può giungere seviziando i malati di mente, ma c'è anche la denuncia del potere politico, nella forma della dittatura dei colonnelli in Grecia. Ci sono le torture, e le storture, dell'ospedale psichiatrico di Leros, ma anche le torture della casa sulla montagna dove vengono portati gli internati detenuti politici. Già queste due cose insieme sono difficili da cucinare e servire bene, sul piano letterario. Tuttavia l'Autrice aggiunge ancora cose: la denuncia della famiglia e del potere maschile, insieme al destino atroce delle donne, matte e non matte, è tra queste: brutalità, incesto, aborto clandestino, abusi di ogni tipo e di ogni sorta. Ancora non basta: ci sono anche le violenze sui bambini, a Leros e altrove: si intreccia alla vicenda la tragedia dei migranti della nostra contemporaneità. Per ognuno di questi argomenti ci vorrebbe un libro a parte. La Fallaci lo scrisse: Un Uomo, dedicato ad Alekos Panagulis, resistente contro il regime dei colonnelli in Grecia. Non andò oltre. Questa Autrice va sempre oltre. Da Leros, Atene, varie località della Grecia, a un certo punto ci si ritrova a Budrio, vicino a Bologna, in campagna, dove parte un tragitto autobiografico, familiare, follia della madre, follia della figlia (l'Autrice), oltre ai "mattucchini" che girano per il paese, giusto per ricordare che il libro, tra le tante cose, parla della follia. Nel tragitto autobiografico non manca la psicoanalisi, come spesso accade descritta come inutile, uno spreco di tempo e risorse, né mancano tutti gli amici disturbati dell'Autrice, che sembrano presi di peso dal DSM (manuale diagnostico e statistico delle malattie mentali). Non sono riuscita a seguire del tutto l'Autrice quando si è spinta nella Sierra Leone, e sono rimasta delusa di come viene trattata la figura di Angela, che, coraggiosa, ben tratteggiata e caratterizzata nella prima parte del libro, si sfuma in seguito in modo indefinito. Il libro è molto doloroso da leggere, a volte crudele e brutale, scritto in un italiano che forse vuole essere ricercato, ma non dà alcuna idea di vera empatia e sfrutta anche troppo parole violente e volgari.Tuttavia il suo peggiore difetto è proprio quello di mettere in un pentolone troppe cose, e troppo importanti ognuna per se stessa.... viene anche il dubbio che tutto il lungo prologo greco serva da pretesto all'autrice per narrare dei propri problemi psichici personali e familiari, ma soprattutto personali. Intricato, confuso, certo molto ambizioso, ma qualche volta l'ambizione può sfociare nella presunzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri dell'Autrice
Un Uomo, di Oriana Fallaci
Le parole per dirlo, di Marie Cardinal
Novelle per un anno , di Luigi Pirandello
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Matelda
15 Dicembre, 2016
Ultimo aggiornamento:
15 Dicembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Quanta severità . Troppa !
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dall'ombra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ministero della suprema felicità
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un adulterio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il caso Fitzgerald
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
La rete di protezione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il ragazzo nuovo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorziare con stile
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Babilonia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Cortile Nostalgia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Del dirsi addio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il collezionista di conchiglie
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Britt Marie è stata qui
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri