1001 libri da leggere prima di morire 1001 libri da leggere prima di morire

1001 libri da leggere prima di morire

Saggistica

Autore

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di 1001 libri da leggere prima di morire, saggio a cura di P. Boxall. Ripercorrendo secoli di scrittura e di storia, i libri selezionati formano una biblioteca di base imprescindibile, una rassegna dei romanzi e degli scrittori che hanno lasciato un'impronta sull'immaginazione di tutti noi. Un elenco di opere in cui trovano posto i capolavori e i bestseller, i romanzi popolari e la narrativa pulp, ovvero tutto ciò che definisce il mondo dell'invenzione letteraria in prosa. L'umanità da sempre avverte il bisogno di raccontare storie per dare conto degli avvenimenti, per divertire o per impartire lezioni morali. L'apparizione del romanzo così come lo conosciamo oggi ha contribuito a varcare i limiti dei generi letterari classici, imponendo un nuovo linguaggio e indirizzandosi a un nuovo pubblico di lettori.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuti 
 
5.0  (2)
Approfondimento 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
1001 libri da leggere prima di morire 2013-05-19 14:04:29 Sharma
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sharma Opinione inserita da Sharma    19 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di un amore

Da qualche anno posseggo questo libro, debitamente regalatomi sotto mia indicazione, ho deciso di scriverci qualcosa in merito perché ho letto alcune recensioni, che mi precedono, e non gli rendono giustizia.
Voglio spezzare una lancia a favore di questo tomo, veramente notevole e, a mio avviso, ben strutturato. Le scelte che si fanno sulle nostre letture sono dettate da mille motivazioni differenti passione per un argomento, consiglio di amici o parenti, pubblicità, quarta di copertina, istinto, ma ci sono dei libri che ci possono passare inosservati pur essendo di valore inestimabile per la nostra cultura, per la nostra vita. Alcuni di questi testi ne ignoriamo totalmente l'esistenza che obiettivamente prima di morire andrebbero proprio letti. Dispero solo al pensiero che morte mi colga prima di aver letto tutto quello che posseggo o potrei possedere, sono una vampira della carta stampata, per me il nero su bianco ha un fascino irrefrenabile.
Questa raccolta mi ha portato a conoscenza molti scritti che potrei leggere e non potrei esimermi dal non leggere, li ho evidenziati, sottolineati e di tanto in tanto li compro e depenno. Non mi sono mai trovata in disaccordo con i trafiletti di commento di emeriti esperti, vi faccio un solo esempio per tutti, pochi conoscono “Bambini acquatici” di Charles Kingsley, un libro che andrebbe letto sia dai grandi che dai piccini, oltretutto quasi introvabile se non si considera l'edizione per bambini; chi l'avrebbe mai scoperto o letto senza la segnalazione di 1001 libri?
Insomma, credo, che “Milleuno libri” andrebbe identificato come un professore in cattedra che ci da delle dritte sui nostri testi da leggere per passatempo e per cultura, un qualcosa che indirizzi la nostre scelte. Certo è un po' costoso, ma vi assicuro che ne vale proprio la pena da possedere e da avere come punto di riferimento, soprattutto quando tutto manca. Senza dimenticare che per quasi ogni libro ci sono le foto delle prime edizioni o foto degli scrittori, un vero spasso come galleria fotografica.
Le passioni sono passioni e non sono sempre razionali, anzi il più delle volte sono totalmente irrazionali ma dettate solo dal cuore.
Scusate se sono stata troppo veemente o accorata ma volevo condividere con tutti voi, l’interesse e l’utilità di questo libro. Grazie per la pazienza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
1001 libri da leggere prima di morire 2008-06-09 10:59:49 galloway
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
galloway Opinione inserita da galloway    09 Giugno, 2008
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il piacere dei libri

Leggere per leggere. Molti lo fanno ed è un piacere che solo chi lo prova può davvero apprezzarlo. Leggere cioè non per studio, ricerca, critica o altro. Ma solo per piacere di vagare da pagina a pagina, senza un compito ed una meta precisi, senza un assillo, senza una impellenza. Il piacere di farlo tanto per farlo, per uscire dalla condizione mortale in cui ogni uomo è costretto a vivere. Thomas Carlyle addirittura affermò che ci fosse in ogni uomo il “Diritto di leggere” “una crudele ingiustizia se lo si priva di farlo”. E’ vero che, comunque, leggere non è e non può essere un “dovere” e perciò se è un piacere, tanto meglio, altrimenti è solo una perdita di tempo. Orazio ebbe, a dire con grande intelligenza, “Lectio, quae placuit, decise repetita placebit”, “ciò che leggiamo con piacere lo rileggiamo con lo stesso piacere”. Questo perché il desiderio dello spirito non è mai soddisfatto e fine a se stesso, ma continuamente aumentato quando questi desideri vengono condivisi con gli altri. E allora, come chi viene invitato ad una festa a mangiare, lasciamoci tentare dalla scelta, decidendo di leggere ciò che ci piace.



Senza al dolcezza di questo piacere i libri non potranno mai essere gustati, perché la letteratura, dopo tutto, non ci migliora. Piuttosto siamo noi che proviamo il piacere di migliorarci leggendo. Shakespeare dice nella “Bisbetica domata”





“Perdonatemi, gentile padrone,



In queste cose io la penso come voi,



lieto che così confermiate la vostra decisione



di succhiare le dolcezze della dolce filosofia.



Solo, buon padrone, mentre noi ammiriamo



Questa virtù e questa disciplina morale,



non siamo stoici né stolidi, vi prego,



consegnandoci alle pastoie di Aristotele



fino a fare di Ovidio un reietto sconfessato.



Esercitate la logica coi vostri conoscenti,



e fate pratica di retorica nel parlare quotidiano;



per ricrearvi, usate musica e poesia;



e a matematica e metafisica



dedicatevi quando ne provate voglia.



Non si dà profitto là dove non si prova piacere.



In breve, signore, studiate quello che più vi è congeniale.”



(I.i)





La stessa idea è sostenuta da molti e da ciò ne deriva che se un libro non è piacevole, cioè dà gioia, godimento e divertimento, non è affatto leggibile, e quindi viene meno alla sua funzione. Tutto dipende, comunque, da ciò che il lettore cerca nel libro che ha tra le mani. In fondo tutta la letteratura sembra esistere per arrecare piacere, alleggerire all’uomo la fatica di vivere, il peso dei suoi peccati, farli dimenticare, insieme alle sue speranze perdute, tutte quelle cose che si appellano al suo cuore. Questo piacere nei libri può, comunque, variare nel tempo e nello spazio. E, soprattutto se questo piacere non è alimentato dalla varietà: “jucundum nihil est, nisi quod deficit varietas”.



La biblioteca personale di ognuno di noi deve essere simile ad un giardino, con i suoi scaffali, i suoi percorsi, anfratti e spiazzali, poggi e terrazze dai quali cogliere i frutti desiderati, rose, spezie ed altre voluttà. A seconda di come si sente il nostro spirito scegliamo alcuni frutti invece di altri, decidiamo per certi gusti al posto di altri. Più grande è la varietà, maggiore è la scelta ed il godimento. Ci lasciamo guidare anche dal nostro stato d’animo, dalle nostre aspettative, ansie, problemi, sofferenze che ci accompagnano e dal libro scelto ci scegliamo un amico a cui lasciarci andare, confidarci, accompagnarci. Bisogna, però, sempre ricordare che c’è una grande differenza tra chi desidera davvero leggere un libro per far viaggiare la sua mente e il suo spirito e chi, essendo stanco, cerca di rilassarsi leggendo un libro.



Non sarebbe male pensare che per leggere, e leggere bene, ci sono delle regole da seguire. Gorge Gissing si pose questa domanda e così rispose: “Perché leggo e mi sforzo di ricordare? È davvero una domanda sciocca alla quale non si può dare una risposta. Si legge per il gusto ed il piacere di farlo, per rinvigorire il proprio io e riempire la propria solitudine. Solitudine dentro e solitudine fuori che solo i libri possono aiutare a far scomparire. E allora, bisogna dire che la regola d’oro per saper leggere consiste nella consapevolezza che non ci sono regole per leggere. Solo quando si decide di aprire le pagine di un libro si saprà esattamente quale direzione, senso e significato assumeranno quelle parole nella mente di chi legge, così come sono state scritte dal suo autore. Sarà allora che il libro scritto e stampato ritornerà in vita e si rigenererà, diventando “altro”, trasformandosi in un altro libro, tanti altri libri, quanti saranno i suoi lettori!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i libri sui libri
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore