Diario di scuola Diario di scuola

Diario di scuola

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Diario di scuola, saggio di Daniel Pennac. Diario di scuola affronta il grande tema della scuola dal punto di vista degli alunni. In verità dicendo “alunni” si dice qualcosa di troppo vago: qui è in gioco il punto di vista degli “sfaticati”, dei “fannulloni”, degli “scavezzacollo”, dei “cattivi soggetti”, insomma di quelli che vanno male a scuola. Pennac, ex scaldabanco lui stesso, studia questa figura popolare e ampiamente diffusa dandogli nobiltà, restituendogli anche il peso d’angoscia e di dolore che gli appartiene. Il libro mescola ricordi autobiografici e riflessioni sulla pedagogia, sulle universali disfunzioni dell’istituto scolastico, sul ruolo dei genitori e della famiglia, sulla devastazione introdotta dal giovanilismo, sul ruolo della televisione e di tutte le declinazioni dei media contemporanei. E da questo rovistare nel “mal di scuola” che attraversa con vitalissima continuità i vagabondaggi narrativi di Pennac vediamo anche spuntare una non mai sedata sete di sapere e d’imparare che contrariamente ai più triti luoghi comuni, anima – secondo Pennac – i giovani di oggi come quelli di ieri. Con la solita verve, l’autore della saga dei Malaussène movimenta riflessioni e affondi teorici con episodi buffi o toccanti, e colloca la nozione di amore, così ferocemente avversata, al centro della relazione pedagogica.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.2  (7)
Contenuti 
 
4.0  (7)
Approfondimento 
 
3.7  (7)
Piacevolezza 
 
4.2  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate (quindi non scrivere solo 'e' un bel libro');
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms ne' errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire piu' di 3 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Diario di scuola 2014-09-13 14:32:03 mia77
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    13 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Diario di scuola di Daniel Pennac

Godibilissimo romanzo di un autore particolare, che vede la scuola dal punto di vista degli alunni somari (come l'autore stesso, da piccolo, è stato). Circondato da genitori e fratelli studenti modello, si è quasi sempre sentito inadeguato, perché è sempre stato considerato il più ignorante della famiglia. L'unica via di fuga dalla barbarie per questi "asini" è l'arrivo dell'insegnante speciale, che ama il suo lavoro e gli dedica tutta la vita (stile "L'attimo fuggente"). Solo un insegnante di quella matrice può redimere l'alunno somaro e può iniziare a riempire la sua mente vuota e annebbiata. Tutti noi nella nostra vita abbiamo avuto, o almeno sognato, un insegnante di questo tipo e coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarlo, sono stati segnati indelebilmente da lui. Questo romanzo tratta anche temi importanti, che ruotano attorno a quello principale, integrandolo e arricchendolo. Ci offre molti spunti di riflessione e lo consiglio a tutti: ex somari ed ex secchioni. Bello!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diario di scuola 2011-10-05 17:45:30 Valerago
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerago Opinione inserita da Valerago    05 Ottobre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La solitudine del somaro

Torna "Mr. Malaussène" e questa volta ci parla di se stesso, o meglio, del suo travagliato rapporto con la scuola. Pennac si definisce un vero e proprio somaro, un ragazzo che non riusciva assolutamente a star dietro ai programmi scolastici, ai compiti, alle spiegazioni... una vera tortura! Ma il romanzo è molto di più, è la definizione filosofica e psicologica del somaro, ed insieme il suo riscatto. L'autore ci parla della disperazione dei suoi familiari, del collegio (senza demonizzarlo), del desiderio di trovare il proprio posto nel mondo, un gruppo di cui sentirsi parte - "...Dove sta il fascino della banda? Nel potervisi dissolvere con la sensazione di affermarsi..." -, questo il più grande desiderio del giovane Daniel, affermare se stesso come persona. Secondo Pennac la scuola è fatta soprattutto dagli insegnanti, ed infatti saranno due o tre professori a salvarlo da se stesso e a riconciliarlo con la scuola; tanto che poi, quella dell'insegnante, sarà la sua professione prima di diventare romanziere. Ruolo della scuola, degli insegnanti, della famiglia, Pennac affronta tutti gli argomenti con grande lucidità, ed allarga il suo orizzonte fino a discutere della gioventù in generale e del mondo contemporaneo. Difesa dei ragazzi provenienti dai quartieri "difficili", su cui spesso si generalizza un pò troppo affermando verità assolute che hanno come risultato l'emarginazione; definizione delle doti fondamentali di un buon insegnante, con l'aggiunta di alcuni aneddoti provenienti dal curriculum del Pennac-professore; approfondimento della nozione di amore, tematica difficile da affrontare in una scuola ma fondamentale dal punto di vista pedagogico... tutto questo arricchito da innumerevoli episodi di vita e dai ricordi, a volte dolorosi a volte comici, della sua esperienza di somaro. Difficile pensare che Daniel Pennac possa aver avuto tutte queste difficoltà scolastiche, ma il fatto che poi sia divenuto l'autore di una delle saghe letterarie più famose al mondo, fa, inconsciamente, tirare un sospiro di sollievo a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diario di scuola 2011-09-16 21:57:43 GabriCremo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
GabriCremo Opinione inserita da GabriCremo    16 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un bel libro su un tema sempre centrale

Un saggio allegro e divertente, che si legge volentieri, su un argomento sempre centrale, quello della scuola, vista dal punto di vista di coloro che la vivono peggio, i "somari"; tutto questo alla luce dell'esperienza personale dell'autore, sia come asino che come professore.
L'unica perplessità riguardo al libro è quella relativa allo stile scelto dall'autore, che talvolta tende a descrivere tutto in maniera eccessivamente retorica e ridondante, a volte anche con un po' di confusione, fatto tipico per Pennac. Per il resto non ho trovato grosse pecche; ho apprezzato moltissimo soprattutto il fatto che tenda ad attaccare quei luoghi comuni che circondano i ragazzi dei quartieri difficili e che spesso sono una delle cause principali della loro emarginazione; abitando in un quartiere di Ferrara ritenuto "difficile" e conoscendo i ragazzi che vi girano, mi sento molto legato a questo tema e posso dire che condivido moltissimo le posizioni di Pennac a riguardo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Signori bambini
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diario di scuola 2011-05-15 14:37:07 fioredimarte
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
fioredimarte Opinione inserita da fioredimarte    15 Mag, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' tornato Pennac

Si spazia in molteplici parti della scuola francese. Dal primo approccio di un Pennacchioni molto poco propenso allo studio (ma scopriremo che non è così), da cui nulla si aspettano soprattutto i suoi famigliari, ad una passeggiata sul metodo, le scoperte e le esperienze di un Pennacchioni non ancora diventato Pennac con le sue meravigliose vicende di Malaussène(leggere tutta la saga!!! è straordinaria) ma immerso profondamente nella scuola e nelle persone che la compongono.
E' stato uno dei libri consigliati a mia figlia per l'estate. L'ho scelto io fra i tanti perchè innamorata di Pennac.
Non ho ritrovato ovviamente la saga di Belleville, ma lo stile particolare, ironico e profondo di un Daniel Pennac che ha sicuramente qualcosa da dire, anche se a tratti mi è sembrato un po' troppo mélo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Pochi saggi
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diario di scuola 2010-12-03 09:30:14 MATIK
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    03 Dicembre, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Diario di scuola

Utile e graffiante il ritratto della scuola e di tutto quello che vi gira intorno.
Il libro di Pennac è molto interessante, quando l'ho preso in biblioteca pensavo di trovarmi di fronte uno scrittore che raccontava le sue disavventure scolastiche, invece ho letto un ritratto graffiante della scuola con tutte le sue problematiche: l'allievo che non riesce a capire le lezioni, le difficoltà della scrittura, i maestri e professori che non si calano nei problemi degli alunni, madri e padri che non aiutano i figli perchè già loro hanno da risolvere i propri disastri, la società dove viviamo che è fatta solo di consumismo ed il fenomeno sempre più dilagante e preoccupante del bullismo.
La soluzione per Pennac (che è servita anche per lui che era il somaro di turno) leggere, leggere e leggere questo ti aiuta a sanare tante lacune. Imparare pezzi a memoria da quei libri classici che hanno segnato la storia della letteratura. Sperare di avere dei professori che ti sappiano far amare la materia che insegnano perchè si devono rendere conto che di fronte a loro c'è un ragazzo che si trova "nella condizione di colui che ignora tutto ciò che voi sapete"!
La soluzione per avere una scuola migliore, forse un pò utopistica, è "AMARE" ciò che uno fà sia che tu ti trovi ad essere un maestro che deve far capire la materia sia che tu sia l'alunno che deve imparare e capire ciò che gli viene spiegato.
Ho trovato bellissima nel finale del libro la metafora delle rondini da leggere e da tenere a mente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Chi andava volentieri a scuola? Attualissimo con la Gelmini!
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diario di scuola 2008-08-31 03:39:50 Ele
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Ele    31 Agosto, 2008

delizioso!

Delizioso per qualsiasi lettore, ma anche utile per qualsiasi insegnante!



Una mia collega (fu lei a consigliarmelo) mi disse che avrebbe seguito alcuni consigli di Pennac per le sue classi; è più che verosimile che lo faccia anche io.



Lo stile è adorabile, il contenuto è leggero solo in apparenza, a tratti (forse) Pennac si specchia un pò troppo, ma nel complesso è una lettura che scorre veloce, fluida, piacevolissima.



Lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diario di scuola 2008-06-02 03:02:44 Luciana
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
2.0
Piacevolezza 
 
5.0
Luciana Opinione inserita da Luciana    02 Giugno, 2008
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Diario di scuola

Divertente e graffiante, come è lo spirito letterario di Pennac.

Mi sono un pò persa verso la seconda parte del libro, dove si dilunga a descrivere le problematiche e la meraviglie che può compiere un insegnante di lettere nella sua classe (e chi, come me, non insegna lettere? forse ha altri motivi per non compiere i prodigi dell'insegnante di lettere!). Pennac non sfugge a questa logica. E se, come scrive nel libro, è vero che è da dodici anni che ha smesso d'insegnare... beh, in dodici anni, anche la scuola francese credo che sia cambiata molto (comunque, mai quanto lo schifo che è successo in Italia).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore